Il BLOG pubblico di Verbania: News, Notizie, eventi, curiosità, vco

architettura

Inserisci quello che vuoi cercare
architettura - nei post
Presentazione “Warum Die Zeit?” - 18 Maggio 2017 - 15:03
Venerdì 19 maggio 2017, ore 20.45, l’officina di incisione e stampa in Ghiffa “Il Brunitoio”, nell’ambito della mostra “Warum Die Zeit” di Roberto Toja, propone un incontro con il fotografo e l’editore Massimo Fiameni con la presentazione del libro d’arte dal medesimo titolo “Warum Die Zeit?”.
Giardini Aperti 2017 - 5 Maggio 2017 - 10:23
Un intenso weekend durante il quale scoprire itinerari insoliti e curiosi, giardini e paesaggi nascosti o poco conosciuti: sabato 6 e domenica 7 maggio l’Associazione Italiana di architettura del Paesaggio Sezione del Piemonte e della Valle d’Aosta organizza Giardini Aperti.
Verbano: con due itinerari del Gran Tour - 23 Aprile 2017 - 11:27
Il 25 aprile e il 6 maggio 2017 sono in programma due itinerari del Gran Tour alla scoperta del Verbano.
"Il grande atlante castellano del verbano e del canton ticino" - 6 Aprile 2017 - 19:09
Venerdì 7 aprile, ore 18:30, presso la Libreria Alberti di Verbania, si terrà la presentazione del libro: Il grande atlante castellano del verbano e del canton ticino, Storia, curiosità e misteri dalla preistoria al rinascimento, di Marco Corrias, Macchione editore.
Il Maggiore in mostra a Milano - 3 Aprile 2017 - 11:27
Il nuovo Centro Eventi Multifunzionale (CEM) di Verbania, inaugurato a maggio 2016, è uno dei progetti architettonici di maggior rilevo presenti nella mostra fotografica “Milano 2017 Comfort in Mostra – Progettare, Costruire, Rinnovare l’architettura Italiana”, inaugurata questa settimana a Milano.
Centrale Acquisti di Verbania - 20 Marzo 2017 - 15:42
Centrale Acquisti di Verbania: verso l’istituzione dell’albo fornitori telematico; un altro passo per snellire e accelerare le procedure di gara con più trasparenza.
“Rassegna architettura Arco Alpino” - 16 Marzo 2017 - 16:56
Verrà inaugurata contemporaneamente in nove città tra Piemonte, Lombardia, Valle d’Aosta, Veneto e Trentino la mostra “Rassegna architettura Arco Alpino 2016”, nelle nove Province facenti parte dell’associazione Architetti Arco Alpino, alla quale aderisce anche l’Ordine degli Architetti P. P. C. di Novara e Vco.
Palazzo Borromeo abbatte le barriere architettoniche - 18 Febbraio 2017 - 15:03
Con l'apertura, il 24 marzo, della nuova stagione turistica, la visita al Palazzo Borromeo sull'Isola Bella sarà più facile per i portatori di handicap motori.
LetterAltura: "Cura e benessere nei giardini terapeutici" - 2 Dicembre 2016 - 09:16
Nel weekend del 3-4 dicembre, Lago Maggiore LetterAltura partecipa per il terzo anno consecutivo alla 13° Mostra della Camelia invernale, organizzata dal Consorzio Fiori Tipici del Lago Maggiore.
Lago Maggiore: previsioni dell'evoluzione termica - 28 Novembre 2016 - 13:01
Previsione dell'evoluzione della struttura termica e del regime di mescolamento del Lago Maggiore con il cambiamento climatico atteso Presenta: Andrea Fenocchi. Dipartimento di Ingegneria Civile ed architettura, Università degli Studi di Pavia. Martedì 29 novembre 2016 alle ore 11:00 presso l’Aula Tonolli dell’Istituto, Largo Tonolli 50, Verbania Pallanza.
Mostra “I Longoni” - 11 Novembre 2016 - 12:59
Presso l’Associazione LaborART di Piedimulera (Vb) si inaugurerà sabato 12 novembre la mostra “I Longoni”, con opere di Alberto Longoni, Lidia Josepyszyn Longoni, Elisa Longoni.
Fervono i preparativi per i Mercatini di Natale di S.M. Maggiore - 6 Novembre 2016 - 13:01
Grandi novità per la diciottesima edizione dei Mercatini di Natale più grandi e suggestivi del Piemonte. A Santa Maria Maggiore sono attesi 100.000 visitatori da tutta Italia. Per la prima volta due speciali aperture serali con eventi a corollario, nuovi servizi bus, punto di ristoro al coperto e una inedita serata inaugurale.
Un verbanese al Festival internazionale di architettura Milano - 18 Ottobre 2016 - 09:16
Dal 12 al 15 ottobre 2016 si è svolto il MI/ARCH, Festival internazionale di architettura promosso dal Politecnico di Milano, con presenti protagonisti dell’architettura internazionale tra i quali BIG, Patrik Schumacher (Zaha Hadid Architects) e Alejandro Zaera-Polo, Greg Lynn, Solano Benitez.
Giornata Bandiere Arancioni a Cannero Riviera - 8 Ottobre 2016 - 14:33
Vi proponiamo il programma dell’evento "Giornata Bandiere Arancioni" a Cannero Riviera previsto per domenica 9 ottobre 2016, escursione storico naturalistica con guide.
Concorso Progetti Trasformazione Territorio Alpino - 4 Ottobre 2016 - 13:01
L'Associazione Architetti Arco Alpino, nata formalmente al MART di Rovereto il 20 aprile 2016 formata dai rappresentanti degli Ordini degli Architetti PPC delle provincie di Cuneo, Torino, Aosta, Novara VCO, Sondrio, Bolzano, Trento, Belluno e Udine (nel complesso, espressione di 12.910 professionisti), è all’opera per la promozione della qualità nella progettazione nell’ambiente montano con un una rassegna di progetti, un premio ed una mostra.
architettura - nei commenti
Lega Nord sulla rivolta migranti - 9 Dicembre 2016 - 16:00
Re: Re: Re: Re: il NO
Ciao. Il malinteso di fondo è che la Costituzione dovrebbe essere applicata alla lettera. Impossibile. Troppo generale. Sono le leggi che si applicano seguendo i principi della costituzione. Che significa rimuovere gli ostacoli. Quali? Sono indicati? per quello che i paesi in cui non vi è una vera e propria costituzione funzionano meglio. Sono le leggi e la giurisprudenza che compongono l 'architettura normativa seguendo l'evoluzione della società. Noi siamo bloccati da una Costituzione post guerra fatta da Dc e PCI per non prestarsi i piedi. È uscita davvero male. Inapplicabile ma allo stesso tempo troppo rigida per essere modificata seguendo i cambiamenti del mondo. Altro che riforma! Io la abolirei. .
Ipotesi di passeggiata Intra - Suna - 11 Ottobre 2016 - 21:03
Re: A favore della pista ciclabile
Ciao info L'idea del segway mi sembra interessante, riguardo al costo autisti è vero potrebbe far lievitare i costi, ma di sicuro aumenta occupazione e poi non è detto, se il servizio funzionasse a pieno ritmo le entrate sarebbero maggiori rispetto alle attuali. Piccoli bus possono essere modulati sui flussi stagionali, ed il fermo macchina non sarebbe grave come per un mezzo da 2/300 mila euro, mentre gli autisti potrebbero in parte essere stagionali. E non essendo necessaria la patente D si potrebbe pensare anche a prestazioni per il fine settimana, moltissimi potrebbero essere i candidati e costerebbe meno di un autista con patente D. Si deve pensare in un ottica da qui a 30/40 anni prima di sperperare danaro pubblico, pensiamo a 30 anni fa, non avevamo nemmeno internet, ora in mobilità la telefonia permette usi infiniti attraverso la rete , si possono progettare strade sfruttando la cinetica del traffico e recuperare energia http://www.fotovoltaicosulweb.it/guida/ricavare-energia-cinetica-dal-traffico-l-invenzione-di-una-start-up-italiana.html il fotovoltaico ed altre fonti rinnovabili erano sogni insomma chiuderei tanto per cambiare con una citazione “Un sogno sembra un sogno fino a quando non si comincia a lavorarci. E allora può diventare qualcosa di infinitamente più grande”. Una frase sui sogni di Adriano Olivetti, grande imprenditore e grande visionario i cui sogni si sono trasformati in opere che hanno segnato il tempo e la storia. Purtroppo gli è succeduto un certo De Benedetti più che imprenditore direi PRENDITORE ahimè non posso non postare questo suo pensiero ...... “Alla fine del fascismo la maggior parte degli intellettuali vedeva nei partiti uno strumento di libertà. Io no. Sono organismi che selezionano personale politico inadeguato. Un governo espresso da un Parlamento così povero di conoscenze specifiche non precede le situazioni, ne è trascinato. Ho immaginato una Camera che soddisfi il principio della rappresentanza nel senso più democratico; e poi sappia scegliere ed eleggere un senato composto delle persone più competenti di ogni settore della vita pubblica, della economia, dell’architettura, dell’urbanistica, della letteratura”.
Verbania documenti: "Dal CEM al Maggiore" - 13 Aprile 2016 - 08:53
Giordano Andrea Ferrari
Il CEM è già menzionato nella storia dell'architettura......vedi edizionipei....amen!
Verbania documenti: "Dal CEM al Maggiore" - 12 Aprile 2016 - 17:29
Non passerà nelle storie dell'architettura
Non credo che nonostante i tentativi e l'opinione entusiastica di qualcuno, il Maggiore, con le sue forme grigio topo e il suo faticoso inserimento nel contesto ambientale, sarà menzionato nelle storie dell'architettura. Sarà invece il caso, attraverso piantumazioni importanti, modificarne l'impatto paesaggistico. Su quanto costerà gestirlo ho invece grande preoccupazione.
Nuova Skyline verbanese - 11 Aprile 2016 - 13:07
E se fosse stato un anonimo edificio?
..uno di quelli in cui non riconosci l'epoca di costruzione, che non trasmette emozioni (positive e negative), che se c'è o non c'è, fa uguale! Naaa..molto meglio quest'opera che spacca in due l'opinione pubblica: significa che ha centrato il suo obiettivo di essere diverso dagli altri, da ciò che gli stà intorno, che spicca dal nulla dell'architettura civile della città che lo ospita! Per quanto riguarda le piante, diamogli il tempo di crescere!! Alcune sono già presenti e con il tempo abbelliranno la scena che potrebbe essere parte integrante del parco di Villa Maioni. Saluti AleB
Da Nessie a Maggie, il mostro del Lago Maggiore - 21 Marzo 2016 - 14:20
Per essere...
Per essere un mostro, anzi, una mostruosità, lo è sicuramente; solo che fa molto chic ed à la page sostenere che certe forme di architettura sono frutto della mente di un genio.Cosa c'entri questa struttura con il resto dell'ambiente circostante non me lo spiegare: e pensare che Regione, Belle Arti, Commissioni Comunale se solo devi ampliare una finestra in zona vincolo ( come questa del resto) di anche solo 10 centimetri non te lo concedono!! Almeno il mostro del lago appare solo ogni tanto e solo a certi occhi...
Visita all'Ex CEM: quali impressioni? - 12 Novembre 2015 - 13:36
Bello Bello!
Anche il sottoscritto ha colto l’occasione per dare un’occhiata da vicino al nuovo che avanza. Innanzitutto un apprezzamento per la disponibilità di Amministrazione ed Azienda appaltatrice ad ospitare dei tour da parte della cittadinanza: il lavoro di messa in sicurezza degli spazi non era certo dovuto e nemmeno la disponibilità degli accompagnatori. Detto questo e premesso che sono di parte (a me l’opera è sempre piaciuta), il giudizio da vicino rispecchia quello da lontano: bella struttura, architettura contemporanea, spazi flessibili anche se concordo che alcuni sono forse un po’ troppo angusti (ristorante in primis e zona bar), mentre imponente e maestosa è l’accessibilità verso lago. Il nostro accompagnatore ha ben sottolineato che l’accesso del pubblico sul retro della struttura è stato volutamente reso “cupo ed oscurante” per sfogare poi in una importante apertura sulla sponda opposta. Chi si è accorto di questo, ha ben colto le volontà del progettista. Ma siccome i miei commenti sono scontati e questa discussione ben si presta alle solite questioni, pongo qui (di nuovo) alcuni spunti: - Numero di posti: si riporta siano 520. Forse 590 con quei 70 in più che mi pare di aver colto dalle parole dell’accompagnatore (nella buca dell’orchestra, che si livella a piano platea?). La Fabbrica di Villadossola ne ha 650; il teatro Manzoni a Milano, 850 circa. E se fossero stati mille i posti, sicuri che non sarebbe stato contestato in modo diametralmente opposto? 520 posti sono tanti, troppi, per gli spettacoli di basso profilo, sono invece sicuramente pochi per gli eventi maggiori, gli stessi che in teatri più capienti programmano già più date consecutive. O ci si aspettava l’Arcimboldi vista lago? - Lo spazio giovani è una sala (molto ampia con accesso sulla magnifica terrazza) di pubblica utilità: se non vi piace potrà sempre essere subaffittata al ristorante che, sicuramente, rimane un po’ troppo sofferente negli spazi interni anche se la possibilità di pranzare sulla terrazza non avrà prezzo. Non è peraltro detto che un ristorante di piccole dimensioni non sia più apprezzato di quelli più capienti: tempo fa cenai in un piccolissimo agriturismo in toscana in riva all’Arno: si e no ci stavano 15persone, musica classica di sottofondo, ambiente curato e valorizzato negli arredi, con un solo cameriere che con estrema discrezione deliziava i commensali con una delle cene più apprezzate di sempre. - Visto che si torna sempre sulla questione di accesso al lago, prego provare l’accesso alla solita spiaggia, quella utilizzata prima del CEM, attraverso il varco di Villa Maioni. L’accesso all’Arena e agli spazi antistanti non erano comunque consentiti nemmeno prima. Con il teatro ci sarà la spiaggia (mai toccata), tornerà il bar e speriamo che a qualcuno oltre all’accesso di cui sopra interessi anche della cura dell’intera area. - Parcheggi. A meno di 10minuti di cammino dal futuro teatro troviamo centinaia e centinaia di posti auto. Gli stessi che oggi si lamentano dei posteggi mancanti, domani si lamenteranno che quello che andranno a costruire sotto l’ex Padana sarà a pagamento..ed andranno a parcheggiare gratis a Intra! Tra l’altro parcheggiare in città significa anche indurre lo spettatore a fare il turista nel nostro centro storico, che proprio brutto non è! - Infine, d’accordo sul problema gestione: solo una figura con interessi profondi nel settore potrà dare un vero valore aggiunto e sfruttare appieno le potenzialità incredibili che questa struttura possiede. Viceversa, spero almeno ci lascino visitare la terrazza di tanto in tanto giusto per godere un po’ del nostro lago da un punto di osservazione privilegiato AleB
Beni culturali e degrado - 17 Ottobre 2015 - 14:25
Sì, ma....
Caro/cara lady oscar, ovviamente e come detto prima, condivido ciò che dici. Debbo però ammettere che conservare ciò che è patrimonio culturale dell'Italia, è soprattutto conservare l'architettura e le immagini d'arte , dagli affreschi alla scultura, dalle decorazioni al patrimonio ligneo e stumental-musicale, che giacciono nelle migliaia e migliaia di chiese cattoliche, e che hanno fatto della nostra patria un immenso scrigno di arte e bellezza nei secoli, e che le danno lustro, salvandoci dalla nomea di popolo raffazzonato e mafioso. Come ultima attenzione mi rivolgerei al fatto che è dovere della nostra chiesa difendere la propria immagine in tutti i sensi, perchè altre pericolose religioni stanno tentando di prendere silenziosamente il sopravvento, approfittando dell'immigrazione massiccia ed incntrollabile che sta avvenendo,. Sempre ovviamente, a difendere la propria immagine, ci deve pensare la stessa chiesa, senza ricorrere allo stato, e quindi alle nostre tasche.
Zacchera: Cem “meglio tardi che mai” - 11 Maggio 2015 - 09:13
architettura fine a se stessa?
Io penso che l'architettura debba essere a servizio dell'ingegneria, la quale progetta/costruisce per soddisfare esigenze funzionali (ma sono molto ignorante in materia). In altre parole, se il CEM, così com'è fosse stato costruito nell'area ex Acetati, sarebbe una struttura stupenda, perchè avrebbe permesso il recupero di un'area non fruibile allo stato attuale, caratterizzando in modo unico il recupero di un'area. Farlo dove è stato fatto, per me, è uno scempio, perchè ha "distrutto" una delle poche aree urbane pubbliche a lago, distruggendo l'arena che nel suo genere era una struttura unica, teatro all'aperto sul lago!. Poi del resto si è già tanto discusso... Saluti Maurilio
Forza Italia: "Entusiasti dell'entusiasmo per il Cem" - 9 Maggio 2015 - 07:38
Parole vuote
ormai è fatta e mi auguro tutto il meglio possibile dalla riuscita di quest' opera.All'entusiasmo generato dall'entusiasmo preferirei programmi e coordinamento prodotti dalla nuova architettura.
Comunità.vb: "L’ordinanza della “roggia” pericolosa" - 25 Febbraio 2015 - 16:36
In puro stile Bomba .......
Della serie voglio, posso, pretendo e comando ........ L'arte è quella che dico io e l'architettura che mi piace é solo quella di regime ......... Mamma mia ......... Brutti tempi........
Verbania Documenti: l'ex CEM chiamiamolo "Granito Blu" - 26 Gennaio 2015 - 18:23
Commento
Blu blu blu, c'è un blu diverso sul lago, un granito di storie, un'architettura di sassi che sollevano mille consensi blu!
Verbanese rappresenterà l'Italia al concorso europeo di cocktail - 15 Gennaio 2015 - 22:13
avete presente gianfranco ferré?
Si era laureato in architettura e non aveva voglia di fare la solita umiliante gavetta in qualche studio avviato. Ha preferito imparare a fare il sarto. Poi ci ha messo un po' del suo, creatività e capacità nel disegno e......ed è diventato Gianfranco Ferré. L'importante nella vita è fare ciò che piace, ciò che gratifica e riflette genio, creatività, personalità. Poi, a volte, si riesce anche ad emergere ed avere successo economico. Ma non è lo scopo principale il guadagno. È molto più gratificante fare un lavoro che piace. E, chi è chi per stabilire se e quale lavoro sia migliore dell'altro, quale il più importante? Non siamo in India, dove esistono le caste. Qui ogni lavoro, fatto a regola d'arte, con competenza e professionalità, ha grande valore e può dare grandi soddisfazione.
Un collage di FOTO dell'esondazione - 15 Novembre 2014 - 14:30
esondazione Lago Maggiore
architettura ~ Riflessi ~ AcquaAlta ~ Verbania ~ Lago Maggiore ~ Biblioteca Civica Pietro Ceretti ~ Villa Saint-Léger Tzikos
M5S: no alle elezioni provinciali - 29 Settembre 2014 - 19:31
Ripartizione chiara delle competenze
Si può fare in diversi modi, ma sostanzialmente credo che un modello federale tedesco rimodulato sull'Italia possa andare bene. In Germania credo ci siano una quindicina di Laender, quindi il numero delle macroregioni può anche essere più di tre. Il tutto sta a fare le cose per bene. Ovviamente lo statuto speciale deve sparire ed anzi, si dovrebbe utilizzare il sistema della geometria variabile, ovvero la regione o macroarea virtuosa acquisisce più competenze, quella meno virtuosa sta al palo. E finisce la storia dei finanziamenti a pioggia, perchè ciascuno ha autonomia nella gestione delle proprie risorse. Se finiscono si pesca da un fondo di solidarietà che esiste in tutti gli stati federali, ma ogni aiuto deve essere giustificato, altrimenti ciccia! Insomma non siamo certo noi a dover rifare l'architettura dello stato, ma visti i risultati potremmo addirittura fare meglio dei signori politici, o almeno di Delrio!
×
Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti