Il BLOG pubblico di Verbania: News, Notizie, eventi, curiosità, vco

o

Inserisci quello che vuoi cercare
o - nei post
Network Informativo disabili - 21 Aprile 2018 - 15:03
La Provincia del Verbano Cusio ossola ha sottoscritto con la Regione Piemonte il “Protocollo d’intesa per la gestione integrata di servizi al cittadino” aderendo così, in via sperimentale, al “Network Informativo Disabili” costituito dalla stessa Regione con l’Agenzia delle Entrate ed esteso ad altri soggetti istituzionali (INPS, INAIL, Agenzia Piemonte Lavoro).
BellaZia: La Crema del Nonno - 21 Aprile 2018 - 08:00
Si avvicina il caldo, invece del solito caffè del pomeriggio, prepariamo e gustiamoci la cremina al caffè. Da servire anche come dessert al termine di una cena con amici.
VCo Note Azzurre aperte le iscrizioni - 19 Aprile 2018 - 11:04
Il concorso canoro, dopo 9 anni svoltosi a Cannobio al Teatro Nuovo, torna per la seconda volta con l'edizione numero 11, al Teatro Il MAggiroe di Verbania.
Con Silvia per Verbania su fusione Cossogno-Verbania - 18 Aprile 2018 - 15:03
Riceviamo e pubblichiamo, un comunicato della Lista civica Con Silvia per Verbania, riguardante la questione fusione tra Verbania e Cossogno.
Presentata la Fabbrica di Carta 2018 - 18 Aprile 2018 - 13:01
La 21a edizione de La Fabbrica di Carta è dedicata al giallo-nero italiano: ospiti speciali Bruno Gambarotta e Alice Basso Dal 20 aprile al 1 maggio al Salone del Libro del Verbano-Cusio-ossola in programma incontri, mostre e presentazioni a tema
Altea Altiora vince l'ultima in casa - 18 Aprile 2018 - 08:01
Serie C: Altea Altiora, il congedo casalingo che ci voleva, il Santhià si arrende 3 a 1.Settore Giovanile: disco rosso per l’Under 14 a Mondovì e per l’Under 16 a San Mauro Torinese. Bravi i piccoli dell’Under 13 Vice Campioni Territoriali e l’Under 18 che passa ad occimiano. Rappresentativa Territoriale: pronto il “planning” di fine stagione.
Riusiamo Verbania. Le esperienze già in campo per fare bene - 17 Aprile 2018 - 19:06
Mercoledì 18 aprile 2018 ore 17.30, Centro Eventi Il Maggiore via S. Bernardino 49 - Verbania. Incontro Pubblico per raccontare le esperienze di amministratori impegnati in analoghi programmi dal forte impatto innovativo e partecipativo, presentare i loro modelli e la loro efficacia, affrontare le difficoltà culturali e procedurali che si incontrano
Albertella su fusione Comuni - 17 Aprile 2018 - 16:34
Riceviamo e pubblichiamo, un comunicato del sindaco di Cannobio, Giandomenico Albertella, in risposta a quello del Comitato per il SI alla fusione Cossogno Verbania.
Forza Italia Verbania su fusione Comuni - 17 Aprile 2018 - 13:01
Riceviamo e pubblichiamo, un comunicato di Forza Italia Verbania, riguardante il referendum sulla Fusione dei Comuni di Cossogno e Verbania.
Comitato SI fusione Cossogno Verbania: si vada a votare - 17 Aprile 2018 - 11:27
Riceviamo e pubblichiamo, un comunicato del Comitato per il SI fusione Cossogno Verbania, a seguito dell'invito a disertare le urne di alcune di alcuni esponenti politici.
M5S su Casa della Salute a Verbania - 17 Aprile 2018 - 09:16
Riceviamo e pubblichiamo, un comunicato del Movimento Cinque Stelle Verbania, riguardante la situazione del progetto Casa della Salute a Verbania.
LegalNews: Cose in custodia e dovere di eliminazione del fattore imprevedibile - 16 Aprile 2018 - 08:00
Il tema della responsabilità derivante agli enti pubblici dalle cose in custodia, affrontato dalla sentenza n. 2477/2018 della Cassazione, è molto sentito: essi, infatti, hanno generalmente un patrimonio molto vasto che, di conseguenza, con elevata probabilità può causare sinistri.
Zacchera: no alla fusione - 15 Aprile 2018 - 13:01
Riceviamo e pubblichiamo, una nota di Marco Zacchera in cui si dichiara contrario alla fusione tra i comuni di Verbania e Cossogno.
Pubblicato bando per assegnazione orti civici - 15 Aprile 2018 - 09:33
Ricordiamo che il Comune di Verbania ha pubblicato il bando per l' assegnazione degli orti civici (11 spazi) in via di realizzazione in un terreno in via Battaglione Intra a Renco. Il bando ha scandeza il 16 aprile alle ore 12.00.
Spazio Bimbi: Inserimento all'asilo nido - 15 Aprile 2018 - 08:00
Molti genitori si trovano ad interrogarsi sull’opportunità o meno di mandare il proprio piccolo all’asilo nido.
Novara e VCo pronte per Vinitaly - 14 Aprile 2018 - 18:06
Anche le etichette delle province di Novara e Vco si preparano all’appuntamento con Vinitaly, il grande evento dedicato al mondo dell’enologia nazionale ed internazionale che Verona si appresta ad accogliere da domenica 15, a mercoledì 18 aprile.
"Disperatamente Solo" - 14 Aprile 2018 - 13:01
Davide Merlino presenta DISPERATAMENTE SoLo, una chiacchierata sulla musica iperscritta e quella improvvisata. Eseguirà alcuni esempi di brani scritti per singolo esecutore con singolo strumento.
11^ Nexia Audirevi Half Marathon - 14 Aprile 2018 - 11:28
Le gare si scelgono per tanti motivi. E per partecipare alla 11^ Nexia Audirevi Half Marathon i motivi sono davvero tanti. Un gioco di parole che sottolinea la bontà di questa mezza maratona che si correrà domenica 15 Aprile, con partenza a Verbania ed arrivo a Stresa, percorrendo quell’area magica e spettacolare che è il Lago Maggiore.
BellaZia: Pennette Pere e Gorgonzola - 14 Aprile 2018 - 08:00
Un primo piatto ormai diventato un classico per l'abbinamento del formaggio con la frutta, ma sempre goloso ed invitante.
Rosaltiora giovanili e match point prima squadra - 13 Aprile 2018 - 19:06
Iniziano i classici appuntamenti di fine stagione per le squadre di Vega occhiali Rosaltiora. Via al Trofeo Daniele Ziccio Under 17 ed alla Coppa Primavera Under 15 organizzati dal Comitato Territoriale TST della Federvolley. Prima Squadra al "match point".
o - nei commenti
Aggredito capotreno - 20 Aprile 2018 - 15:18
Re: Re: Re: invasione
Ciao Aurelio Tedesco Forse non si vuole vedere il problema. Gli stranieri irregolari vanno rimpatriati ma anche quelli regolari sono spesso al centro delle cronache. Essere regolari non significa essere incensurati. E per loro dovrebbe scattare l'espulsione automatica al primo reato. Quante volte si legge stranieri regolare sul territorio che spaccia o devasta i treni. Ce li teniamo?
Aggredito capotreno - 20 Aprile 2018 - 13:31
Re: Re: Re: invasione
I numeri li avevo già letti, ammesso e concesso che siano veritieri, sperando che siano in eccesso. Mi permetto solo di fare presente, visto che ho la fortuna (o sfortuna) di aver acquisito una zia tedesca bavarese e una cugina italiana che si è trasferita a Colonia (dato il suo curriculum, è stata chiamata a lavorare là, non si è presentata di sua iniziativa... ci tenevo a sottolinearlo): ha già provato a chiedere ai tedeschi di cosa pensano di quei numeri? Non so le ho già fatto ma la invito a farlo. Non a caso, proprio dalla Germania si sono rinforzati i movimenti che qualcuno definisce estremisti, razzisti e xenofobi. Perciò io mi voglio godere la mia amata Italia, che non ha nulla da invidiare a nessun Paese al mondo, semplicemente ci facciamo gestire da persone incapaci e corrotte; il mio pensiero è che noi siamo i migliori in tutto e per tutto, dobbiamo solo individuare una persona che ci comandi, con i contro cosiddetti, e che ci porti nel posto che meritiamo..
Aggredito capotreno - 20 Aprile 2018 - 09:12
Re: Re: invasione
Ciao info guardi allora i dati glieli do io , in Italia ci sono circa 5.800.000 stranieri di cui 5.400.000 regolari con permesso di soggiorno, quindi lavoratori (in proprio e /o dipendenti) 200.000 circa con permesso come richiedenti asilo e/o in attesa di risposta alla richiesta e 200.000 circa "irregolari" . ora visto che è tutto relativo ....per lei potrebbe essere invasione per altri no... guardi il lato positivo ,se lei vivesse in Germania ,per esempio , vivrebbe con circa 12.000.000 di stranieri ( di cui 1.300,000 circa italiani) e solo nel 2017 si è riscontrato l'ingresso di circa 750.000 persone ....
Aggredito capotreno - 19 Aprile 2018 - 21:19
Re: invasione
Saperli i numeri reali. Fino a un paio di anni fa tutti gli schieramenti politici parlavano di nuovi arrivi (o risorse, o finti richiedenti asilo o finti profughi, chiamateli come volete) pari ad una media di 100.000 persone all'anno: qualche politico persino si vantava di questi dati, altri giustamente li criticavano e si preoccupavano, anche perchè bisognava fidarsi delle loro dichiarazioni sulla loro effettiva provenienza. Io non so quale sia il parametro reale per definire un'invasione però ti faccio un esempio pratico: se venisse confermato questo numero medio di arrivi, vorrebbe dire che in Italia ogni anno si formerebbe una nuova città con gli abitanti di Novara .. riesco a dare l'idea? Il fatto che tutta questa gente sia sparsa sul territorio nazionale non da l'effettiva sensazione di cosa stia accadendo. Se si parlasse invece di milioni di persone, potrebbe voler dire di avere una nuova città con tutti gli abitanti di Roma. Vedi tu cosa potrebbe voler dire invasione ... per me è già sufficiente il primo esempio, ma ti dirò di più: mettiti seduto sul divano e prova a contare fino a centomila ..
Aggredito capotreno - 19 Aprile 2018 - 10:34
Re: Re: Re: Re: Chiarimenti necessari!
La situazione politica di stallo attuale è figlia di una legge elettorale voluta da una certa parte politica (la solita purtroppo!) che, consapevole di perdere le elezioni, ha studiato un qualcosa di indefinibile, appoggiata dall'altra parte politica pur di poter mandare a casa il Governo: il risultato è che la paghiamo noi cittadini. Ma qui sconfiniamo in un altro discorso, quasi irrisolvibile da noi povere creature. In cambio però, per tornare sul tema di questo post, offro gratuitamente un biglietto del treno per poter far vivere in prima persona le emozioni che vivono gli altri (eventualmente anche qualcosa in più di una semplice emozione!) e che qualcuno (e meno male solo qualcuno) si ostina a giustificare: se ci pensate è come andare a Gardaland, guardi in tv la giostrina che provoca tantissime urla, saliscendi, emozioni... ma vuoi mettere andarci di persona a provarle? Prima di farci invadere, si deve sistemare l'Italia intera, da nord a sud, ci vuole il pugno di ferro contro chiunque non rispetti la legge e, guarda bene, i primi da sistemare sono quelli marci ai piani altissimi, poi si scende ai piani alti, successivamente ai medi alti e via fino al piano terra, nessuno sconto a nessuno! A quel punto, e solo a quel punto, si può valutare l'accesso a nuove risorse, ma limitatamente e solo se necessario: io personalmente (così come fanno i cosiddetti Paesi industrializzati) opterei più per l'alta specializzazione e quindi aprirei le porte solo a chi ha determinate caratteristiche (attenzione: le porte rimangono in ogni caso aperte a chi ha diritto allo status di profugo e/o richiedente asilo politico, se ben documentato e dimostrabile ovviamente, quindi non ditemi che sono razzista perché non tollero questa denominazione e accusa nei miei confronti). Ma possibile che nessuno voglia un biglietto in omaggio?
Aggredito capotreno - 17 Aprile 2018 - 14:05
Chiarimenti necessari!
Riprendo il mio post del 12/04/2018 ore 20:52, in modo tale di cercare di spiegare al mediatore internazionale quanto ho espresso: "il PIL pro capite 2016 del Mali è di 2.300 dollari.."; per definizione il PIL pro capite "è l'indicatore generalmente utilizzato per esprimere il livello di ricchezza per abitante prodotto da un territorio in un determinato periodo, consentendo di operare confronti tra aree di dimensione demografica diversa". Il reddito pro capite è "il rapporto tra reddito nazionale e numero di abitanti di un paese, indica il reddito medio di ciascun individuo di una nazione ed è impiegato per effettuare confronti tra differenti economie o diversi periodi, ed anche per valutare la dimensione potenziale di un mercato estero. Non sempre, però, esso è realmente un indicatore del tenore di vita di uno Stato. Ad esempio, il confronto fra paesi industrializzati e paesi del Terzo mondo sulla base del reddito pro-capite può risultare poco significativo, e ciò per diversi motivi: — le stime statistiche sul reddito e sulla produzione nei PVS (paesi in via di sviluppo) sono poco attendibili; — tali stime, anche se risultassero esatte, si riferiscono generalmente solo a quella parte della produzione che, passando per il mercato, riceve dal mercato stesso un prezzo, mentre nelle economie dei PVS (v.) una quota assai rilevante della ricchezza prodotta non è monetarizzata in quanto non passa per il mercato; — quando il reddito pro-capite è utilizzato per effettuare dei confronti internazionali tra paesi industrializzati e paesi emergenti, la riduzione dei dati nazionali ad un metro monetario comune implicherebbe il calcolo dei rapporti tra i poteri d'acquisto delle varie monete; ma poiché la composizione merceologica della produzione dei PVS è diversissima da quella dei paesi sviluppati, lo stesso concetto di rapporti tra poteri d'acquisto diventa incerto e inapplicabile; — ad un medesimo livello del reddito pro-capite possono corrispondere realtà economiche profondamente diverse; — i dati dei reddito pro-capite non dicono nulla sulla condizione dei ceti inferiori della popolazione dei paesi sottosviluppati, in cui esistono notevoli squilibri nella distribuzione del reddito nazionale. In genere, a fronte di una quota esigua della popolazione che assorbe una parte elevata del reddito nazionale, vi è una larga parte della popolazione che riceve un reddito appena sufficiente alla sussistenza (cfr. un po' dappertutto, per darvi maggior aiuto)". Se sei riuscito a leggere fino a qua sarei già contento, non ho mai parlato di reddito pro capite, sei tu che mi accusi di confondere le 2 cose con il post del 14/04/2018 ore 23:24 quindi hai creato una teoria tutta tua nei miei confronti, seguita a ruota dall'altro campanaro con l'infelice uscita del post del 17/04/2018 ore 8:03. Ed è proprio così che fate con la politica, vi inventate cose mai dette da altri e vi accanite su questa strada, cercando nuovi adepti che neanche loro sanno quello che sostengono di sapere. In ogni caso, visto la tenacia con cui vi accanite contro chi non la pensa come voi, vi invito ad andare nei quartieri periferici di Parigi ed in generale delle grosse città francesi, inglesi, svedesi, belghe, olandesi e di girare tranquilli come sostenete essere l'attuale situazione mondiale, dove non c'entra niente il discorso del colore della pelle, dove tutti vi ameranno per quello che siete e non per la religione che professate: fateci poi un report e diteci com'è il loro stile di vita tanto invidiato. Fateci sapere come sono le seconde, terze e quarte generazioni di quelle persone che sono arrivate sfuggendo a paurose guerre interne ai loro Paesi, di come ci ringraziano per quello che gli abbiamo dato, ma soprattutto... andateci con il biglietto di sola andata, lì troverete la vostra pace!
Aggredito capotreno - 16 Aprile 2018 - 13:49
Concludendo (...almeno per me!)
Concludendo, sono stufo, come milioni di altri italiani di essere invaso da nullafacenti da mantenere, quando la noistra economia è già al lumicino che siano neri, bianchi, rossi o gialli, stiamo subendo una vera invasione che non possiamo più permetterci di sostenere. Se e quando avremo creato le condizioni economiche idonee e dopo che anche l'ultimo degli italiani non sarà più disoccupato o costretto a vivere in condizioni miserevoil allora forse. e dico forse, potremo interessarci degli stranieri. Non siamo e non dobbiamo essere la Caritas dell'intero mondo.Se alcuni popoli sono nati e vivono in condizioni peggiori delle nostre, può magari anche spiacermi, ma non dobbiamo sentirci per questo in obbligo di soccorrerli tutti. Ad ognuno la sua sorte ed il suo destino.
Aggredito capotreno - 16 Aprile 2018 - 09:40
Re: Re: Re: Re: Re: esempio facile facile
Ciao robi difatti, tra dire cose bislacche o non dire nulla, meglio la seconda ipotesi....
Aggredito capotreno - 16 Aprile 2018 - 09:35
Re: Re: esempio facile facile
Ciao info appunto per questo scappano dalla miseria, guerra o no! Poi in tutto il mondo ci sono buoni e cattivi, non tutti quelli che arrivano da noi lo fanno per delinquere.
Presentazione Giro Rosa 2018 - 16 Aprile 2018 - 09:12
Re: Re: Re: Re: Sempre qui....
Ciao Anonimo o marco, in effetti, visto che sostieni che siamo ancora in campagna elettorale (del resto, come darti torto.....), questo dimostra che anche i fascisti non esistono più! Tornando al tema in questione, d'accordo che ci sono altre priorità rispetto alle piste ciclabili, però, se la nostra città non fosse adeguata, dopo la prima volta, non avrebbe più ospitato ed organizzato nulla qua, o no?
Zacchera: no alla fusione - 16 Aprile 2018 - 08:51
fusione Verbania/Cossogno
Non sono abitante nè di Verbania, nè di Cossogno, ma leggendo quanto scrive Zacchera mi stupisce molto la contraddizione tra il dire che si ritiengono necessarie le funsioni dei Comuni e poi sostenere che questa non si debba fare. Sorge immediata l'evidenza che questa non va bene perchè ad averla proposta è un'altra forza politica. Poco importa se è utile ai cittadini del piccolo paese, o no. Pretestuosi infatti sono le motivazione che Zacchera adduce. o tutti i piccoli Comuni o niente. In quanto ai commenti sulle scelte che devono partire da basso, concordo, nel momento in cui ai dibattiti che da tempo ruotano intorno alle fusioni, i cittadini si facciano carico di partecipare per ascoltare e discutere i pro e i contro alla fusione. Con il referendum comunque è il cittadino che prende la decisione. Ed incitare i cittadini a non partecipare al voto lo trovo proprio politicamente diseducativo. Dovremmo capire che bisogna dare il giusto rilievo alle fusioni, per le quali non c'è un'unica soluzione, ma tante e prima che davvero ci vengano calate dall'alto.
Aggredito capotreno - 15 Aprile 2018 - 17:48
Re: Bamako-Parigi via aereo
Ciao lupusinfabula anche tu...aiuto. allora,un cittadino di un qualsiasi stato africano,a maggior ragione se come dite voi non fugge da nulla,può muoversi e fare quel che vuole,come noi e chiunque altro. se un cittadino del Mali fosse libero di comprarsi un biglietto aereo per chissà dove,potrebbe farlo e muoversi con un visto turistico come tutti noi ,anche tu,ovunque andiamo. fino a qui lo capisci? il problema è che in Mali,come in tantissimi altri stati africani dei quali evidentemente nulla sapete,i cittadini NoN sono liberi perchè sottomessi a dittature più o meno esplicite,ecco perchè devono scappare in quei modi spaventosi che sappiamo. se fossero vere le BALLE che dite,che a casa loro si sta da Dio,starebbero là. nelle vostre testoline piccole piccole pensate che africano=clandestino,ovunque! ci sono stati africani dai quali non arriva nessuno,zero. pensate che da lì non vengano perchè i fannulloni "villeggianti" siano tutti concentrati in pochi stati?? non ci arrivate a capire che chi si avventura in una fuga così folle scappa da qualcosa di grave? altra obiezione assurda:arrivano solo maschi giovani. ma dai?! e chi deve tentare la sorte in quel modo folle,le donne e i bambini? il problema vostro è cromatico,siate onesti. il nero proprio non lo sopportate.
Aggredito capotreno - 14 Aprile 2018 - 20:52
Re: esempio facile facile
Dunque, fammi capire, il PIL pro capite 2016 del Mali è di 2.300 dollari, non serve andare oltre. Se venissero in aereo come turisti, sarebbero identificati già alla partenza e non potrebbero inventare di provenire da un Paese non in guerra o sotto dittatura e conseguente impossibilità di richiedere lo status di profugo, quindi di cosa stai parlando? Ti ricordo solo che lo status di rifugiato non viene concesso se mancano i requisiti previsti dalla legge (ti invito ad andarteli a leggere) e quando sussistono fondati motivi per ritenere che lo straniero costituisca un pericolo per la sicurezza dello Stato: non credi che ogni giorno ce ne siano di eventi simili? oltre a questi casi, lo straniero è escluso dallo status di rifugiato ove sussistono fondati motivi per ritenere che abbia commesso un crimine contro la pace, un crimine di guerra o un crimine contro l’umanità, che abbia commesso al di fuori del territorio italiano, prima di essere ammesso in qualità di richiedente la protezione internazionale, un reato grave, che si sia reso colpevole di atti contrari alle finalità e ai principi delle Nazioni Unite. Perciò se costoro avessero già commesso uno di questi reati nel reale Paese di provenienza (e non quello che dichiarano sui barconi o nei centri di accoglienza) sanno già di non avere alcun diritto: eccoti spiegato perché si sono organizzati a fare il viaggio di poche miglia in barca, poi arrivano le ong straniere che invece di portarseli nel loro Stato, ce li scaricano in Italia, poi le tue amiche Coop e Caritas varie ci lucrano sopra... lo so che questo passaggio non ti/vi è chiaro, ma è così. Non so se sto facendo la brutta figura che tu sostieni che io stia facendo. Comunque no problem, più si avanti così più si creeranno formazioni politiche estreme in tutta Europa per contrastare questo fenomeno che vi ostinate a definire "storico" ma che di storico non ha un bel niente!
Esposizione Internazionale Felina - 14 Aprile 2018 - 20:32
Delusione
Ma non dite fesserie. Sono stato oggi alle 14:30 circa non c’era nessuno. I Gatti saranno stati una decina a dir tanto. Rettilario carino ma niente di che. I gatti sembravano tutti narcotizzati. Belli per carità però mi aspettavo qualcosa di più. I miei di casa avrebbero fatto più bella figura. Manifestazione pessima. Mi spiace ma è la verità. o la fate con più gatti o non la fate più.
Aggredito capotreno - 14 Aprile 2018 - 18:23
esempio facile facile
facciamo un esempio facile facile,di quelli che tutti possono capire. un biglietto da Bamako (Mali,da dove arrivano tantissimi adesso) a Parigi costa intorno ai 300 euro,e con uno scalo si arriva a destinazione in 8-10 ore. quindi,secondo l'informatissimo info,questi "villeggianti" scelgono di spendere 4/5mila dollari e attraversare due deserti su camion stracacarichi o a piedi,e poi su un gommone il mare,rischiando di morire e mettendoci anche dei mesi,invece di un breve,sicuro ed economico viaggio in aereo. ma sempre secondo il nostro esperto di questioni internazionali,questa gente non scappa da guerre o dittature,e a casa loro sono liberi di fare quello che vogliono. è che a loro proprio piace di più rischiare la vita e buttare i soldi. io suggerirei a tutti,prima di dire fesserie sesquipedali,di informarsi un pochino. farete comunque brutte figure,ma un po' meno.
Aggredito capotreno - 14 Aprile 2018 - 15:59
Re: ossimoro
Ecco la risposta classica di una persona che non sa argomentare. Potrebbero partire con un biglietto aereo con visto turistico ma qualche organizzazione aveva già pensato a tutto ciò creando un pacchetto completo, non senza rischi pvviamente: ed ecco che le vostre amatissime ong erano pronte ad accogliere i turisti per caso a poche miglia dalla costa libica, non mi dirai che credi alla favola che erano lì per salvare vite umane e non perché si facevano un sacco di soldoni? Persino Minniti se n'era accorto ma solo perché si avvicinavano le elezioni e i consensi venivano sempre meno...che casualità! Ma la domanda è: solo i giovanotti baldi e muscolosi sono consapevoli che nei loro Paesi c'è una dittatura? Le donne, gli anziani e i bambini preferiscono subire e non scappare? Poveri che siete, davvero, con voi funziona il lavaggio del cervello... e comunque quale soluzione peopone il signorotto criticone Paolino? Tra l'altro scelgo il nickname che preferisco e non sei tu che deve dire o criticare la mia scelta, te capì?
Aggredito capotreno - 14 Aprile 2018 - 12:06
ossimoro
certo che tante castronerie tutte insieme non è facile leggerle. e scritte poi da uno che come nick si sceglie "info",che richiama a precisione e accuratezza... tralasciando la totale confusione geopolitica e l'assoluta ignoranza dei rudimenti giuridici minimi...ma a questo signore pieno di idee così chiare non è mai venuto in mente di chiedersi perchè,se come dice lui "i villeggianti" vivono in posti così paradisiaci e liberi,invece di pagare cifre esorbitanti e avventurarsi in viaggi pericolosissimi e lunghissimi,con sofferenze e privazioni e il rischio di lasciarci la pelle per venire qui,non si comprano un semplicissimo biglietto aereo (qualche centinaio di euro) e un bel visto turistico (se non ci sono guerre o dittature non c'è problema) per arrivare? ce lo spieghi dall'alto della sua perfetta conoscenza della situazione africana.grazie.
Alla Zamboni e al Passo del Moro la neve rasenta i quattro metri - 14 Aprile 2018 - 09:15
nessun stupore..
non devono stupire queste quantità di neve al Monte Moro,nella mia lunga vita sciistica e di soccorso ,sci ho visto l'antenna dell'allora Caserma di Finanza spuntare di pochi metri, e i racconti degli anziani dicevano che in piazza a Macugnaga si scavavano gallerie per accedere al negozi o alla farmacia ecc ,vuoi mai che si stia tornando ai veri inverni?
Aggredito capotreno - 13 Aprile 2018 - 15:11
Re: Re: C'è intesa!
Ciao SINISTRo Non fa fede il conflitto nei paesi di origine. Chi delinque in Italia va rispedito. Ad ogni costo. Svizzero o marocchino che sia.
Aggredito capotreno - 13 Aprile 2018 - 12:09
C'è intesa!
Quindi si è d'accordo sul fatto che chi è ospite (ci tengo a sottolineare che vengono mantenuti gratuitamente ma comunque e sempre con i nostri soldi) deve assolutamente rispettare le regole, le leggi e soprattutto rispettare noi, anche perché la maggioranza non ha diritto allo status di profugo: lo sappiamo tutti che chi scappa dal Marocco, dalla Tunisia, dal Senegal e/o dalla Nigeria, non scappa da nessuna guerra! Fatta questa premessa, chi beneficia di questo status di permanenza (che io definisco vacanza) sui nostri territori, sia in Italia che in Europa, spesso e volentieri se ne frega del nostro stato di diritto e pensa di poter fare quello che vuole, utilizzando come forma di reazione una violenza spropositata verso le nostre Istituzioni e/o coloro che devono far rispettare le regole e le leggi. Tradotto, significa che sanno benissimo che per salire sul treno e/o bus bisogna pagare il biglietto ma, sapendo altrettanto bene che qualche parte politica li difende a spada tratta in nome di un non esistente razzismo, se ne approfittano e reagiscono nelle maniere che tutti conosciamo: non avendo nulla da perdere e sicuri del fatto che, se anche dovessero commettere qualsiasi forma di reato, rimarranno impuniti, il giochetto è fatto. ora, io come tutti voi, non ci sto: ed è qui che il colore fa la differenza, ed è il colore politico. Se in Italia ogni partito fosse d'accordo su queste basi di civile convivenza, il problema non ci sarebbe nemmeno per gli italiani che commettono reati. Quindi, tu richiedente asilo, o ti comporti in maniera civile e rispetti le nostre regole (che ti piacciano o meno) e dimostri di essere grato al Paese che in teoria ti ha strappato da morte certa (e qui mi vien da ridere) altrimenti, appena commetti un reato (di qualsiasi gravità esso sia), vieni prelevato fisicamente e spedito nel Paese in cui tu stesso hai dichiarato provenire: i documenti che attestano la tua nazionalità te li creiamo noi e con il primo aereo atterrerai comodamente al primo aeroporto più vicino alla tua residenza. Non sono necessari accordi internazionali con alcun Paese, è l'Europa che semplicemente rimanda a casa dei turisti con l'impossibilità di tornarci per sempre! Semplice, no?
×
Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti