Il BLOG pubblico di Verbania: News, Notizie, eventi, curiosità, vco

credere

Inserisci quello che vuoi cercare
credere - nei post
Una Verbania Possibile: segnalazioni e determine - 26 Marzo 2017 - 09:16
Riceviamo e pubblichiamo, un comunicato di "Una Verbania Possibile" riguardante due determine su strumenti di segnalazione alla Polizia Locale e all'Amministrazione
Metti una sera al cinema - Punto di non ritorno (Before the flood) - 20 Marzo 2017 - 09:16
Il Cinecircolo Socio Culturale Don Bosco, martedì 21 marzo 2017, per la rassegna "Metti una sera al Cinema", presso l'Auditorium de Il Chiostro ore 17:15, 19:30 e 21:30 proiezione di "Punto di non ritorno (Before the flood)".
Un ricordo di Angelo Petrulli - 15 Marzo 2017 - 11:27
Profonda commozione in tutto il Verbano Cusio Ossola per la scomparsa di Angelo Petrulli fondatore del GSH Sempione una vita dedicata ai ragazzi disabili. Riportiamo un ricordo di Renato Brignone.
Zacchera: "Chiacchere e realtà" - 10 Marzo 2017 - 10:23
Riceviamo e pubblichiamo, una nota di Marco Zacchera, estratta dall'ultima edizione della sua newsletter "Il Punto", riguardante il turismo locale.
Il Maggiore: Emilio Solfrizzi è"Il Borghese Gentiluomo" - 9 Marzo 2017 - 10:23
Emilio Solfrizzi propone al teatro Il Maggiore, venerdì 10 marzo alle 21.00, un classico del teatro di Molière: Il Borghese Gentiluomo. Biglietti dai 17,00 ai 25,00 euro.
"Filumena Marturano" con D’Abbraccio e Gleijeses - 23 Febbraio 2017 - 09:16
Per il cartellone Prosa e… venerdì 24 febbraio alle 21 un classico del teatro di Eduardo De Filippo: Filumena Marturano con Mariangela D’Abbraccio e Geppy Gleijeses diretti da Liliana Cavani.
Minoranza e convocazione Consiglio Comunale - 2 Dicembre 2016 - 17:44
Riceviamo e pubblichiamo, un comunicato dei gruppi Sinistra e Ambiente, sinistra unita, cittadini con voi e gruppo misto, riguardante la mancata convocazione di un Consiglio Comunale senza punti di Giunta nel mese di Dicembre.
Metti una sera al cinema - Nahid - 7 Novembre 2016 - 09:16
Il Cinecircolo Socio Culturale Don Bosco, martedì 8 novembre 2016, per la rassegna "metti una sera al Cinema", presenta "Nahid".
Minore su variazioni bilancio - 3 Novembre 2016 - 13:01
Riceviamo e pubblichiamo, un comunicato a firma di Stefania Minore, Consigliere Comunale Lega Nord, riguardante le variazioni al bilancio comunale.
Metti una sera al cinema - The Idol - 24 Ottobre 2016 - 09:16
Il Cinecircolo Socio Culturale Don Bosco, martedì 25 ottobre 2016, per la rassegna "metti una sera al Cinema", presenta "The Idol".
Settimane Musicali di Ascona: Pavel Haas Quartet - 10 Ottobre 2016 - 19:09
La 71. edizione delle Settimane Musicali Ascona presenta, per la prima volta nella Svizzera italiana, uno dei più straordinari giovani quartetti d’archi di oggi. Fondato nel 2005 e vincitore di 4 Gramophone Awards di fila il Pavel Haas Quartet è protagonista del penultimo concerto del festival. Appuntamento martedì 11 ottobre, ore 20.30, presso la Chiesa Collegio Papio, Ascona.
Relazione Presidente uscente - Fondazione Comunità Attiva Cannobio - 27 Agosto 2016 - 09:31
Riceviamo e pubblichiamo, un comunicato dell'Avv. Antonio Pinolini, Presidente uscente della Fondazione Medica Comunità Attiva di Cannobio, relativo alle recenti vicende della Fondazione stessa legate alla casa della Salute.
Due spettacoli della compagnia CETEC al Maggiore - 16 Agosto 2016 - 16:03
Due spettacoli della compagnia CETEC di Milano al teatro Il Maggiore a Verbania il 17 e 19 agosto per Allegro Con Brio.
Sold out per il finale di Tones on the Stones - 31 Luglio 2016 - 18:06
La rassegna ideata da Maddalena Calderoni chiude festeggiando i dieci anni con un'edizione memorabile, raddoppiando il numero di spettatori rispetto al 2015. Sono stati infatti 4.500 gli spettatori complessivi che hanno seguito la rassegna ospitata quest'anno nella storica cava di Trontano, con il prologo svizzero nella cava Giannini di Bellinzona.
"Teatro -Buco": Marchionini risponde a Zacchera - 29 Luglio 2016 - 15:03
Riceviamo e pubblichiamo, un comunicato del sindaco Silvia Marchionini, che risponde punto per punto alle critiche mosse da Marco Zacchera sulla gestione e sui costi del Teatro Il Maggiore.
credere - nei commenti
"Immigrazione: rivedere sistema di allontanamento dei richiedenti asilo" - 18 Marzo 2017 - 08:47
Re: Re: Re: Re: Re: Re: La nostra migrazione era d
Ciao SINISTRO Te l'ho già detto, trovami un posto di lavoro da agricoltore, spazzino, magnan, ruscà o quello che tu ritieni più umile e ti posso portare 1 milione di italiani disposti a svolgerlo. Accetti la sfida? S'era tappata la fogna a casa mia, chiamato spurgo e indovina la nazionalità e l'età dell'operaio che mi puliva la fogna?? Italiana, famiglia originaria del pavese (lo so perché gliel'ho chiesto), età non più di 25 anni. Ma continua a credere che i lavori umili gli italiani non li facciano più...
Incontro con la fumettista Takoua Ben Mohamed - 7 Marzo 2017 - 20:38
per Paolino, polveronie credenze popolari
E' vero, molte delle nefandezze da me citate appartengono all'ISIS: ma gli sgherri dell'ISIS non sono cristiani, buddisti, taoisti, animisti o altro, sono islamici.Il tagio delle teste come punzione per chi, secondo loro, gli islamici, ha commesso adulterio, avviene eccome: ne è stata vittima persino una principessa araba di sangue reale.Per il topless, ripeto, ho fatto riferimento a quegli stati, Italia compresa, ove non scandalizza nessuno e non fa certo notizia, nè tanto meno l'uso comporta sanzioni corporali. Se in certi stati USA così non è , peggio per loro:non sanno cosa si perdono. Voglio esagerare: parliamo di nudismo: quanti sanno che lo scorso anno la Regione Piemonte ha emanato una specifica legge che incentiva il turismo naturista? Sarebbe ciò mai possibile in un paese islamico? Sarà o non sarà ma io credo che noi italiani, brava gente, siamo molto più evoluti dei popoli che professano l'islamismo. Poi ognuno è libero di credere, apprezzare, accettare ciò che meglio gli aggrada.Però nessuno può dire che i fatti da me citati non siano realmente accaduti ed accaduti in paesi e per mano islamica.Caro Paolino, permettimi, in conclusione una battuta che traggo dal tuo intervento: tra la castità e Cicciolina,io preferisco mille volte Cicciolina, la castità la lascio agli islamici.
Paolo Ravaioli nuovo segretario provinciale PD - 4 Marzo 2017 - 13:23
Re: Re: Re: Re: Re: Re: Re: Minoranze
Ciao Giovanni% Tu credi veramente che la maggior parte degli elettori di qualsiasi schieramento, non vogliano le stesse cose, lavoro, benessere, sicurezza, una buona sanità, un ambiente sano, nessuna violenza ecc ecc ? Quindi più che rendere conto ai propri elettori, io credo ci si preoccupa dei propri voti, e troppi legiferano per proteggere i propri interessi personali, tutelati a discapito degli interessi della collettività, cioè degli elettori cui dovremmo rendere conto, d'altronde come diceva Macchiavelli "Governare è far credere "
La Cura è di Casa cerca volontari - 27 Febbraio 2017 - 21:42
Re: Re: Re: La "rete"
Ciao l Condivido in buona parte le tue argomentazioni, è ora di finirla di scaricare sul volontariato sempre più ampie competenze, riconducibili al welfare ed alla sanità. Lo Stato da una parte riduce sempre più le risorse destinate al settore, peggiorandone sempre più le prestazioni, sino a spingere l'opinione pubblica a credere che privato è meglio, non rendendosi conto che il privato di certe dimensioni, è sempre in mano ad un potere finanziario dagli intrecci incestuosi con la politica, il cui unico interesse è il profitto ad ogni costo, causa di vere tragedie umane da costringere sempre più persone ad elemosinare diritti rubati, proprio agli stessi istituti finanziari che tanto magnanimamente ci concedono in piccola parte una minima compensazione, attraverso ipocrite donazioni e patrocini
"Cossogno: con Verbania o nell'Unione dei Comuni?" - 10 Febbraio 2017 - 13:46
Peccato!
Peccato, un altro bel paesino destinato ad essere fagocitato ed a divenire una delle tante periferie!Invece di aiutare i borghi più piccoli aiutandli economicamente, salvaguardando le loro caratteristiche, le loro unicità, le loro tradizioni, un'insulta politica tende a far credere ai gonzi che "grande è bello". Questo misurare tutto e solo in termii economici si rivelerà ben presto un boomerang.
Contributi regionali per il diritto allo studio - 21 Dicembre 2016 - 14:53
Dove abito io
Dove abito io è l'unica possibilità decente per andare in internet, cosa che devo fare anche se voglio leggere o scrivere a VBN: come si vede sono la dimostrazione immediata che un conto è la teoria ed un altro la pratica. Smettetela di credere all'Italia bella e funzionale e tutta internettiana come ve l'ha sempre raccontata quel contaballe di Renzi! La realtà è ben altra cosa!!
La Camera conferma 8milioni per Verbania - 28 Novembre 2016 - 15:21
va bene babbo natale, però...
9 miliardi (vado a memoria) della legge di stabilità sono a debito, quindi è tutt'altro che sicuro che questa legge rimanga come è... poi , se vi piace credere alle favole, questo è altro discorso. per inciso, io pure spero arrivino sti soldi, ma di quì a bersi tutto, ne passa.
Marchionini su Rete 4 a Verbania - VIDEO - 26 Novembre 2016 - 16:48
Condiserazioni...
Quello che spaventa è il fatto che chi dovrebbe garantire la nostra sicurezza, la nostra incolumità, la nostra tranquillità, in realtà sono più deboli di noi: io sono cresciuto (ma credo ognuno di noi) con la mentalità che le forze dell'ordine erano sinonimo di forza, di garanzia per il ripristino della legalità. Ma oggi improvvisamente e spaventosamente ci stiamo rendendo conto che neanche più loro possono niente, e qui dico la mia: la colpa è nostra, solo nostra, solo per colpa di quelle persone che in ogni modo si ostinano a non vedere la realtà com'è e che giustificano sempre tutto, dai migranti aggressivi ai nostri ragazzi ubriachi, ecc... ma perchè??? La gente che l'altra sera ha avuto il coraggio di presenziare davanti alla tv (e io li ringrazio personalemte) rappresentano quello che la gente pensa, anche se al momento a Verbania non sono successi gli eventi di Torino. Non bisogna aspettare che accada qualcosa per poi intervenire, quella gente non dovrebbe nemmeno essere su territorio italiano: provate voi benpensanti ad andare in Australia, negli Stati Uniti o in Canada e pretendere ciò che loro qui danno per scontato, non vi faranno neanche partire...e non sono per niente razzisti. Se poi qualcuno vuole gli effetti speciali, provate ad andare in Nigeria, lì sì che non scherzano, provare per credere, sono molto più seri di noi e anche lì non sono razzisti e anche lì non si entra come e quando si ha voglia. Per finire, non facciamo finta di non aver paura quando invece tutti li temiamo, loro non hanno nulla da perdere, noi sì...
Scioglimento del Consiglio Comunale di Verbania - 22 Novembre 2016 - 10:49
la destra che regge il sacco
Tigano è in consiglio da anni e anni, e sa benissimo come si costruiscono programmi, alternative e candidature, quindi se ci fossero i numeri per mandare a casa una Giunta che loro dicono di avversare, non dovrebbe fare altro che darsi da fare. La sua collega di partito, la Bignardi, che è nel Fronte nazionale dopo essere uscita dalla Lega, non mi sembra una che si spaventa per i cambiamenti, sono quindi stupito che la possibilità di mandare a casa coloro che dicono di avversare venga vissuto come una "cambiale in bianco", ma questo è tema che riguarda le minoranze di destra (a cui forse la Marchionini non dispiace tanto quanto vorrebbero far credere).http://www.verbaniafocuson.it/n854683-marchette-e-serieta.htm
Lega Nord sulla rivolta migranti - 21 Novembre 2016 - 21:33
Re: per favore
Ciao Danilo Quaranta possiamo avere idee discordanti, ma ti assicuro che sono molto più informato di quanto tu possa credere, da ben prima che nascesse internet, poi ognuno la veda come vuole. Passo e chiudo! Saluti Maurilio P.S. troll? mah!
"Sì" al casellario d'obbligo per lavorare in Svizzera - 13 Novembre 2016 - 08:21
Re: Re: Re: Re: Lady e i patteggiamente
Ciao Anonimo. Certamente e' il giudice che giudica il reato. Ma decide se portarlo in causa a seconda di quello che gli viene sottoposto da chi ha fatto le indagini. Ora, se a Verbania la finanza ti trova ....boh, dieci canne in tasca e' probabile che tu finisca nel guai mentre in una città. Metropolitana con problemi piu grossi vedrebbero la cosa in modo leggermente diverso. Non e' il reato diverso ma come viene presentato al giudice dagli inquirenti. Vogliamo davvero credere che le priorità siano le stesse in ogni città? Vogliamo credere che agenti, inquirente e giudice di alcune città perdano tempo" x cose " minori" quando in casa hanno molto di peggio???? Maddai.
"Sì" al casellario d'obbligo per lavorare in Svizzera - 12 Novembre 2016 - 12:39
Re: casellario...
Ciao lady oscar,concordo....ma non credere che i Ticinesi non siano in grado di distinguere chi e cosa........sono esperto del settore,qualche cittadino italiano l'ho filtrato per societa' svizzere,chiedendo il casellario anche solo per continuare afrequentare certi posti,ti assicuro che la superficialita' non e' di casa ,di la'....poi ,per l'amor di Dio,tutto il mondo e' paese,il pistolotto che se ne frega delle motuivazioni lo trovi anche li',ma tant'e'......
LegalNews: Definizione agevolata delle cartelle Equitalia - 11 Novembre 2016 - 02:01
Re: Re: Re: Re: Re: Re: Bene
Ciao Hans Axel Von Fersen Come promesso, provo a farti un quadro più preciso della situazione. Prima, però, due doverose premesse: 1. Le tasse vanno pagate, tutte e sempre 2. Non sono ne un commercialista ne un fiscalista, ma lavorando a fianco di aziende e professionisti da più di 20 anni, ho un quadro ben chiaro. Mi spiego con un esempio. - Prendiamo un artigiano, o piccola imprese in genere. - Prendo un lavoro dove fatturerò 100, con 50 di costi. - Emetterò una fattura attiva (verso il cliente) di 122 (100+22% di iva), riceverò da uno o più fornitori fatture per 66 (50+22% di iva) - Per questa fattura, io dovrò versare allo stato 11 di iva e 25 (per semplicità ipotizzo tutto al 50%) di tasse e contributi vari - Se il mio cliente non mi paga, io non avrò i soldi per pagare i miei fornitori e lo stato (ovvio che questa è una semplificazione, ma meno distante dalla realtà di quello che si possa credere). - Avendo fatturato, dovrò presentare un bilancio dove risulterà che ho avuto un margine di 25 e avrei dovuto pagare 11 di iva - Dopo un anno, circa, riceverò dall’Agenzia delle Entrate una raccomandata dove mi diranno che non ho pagato quanto dichiarato, devo provvedere pagando il dovuto (cioè 36), una multa (altri 36, in linea di massima le multe equivalgono a quanto non pagato) e gli interessi (in questo momento molto bassi, ipotizzo di non considerarli). Però, se non faccio ricorso e se pago entro 60 giorni, la multa si ridurra ad 1/8 cioè 4,13, con la possibilità di rateizzare. - Se nel frattempo il mio cliente non mi ha pagato, io continuerò ad non avere soldi, quindi non pagherò ancora. - Dopo un altro anno, riceverò una raccomandata da Equitalia dove mi dicono che devo pagare i 36 non versati, tutta la multa (altri 36), l’aggio di Equitalia (a memoria ca il 2% se pago subito, 4% se pago dopo i 60 gg), e gli interessi (continuo a non considerarli per semplicità, in totale 72.36 se pago, o faccio istanza di rateizzazione, entro 60 o 72,72 se pago, o faccio istanza di rateizzazione, dopo i 60 giorni. Posso rateizzare fino a 10 anni - Tutto questo senza considerare che nel frattempo i miei fornitori mi avranno fatto causa, ma questa è un’altra storia! Ipotizziamo ora, che invece di fatturare, lavoro in nero - Incasserò 100, sempre con 50 di costi (di solito in nero anche questo, ma facciamo finta di niente). - Non dichiaro nulla, non pago nulla. - Se, e quando, l’agenzia delle entrate capisce che c’è qualche cosa che non va, mi manda la stessa raccomandata, ipotizziamo, ma è difficile, che azzecchino esattamente l’importo. Mi chiederanno sempre 25+11, ma non avendo nulla che dimostri cosa ho guadagnato veramente posso accordarmi (esiste una legge specifica per questo, andate a cercare…indovinate chi l’ha promulgata?) fino a pagare il 20% di quanto richiesto, se non faccio ricorso e pago subito. - Quindi, potrei pagare una cifra variabile tra 7,2 (il 20% di 36) e 18 (il 50% di 36), ovviamente dipende da quanto è bravo chi mi assisteste e da altri fattori. Difficile che avendo queste possibilità pagherò quanto dovuto, cioè i 40,13 del caso precedente - In questo caso, Equitalia non interviene! Interverrà solo se non mi accordo, e quindi non pago. In questi esempi, potrei avere sbagliato qualche calcolo, aver ipotizzato & non corrette e saltato qualche passaggio, ma il film è questo! Chi è il furbo, o meglio il delinquente in questo caso? Sicuramente chi lavora in nero, piccolo o tanto non fa differenza, poi chi accetta lavori in nero (si è corresponsabili a tutti gli effetti) ma anche lo stato, perché è palesemente non è equo, anzi, per comodità, favorisce proprio chi dovrebbe colpire, cioè chi NON HA DICHIARATO e NON HA PAGATO! Questo non significa che questa “rottamazione” mi entusiasmi, per quello che ho letto, non è una decisione strutturale, è una decisione che favorirà, ancora una volta, pochi che hanno le disponibilità per aderire. Saluti Maurilio
Referendum: incontro per il SI - 28 Ottobre 2016 - 20:03
Re: luvendris
Ciao lucrezia borgia non mi arrabbio facilmente, sono però un pò irritato e schifato come tanti. Non ho un partito da difendere per cui non mi interesso del PD, invece come dicevo osservo la rabbia che sta montando anche fra quelli che neppure da morti e sepolti avrebbero cambiato idea nonostante i vertici abbiano fatto loro la cacca in testa per anni; adesso pare stiano per cedere, si stanno svegliando, il merito è di questa persona inqualificabile che colpendo l'immaginazione - piuttosto povera direi...- di milioni di italiani (in parte che avevano ed hanno ben chiaro chi è il soggetto e coscientemente vogliono trarne profitto, ed in parte in buona fede, questi ultimi hanno comunque a mio avviso delle responsabilità perchè per farsi infinocchiare bisogna dare l'approvazione) mira a distruggere i diritti, in qualsiasi ambito (non faccio l'elenco, li si sa). Ma la cosa più irritante è osservarlo ed ascoltarlo: la maschera ha già superato la soglia del ridicolo, le parole che raggiungono il massimo della banalità costruita sulla falsità ed esprime con gli slogan che paiono uscire da pubblicità di saponi sarebbero degne di un grande comico, ma la tragicità consiste proprio nell'osservare come queste semplicissime tecniche da venditore porta a porta funzionino ancora oggi. Ora nemmeno più la democrazia di tipo rappresentativo va più bene, è in atto il tentativo palese di bloccare con sotterfugi l'espressione della volontà dei singoli cittadini, quando la direzione dovrebbe essere diametralmente opposta. Personalmente non mi interessa l'obiezione che a volte si fa, "nel tal o tal altro stato avviene proprio come vorremmo modificare", detto francamente me ne sbatto, volete la democrazia? vi riempite la bocca con questo concetto? bene, allora si possono intraprendere almeno tre appaiati tragitti. Il primo: concepire nuove modalità di partecipazione dei cittadini e con maggiore peso e frequenza; il secondo: studiare da subito e porre in atto a livello nazionale ed internazionale azioni concrete per fermare il sistema "anarchicoligarchico" che ha depredato il mondo per mezzo del cosiddetto "libero mercato"; il terzo: mettere in primo piano IL problema dei problemi quotidianamente, questo http://www.ilpost.it/2016/01/18/rapporto-oxfam-1-per-cento-piu-ricco/ eviteremmo cosi di farci rimbambire con marginali problemi come quello dei migranti e del pil e di altre amenità propinate per il popolino. La ricchezza c'è per tutti, naturalmente il lavaggio del cervello è continuo, impossibile credere a questa che verrebbe tacciata come sciocca, patetica utopia. Meglio credere ad esempio al mito del lavoro e alle baggianate che si dicono in proposito...
Referendum: incontro per il SI - 27 Ottobre 2016 - 18:30
Fine
Voto no perché a conti fatti il risparmio è di un caffè a testa per ogni italiano. Troppo poco per venderci il diritto di voto. Voto no perché ho letto l’articolo 70 e ho capito solo una cosa: diventa tutto più complicato. Voto no perché il cambiamento non è un bene in sé, infatti si può sempre peggiorare: come in questo caso. Voto no perché non voglio lasciare ai miei nipoti una repubblica riformata seguendo la traccia della banca d'affari JP Morgan. Voto no perché le banche d'affari e le società finanziarie che hanno truffato i risparmiatori sono tutte per il Sì. Voto no perché la Costituzione si può modificare, ma per estendere i diritti, non per restringerli. Per allargare la partecipazione, non per limitarla. Voto no perché la Costituzione si può modificare, ma con un altro metodo, in un altro contesto, da parte di un altro parlamento legittimato dal voto popolare. Voto no perché non si può tener fermo un Paese sulla riforma della Costituzione con 11 milioni d italiani che non si possono più curare. Voto no perché non si può bloccare il parlamento per mesi di fronte a una crisi economica che il governo non riesce ad affrontare. Voto no perché non tutti i modi per superare il bicameralismo sono ugualmente validi. Quello scelto è pessimo. Voto no perché ci saranno molti più conflitti di attribuzione fra camera e senato e quindi l'iter delle leggi sarà più lento, costoso e complicato. Voto no perché se camera e senato avranno maggioranze politiche diverse - come può capitare - si bloccherà tutto. Voto no perché lo statuto per le garanzie delle minoranze lo farà la maggioranza dopo aver vinto le elezioni. Voto no perché il pd avendo la maggioranza in 17 regioni su 20 calcola di avere al primo giro di giostra la maggioranza assoluta dei senatori. Voto no perché hanno riempito la Costituzione di annunci e di enigmi, per esempio nessuno sa di preciso come davvero verrà eletto il senato. Voto no perché invitano in tv De Mita, D'Alema e Cirino Pomicino a fare i testimoni del No per farci credere che la partita è fra vecchio e nuovo. Voto no perché se vince il no non vince Salvini o Grillo. Vince la Costituzione. Voto no perché vogliono metterci paura con la storia della Brexit. Voto no perché non c'è nessuna relazione fra vittoria del sì e ripresa economica. Voto no perché se vince il no non ci sarà nessuna apocalisse, come vogliono farci credere per indurci a votare sì. Voto no perché il referendum riguarda la Costituzione, non le convenienze politiche di questo o quel partito, di questo o quel politico. Voto no perché non si può imputare alla Costituzione colpe che sono tutte e sole di una classe politica corrotta e incapace. Voto no perché è evidente che ci stanno fregando anche stavolta. Sempre dal profilo FB di Piero Ricca
×
Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti