Il BLOG pubblico di Verbania: News, Notizie, eventi, curiosità, vco

mensa

Inserisci quello che vuoi cercare
mensa - nei post
Detrazioni dalle tasse spese mense scolastiche, servizio on line del Comune - 28 Maggio 2016 - 19:06
I genitori dei bambini che hanno usufruito del servizio mensa possono scaricare autonomamente la certificazione per detrarre le spese per mensa scolastica sostenute nell'anno 2015.
Alla Fabbrica di carta 3 novità da Alberti Libraio Editore - 24 Aprile 2016 - 10:44
Venerdì 29 aprile e domenica 1 maggio, presso la Fabbrica di carta a Villadossola, tre incontri per la presentazione di "Architettura e paesaggio del lago. La Colonia Ettore Motta a Suna", di Luisa Nava (libro di architettura sulla Colonia Ettore Motta), "La signora del Nibbio", di Beppe Codini (Romanzo ambientato in Val Grande ispirato alla vera storia di Angela Borghini), "Una misteriosa morte", di Beppe Codini (Romanzo giallo ambientato in Val Grande).
L’acqua nelle scuole: potabile e buona le analisi confermano - 17 Marzo 2016 - 12:19
Riceviamo e pubblichiamo, un nota dell'Amministrazione a riguardo dell'Interpellanza sull'acqua potabile delle Scuole Elementari e Materne di Verbania.
Presentazione Antologia Nuovi Delitti di Lago - 15 Marzo 2016 - 18:01
Verrà presentata in anteprima al BAFF - Busto Arsizio Film Festival l'antologia Nuovi Delitti di Lago (Morellini Editore) mercoledì 16 marzo alle 18 allo Spazio Festival in piazza San Giovanni in occasione dell'omaggio al regista Aldo Lado, autore di un racconto.
Bando per il diritto allo studio. Contributi economici agli studenti - 20 Febbraio 2016 - 18:06
Sul sito del comune di Verbania sono presenti tutte le informazioni per accedere al bando per il diritto allo studio promosso dalla regione Piemonte. La domanda per il Diritto allo Studio può essere presentata esclusivamente on line dal 15 febbraio al 5 maggio 2016
Calendario scolastico con il menù delle mense cittadine - 18 Febbraio 2016 - 13:01
Consegnato il calendario scolastico con il menù delle mense cittadine. In avvio progetti di giochi, laboratori e racconti per contribuire a ridurre lo spreco di alimenti. Primo appuntamento il 20 febbraio a Villa Giulia.
Con il cibo in eccesso pasti gratuiti per persone in difficoltà - 15 Dicembre 2015 - 18:35
Da ieri 14 dicembre 2015 nel locale mensa dell’ospedale di Verbania, dopo il servizio ai dipendenti vengono distribuiti gratuitamente pasti agli aventi diritto.
Villa Olimpia: riparte lo spazio ristoro - 4 Dicembre 2015 - 17:41
"Con l'assegnazione del bando di gara per la gestione della mensa sociale del Comune di Verbania al raggruppamento guidato dalla Fondazione Casa di Carità Arti e Mestieri, la città torna a legare lo spazio di Villa Olimpia ad una proposta progettuale fortemente orientata alla valorizzazione del territorio e delle proprie potenzialità generative".
Il Circolo Wood ha riaperto i battenti - 19 Novembre 2015 - 19:28
Wood rimane sempre attivo e soprattutto fedele all’obiettivo che dalla nascita, un anno fa, ha deciso di perseguire. Raccoglie idee, proposte, progetti, ambizioni, desideri, attività, divertimento e scambio umano e solidale.
CINeVINO - Zoran il mio nipote scemo - 11 Novembre 2015 - 11:27
Per la rassegna CineVino, spettacolo unico alle ore 20.15, rassegna cinematografica e degustazione di vini, giovedì 12 novembre 2015 ci sarà "Zoran il mio nipote scemo", presso l'Auditorium dell'Hotel Il Chiostro.
Lettera contro lo spreco alimentare - 10 Novembre 2015 - 10:23
Riceviamo una lettera aperta di Piera Ramoni, Responsabile Centro d’ascolto, Trobaso, nella quale denuncia lo spreco alimentare: "Grande distribuzione senz’anima - Negozio tradizionale con più coscienza".
Zanotti su chiusura mensa sociale Villa Olimpia - 9 Ottobre 2015 - 12:00
Riportiamo dal sito verbaniasettanta.it, il post dal titolo "Villa olimpia, chiusa la mensa sociale. Storia di un fallimento annunciato", a firma di Claudio Zanotti.
Presentazione al bilancio 2015 del sindaco - 18 Giugno 2015 - 15:03
Riceviamo e pubblichiamo, la relazione del sindaco di Verbania, Silvia Marchionini, sul Bilancio di Previsione 2015.
Iscrizioni on line alla refezione scolastica del Comune - 23 Maggio 2015 - 10:23
Sono aperte le iscrizioni on line, dal 25 maggio al 10 luglio 2015, alla refezione scolastica 2015/2016 del Comune di Verbania.
Libri di Lago "Le Signore del Giallo" - 4 Aprile 2015 - 16:58
ECOMUSEO DEL LAGO D’ORTA E MOTTARONE PRESENTA LIBRI DI LAGO Libri che parlano del nostro territorio, scritti da autori che vivono sul lago d’Orta e nei paesi circostanti.
mensa - nei commenti
Una APP per segnalare disponibilità generi alimentari? - 13 Giugno 2016 - 11:58
Mmm
Un plauso perché questa volta vi occupate di problematiche vicine e non vi occupate di Palestina comunque per fare un'app, qualcosa di "smart", una piattaforma partono, se si trova qualcuno che sposa la sposa la causa e fa un prezzaccio, almeno 3.000 euro equivalenti a 3 tonnellate di pasta equivalenti alla pasta necessaria per preparare circa 40.000 pasti. Visto che il meglio è nemico del bene, la cosa più pratica, sarebbe di segnalare i numeri delle associazione che gestiscono queste problematiche in modo da far sì che si possano tranquillamente contattare nel caso si abbia cibo in avanzo. Il telefono l'abbiamo tutti e le telefonate costano praticamente niente. ""È possibile anche pensare a persone che per necessità o per piacere desiderino consumare pasti con i richiedenti asilo, le difficoltà possono avvicinare e aiutare a capire ( se mai ce ne fosse bisogno) che il colore della pelle non determina la bontà o meno di un individuo e soprattutto che la diversità di cultura arricchisce."" Se vi servono persone che per necessità desiderino consumare i pasti con i richiedenti asilo (meglio chiamarli clandestini che raccontano balle), vi trovo centinaia di verbanesi che per necessità gradirebbero consumare i pasti nello stesso loro ristorante/mensa. Se vogliamo estendere il discorso a livello nazionale, ve ne trovo almeno un milione.
Forno crematorio: "perchè non andremo a votare" - 7 Aprile 2016 - 07:57
Re: Re: Re: Re: Re: Maurilio birichino...
Ciao Hans Axel Von Fersen eri tu che giocavi con i numeri, io ti ho seguito...poi, come per la mensa, basterebbe inserire nel bando che chi subentra assume anche gli addetti, tanto qualcuno lo deve far funzionare sto forno! Se c'è la volontà, e speso anche la capacità, le soluziono ci sono, altrimenti... Saluti Maurilio
Frontalieri a Roma: non sanno chi siamo - 3 Marzo 2016 - 06:49
frontalieri
Certo che non sanno chi sia un frontaliere. Il frontaliere si alza all'alba dal lunedi' al venerdi', la loro settimana inizia alle 11 del martedi' e termina al giovedi' pomeriggio. Il frontaliere se ' fortunato ha in ditta una mensa, altrimenti ha la schiscetta della sera prima. Loro vanno alla buvette, prezzi irrisori, menu' da ricchi, ordinano il caffe' e fanno pure i portoghesi - vedi ultima figura meschina di Luppi-. Deve cambiare Signori. Troppo ( o tutti?) -si sono ritagliati quel posto al sole non per i bene del paese, ma per i loro interessi infischiandosene del cittadino e dei sacrifici e disagi che quotidianamente deve affrontare. Parole parole parole, il paese sta andando a rotoli, le ditte chiudono, manca lavoro, ma il loro problema per il momento pare sia solo quello dei gay.
Con il cibo in eccesso pasti gratuiti per persone in difficoltà - 16 Dicembre 2015 - 11:30
poveri noi
mangiare gli avanzi alle ore 14 alla mensa in ospedale . va bene ma .... a chi tocca ?
Lettera contro lo spreco alimentare - 11 Novembre 2015 - 07:42
X la signora Piera
Condivido in parte il suo sfogo, anche perchè sono molti anni che con la mia organizzazione distribuisco generi alimentari, a gratis, a famiglie e persone in seria difficoltà economica, mentre, quando abbiamo degli eccessi (questo raramente), doniamo ad alcuni Istituti. Quando lei dice che nei supermercati si tende a non regalare l'eccesso ma si tende a gettarlo; questo è l'appunto che "non condivido", infatti deve sapere che tutti i generi alimentari freschi (come l'esempio da lei citato, il pane), terminato il decorso giornaliero per la vendita, devono essere necessariamente distrutti; in particolar modo il pane, che nella stragrande maggioranza dei casi, da crudo, è un alimento che i supermercati trattano da surgelato. La porto invece a conoscenza un altra importante realtà, che personalmente ritengo assurda ma è giusto che lei conosca: sono anni che il 95% dei supermercati ha stipulato un accordo con il banco alimentare, dove tutti gli eccessi vicini alla scadenza o, alimenti che hanno la confezione non conforme all'originalità (schiacciate e/o parzialmente deteriorate), devono essergli devolute. Risultato, loro raccolgono una marea di materiale alimentare, lo distribuiscono secondo criteri che assolutamente non condivido (visto che ho cominciato a donare molti anni prima di loro conosco bene la prassi) e, se qualche altro soggetto con le credenziali in regola (Organizzazioni iscritte regolarmente agli Albi del Volontariato), dovesse fare la medesima richiesta a questi supermercati, gli viene risposto che senza il benestare e/o l'approvazione del banco alimentare non possono dare nulla; come la definirebbe questa regola?? Aggiungo: ho fatto attività di volontariato in diverse calamità naturali, una delle più eclatanti è stato il terremoto dell'Aquila; nella Frazione di Poggio Roio ho diretto per circa 2 mesi la cucina, la mensa, l'acquisto di generi alimentari e i magazzini scorte (gestivamo 800 coperti ad ogni pasto), bene, sa quanto materiale donato dal banco alimentare è arrivato scaduto e ho dovuto gettare? dal latte ai succhi di frutta, dalle merendine alle confezioni di prodotti vitaminizzati per bambini, ecc. ecc.; preferisco non dire e chiederle come definire tutto questo. Come vede, per soddisfare le necessità di più persone il materiale ci sarebbe, basterebbe destinarlo meglio e a più organizzazioni, sicuramente con i dovuti controlli, e non lasciare che pochi o, come in questo caso, solo ed esclusivamente una organizzazione, gestisca e decida il tutto per tutti.
Chiusura anticipata scuole per Giro d'Italia - 21 Maggio 2015 - 03:00
forse Renato ti sono sfuggite...
...le premesse. La chiusura delle strade non consentirà il regolare trasporto scuola/abitazione e quindi anche se li mandi in gita "sportiva" il problema rimane. Il prolungamento dell'orario penso che sia impossibile per svariati motivi tra cui, i primi che mi vengono in mente: costi degli insegnanti, disponibilità degli insegnanti allo straordinario, riorganizzazione trasporti scolastici, ... Infine penso che il servizio mensa, si possa/debba offrire solamente se c'è scuola anche nel pomeriggio. Altrimenti tale servizio sarebbe più assimilabile ad un servizio ristorante che ad un servizio mensa scolastica con conseguente "concorrenza sleale" da parte del pubblico nei confronti della ristorazione privata
Chiusura anticipata scuole per Giro d'Italia - 20 Maggio 2015 - 20:17
Per esempio
Uno spazio specifico per le scolaresche con una "gita formativa sportiva" in orario scolastico.... Un prolungamento di un ora del l'orario scolastico anziché rinunciare a mezza giornata e alla mensa.... Per esempio
Chiusura anticipata scuole per Giro d'Italia - 20 Maggio 2015 - 15:36
grazie mille
Manco la mensa? ma qualcuo che ha figli può spiegare al Sindaco che forse si poteva fare diversamente?
F.I. campagna #BastaTasseSullaCasa - 29 Novembre 2014 - 19:09
fosse solo quello
Essere proprietario di casa ( anche se stai pagando la prima rata di un mutuo ventennale-e relativi interessi passivi) non comporta solo le sopracitate tasse. Ti penalizza in sede di dichiarazione dei redditi, di rette scolastiche (mensa), università, ecc vedi isee. Se hai la casa di proprietà sei ricco. I sacrifici e i rischi sono a tuo carico.
Pochi a bordo dell'aliscafo - 11 Novembre 2014 - 18:58
servizio pubblico e risorse naturali
E' assurdo che non esista già da sempre un servizio pubblico via lago che colleghi con orari decenti i diversi centri del VCO. Mi ricollego all'assurdità della notizia di qualche giorno fa secondo la quale qualche imbecille vorrebbe chiudere il DEA a Verbania: avevamo già isolato Cannobio in questo senso, ora isoliamo pure Verbania (o in alternativa Domodossola)...... Beh, andando avanti così potremmo quasi far saltare i ponti su fiumi e torrenti e mettere il filo spinato intorno ai singoli quartieri! L'aliscafo che oggi è "dei frontalieri" deve essere visto (a mio avviso) solo come un piccolo passo per metterci a livello della navigazione sugli altri laghi (Como, Garda), dove il servizio pubblico non è solo presente ma anche ampiamente utilizzato. Certo non si può pensare in due giorni e completamente senza informazione che una bozza di idea si trasformi improvvisamente in un successo con tanto di utili e dividendi. L'appunto all'amministrazione verbanese per il modo approssimativo col quale è stata gestita la cosa indubbiamente non si può evitare: la mia azienda era ancora in attesa che venisse ufficialmente comunicato l'inizio delle corse. Gliel'ho comunicato io oggi chiacchierando in sala mensa! Questo comunque non deve come sempre far scadere tutto in caciara calcistica e coltellate a destra e a manca di chi sguazza in politica locale. Si sta facendo un tentativo, per quanto raffazzonato, per tornare a percorrere il Lago e togliere un po' di casino dalle strade. Di strade, poi, ce n'è fin che mai, e l'idea di farne altre mi fa venire in mente solo il solito mangia mangia di amministratori e imprese. Abbiamo una via privilegiata, il Lago, e dobbiamo (re)imparare a farne uso.
Buzza a Intra - Foto - 18 Ottobre 2014 - 12:29
rivoluzione? mah!
magari,,ma come ben sai noi siamo un "popolo" di rivoluzionari della domenica se non piove e con pausa mensa..ahinoi!
Punto Nascite Domo: Consiglio di Stato dice NO - 30 Agosto 2014 - 09:49
un'ostetrica a domicilio?
Io sono nata in casa, con l'ostetrica pronta a chiamare l'ambulanza - o l'elicottero - se ci fossero stati problemi. In Olanda sono in tante a partorire a casa, mentre in Italia abbiamo "medicalizzato" l'avvenimento più naturale del mondo, con costi alti, tre giorni di ricovero (tre ore, in Olanda, per chi decide di partorire in ospedale) e cibo di mensa nel momento in cui si ha più bisogno di curare l'alimentazione. Col senno di poi, con quello che ho imparato dopo, tornassi indietro, i miei tre figli nascerebbero a casa.
15 profughi in città - 31 Maggio 2014 - 13:58
Fantapolitica
Sarebbe "fantapolitica" poter organizzare un referendum che permettesse di elaborare una legge che obbligasse ad aiutare, prima degli stranieri, i nostri connazionali indigenti? Non per razzismo, non per discriminazione ma per senso civico e di solidarietà nei confronti dei nostri fratelli indigenti. Che padre assennato (o Stato ) ignorerebbe la famede i propri figli per dar da mangiare a degli estranei sconosciuti? Si aiutano gli stranieri solo per farsi "pubblicità" e po abbiamo italiani che vanno a chiedere i pasti alla mensa dei poveri. Ma agli stranieri dobbiamo dare casa e assistenza di ogni tipo. E' un disastro! E le autorità non capiscono che fomentano l'insofferenza delle masse nei confronti degli immigrati se si ostinano ad ignorare gli Indigenti Italiani per sostenere, invece, gli Indigenti Stranieri!
Zanotti: quando le pellicole antiriflesso su vetri questura? - 22 Luglio 2013 - 09:58
Tennis?
Leggo il commento di Federico e rimango senza parole.......Se quanto scrive è vero beh mi viene il dubbio che tutti noi abbiamo pagato per far giocare a tennis poche persone......... Sarebbe carino capire chi ci ha guadagnato. Io gioco a tennis e di inverno andavo a giocare a tennis alla selva spendendo 2 € in più all'ora. Ora se tanto mi da tanto e visto che la Selva è privata (e quindi suppongo che il gas e la luce vengano pagati dal gestore) tutti i soldi incassati per far giocare sotto il tendone delle Ranzoni che fine anno fatto?Senza contare tutto il resto.......... Complimenti............ Paghiamo una marea di tasse i servizzi sono pessimi, la mensa scolastica per i nostri figli era ed è inaccettabile però giustamente riscaldiamo il campo da tennis per far giocare (bene primario per la collettivita)....... lasciamo stare, spero solo che Federico di Pallanza si sbagli..... (anche se ho i miei dubbi).
Gattabuia: "Futuro segnato" - 27 Giugno 2013 - 08:25
gattabuia parliamone
ho pensato a lungo se scrivere queste righe, che non saranno piacevoli, ma essendomi occupata della nascita di villa olimpia qualche decennio fa e di gattabuia nell'amministrazione zanotti, credo fosse doveroso accogliere l'invito di luca e dire la mia in una vicenda che mi lascia sconcertata e perplessa. consentitemi un poco di cronistoria. appena nominata assessore alle politiche sociali nella giunta presieduta da claudio zanotti ho voluto proporre un progetto sulla mediazione dei conflitti, rivolgendomi a marco girardello la cui professionalità avevo avuto modo di conoscere grazie ad una iniziativa della commissione pari opportunità provinciale. inizio' cosii' una collaborazione con l'associazione camminare insieme e casa di carità soprattutto sui temi dell'inclusione sociale. nei giorni in cui stavamo discutendo sulla scadenza dell'appalto della mensa di villa olimpia, servizio quasi inesistente e da riqualificare, ci trovammo io e la mia dirigente ad una riunione provinciale proprio sull'inclusione sociale, a cui partecipavano anche don donato e marco. chiacchierando di questi temi alla fine della riunione a me venne un'idea, che sembro' un po' folle a tutti, ma che accettarono di approfondire: quella appunto di unire la gestione di qualità professionale che una mensa deve avere con un progetto di inclusione che vedesse coinvolti i carcerati impegnati nella scuola culinaria all'interno del carcere. non tutta la giunta accolse la mia proposta con lo stesso entusiasmo, ma anche grazie alla piena condivisione del sindaco, il progetto parti' ed essendo un progetto dell'amministrazione e non di un soggetto privato decidemmo che il coraggio di chi aveva accettato di iniziare un percorso che poteva essere fallimentare dovesse essere premiato con condizioni particolarmente favorevoli. due anni dopo che fosse un successo era ormai abbastanza chiaro anche se molte cose erano ancora da sperimentare e fare, cosi' il bando di gara fu fatto in modo che chiunque vincesse non corresse il rischio di non farcela. sono passati sette anni, gattabuia ha molti clienti, fa da mensa scolastica per le scuole cadorna, è aperta parecchie sere. molte cose ci sarebbero da dire sulla gestione ma non voglio parlarne qui. questo dibattito, a gara aperta, ha a mio parere molti aspetti scorretti, voglio credere in buona fede. marco girardello, a cui voglio bene come persona e che stimo per parecchi aspetti, sa bene che negli anni della nostra collaborazione abbiamo spesso discusso sulla sua incapacità di distinguere i ruoli istituzionali e politici e sulla sua voglia di volersi occupare di mille filoni di interventi, da verbania a torino, con il rischio di non seguirne bene nessuno. ho avuto modo, negli anni di collaborazione in giunta, di apprezzare claudio zanotti per il suo senso delle istituzioni, per la correttezza, per saper essere uno dei pochi politici che ancora interpretava la politica come servizio, per essere sempre dalla parte dei cittadini. io vengo dalla scuola del partito comunista, a cui devo molto, e che mi aveva insegnato i doveri di un politico e di una persona impegnata nelle istituzioni. ero convinta che se claudio fosse stato sindaco oggi avrebbe non sottoscritto ma preteso una gara come quella che è stata fatta. nessuno, mi pare, vuole chiudere gattabuia. gattabuia è un progetto vincente, ma ormai una impresa che deve essere in attivo; sarebbe bello e forse giusto che continuasse a gestirla chi ha avuto il coraggio di avviarla, ma, che vincano loro o altri, oggi non sarebbe piu' giusto godessero di vantaggi allora doverosi, ora privilegi ingiusti. la crisi economica ha fatto si' che ormai molti ristoratori propongano menu' a 10 euro, o anche a meno: pagano affitti salati, acqua, luce, gas, personale, senza avere un'amministrazione compiacente che spesso ha mandato anche dei tirocinanti ad aiutare la mensa, senza costo alcuno per la gestione. mi stupisce che nessuno dei ristoratori verbanesi si sia ancora espresso su cio'. marco, il coraggio che avete avuto all'inizio, ora non c'è piu'? l'inclusione
×
Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti