Il BLOG pubblico di Verbania: News, Notizie, eventi, curiosità, vco

licenziamento

Inserisci quello che vuoi cercare
licenziamento - nei post
LegalNews: Indagini investigative sul lavoratore: quando sono ammissibili? - 5 Settembre 2016 - 08:00
Con la sentenza n. 9749/2016 la Suprema Corte ha esaminato il tema dell’ammissibilità delle attività investigative da parte di agenzie incaricate dal datore di lavoro di accertare eventuali condotte del lavoratore idonee a minare il rapporto di fiducia.
LegalNews: Furto di modestissimo valore: è legittimo il licenziamento? - 18 Gennaio 2016 - 08:04
La Suprema Corte, con la recente Sentenza n. 24530/2015, ha esaminato il tema della legittimità del licenziamento nel caso in cui il dipendente abbia sottratto un bene di modestissimo valore.
Lagostina 4 dipendenti a rischio - 9 Dicembre 2015 - 18:42
Riportiamo un comunicato di RSU – FIM CISL – FIOM – CGIL VCO, riguardante la decisione di Lagostina S.p.A. di licenziare 4 dipendenti.
LegalNews: Compensazione delle spese di lite e motivazione della decisione - 7 Dicembre 2015 - 08:00
Con l’Ordinanza n. 18276 del 17 settembre 2015 la Suprema Corte è tornata, rimanendo nel solco del proprio orientamento, sulla questione della motivazione che deve essere fornita dal giudice per compensare le spese di lite tra le parti, pur in caso di soccombenza di una di esse.
Lettera contro lo spreco alimentare - 10 Novembre 2015 - 10:23
Riceviamo una lettera aperta di Piera Ramoni, Responsabile Centro d’ascolto, Trobaso, nella quale denuncia lo spreco alimentare: "Grande distribuzione senz’anima - Negozio tradizionale con più coscienza".
LegalNews: Uso improprio di PC e mail aziendali: licenziamento? - 9 Novembre 2015 - 08:00
La Suprema Corte con la recente sentenza del 02 novembre 2015, n. 22353/2015 ha esaminato il tema delle sanzioni per l’uso improprio da parte del dipendente di strumenti di lavoro aziendali, come PC e e-mail, quando il CCNL preveda a carico del lavoratore subordinato la sola irrogabilità di una sanzione conservativa.
LegalNews: Chiusura di un singolo punto vendita della catena di supermercati: licenziamento? - 27 Luglio 2015 - 08:00
La Cassazione con la recente sentenza n. 13953/2015 (depositata in data 07 luglio 2015) ha affrontato il tema del licenziamento collettivo in caso di chiusura di un singolo punto vendita di una catena, in questo caso di supermercati, nell’ambito di un programma di riduzione del personale e di ristrutturazione aziendale.
PsicoNews: La classifica dello stress - 15 Luglio 2015 - 08:02
Nel 1967 gli autori Holmes e Rahe stilarono una classifica dei “fatti di vita” fonte di stress; e tu sei stressato? Prova a verificare quanto è stress ciò che ti accade.
LegalNews: La lavoratrice dissimula la gravidanza: legittimo il licenziamento? - 13 Luglio 2015 - 08:00
La Corte di Cassazione (con la recente sentenza n. 13692/2015, depositata in data 03 luglio 2015) ha esaminato il caso di una lavoratrice che era stata licenziata per aver dissimulato il proprio stato di gravidanza, omettendo di comunicarlo al datore di lavoro.
LegalNews: La forma del licenziamento - 8 Giugno 2015 - 08:00
Una recentissima sentenza della Cassazione (n. 11479/2015, del 03 giugno 2015) ha esaminato il fondamentale tema della forma del licenziamento, affrontando il caso di un’azienda che aveva licenziato un proprio lavoratore mediante la lettura di un verbale di licenziamento che non era stato da esso sottoscritto per ricevuta.
LegalNews: L’azienda può controllare il lavoratore grazie a un falso profilo su Facebook - 1 Giugno 2015 - 08:00
Oggi parliamo di una pronuncia della Cassazione (n. 10955/2015, del 27 maggio 2015) che sicuramente susciterà grande interesse: la Corte, infatti, ha esaminato il caso di un’azienda che ha creato un falso profilo su Facebook al fine di controllare se un proprio lavoratore durante l’orario di lavoro utilizzasse il proprio smartphone per fini non lavorativi.
LegalNews: il jobs act e il contratto a tutele crescenti nei licenziamenti collettivi - 6 Aprile 2015 - 08:00
Dopo aver esaminato - nel contributo precedente - il regime dei licenziamenti individuali introdotto con il jobs act, in questa sede ci concentriamo sulle novità previste in materia di licenziamenti collettivi.
Assemblea dei sindaci di Conservco, protesta dei dipendenti - 31 Marzo 2015 - 10:23
Riportiamo la sintesi dell'intervento di Silvia Marchionini all'assemblea dei sindaci di Conservco sul tema gestione e governance del servizio raccolta e smaltimento rifiuti. Che ieri ha visto la protesta a palazzo Flaim dei dipendenti CON.SER.VCO, per i ventilati tagli ai premi di risultato. Decisione rimandata poi di 7 giorni.
LegalNews: il jobs act e il contratto di lavoro subordinato a tutele crescenti - 30 Marzo 2015 - 08:00
Come funziona il regime dei licenziamenti individuali introdotto con il jobs act che tanto ha fatto discutere? Vediamolo assieme.
M5S sui laboratori Arpa nel Vco - 21 Febbraio 2015 - 10:23
Riceviamo e pubblichiamo, un comunicato del Movimento Cinque Stelle Verbania, dal titolo "Laboratori Arpa nel VCO la loro storia, il loro destino".
licenziamento - nei commenti
Governo su posta a giorni alterni: "Il piano va rivisto" - 29 Marzo 2016 - 20:14
lupus...
il governo dovrebbe tornare ad assumere e potrebbe farlo senza indebitarsi di più. Basterebbe licenziare funzionari, dirigenti, nullafacenti, inetti ed imbelli, con immeritati stipendi da nababbi e che invece di adoperarsi per far funzionare ciò che è di loro competenza, lasciano che tutto si sfasci. Questi lestofanti seriali (tranne poche, lodevoli eccezioni) sono messi dove sono, perchè ammanicati con la politica e con coloro che tengono le redini della finanza criminale, vorace e truffaldina. Con i soldi risparmiati dal loro licenziamento, sa quante persone che, nella pratica, assicurano i servizi si potrebbero assumere? Sa quante famiglie potrebbero avere un reddito e quante persone potrebbe godere meglio dei diritti elementari che gli spettano? (es. poste, trasporti, scuole, sanità, ecc. ecc.)
LegalNews: La lavoratrice dissimula la gravidanza: legittimo il licenziamento? - 15 Luglio 2015 - 17:12
licenziamento
mi sembra nulla di nuovo, sarebbe una discriminazione nei confronti della gestante, da temo delle caverne, anche se oggi i diritti stanno dando fastidio a molti
Immovilli su Con.Ser.Vco - 2 Aprile 2015 - 10:38
...si però
La sanzione a seguito furto e' proporzionale (dice la legge ) all entità del furto stesso nell ambito aziendale. Non sempre c'è licenziamento. Nonostante la fiducia compromessa...fate voi. Mettiamoci ogni tanto dall altra parte. Anche se risulterò populista, qualunquista e, cos era l altra... Ah, demagoga. Saluto tutti, cmq.
Immovilli su Con.Ser.Vco - 2 Aprile 2015 - 06:58
lady
Il premio di produzione è un contratto di secondo livello non un regalo che viene fatto ai lavoratori . Il contratto nazionale demanda ( purtroppo) spesso alla contrattazione locale gli aumenti salariali in base alla produttività e alla redditività della azienda. sui licenziamenti individuali il tutto ( per le aziende con più di 15 dipendenti) era regolato dall ' articolo 18 dello statuto dei laviratori. Non è assolutamente vero che non si poteva licenziare per furto. c'era un lungo elenco di motivi per I quali il licenziamento era ritenuto valido . Ora tanto il signor Renzi ha cambiato tutto... guarda basta solo informarsi e non cadere in una demagogia da 4 soldi. Roby io mi sono commosso solo quando Maggie è morta , ma per la gioia. C è una canzone dei Pink Floyd ( ma tu immagino che non sappia nemmeno chi siano ) che dice " che cosa hai fatto Maggie che cosa hai fatto all ' Inghilterra" e io aggiungerei all Europa e al mondo insieme al suo amico Reagan... tutto è iniziato da li..
"Porto Turistico di Verbania: realizziamolo velocemente!" - 16 Dicembre 2014 - 09:36
x Guardiano del Faro
Grazie per l'importante chiarimento ,se le cose stanno così è ovvio che i proprietari delle imbarcazioni non hanno colpe ,anzi sono i danneggiati . Ma sei certo che l'ordinanza non sia stata esposta? Mi risulta che non sia stata trasmessa ai vigili ma solo esposta al porto ! Se le cose stanno come le descrivi un certo dirigente ha delle colpe gravissime al limite del licenziamento . La responsabilità del concessionario ci sta tutta e mi domando ancora per quale motivo il Comune ha votato contro l'accertamento delle responsailità . Se qualche lettore ha notizie che confermano la mancata esposizione dell'ordinanza , scriva.
Job Act: l'ordine del giorno approvato - 3 Novembre 2014 - 10:33
signor Robi
lungi da me farle cambiare idea ,questa mia solo per sottolineare che ho profondi dubbi che le cause per licenziamenti illegittimi durino anni . A quanto mi risulta si fanno sempre con urgenza Comunque questo è quello che succede negli altri paesi facenti parte della UE e non dell'ex patto di Varsavia : Francia L'ordine di reintegro è ammesso ma non può essere imposto. La somma del risarcimento per il lavoratore va da un minimo di 6 mensilità a oltre 24. In alcuni casi è prevista anche un’indennità che varia in base al danno subito. Regno Unito Nessun diritto di reintegro. Il risarcimento prevede un rimborso base pari a 6600 sterline, un importo compensatorio di 12mila sterline ed eventualmente degli importi speciali. L'unico caso in cui è ammessa il reintegro del lavoratore è quella di licenziamento per "motivo illecito", come la discriminazione per motivi politici o razziali. Spagna Per l'attuale legge spagnola l'ordine di reintegro è facoltativo. Il datore di lavoro può optare per il risarcimento al lavoratore tramite un'indennità pari a 33 giornate lavorative per ogni anno di anzianità, più gli arretrati. Nel corso dei primi 12 mesi di lavoro entrambe le parti possono recedere liberamente il contratto. Portogallo Reintegrare il lavoratore licenziato ingiustamente è obbligatorio per il datore di lavoro. La decisione del giudice è basata su un'analisi dei costi connessi con la (prevista) riorganizzazione aziendale e dei benefici economici che l’azienda trae dal licenziamento. Il dipendente può scegliere tra il reintegro e il pagamento delle mensilità arretrate, o un'indennità pari a una mensilità per ogni anno di servizio. Grecia Anche in questo paese è ammesso l'ordine di reintegro. Il risarcimento per il lavoratore, inoltre, è un’indennità per il periodo tra la data del licenziamento e la decisione del giudice. Il giudice deve valutare la legittimità del licenziamento in base al giudizio sul bilanciamento tra esigenze dell'impresa e del lavoratore. Olanda Il datore di lavoro può scegliere se reintegrare il lavoratore o in alternativa versargli un'indennità. Qui il datore di lavoro che intende licenziare deve però sottoporsi preventivamente a un’autorizzazione amministrativa finalizzata a vagliare la "ragionevolezza" del recesso. Austria Quando una persona è licenziata ingiustamente, il datore di lavoro è obbligato a reintegrarla e a pagare un risarcimento, comprensivo della liquidazione e di una somma uguale allo stipendio che avrebbe dovuto essere percepito nel periodo tra il licenziamento e la conclusione legale del caso. Il giudice è però tenuto a valutare la legittimità del licenziamento in base ad un giudizio di 'bilanciamento' tra le esigenze dell’impresa e l'interesse del lavoratore a mantenere il posto di lavoro. Belgio In questo Paese non esiste per il lavoratore il diritto al reintegro, pur essendo quest'ultimo possibile, ma al risarcimento, che comprende il periodo di preavviso e un rimborso danni pari a sei mensilità. Danimarca La legge danese ammette l’ordine di reintegro del lavoratore licenziato ingiustamente e stabilisce un risarcimento pari a un anno di retribuzione. Svezia Il licenziamento può avvenire solo per grave disobbedienza o per ristrutturazione dell'azienda. Il giudice può imporre il reintegro o il risarcimento dei danni più le retribuzioni maturate dal momento del licenziamento fino al termine della sentenza. Se il datore di lavoro nega il reintegro deve corrispondere un'indennità che va da 16 a 48 mensilità. Il lavoratore licenziato ha la priorità nelle nuove assunzioni. bisogna ricordare che le nazioni appartenenti all’Ue rispondeno all’articolo 30 della Carta dei diritti fondamentali dell’Ue, che è stata resa fonte giuridicamente vincolante in seguito all’entrata in vigore del Trattato di Lisbona. In particolare l’articolo 30 stabilisce che: “Ogni lavoratore ha il diritto alla tutela contro ogni licenziamento ingiustificato, conformemente al diritto comunitario e a
Job Act: l'ordine del giorno approvato - 2 Novembre 2014 - 18:56
Voto su ODG Di Gregorio.
Non capisco perchè ci si preoccupa tanto del mio voto favorevole su ODG contrario alla abolizione dell'art. 18. Chi lo ha letto sa che questo articolo non è altro che una interpretazione degli art. 2118 e 2119 del codice civile che stabiliscono le norme sia del licenziamento come pure del diritto del lavoratore di richiedere l'arbitrato del Giudice di fronte ad un licenziamento illeggittimo. Nella fattispecie non cambia nulla perchè , permanendo la validità dell'attuale Codice Civile, il licenziato avrà sempre la possibilità di richiedere l'inrevento del Giudice. Che poi la Giustizia risenta di opinioni personali , questo è un altro discorso. O si ha fiducia nell'ordinamneto giudiziario o non la si ha. Ma abolire l'art . 18 è come disconoscere la validità del Codice Civile. Tutto questo dimostra che il problema è solo politico e non pratico. Dove si vuole arrivare? A legittimare licenciaziamenti illegittimi? O alla grande bugia che con la modifica dell art. 18 le aziende ricominceranno ad assumere? Non è che le aziende sono in crisi per mancanza di domanda, per un costo del lavoro eccessivo, per lo strangolamento delle tasse e le burocrazie asfissianti ? Prima di votare mi sono solo documentato e ho fatto un ragionamento, Oltre a essere ispirato dalle mie convinzioni politiche in tema di lavoro.
Assenteista accusato di truffa e peculato - 19 Ottobre 2014 - 14:57
Assenteismo
Caro Vermeer, hai ragione: LA LEGGE NON E' UGUALE PER TUTTI, in questo paese vengono applicate diverse misure, lo dimostrano i processi recenti e non. In Germania, p.e., se un operatore della pubblica amministrazione e/o del privato si assente senza "un permesso", rischia il licenziamento in tronco. Solo così funzionano le cose in un paese, ci vogliono le regole che stabiliscono un corretto funzionamento in tutti i settori, dalla SANITA' fino alle decisioni importanti presi dal Governo, Regioni e Comuni.
Riorganizzazione Arpa: lettera dei lavoratori Vco - 10 Ottobre 2014 - 20:58
grasso che cola
Non potrebbe essere interpretato come 'in alcuni ambienti, uffici, enti, c'e ' più personale di quanto ne serve?' Potrebbero essere spostati (nella PA non c'e ' licenziamento -beati loro-) magari alle poste dove sono con l acqua alla gola o dove sarebbero più utili.. Certo che sempre col cxxo degli altri, perché in parlamento non tagliano mica..
Comunità.vb sul riassorbimento dipendenti ex Saia - 2 Ottobre 2014 - 21:08
2 pesi e 2 misure
all'inizio di quest'anno Saia ha messo in liquidazione la Cesa srl della quale deteneva circa il 95% delle azioni con conseguente licenziamento dei circa 20 dipendenti (11 dei quali provenienti da Tecnoverde sempre partecipata di Saia poi fatta confluire in in Cesa srl.mi chiedo perchè non vale lo stesso principio?e soprattutto, come già detto da annes,perché chi si è adoperato per questo ordine del giorno non prova a scorrere i nomi di chi ha amministrato saia cesa e Tecnoverde e non gira anche a loro la stessa proposta?o ancora meglio impegna il consiglio comunale a farsi portavoce di ciò?
M5S sulla Beata Giovannina - 16 Settembre 2014 - 22:14
Umanamente dispiace ma...
...gli errori commessi da quel dirigente comunale sono veramente pesanti. In un mondo normale, non inquinato dal doppiopesismo della politica, che a Verbania promuove chi sbaglia, rischierebbe dalla lettera di biasimo al licenziamento. Se da un lato quindi rispetto le opinioni di tutti gli utenti, mi domando se l'attuale amministrazione non debba pensare di fare, veramente e finalmente, piazza pulita di tutte queste situazioni imbarazzanti e indifendibili. Proseguire con il muro di gomma eretto finora, oltre a danneggiare i cittadini, si rivelerà un boomerang per la signora Marchionini.
L'aggressore torna libero - 24 Agosto 2014 - 12:21
Lady Oscar ha ragione
D'accordissimo. Infatti la responsabilità dei giudici è osteggiata al massimo. Se un giudice sbaglia gravemente dovrebbe pagare anche con il licenziamento.
In carrozzina sul Bus: l'autista non l'aiuta - 19 Luglio 2014 - 08:23
regolamenti e mansioni
nel regolamento e nelle mansioni degli autisti è inserito che devono intervenire portando un aiuto in questi casi? Se si il conducente deve essere sanzionato e deve essere previsto anche il licenziamento. Se non vi è menzione nelle mansioni, devono essere inserite immediatamente prevedendo come dicevo il licenziamento per inadempienze. Non servono parole e falsi moralismi, occorrono fatti.
Offerta di lavoro o ricerca di nuovi schiavi? - 9 Giugno 2014 - 22:44
e poi...3
Penso che il castigo maggiore sarebbe quello di rendere pubbliche le malefatte di questi sfruttatori. Dovrebbero anche pagare fior di danni morali a quelli che hanno ricattato con la minaccia del licenziamento. Nei paesi dove tutto funziona, l'esempio del castigo inflitto a "uno" funziona come ottimo deterrente e scoraggia gli altri ad imitarlo. Il problema è che le autorità del nostro paese sono poco affidabili, operano nel loro interesse e per la tutela dei loro privilegi: basta vedere cosa sta succedendo per la Brebemi e a Venezia e per l'Expo. E' uno schifo. Di chi ci si può fidare?
Solidarietà ai lavoratori della piscina Comunale - 21 Marzo 2014 - 16:59
why?
Manca il motivo del licenziamento, base per qualsiasi considerazione.
×
Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti