Il BLOG pubblico di Verbania: News, Notizie, eventi, curiosità, vco

onlus

Inserisci quello che vuoi cercare
onlus - nei post
“Pass….aggiando nel parco” - 20 Maggio 2017 - 13:01
Domenica 21 Maggio 2017 nuovo appuntamento all’interno dei Giardini Botanici di Villa Taranto per la rassegna “Pass….aggiando nel parco”.
Festival della Filantropia - 19 Maggio 2017 - 08:01
E' proprio a Verbania il primo appuntamento del 2017 del Festival della Filantropia, partito nel 2015 dal Teatro Litta di Milano e proseguito nel 2016 con le “tappe” di Bergamo e Bollate.
“Un pensiero senza peso” - 18 Maggio 2017 - 10:23
L’associazione Cuori di Donna Vco onlus organizza per venerdì 19 maggio alle 20,30 all’auditorium Sant’Anna di Pallanza a Verbania lo spettacolo teatrale “Un pensiero senza peso” di e con Cinzia Cirillo.
"Run For Parkinson" - 16 Maggio 2017 - 15:03
Mercoledì 17 maggio appuntamento a Domodossola con la conferenza "Tutela Giudiziaria della disabilità", mentre mercoledì 24 maggio 2017 dalle ore 16.00, appuntamento con "Run For Parkinson", il tutto a cura dell'Associazione Parkinsoniani VCO.
Nuova sede del Cantante della Solidarietà onlus - 16 Maggio 2017 - 11:27
In data 17 maggio, ore 16.00, sarà presentata in Corso Europa, 26 a Verbania la nuova sede del Cantante della Solidarietà onlus un nuovo punto di partenza che da continuazione ad una storia partita nel 1998.
Da A.P.R.I. un dono all'Oculistica - 16 Maggio 2017 - 10:23
L’Associazione A.P.R.I. onlus (Associazione Pro Retinopatici ed Ipovedenti) – sezioneprovinciale del VCO – ha acquistato un autorefrattometro portatile del valore di 6.700 Euro da donare in memoria di Luca Meneveri all’attività ambulatoriale di Oculistica dell’ASL VCO.
"Legni e tessuti di 2000 anni fa" - 12 Maggio 2017 - 16:08
Sabato 13 maggio 2017, presso il Civico Museo Archeologico di Mergozzo, dalle ore 17.00, si terrà l'incontro per il ciclo “L’eterno e l’effimero” dal titolo "Legni e tessuti di 2000 anni fa".
BimbInbici con BicincittàVCO - 5 Maggio 2017 - 13:01
L’Associazione BicincittàVCO invita a partecipare numerosi alle due iniziative in programma questo fine settimana, tra cui la tradizionale BIMBIMBICI.
Giro delle Contrade 2017 - 4 Maggio 2017 - 16:31
Andrà in scena venerdì 5 maggio 2017 la 16^ edizione del Giro delle Contrade, corsa podistica in occasione delle celebrazioni del Santo Patrono San Vittore.
"Un cuore per Michelle" - 1 Maggio 2017 - 13:01
L’associazione Cuori di Donna Vco onlus è impegnata in una nuova campagna per aiutare bimbi che si trovano in difficoltà. Dopo i “cuori” per Denise e per Fabio, ora sono in arrivo i Cuori per Michelle.
SOMS Intragna festeggia 125 anni e apre bottega - 29 Aprile 2017 - 10:23
La Società Operaia di Mutuo Soccorso di Intragna festeggia 125 anni di fondazione e regala ai soci… una bottega. L’inaugurazione domenica 30 aprile 2017.
Quatar Amis all'Usteria - 14 Aprile 2017 - 23:16
Sabato 16 aprile 2017 presso la Sala Teatro Ornavasso, si terrà la serata dal titolo Quatar Amis all'Usteria.
Metti una sera al cinema: per CineAbile "Sogna ragazzo" - 5 Aprile 2017 - 10:23
Grazie ad una proficua collaborazione con il Cinecircolo Socio Culturale Don Bosco di Verbania prosegue il percorso di sensibilizzazione sul tema della disabilità lanciato dal Consorzio dei Servizi Sociali del Verbano.
Giornata Mondiale di consapevolezza dell'autismo - 1 Aprile 2017 - 11:27
Angsa onlus VCO invita il 2 aprile 2017 presso la piazza Daniele Ranzoni di Intra alla Giornata Mondiale di consapevolezza dell'autismo! Ospite il "Cantante della Solidarietà" Salvatore Ranieri.
Uova di Pasqua Solidali - 28 Marzo 2017 - 15:03
Continua l’impegno di Cuori di Donna onlus per il progetto 100% SOLIDARIETA’ in favore della Medicina Territoriale del Vco, per l’acquisto di un software che permetterà alle infermiere di aggiornare in tempo reale le terapie dei pazienti che vengono seguiti presso le proprie abitazioni.
onlus - nei commenti
118 i dati di attività in Piemonte - 18 Dicembre 2016 - 16:07
x Gris
Solo per puntualizzare: quindi, secondo il suo punto di vista il problema di base è che io attaccherei i 7 stipendiati; ma ha letto bene ciò che ho scritto, perchè dalla sua risposta mi pare che lei abbia compreso ben poco; allora le chiedo: che mi dice di quei 5 dipendenti, 3 dei quali con famiglia, che hanno perso il lavoro perchè il cartello di quelle che lei definisce associazioni di volontariato, ha fatto una guerra spietata al titolare della società di servizi dove lavoravano, una società seria che pagava il dovuto e non camuffata da onlus per baypassare il regime fiscale), perchè, nonostante fosse un privato e come detto, pagava le tasse, aveva tariffe inferiori alle loro e quindi lo vedevano come un minaccioso concorrente (e questo sarebbe lo spirito del volontariato?), lo sa che alcuni di questi lavoratori sono ancora alla ricerca di un impiego e si stanno facendo aiutare dai famigliari a tirare avanti? Ah è vero, questi lavoratori non fanno testo perchè parte di una categoria inferiore. Inoltre, io non ho attaccato i lavoratori ma il sistema che fa girare una marea di denaro inutile, perchè il motto che vige, purtroppo, è, "mungiamo la vacca tanto pagano i pecoroni, cioè il POPOLO, che sanno solo brontolare ma poi stanno nell'angolo a cuccia". Un ultima cosa, forse le è sfuggito che io difendo il volontariato, quello vero non quello del business. Buona giornata anche a lei.
Furlan Responsabile Nazionale Protezione Civile S.O.G.IT - 5 Dicembre 2016 - 12:28
X Hans Axel
Mi auguro di darle dei dati x il suo buon sonno e la sua pace: Vede, il danno a me e ad alcuni miei ex collaboratori, lo avevano già creato con il battage mediatico su di una vicenda calunniosa senza fondamenti, che è stata imbastita a doc x mettere fuori gioco persone scomode come noi, che con il loro lavoro volontario stavano acquisendo troppi consensi e visibilità a scapito di qualcuno che invece aveva interessi personali (tutto circostanziato ed emerso negli atti d'appello). Deve anche sapere che il tutto è partito da una lettera anonima contro una onlus che presiedevo inviata alla procura, e questo la dice lunga sulla veridicità delle calunnie! Quindi, il fatto che la nostra estraneità ai fatti sia emersa ampiamente, fa notizia solo nelle pagine dei necrologi; capisco che questo può far perdere momenti di orgasmo a chi sputa fango, ma non è un mio problema.
Marchionini su Rete 4 a Verbania - VIDEO - 25 Novembre 2016 - 21:18
Dopo tanto tempo..
Ma come è possibile che chiunque provi a commentare negativamente contro questa indegna immigrazione clandestina (vi ricordo che fino a prova contraria, chi non ha acquisito lo status di profugo è di fatto un clandestino) viene assalito da questi catto-finto-buonisti/comunisti, definendoli di fatto populisti, xenofobi e razzisti? Di fronte ad un'invasione di massa come quella attuale, di sicuro non figlia di guerre ma semplicemente di comodo, come fate a tollerarla? Prescinde dal colore della pelle, fossero anche americani, russi o giapponesi ... non si può accettare questa situazione! Io vi faccio solo due conticini, e poi mi direte se stiamo accogliendoli per umanità o per interessi. Mi spiego meglio: ogni immigrato=35 euro al giorno, ogni 100 immigrati le cooperative e/o onlus della Caritas incassano la bellezza di 3.500 euro al giorno che, moltiplicati per 365 giorni (366 negli anni bisestili)=1.277.500 euro all'anno. Beh, a me (e non solo a me) viene il dubbio che forse qualche interesse c'è... o no? Se pensate che ogni mille immigrati ragioniamo sui 12.775.000 euro all'anno, e via dicendo (divertitevi a fare i calcoli con i multipli di dieci), possibile che non vi viene il dubbio che si tratta solo di business? E' normale che chiunque tenti di raccontare le cose come stanno viene taciuto definendolo razzista e balle del genere. Senza calcolare i costi insostenibili relativi a sanità, sicurezza e istruzione, che stiamo pagando tutti noi cittadini. Come mai nessuna trasmissione televisiva, viste le critiche a rete 4, non propone servizi a favore di questa "giusta "immigrazione? Rispondo io: perchè non è fattibile, non ci sono le condizioni, non rappresenta la realtà. Il problema non sono solo questi stranieri ma gli italiani che li difendono a tutti i costi, anche di fronte ai fatti di Arizzano e di Torino. Sig.ra Marchionini, io credo che lei non sia andata perchè non aveva materiale sul quale ragionare, avrebbe fatto un autogol clamoroso.
Tompoma: con il crowdfunding lavoro per Emergency - 31 Marzo 2016 - 10:16
Forza Tompoma!
Potrei non essere d'accordo con Brignone su un sacco di cose, su molte altre sono invece pienamente d'accordo. Ma accusarlo di pubblicità occulta è cosa ridicola! E' da sostenere l'idea imprenditoriale delle Tompoma e l'idea di "marketing" (notare le virgolette) di supportare Emergency, che è sì una onlus miliardaria, ma lo è anche per il sapiente uso di tecniche manageriali, quello che manca alla maggior parte degli imprenditori italiani (sui locali, in media, stendo un velo pietoso!) Saluti e in in bocca al lupo Renato! Maurilio
Saldi dal 5 gennaio - 4 Gennaio 2016 - 12:14
HAVF 2
...i negozi non sono delle onlus......se fino a due gg fa il prezzo era 100,come fa ad essere 30 adesso?......piuttosto restituisco al fornitore...se non ci guadagno...........poi,visto che mi hai stuzzicato,gentile HAVF,sai che esistono ''strutture'',le chiamo cosi',dove si compera ''merce da saldi''?..............io ,dal pomino,sono sceso da un pezzo....................oggi ho una coscienza sociale un poco piu' sviluppata...e certe cose mi danno fastidio...tutto li'. Poi...ai clienti possiamo raccontare tutto quello che vogliamo....diceva un vecchio adagio...''ogni giorno nasce un cucco...beato chi lo cucca''........ciao
Comitato Insieme per Sant'Anna materiale per Squadra Nautica di Salvamento - 3 Dicembre 2015 - 06:43
Donazioni materiale
Tutte le iniziative atte a donare un qualcosa sono da ammirare e plaudire, il fatto è che bisogna sempre vedere cosa e a chi donare. Nel caso specifico ritengo che il Presidente del Comitato insieme per S. Anna, che sicuramente in buona fede ha dato il via all'iniziativa per amicizia con qualcuno che è all'interno di questa società; avrebbe dovuto prendere un po più di informazioni sullo status di queste pseudo .......... che si definiscono associazioni di volontariato, ma che di fatto sono invece delle società camuffate che del volontariato beneficiano solo delle agevolazioni fiscali (legge 266/91 e Decreto onlus), che fanno della sana attività d'impresa con tanto di partita iva e codice fiscale, con all'interno fior di stipendiati che fanno ore su ore per coprire turni, regolarmente pagati tramite le convenzioni dalla ASL, quindi dalla popolazione. Pensate sia tutto qui? no c'è dell'altro: si fanno donare i mezzi e li mettono come costi in ammortamento alla ASL facendoseli pagare come nuovi in 8 anni; sempre sui rimborsi di costi in ammortamento ci mettono pure le divise di tutto il personale (stipendiato e volontario), come pure la patente nautica, il materiale utilizzato per svolgere la loro attività e tutte le assicurazioni (mezzi e volontari), l'affitto della sede, le manutenzioni mezzi, il carburante, ecc. ecc., quindi tutto rigorosamente pagato dal popolo, si perchè la ASL gli eroga poco meno di €. 300.000 all'anno, oblazioni e raccolte fondi a parte. Penso che qualsiasi società seria farebbe salti mortali per poter avere un giro d'affari così. Qualche anno fa un cittadino verbanese ha cercato di aprire una regolare società e dare un servizio come il loro a pagamento (che di fatto è identico al loro con la differenza che lui no aveva agevolazioni e pagava le tasse), sapete com'è finito? HA DOVUTO CHIUDERE, PERCHE' QUELLE CHE SI DEFINISCONO ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO DI QUESTA CITTA', HANNO FATTO CARTELLO INIZIANDO CONTRO DI LUI UNA GUERRA SPIETATA. Ora, fate il riepilogo di quanto sopra e un breve conteggio, alla fine tirate le somme e chiedetevi: MA COME FANNO A DEFINIRSI ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO!!! Mi dispiace solo per chi gli crede ancora!!!
Parte la campagna di reclutamento della squadra Nautica di Salvamento - 20 Settembre 2015 - 10:29
X Giovanni e Mirko
Non penso ci sia molto da spiegare tranne il fatto che una vera associazione di volontariato (Legge 266/91), dovrebbe nascere e crescere per fare del puro volontariato portando a casa solo le risorse per sopravvivere, non trasformarsi radicalmente a scapito del popolo (si perchè tutto quello che incassano, anche in eccesso, lo pagano i cittadini). Questo purtroppo è successo alle associazioni poco serie dopo l'avvento delle convenzioni dirette con le strutture Pubbliche, per l'appetibile indotto economico che gira attorno ad esse (ad esempio soldi che le ASL danno per mantenere: tutte le spese riguardanti i mezzi, gli stipendiati, le patenti e/o brevetti vari, ecc. ecc.; addirittura si fanno regalare dalle Fondazioni e/o da privati le ambulanze e le mettono in ammortamento facendosele ripagare per nuove, agli Enti con i quali hanno convenzioni), come dire, si trasformate in vere e proprie attività d'impresa con tanto di partita iva, ma rimanendo camuffate da associazioni onlus per beneficiare delle agevolazioni fiscali; ditemi, cos'altro c'è da aggiungere? per semplificare: è come portare ad esempio i parlamentari grillini che si sono dati una regola sugli stipendi, alcuni hanno accettato per entrare in parlamento poi, hanno seguito il flusso del dio denaro lasciando il movimento; come definireste questi soggetti? Il vero Volontariato con la V maiuscola aiuta tutti, in particolare gli indigenti anche a gratis, e non a suon di tariffe chilometriche per effettuare i trasporti per visite ospedaliere che farebbero arrossire il più tenace ed esoso dei taxisti.
Trobaso in Rosa - Fotogallery - 30 Maggio 2015 - 23:51
Trattasi di Verbania.
Cara signora Marcella, io non ho precisato se parlavo di Trobaso, ma intendevo Verbania tutta. E come ho già avuto occasione di dire, io non parteciperò mai a pulizie collettive, ed unicamente per una questione di principio = Quel tipo di intervento lo deve fare il comune, non noi cittadini, visto che paghiamo le relative tasse. Ed in quello che dico non c'è alcun riferimento di parte politica, ma solo di logica civile. Se lei è felice di essere disponibile a ripulire il suo territorio, ovviamente è libera di farlo, come io sono libero di non farlo. Sempre per lo stesso principio personamente sono contrario alle innumerevoli forme di associazioni onlus, che hanno abituato le istituzioni a delegare loro per i molteplici interventi di carattere sociale, e questo preoccupante fenomeno è in costante aumento.
Posate le fioriere al posto della roggia - FOTO - 14 Aprile 2015 - 12:39
onlus
ma Andrè scherza o cosa? cosa pensa,che RCS organizzi il giro per filantropia? non è una onlus,è una società quotata in borsa che capitalizza tre quarti di miliardo di euro,e non se la passa nemmeno benissimo. e vive se fa utili,le aziende funzionano così.
Canile di Verbania: immobilismo del comune - 12 Marzo 2015 - 14:33
La risposta dei volontari al sindaco
COMUNICATO STAMPA I VOLONTARI del Canile/Rifugio del Cane di Verbania esprimono la loro PROFONDA INDIGNAZIONE per quanto dichiarato dal sindaco Marchionini e pubblicato sull’edizione di “Eco Risveglio” dell’ 11 marzo e ribadiscono, contrariamente alle affermazioni NON VERITIERE e oltraggiose proferite dal sindaco, la loro netta OPPOSIZIONE al trasferimento di alcuni cani presso il canile di Omegna. I volontari che erano presenti in canile durante la “visita” effettuata dal personale del canile di Omegna hanno espresso apertamente alla dottoressa Martini la loro ASSOLUTA CONTRARIETA’ al possibile trasferimento dei cani in quanto motivo di destabilizzazione e stress per gli stessi, accuditi con amore e dedizione dai dipendenti e dai volontari, i quali hanno sempre dimostrato (numeri delle adozioni alla mano) il grande impegno nel trovare una famiglia agli ospiti del canile e che l’impegno deve essere volto alle adozioni e non al trasferimento presso altro canile. L’insensatezza e l’assurdità della proposta sono provate dal fatto che sul sito web del canile di Omegna compaiono ben quarantadue cani in cerca di adozione, non si comprende quindi la ragione del progetto. Si rammenta inoltre che l’Associazione Amici degli Animali onlus vanta una ben più lunga esperienza, tale da non necessitare di consigli da parte dei colleghi di Omegna. Si precisa che, mentre il canile di Verbania si è aggiudicata la classificazione a “tre stelle” dalla Regione Piemonte, il canile di Omegna risultava “inclassificabile”. Si precisa inoltre che presso il canile comunale/rifugio del cane risultano presenti cinquanta cani e non più di sessanta, come affermato dal sindaco, il quale ha fornito DATI ERRATI, non è dato sapere attinti da quale fonte. I volontari del canile
La Coppia di Gravellona ha trovato casa - 8 Marzo 2015 - 15:56
DIRITTO ALLA CASA.....SANCITO E NON GARANTITO!
MI HA COLPITO SAPERE CHE ALCUNI NOSTRI CONCITTADINI PRESTINO AIUTO AD ALTRI, SENZA DOVER PRENDERE UN VOLO INTERCONTINENTALE, SENZA DOVER INVIARE UN SMS, SENZA TITOLO DI APPARTENENZA AD UNA DELLE TANTE onlus..... UN PUNTO DI PARTENZA PER INCOMINCIARE AD ESSERE SOLIDALI, IN PRIMIS, TRA NOI VERBANESI......TUTTI FIGLI DI QUELLA VERBANIA FLORIDA, QUANDO LA MONTEDISON,CARTIERE,BIALETTI,LAGOSTINA ETC..... CI FACEVANO VIVERE DIGNITOSAMENTE.....IN POCHI DECENNI TUTTO E' CAMBIATO. QUANTE STORIE SIMILI A QUELLE DI MARA RADAELLI CI SONO E CI SARANNO..... QUANDO BUSSARE ALLE PORTE DELLE ISTITUZIONI PUBBLICHE E RELIGIOSE DIVENTA UMILIANTE, DALL'ALTRA PARTE SAPERE CHE PROFESSIONISTI COME L'AVVOCATESSA LOREDANA BRIZIO, LA CONSILIERA STEFANI MINORE (PUR NON CONDIVIDENDO LA SUA APPARTENENZA POLITICA) E SEMPLICI CITTADINI, RIESCONO CON POCO O TANTO A RESTITUIRE DIGNITA' E SPERANZA......EH SI' FA PROPRIO NOVELLA!!! NO NOTIZIA.
Coppia di quarantenni di Gravellona senza casa e lavoro - 31 Gennaio 2015 - 08:57
Povera gente
Sono molto triste nel leggere questo articolo, nello stesso tempo però mi infervoro pesantemente contro quelle pseudo società camuffate da associazioni di volontariato (si costituiscono e si definiscono così solo per avere agevolazioni fiscali come onlus anche se poi sono delle vere e proprie attività d'impresa), che come principi fondamentali delle loro "associazioni", dovrebbero propendere innanzitutto sull'aiuto verso chi è più bisognoso; ma anche verso un governo incapace, malato solo di avidità esclusiva a lor pro, che se ne frega dei reali bisogni e delle difficoltà del proprio popolo, capace solo di buttare fumo negli occhi con del falso buonismo verso una smisurata e incontrollata immigrazione clandestina, naturalmente tutto rigorosamente sulle spalle del popolo! Posso solo offrire a questa coppia di nostri sfortunati connazionali, la disponibilità, se occorresse, di qualche mio volontario (questi lo sono realmente perchè lavorano a gratis per i bisognosi), per eventuali trasporti per visite; purtroppo, investendo gran parte dei fondi sulla povertà siamo sempre a corto di risorse, risorse tutte rigorosamente uscite dai nostri risparmi. Chiedo scusa di queste ultime frasi, perchè uno che fa volontariato lo fa spontaneamente senza pubblicizzarlo e senza apparire, ma in questo specifico caso ho proprio voluto sottolinearlo per far capire la differenza! Concludo con l'augurio che queste due persone, come tante altre nelle loro condizioni, possano realmente trovare tanto aiuto e tanta solidarietà!
I numeri della Squadra Nautica di Salvamento nel 2014 - 24 Gennaio 2015 - 00:13
I numeri
certo i numeri sono belli, quando poi se ne scrivono tanti e lunghi fanno una scena della m.....a, i numeri però servono principalmente per tracciare dei bilanci; in questo caso come mai non si mette, oltre al numero degli interventi, la cifra di quanto questi servizi sono costati al popolo in un anno???? (se non erro poco meno di €. 200.000); ma non è finita, perché oltre a questa "associazione/società/organizzazione", c'è da aggiungere, sempre sulle spalle del popolo, il costo di tutte le altre realtà analoghe presenti sul territorio, e vi garantisco non sono bruscolini; chiedete alla ASL quanto gli costano all'anno tutte queste attività d'impresa vestite da associazioni/onlus! Qualche anno fa un privato di Verbania ha cercato di mettere in piedi una regolare società di soccorso, con macchine e ambulanze (la stand by), bene, queste pseudo associazioni hanno fatto cartello in modo tale da non lasciargli alcun spazio di lavoro; alla fine, rassegnato, ha portato i suoi mezzi e il suo personale in provincia di Vercelli, dove tutt'ora lavora. E meno male che tutte queste realtà si defiscono di volontariato, che equivarrebbe a solidarietà; ma fatemi il piacere!
I gestori della spiaggia Beata Giovannina rescindono il contratto - 7 Gennaio 2015 - 23:11
X Beata
Appago la sua curiosità: non faccio più parte della SNS dal 29 dicembre 1999, decisi di dare le dimissioni dopo che il consiglio di allora mi mise in minoranza perché non volevo che entrassero gli stipendiati in quella associazione, in quanto era stata creata per fare solo del volontariato. Infatti, come avevo previsto, oggi si vede come funzionano queste nuove realtà imprenditoriali camuffate e quanto costano all'intera collettività; fatturano le loro prestazioni come normali società di servizi ma poi di fatto beneficiano di agevolazioni fiscali perché sulle carte costitutive risultano onlus. Se mi è permesso, una considerazione: al di là della semplice curiosità, non trovo alcun nesso sul fatto che: nel 1987 sono stato fondatore, per 12 anni ne sono stato presidente e poi anche volontario della squadra nautica, coi commenti da me fatti sulla spiaggia della Beata, questa però, Giovannina! Mi sono sentito di esprimere dei commenti sulla questione solo per il fatto che sono un tecnico di questo settore; oltre ad essere un maestro nazionale di salvamento, dalla metà dello scorso anno sono uno dei tre coordinatori nazionali del settore Protezione Civile della F.I.N.; quindi, anche se non condiviso, ritengo di aver dato alcune utili indicazioni costruttive!
Banchetto natalizio della Squadra Nautica Salvamento - 23 Dicembre 2014 - 01:20
x il signor presidente Dario
Caro signor presidente, forse le è sfuggito che in tutte le righe del mio precedente commento non ho assolutamente fatto alcun attacco o accusa ai volontari, anche perchè ho dedicato più della metà della mia vita a portare avanti questa missione; la mia critica generica era destinata a tutte quelle pseudo attività d'impresa camuffate da associazioni/onlus. Si è mai chiesto come mai una volta (circa 25/30 anni fa), le attività assistenziali (associazioni di soccorso), in particolare di questa città, erano formate da soli volontari e riuscivano benissimo a sostenere tutte le spese di gestione, mentre oggi, con la bella trovata di mescolare volontari con stipendiati, fanno fatica addirittura a coprire i turni 118, facendo fare degli orari agli stipendiati di 24 ore continuate di servizio, azioni queste passibili di denuncia all'ispettorato del lavoro, non ci crede? lo chiede ai suoi dipendenti quando a mezza voce si lamentano di questo inqualificabile sistema!! Vogliamo poi parlare di quante volte alle attuali "cosiddette associazioni", gli vengono chiesti dei semplici servizi da espletare nei confronti di persone indigenti, le do io la risposta, nell'85% dei casi la risposta è negativa con la scusa che c'è solo l'equipaggio per il 118 o per le chiamate dirette dell'asl per trasferimenti, TUTTI QUESTI, SERVIZI RIGOROSAMENTE A PAGAMENTO!! Leggendo bene il mio precedente commento compare anche il passaggio che parla anche dell'esistenza delle associazioni di volontariato, quelle vere no profit, che i denari che incassano li spendono per le sole spese vive di gestione e per aiutare i bisognosi, non solo per la salute ma anche per le condizioni economiche. Le garantisco inoltre, che quanto scritto nel precedente e in questo commento, non sono frutto di farneticazioni ma di dati ben precisi. Conosco perfettamente il significato delle parole: fare il volontario e fare volontariato, è dare il proprio tempo libero facendo attività di assistenza e soccorso verso il prossimo e, senza ombra di equivoci, NON REMUNERATO. Quindi, non mi racconti la favola de buon samaritano perchè in questo contesto proprio non ci azzecca!
×
Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti