Il BLOG pubblico di Verbania: News, Notizie, eventi, curiosità, vco

globalizzazione

Inserisci quello che vuoi cercare
globalizzazione - nei post
Turismo&SocialNews: 3 consigli per la promozione turistica - 26 Maggio 2015 - 08:31
Spesso la scelta della destinazione di viaggio non dipende dal prezzo del biglietto o dagli sconti ottenibili sul soggiorno. In molti casi la scelta dipende da qualcosa di più impalpabile, a volte un'immagine, un profumo, un'ispirazione.
World Pastry Stars - 24 Maggio 2015 - 09:16
Tutto pronto per il secondo congresso internazionale di pasticceria, World Pastry Stars, l’appuntamento unico nel panorama mondiale per concept e livello di relatori che si terra a Stresa il 25 maggio 2015.
XXI Giornata della solidarietà - 14 Marzo 2015 - 19:06
Il 15 marzo 2015, quarta domenica di Quaresima, il Vicariato del Verbano propone a tutte le parrocchie la 21^ giornata della solidarietà.
Basta un click per aiutare i prodotti del territorio - 25 Gennaio 2015 - 11:26
“Per aiutare le produzioni territoriali e il made in Italy agroalimentare a garantirsi un futuro basta un click”. Così Coldiretti Novara Vco ribadisce l’invito a tutti i cittadini consumatori ad aderire alla consultazione pubblica sull’etichettatura lanciata online sul sito del Ministero delle Politiche Agricole.
Stefano Gaggiotti - 29 Aprile 2014 - 16:00
La scheda biografica, il programma e i candidati, di Stefano Gaggiotti candidato sindaco alle amministrative di Verbania per "Liberalitalia Liberiamo Verbania".
Stefano Gaggiotti presenta programma e Lista - 26 Aprile 2014 - 13:01
Riportiamo il programma, e i candidati, di "Liberalitalia Liberiamo Verbania", la Lista che sostiene la candidatura a sindaco di Verbania, di Stefano Gaggiotti.
Camera di Commercio Vco compie 20 anni - 29 Novembre 2013 - 17:00
Sabato 30 novembre dalle ore 10 presso il Grand Hotel Dino di Baveno, tradizionale appuntamento con la premiazione “Omaggio al lavoro e al progresso economico e sociale” che quest’anno cade nel 20° anniversario di istituzione della Camera di commercio del VCO.
IL PUNTO di Marco Zacchera n. 464 - 5 Novembre 2013 - 10:36
Idee, De Gregorio, Officina per l'Italia, sanzioni discutibili e un filmato da meditare
CATTANEO NEWS 25 ottobre 2013 - 25 Ottobre 2013 - 14:45
Riceviamo e pubblichiamo l'ultimo numero di Cattaneo News, dell'On Valerio Cattaneo
Work4You: Consumare meno ma meglio. - 2 Luglio 2013 - 08:30
Anche i nostri consumi possono sostenere la nostra occupazione.
Imprese artigiane VCO: più di 1 chiusura al giorno - 1 Febbraio 2013 - 10:32
Per il quarto anno consecutivo il tasso di crescita delle imprese artigiane registra un andamento negativo.
Presentazione Open Day delle Biblioteche - 12 Novembre 2012 - 13:38
Domani martedì 13 novembre 2012 alle ore 11:30, presso Palazzo di Città a Verbania Pallanza, si terrà la presentazione di "Open Day delle biblioteche".
Open Day delle Biblioteche del Vco - 5 Novembre 2012 - 15:06
Domenica 18 novembre 2012 dalle 15.00 alle 18.30, si svolgerà il 3° Open Day delle Biblioteche del Verbano Cusio Ossola.
globalizzazione - nei commenti
Mercatone Uno: 60 posti a rischio - 25 Febbraio 2015 - 18:33
Libero mercato e statali
Rispettando tutte le opinioni, mi viene comunque da dire che il sig. Andrè forse non ha idea di cosa significhi libero mercato e libertà di impresa. E' il libero mercato che dà lavoro, altrimenti siamo in monopolio o in regime pianificato. Se poi il vi sono distorsioni come accade adesso questo non significa che non debba esserci. I difetti ci sono, eccome, ma se vogliamo la globalizzazione (io non la volevo) dobbiamo accettarne le regole, altrimenti facciamo i dazi è chiudiamo le frontiere. Io credo ad esempio che il modello tedesco sia l'unico in europa che coniughi pienamente libertà di impresa e diritti dei lavoratori. E non si tratta di ultraliberismo che affama i lavoratori, ma di libero mercato in una società liberale, in cui le parti sociali collaborano invece che scannarsi. Preferirei il modello americano, ma siamo in Europa e non sarebbe accettato. Una piccola postilla x Andrè. Io lavoro in un comune, dopo avere sempre lavorato per il settore privato, ma questo non significa che non possa criticare la pubblica amministrazione e lo Stato. I soldi che mi danno credo di guadagnarmeli, e credo anche di avere un'idea del pubblico come servizio al cittadino, non al Dirigente o politico di turno. Non è mica obbligatorio che chi lavora per lo stato debba essere di sinistra! Poi ciascuno la pensi come vuole, ma generalizzare secondo me è scorretto. Io non generalizzo mai neppure per esprimere idee estreme. Infatti non sono contrario all'immigrazione, ma a quella selvaggia e incontrollata si. Ho sempre pensato che dobbiamo importare tecnici e ingegneri, e sbattere fuori rapinatori di ville e assassini. Sfido chiunque, a parte qualche caso patologico o in malafede, a contestare questa affermazione.
Mercatone Uno: 60 posti a rischio - 23 Febbraio 2015 - 18:19
Fuori dalla realtà
Secondo te la flessibilità serve per premiare i più meritevoli? Riassumi in queste riflessioni sconclusionate tutta la tragedia del precariato, della globalizzazione e delocalizzazione? Il lettore intelligente valuterà bene queste tue affermazione e ne trarrà le giuste conclusione... Piantala con queste tuo riferirti sempre ai marxisti, comunisti, al socialismo reale, l'Unione Sovietica ecc. Dove caxxo sono questi comunisti? Ritorna nella realtà! Non siamo a Danzica degli anni '80! Ritorna tra noi! DI comunisti sono rimasti quattro gatti nostalgici che litigano tra loro per qualche virgola sui comunicati che si scambiano e leggono tra di loro.
Mercatone Uno: 60 posti a rischio - 22 Febbraio 2015 - 08:40
Siamo un paese sconfitto
Il sacco di Roma ha messo la cigliegina sulla torta. Siamo un paese di derelitti e sconfitti, senza dignità e spina dorsale. Quando umiliano e pisciano sul nostro patrimonio culturale siamo oltre il limite tollerabile. Tutti possono fare tutto impunemente. A parte la delinquenza straniera che come dice il Censis, ha raggiunto livelli incredibili, a parte l'immigrazione selvaggia, a parte la corruzione, abbiamo la nomea di quelli su cui sfogarsi, di quelli senza palle, di quelli a cui puoi fare tutto e usare come latrina per i propri bisogni. Se torniamo al lavoro, siamo incastrati tra la globalizzazione selvaggia e i priviegi degli anni 70, il cui scontro provoca solo macerie. All'estero lavorano almeno 12 ore di fila, e parlo di paesi nostri simili, mentre in Cina h24. Noi siamo ancora a discutere sulle 40 ore settimanali, sull'art. 18 e sul precariato, mentre gli altri ci mangiano in testa. Non siamo competitivi perchè lo Stato affamatore blocca qualsiasi iniziativa imprenditoriale, alla faccia della tanto nominata Costituzione. Credo che il fondo oramai sia stato toccato, ma purtroppo non vedo nessun segno di risalita. E da una situazione simile non può che vincere l'uomo forte, checchè ne dica la Boldrina.
Il Comune assumerà 6 disoccupati per la cura del verde - 8 Febbraio 2015 - 12:16
X Giovanni
Vero è che dagli anni 90 con le cosidette "riforme", che come saprai riforme non sono, il paese è un po' cambiato. Ma credo la sostanza sia rimasta la stessa. Dopo il crollo del muro e poi la globalizzazione e l'europa unita ci si è illusi a torto di cambiare. la situazione che descrivi tu c'è ma c'era anche prima, sotto altre spoglie. Prima c'erano i grandi gruppi pubblici come Eni, oggi ci sono le banche di affari. Prima i partiti erano più forti e in un certo senso i poteri dello stato erano sufficientemente bilanciati. Oggi con il vuoto di potere dei partiti sostituiti dal solo Renzi, la magistratura sostanzialmente determina la vita istituzionale italiana e la società. Ai sindacati obsoleti si va sostituendo una rabbia sociale polverizzata e guidata da cattivi maestri. Il termine Signorie è azzeccato, desrcivendo il potere feudale delle corporazioni sangiusuga che stanno vampirizzando il paese. Quando dico che c'è socialismo reale non dico una fesseria, caro compagno Andrè. Ma questo lo sai benissimo e ne sei contento. Burocrazia asfittica, tassazione medioevale, blocchi di potere granitici, cittadini servi, impresa ostacolata, corruzione. Tutto questo esisteva nell'ex blocco comunista. in Italia non c'è mai, dico mai stato iliberismo ne tanto meno liberalismo, intesi come filosofia e dottrina economica. E di questo dobbiamo prenderne atto. Punto e basta. Se poi il compagno Andrè la pensa diversamente è un suo diritto. Faccia pure il suo viaggetto alla casa della resistenza convinto che sia simbolo di libertà,mentre è solo rappresentazione della storia italiana scritta con la mano sinistra.
Ticino: "Noi impieghiamo solo personale residente" - 4 Febbraio 2015 - 11:46
gli stupidi siamo noi....
Questo passo era inevitabile,ci saranno iniziative anche peggiori.globalizzazione e politiche finanziarie hanno ,e metteranno,inginocchiato le economie dei singoli Stati.Prima reazionee' quella di essere ''autarchici''.Forse dovremmo smettere di comperare prodotti svizzeri,benzina,generi di lusso e quant'altro.''NOI'',siamo i marocch-ukra-rumen-extraterritoriali degli svizzeri.Hanno,forse anche giustamente,paura che il dare manodopera al ribasso li possa impoverire.E non e' vero che noi facciamo ''lavori che loro non farebbero''.Anzi.....beh...una bella gatta da pelare...vedrete nei prossimi mesi....a meno che non diano nuovamente uno stop al Sfr.
Un mattoncino per la sanità nell'Alto Verbano - 20 Dicembre 2014 - 19:13
BRICK BOX
Care Graziella e Sibilla Cumana, vi scrivo in qualità di grafica che si è occupata del progetto in questione, semplicemente per spiegarvi il motivo per cui ho utilizzato un termine inglese anziché italiano, questo perché ci tengo a far capire determinati concetti. In primo luogo l'inglese come avrete notato voi stesse viene spesso utilizzato in campo grafico - pubblicitario per una ragione molto semplice: occupa graficamente e visivamente uno spazio ridotto rispetto all'italiano, e oltretutto è dal punto di vista comunicativo più immediato. Una scritta in italiano non avrebbe mai reso allo stesso modo, ne tanto meno sarebbe potuta risultare a livello visivo e sonoro altrettanto gradevole, perchè sarebbe stata ad esempio: "scatola mattoncino"?; come potrete notare voi stesse non è la stessa cosa. L'italiano rimane una lingua bellissima, nonché raffinata, ma purtroppo non è sempre adatta a scopi pubblicitari. Per quanto riguarda il dialetto non penso proprio che sia adatto ad alcuna forma pubblicitaria mi spiace, fa parte della nostra tradizione è vero, ma esiste una cosa chiamata globalizzazione per la quale anche piccole realtà come la nostra devono pensare al di fuori dei propri confini, anche solo nel caso di piccoli progetti nati con passione come quello di brick box, per il quale una manciata di persone ha lavorato molto sodo, tentando di uscire per una volta dagli schemi e di creare qualcosa di moderno ed originale, che mi sembra la maggior parte delle persone stia apprezzando. Inoltre l'utilizzo di termini inglesi non è un abitudine "tutta italiana", ma bensì di tutto il mondo. Insomma la tradizione è importante ma va calibrata ed inserita nei giusti ambiti a mio parere; detto questo non capisco la necessità di presupporre che io non conosca la traduzione in italiano del nome di uno dei più importanti drammaturghi al mondo.
Comunità.vb: preoccupazione per il trasferimento di Lidl - 7 Settembre 2014 - 13:51
al posto della lidl
Aprirà un bel dituttodipiu' cinese. Qual e' la differenza tra globalizzazione e invasione?aiutooooooooooooo
Punto Nascite Domo: Consiglio di Stato dice NO - 31 Agosto 2014 - 08:34
ben vi sta'
cari verbanesi ossolani e cusiani. ben vi sta'!!!avete osteggiato fino alla morte l'ospedale unico ed adesso pagate il fio.non ci sono piu' soldi!!! per delle stupide motivazioni campanilistiche avete rinunciato alla grande opportunita di avere un ospedale completo e moderno e vi siete fatti manovrare dai politici che distribuiscono posti di lavoro, primariati e le cariche all'interno di un ospedale. sveglia ragazzi siamo nella globalizzazione , divisi non si va' da nessuna parte uniti forse qualcosa puo' migliorare. e pensare che l'ospedale lo finanziava l'europa!!!!non ci posso pensare!!!! avete dato retta ai sindacati perche' gli ospedalieri , poverini, erano scomodi!!!! o magari era per mantenere piu' posti di lavoro e conseguentemente piu' tessere sindacali? per quanto riguarda le mamme delle valli...non mi sembra che siamo l'unica zona di montagna d'italia perche' non guardiamo alle regioni piu' avanzate come il trentino alto adige? sono pieni di soldi per il fatto che sono regione autonoma e pur potendo mantenere un sistema costoso non mi pare proprio che ci sia una situazione del genere..dai siamo seri....e' ora di razionalizzare le risorse , voglio un ospedale unico efficente con attrezzature adeguate e che per la sua modernita' attiri bravi medici, non voglio piu' dover emigrare in lombardia per avere una sanita' efficente non voglio piu' essere trasportata a novara se ho un problema anche di media entita' .ed adeguata. non fatevi strumentalizzare dalla politica e dai sindacati non e' piu' tempo per gli sprechi.
Rho: arrestato spacciatore di Verbania - 14 Luglio 2014 - 23:21
hi Lady!!!!!
....si,certo,non sono un cacchio di razzista,lo so,globalizzazione...possibilmente con regole...o no?....come diceva un vecchio adagio,se c'e' una cosa che odio quello e' il razzismo,i negri e gli ebrei....e fin li'.....giusto per capirci...eheheh
Rho: arrestato spacciatore di Verbania - 14 Luglio 2014 - 22:55
eccolo!!!
Kiry mancavi da un po'... Sempre di buon umore... Si chiama globalizzazione.
Dieci migranti in città - 5 Luglio 2014 - 09:58
Un disegno preciso
Mah. Mi pare che nessuno abbia colto il punto. Vi è ovviamente un disegno preciso, una strategia politica a livello mondiale che vuole e determina questa situazione. Lo scopo è la globalizzazione e il multiculturalismo ad ogni costo. Solo dei babbei possono credere che sia tutto lasciato al caso. la guerra in Libia, la caduta dei regimi nordafricani, la cosiddetta primavera araba. Davvero non avete capito? Davvero credete che non vi siano i mezzi militari e tecnologici per fermare l'immigrazione? Davvero credete che le barchette arrugginite che salpano non siano controllate? E l'Italia che sembra regga tutto il peso con la "straordinaria" operazione mare nostrum mentre spagnoli, greci e maltesi menano e bombardano e i francesi respingono donne incinte alla frontiera di Domodossola credete sia composta da inetti come appare in superficie o che non abbia ricevuto ordini precisi da qualcuno più in alto? Si tratta di invasione pianificata, e quando vorranno fermarla lo faranno. Si vuole semplicemente creare a forza un nuovo ordine mondiale, in cui l'Europa diventerà un crogiolo disordinato di razze e culture, debole mollusco tra le superpotenze USA, Russia e Cina. D'altro canto anche i mondiali sono diventati uno spot per l'immigrazione. Avere visto la nazionale Svizzera con 9 stranieri su 11 o il Belgio, per non parlare della nera e musulmana Francia? Tutto per caso? Suvvia. Tutto è indirizzato allo scopo, con tanti saluti alla nostra agiata vita da europei occidentali. Ultima cosa. Andate a fare un giro in stazione centrale a Milano e vedrete il futuro che ci aspetta..........
La Svizzera dice no all'immigrazione - 10 Febbraio 2014 - 17:18
ribadisci
ribadisci ciò che vuoi, ma si tratta di semplici scelte economiche: tu svizzera applichi regolamenti e leggi che penalizzano i miei connazionali? io Italia, Francia, Germani (magari europa) ti penalizzo sotto altri profili... è la "globalizzazione" bellezza (cit.)
×
Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti