Il BLOG pubblico di Verbania: News, Notizie, eventi, curiosità, vco

pescatori

Inserisci quello che vuoi cercare
pescatori - nei post
VerbaniaArte: Marianne Werefkin la "nonna" di Ascona - 16 Novembre 2016 - 15:03
In attesa di altre mostre interessanti sulle sponde del Verbano, oltre a quelle già segnalate in Italia e in Svizzera, eccomi a raccontarvi di un piccolo “gioiello” espositivo… Si tratta della mostra allestita da Artrust - azienda che commercializza vini raffinati e capolavori d’arte - nei propri spazi di Melano (CH), sul Lago di Lugano.
Lisbona Istanbul in bicicletta - 2 Novembre 2016 - 15:03
L'avventuriero Tom Cooks, trentenne di Verbania, sta attraversando in bicicletta la costa nord del Mediterraneo per esplorare il cibo locale, collezionando 3 ricette tradizionali in ciascuna delle 14 nazioni che attraverserà.
Nuove iniziative pro terremotati: raccolti a Cannobio oltre 2.000 euro - 22 Settembre 2016 - 10:23
Nuove iniziative in Valle Cannobina e nei comuni dell’Unione del Lago Maggiore. Continuano le manifestazioni di solidarietà per le popolazioni terremotate. Sabato 17 settembre presso l’oratorio “don Silvio Gallotti” sono stati raccolti 2.363 euro nel pranzo nell’evento “un’amatriciana per amatrice” per le vittime del sisma.
Guardia Costiera: bilancio stagione 2016 - 19 Settembre 2016 - 09:16
E’ giunta al termine l’attività istituzionale di ricerca e soccorso sul bacino lacustre del lago Maggiore dalla Guardia Costiera di Genova, che iniziata il 01/07/2016 si è conclusa il 15/09/20163.
Siccità: mancanza acqua e rischio incendi nel Parco ValGrande - 13 Settembre 2016 - 15:03
Per mercoledì notte e giovedì mattina sono previsti temporali e piogge intense, ma la prolungata assenza di precipitazioni ha iniziato ad avere effetti negativi in Val Grande.
Swimrun Cheers - sport, birra artigianale e gastronomia - 26 Agosto 2016 - 09:16
SWIMRUN CHEERS: un percorso che unisce sport, birra artigianale e cibo di qualità. Il 27 agosto gara, degustazioni birre artigianali e street food Carlo Tacchini – finalista a Rio 2016 nella canoa olimpica – pagaierà nell’ultima frazione SWIM
Sapori di Lago - 10a Edizione - 18 Agosto 2016 - 16:03
"Sapori di Lago", una rassegna enogastronomica che nasce dall'unità di molteplici soggetti, da una proficua collaborazione e dalla volontà di promuovere e comunicare il territorio e i suoi sapori. I cuochi, i pescatori, i negozianti, i ristoratori, le autorità e le associazioni hanno saputo fare sistema, sostenendo l'iniziativa e valorizzando al contempo i nostri Laghi e il territorio.
Work4You: Lavoro giovanile in agricoltura, il bando "Nuovi Fattori di Successo". - 19 Luglio 2016 - 08:30
Nel mercato del lavoro si sta facendo strada una nuova generazione di contadini, allevatori, pescatori e pastori che costituiscono uno dei principali propulsori di crescita del settore agroalimentare italiano.
La Grande Pesciolata - 8 Luglio 2016 - 21:08
L'associazione pescatori dilettanti di Mergozzo, col patrocinio del Comune di Mergozzo, organizza, nei giorni 9 dalle ore 17 alle 23 e 10 luglio 2016 - dalle ore 12 alle 15 e dalle ore 17 alle 23 presso il lungo lago, "La Grande Pesciolata".
Verbania documenti: "Ul Magiur di Quatar Sass" - 2 Giugno 2016 - 11:27
Riceviamo e pubblichiamo, un contributo di verbania documenti per il progetto de "La Città operaia", il capitolo conclusivo dell'individuazione delle eccellenze dal rione San Bernardino, "Ul Magiur di Quatar Sass".
Museo della Pesca all'Isola pescatori - 10 Maggio 2016 - 19:29
All'Isola pescatori è stato inaugurato, sabato 7 maggio, il Piccolo Museo della Pesca. La caratteristica esposizione è stata ricavata all'interno del locale, di proprietà comunale, ex-sede della Scuola elementare e casa del musicista Ugo Ara.
Pesca nel Parco: in distribuzione i tesserini - 25 Marzo 2016 - 13:01
I "Tesserini per l'esercizio della pesca" sono disponibili presso la sede operativa del Parco e i Comandi Stazione del CTA/CFS di Colloro e Santa Maria Maggiore (il Comando Stazione di Rovegro è temporaneamente chiuso per lavori), come da Regolamento approvato con Decreto del Presidente del Parco n. 5 del 20.03.2013.
Da Nessie a Maggie, il mostro del Lago Maggiore - 20 Marzo 2016 - 10:23
Mentre uno specialista romagnolo giura di averlo visto e toccato, la gente del posto si compiace: "se fa parlare del nostro Lago, ben venga!" .
Rinviata la Sfilata di Carnevale - 7 Febbraio 2016 - 10:38
Hanno sperato fino all'ultimo gli organizzatori, ma il meteo non è cambiato, e la pioggia attesa da mesi si è presentata sul Verbano proprio oggi giorno della sfilata di Carnevale.
Verbania documenti: "Ul Magiur di Quatar Sass" - 2 Gennaio 2016 - 15:03
Verbania documenti (VB/doc) invia il quarto capitolo della narrazione sulle eccellenze di Verbania in previsione di un secondo convegno, a gennaio, al Circolo Zappelli per la valutazione del progetto di ristrutturazione di piazza Fratelli Bandiera.
pescatori - nei commenti
Da Nessie a Maggie, il mostro del Lago Maggiore - 21 Marzo 2016 - 09:45
?????
caro Marco come ti capisco..niente polli, niente mucche, niente conigli niente di niente si può vivere anche senza carne,per quanto attiene alla pesca chi te lo ha detto che tutti i pescatori uccidono i pesci,molti di noi pescano e ributtano il pescato,è solo uno sport...ma ci sarebbe da discutere a lungo buona giornata
Da Nessie a Maggie, il mostro del Lago Maggiore - 20 Marzo 2016 - 12:48
Quasi quasi
Quasi quasi vado a tirar giù dal solaio ( dove le ho messe a malincuore qualche anno fa) la tirlindana con i pesciolini di acciaio inox per le trote e la cavedanera: chissà mai che..... finalmente si riesca a pesacre ancora qualcosa in questo lago che a noi pescatori negli anni ante depuratori ha sempre dato grandi soddisfazioni e momenti di puro divertimento mentre ora pare di pescare in mezzo al bosco!
ODG per Giulo Regeni - 4 Marzo 2016 - 12:26
Re: %
La vicenda è estremamente controversa dal punto vista giuridico e sulla corretta riscostruzione dei fatti. Mi va bene come sono trattati i due italiani in India? I marò non hanno conosciuto fino a questo momento il carcere. Sono stati prima in un residence dove cnsumano pasti che costavano una mesata di salrio di un lavoratore indiano e per poi finire comodamente nei locali dell'ambsciata. Hanno avuto anche tanti permessi per ritornare i patria. Trattamento inumano e crudele. Ricordo che il popolo indiano si è visto trucidare due pacifici pescatori. Consideriamo che il popolo indiano si è visto trucidare dei pacifici pescatori.
ODG per Giulo Regeni - 4 Marzo 2016 - 10:53
si
Invece li tiro fuori, perchè per chi vuole mandare sulla forca i Maro', quelli sono esempi. I pescatori non si sono sucidati certo, ma i Maro' non sono certo degli sprovveduti o militari di leva alla prima settimana che si mettono a sparare alla prima cosa che si muove. Ed è anche facile, se si vuole pensare male, gettare le armi in mare da una barca e dichiararsi poi pescatori. Se si dovessero vedere degli individui alle 3 di notte nel giardino di casa è meglio non sparare, quelli potrebbero essere dei giardinieri e non ladri
ODG per Giulo Regeni - 4 Marzo 2016 - 10:43
Re: si
Ciao Max Lavecchia errore????? spesso il piu grande esercito esportatore di democrazia nel mondo compie errori di questo tipo... oppure abbattono involontariamente funivie ... Per i marò ci vuol far credere che i pescatori si sono suicidati ??? Per quanto riguarda l'ultima frase... lasci in pace i morti e quello che successe a Genova ...non tiri fuori discorsi che non centrano nulla .
ODG per Giulo Regeni - 4 Marzo 2016 - 10:22
si
Calipari è stato ucciso per errore mentre stava portando in salvo una persona che, dopo aver scritto e sparlato una vita sul proprio Stato, è stata salvata dallo Stesso nel momento del reale bisogno. I maro' prestavano servizio come difesa antipirateria in una zona infestata da predoni, ogni perizia balistica seria li scagiona, e non si sono certo messi a fare il tiro al piccione su dei pescatori Certo forse è meglio santificare chi prende a sprangate e lancia estintori nei Defender dei Carabinieri, quelli sono gli esempi e la meglio gioventu' italiana
ODG per Giulo Regeni - 3 Marzo 2016 - 23:56
Re: si
Ciao lady oscar Hai ragione... in effetti ci avevo pensato anche io a fare un odg sui maro per chiedere quali erano le regole di ingaggio che avevsno per poter sparare e ammazzare dei pescatori.....
Lavori di restauro all'Isola Bella - 8 Settembre 2015 - 23:00
pesca
3000€ all anno. Per pescatori professionisti ( ce ne sono ancora?) per i dilettanti ci si rivolge in provincia....ma gli €€€€ indovinate a chi vanno?
Lavori di restauro all'Isola Bella - 8 Settembre 2015 - 20:04
per HAvF
E' il balzello che pescatori dilettanti (con la tessera FIPAS) e professionisti (con le apposite concessioni) ancor oggi pagano ai Borromeo per poter pescare nel Lago Maggiore: se ne vuoi sapere di più basta che vai in internet.
Sei di Verbania se .... - 5 Settembre 2015 - 16:30
Amarcord Suna
Ho dei bellissimi ricordi di Suna avendo vissuto i miei primi otto anni e mezzo di vita,ed esattamente dal settembre 1948 al febbraio del 1957.I miei primi ricordi sono quelli dell'asilo infantile : Suor Luisa, suor Maria e la superiora di cui non ricordo il nome.Di suor Maria ricordo la sua dolcezza e comprensione nonostante io ed altri miei compagni fossimo un po' troppo vivaci ,ma soprattutto il suo viso molto carino e materno che ci rassicurava.Abitando in via dei Partigiani , allora molto frequentata,non c'era da annoiarsi. Molti erano i bambini coi quali giocavo:Adriano,Renato,Pierangelo,Flavio e Nives che mi graffiava regolarmente in quanto sosteneva che le facessi un po' di dispetti. La zona del Monterosso andando verso Cavandone era una delle nostre mete preferite per giocare e se devo dire la verità utilizzando a volte fionde e archi costruiti con i telai di vecchi ombrelli,col rischio di farsi seriamente male.Poi c'erano i ragazzi più grandi di noi che cercavamo di imitare osservandoli nei loro comportamenti non sempre positivi. C'era Ettore un amico di mio fratello Cesare,un ragazzo di 17 o 18 anni che era un po' turbolento ma buono d'animo; Roberto che gli piaceva fare i dispetti a Don Rino col beneplacito di mio fratello e col vizietto di tracannare un po' di vino;Giuliano che si divertiva ad usare i famosi sandolini abbandonati dall'esercito americano sulle spiagge di Suna, che erano delle piccole imbarcazioni che assomigliavano vagamente alle nostre canoe jole ; poi c'era Pollini un fanatico della pesca in quanto proveniva da famiglia di pescatori famosa in tutta Suna che portava mio fratello in barca. Altri personaggi a volte caratteristici che ricordo: Remigio,un uomo già abbastanza anziano e sordomuto che abitava di fronte a casa mia e che viveva in un locale di una vecchia casa fatiscente,come tante altre case di quel tempo, assieme alle sue capre.Vivacchiava vendendo un po' di frutta e verdura e qualche bottiglia di vino ed ogni tanto chiedeva a mio padre se la guerra fosse finita in quanto non potendo socializzare molto ed essendo analfabeta viveva in un mondo tutto suo.Poi c'era Mentina,una signora di mezza età che gridava spesso,ma forse era il suo modo di esprimersi, nervosa e bizzarra che ogni tanto veniva ricoverata a Novara al centro neuro psichiatrico.Ricordo anche Mazzola un commerciante di generi alimentari che aveva un figlio col quale ogni tanto giocavo;Lomazzi un capomastro edile ,un uomo sempre indaffarato padre di tre figli;Benvegnù un commerciante di frutta e verdura col figlio Claudio,morti entrambi in un incidente stradale negli anni settanta;il Dott.Garzoli con la sua vecchia balilla che rigava regolarmente contro il muro quando imboccava la via in cui abitavo.C'era poi Elena una ragazzotta robusta col viso bianco e rosso che abitava in via Brofferio che tuttti i giorni andava a riempire due secchi d'acqua in una delle fontane di via Partigiani;Giannina di origine veneta che andò a farsi suora che era ancora ragazza; Il postino con il viso sempre allegro e paonazzo; il farmacista che con la sua aria seriosa mi metteva soggezione e Adriana che commerciava in maglie di lana e cotone che diventò anni dopo suocera di Alberto ,un mio carissimo amico che abitava nei pressi del cimitero di Suna e che suo padre faceva il carrettiere in tutta Verbania, un mestiere allora abbastanza diffuso.Non posso poi dimenticare il famoso colonnello Galli ,un ufficiale in pensione di circa 75-80 anni,un vero e proprio signore che faceva il galante con tutte le donne del paese.Termino ricordando le mie prime maestre delle scuole elementari che sono: Flora Ciambellini allora molto giovane e carina della quale forse mi ero per così dire innamorato e la maestra di 2° elementare Maria Farina che ebbi sino in terza in quanto poi mi traserii a Pallanza con la famiglia.
Da Cuori di Donna materiale scolastico per i minori migranti - 2 Settembre 2015 - 11:29
hans
che ci vuoi fare ? nella mia ignoranza aspetto sempre che persone come te mi illuminino con il loro sapere .... se non ti sta bene il mio commento .. togli la frase .. sotto colpi di un mortaio e sgozzati... cambia qualcosa? non sono sempre ragazzini che siano rifugiati di guerra o migranti? la fame non è una guerra ? non è violenza la mancanza di acqua e cibo? non è guerra economica fatta dalle multinazionali del cibo ? lo sfruttamento dei paesi europei delle risorse dei paesi africani non è una guerra ? la vendita di armi alle varie fazioni ... ? quando una multinazionale europea si arroga il diritto di pesca davanti alle coste del Senegal cacciando i pescatori locali che cosa è?
Zacchera: "Da Fiumicino agli Agoni" - 19 Luglio 2015 - 09:33
Mi perdoni......
ma questo l' ha scritto lei: " i pescatori professionisti che peraltro catturano di solito coregoni, pesci che sono solo minimamente pescabili con la canna." Io mi riferivo a quello. La mia sensazione è che a lei non si possano muovere critiche, io non sostengo che lei sia in malafede, ci mancherebbe, semplicemente che a volte sbaglia, ultimamente ha sbagliato un pò troppo, anche io a volte sbaglio, il problema è che i miei errori si ritorcono solo su di me e la mia famiglia i suoi invece sulla collettività, è una mia opinione e vorrei capire cosa cambierebbe se conoscesse il mio nome e cognome invece del mio nick. p.s. non conosco abusi da parte di nessuno, se ne fossi a conoscenza sicuramente li denuncerei. ah dimenticavo, con lo stimato Guardiano del Faro non ho niente a che fare, la redazione lo può confermare, sà, questione di indirizzi IP
Zacchera: "Da Fiumicino agli Agoni" - 19 Luglio 2015 - 01:10
ecco guardi........
lo scrivere: " i pescatori professionisti che peraltro catturano di solito coregoni, pesci che sono solo minimamente pescabili con la canna." si commenta da solo. Dimostra quanto di pesca lei ne sappia, si informi, prima di scrivere bisogna informarsi, la pesca del coregone con la canna dalla barca è una pesca affascinante che ha tutto un mondo dietro, in certi laghi del Trentino si è costruito un sistema turistico importante, nei grandi laghi Svizzeri è la pesca più praticata, ma dal commissario per la pesca cosa si può pretendere? Ha mai sentito parlare delle persichiere, dopo il loro passaggio il nulla, ne mettono fino a che il buco è svuotato, ma una volta si mettevano le fascine, mi dirà, bene ora ci vuole il permesso per metterle, lo sa il perchè? Provi ad immagimare il perchè? C' è sempre di mezzo il professionista, si acculturi, mi pare che di pesca ne capisca poco, " esistono gli obblighi ittiogenici regolamente stabiliti e depositati in provincia per i pescatori professionisti", bene, il problema non è se ci sono o non ci sono obblighi, il problema come anche lei ammette, è farli rispettare.
Zacchera: "Da Fiumicino agli Agoni" - 18 Luglio 2015 - 22:31
agoni
Ma perchè si scrivono le cose senza saperle,i non ci si vuol far riconoscere e non si accetta un dibattito diretto, limpido, pubblico e/o personale? Come commissario alla pesca tutti i giorni cerco di calibrare senza preconcetti i diritti (e i doveri) dei pescatori - dilettanti e professionali che siano - in un equilibrio di opposte esigenze che da secoli è evidentemente non facile da tenere, basta leggersi le "grida" medioevali (ne abbiamo in archivio alcune storicamente interessantissime, i problemi in fondo sono sempre i soliti). Evidentemente il lettore "Sportivamente" per esempio non sa - non gliene faccio colpa - che esistono gli obblighi ittiogenici regolamente stabiliti e depositati in provincia per i pescatori professionisti che perakltro catturano di solito coregoni, pesci che sono solo minimamente pescabili con la canna. Il vero problema sono piuttosto gli abusi (potenzialmente da parte di tutti) e il controllo che non è capillare e sufficiente, anche perchè non riescono più ad operare i guardiapesca provinciali finiti anche loro nel limbo del futuro di questo Ente. La questione allevamenti è più complessa:e ho a disposizione documentazione, progetti, tecnologie, normative sanitarie (molto severe, infenzioni ed epidemie sono un bel problema). Apro volentieri sempre il dibattitio con tutte le persone che mi contattano e se ci segnalano abusi si cerca sempre di intervenire immediatamente con i pochi mezzi che ci sono. Per favore, però, stiamo ai fatti ed evitiamo la genericità delle polemiche, anche perchè troppe volte si corre dietro a "voci" sono sovente infondate, ingigantite perchè riportate di bocca in bocca e non risolvono i problemi. Circa il proprio nome Io non ho e non ho mai avuto nulla da nascondere e quindi mi sembra normale presentarsi sempre in prima persona sostenendo le proprie opinioni. mz
Zacchera: "Da Fiumicino agli Agoni" - 18 Luglio 2015 - 19:30
Non giriamoci intorno
Ho letto con attenzione la replica del dr.Zacchera, che vedo essere d'accordo su molti punti da me evidenziati: gli uccelli ittiofagi, alcune alterazioni chimiche dell'acqua ( per noi uomini della strada : con l'acqua troppo pulita il pesce fa la fame), mentre dissente sulla questione delle reti. Non ho intenzione di annoiare nessuno con un dibattito via internet sull'argomento, ma credo che il punto rimanga uno: ha senso, nel 21mo secolo gettare reti di chilometri in un lago in cui ci sono problemi non da poco? Chi se ne frega che per secoli ci sono stati i pescatori, quello che conta è che adesso tra cormorani, gabbiani, depuratori, temperatura e chi più ne ha più ne metta, la pesca professionale è il classico colpo del ko per il Verbano. Nell'anno dell'Expo, il dr. Zacchera Sembra non aver compreso il messaggio universale che ci arriva dall'evento, cioè che le attività antropiche devono essere in simbiosi con la natura, lo sfruttamento delle risorse deve essere sostenibile. Può, in tutta onestà, il dr. Zacchera, rimanere il paladino dei pescatori professionisti alla luce di questa pressione a cui il lago è soggetto? La mia idea di trasformare, sfruttando le acque del bacino, i pescatori in allevatori, non va proprio in questa direzione? Si salvaguarderebbero i posti di lavoro, si produrrebbero risorse alimentari, si potrebbe ripopolare il lago. A questo vorrei che il dr. Zacchera, dall'alto degli incarichi che ricopre, rispondesse e si attivasse, nell'interesse dell'ambiente e di noi tutti. Grazie. P.s. In tutto questo, ovviamente, la mia identità è veramente poco importante, credo sia meglio disquisire su idee e concetti piuttosto che tirare in ballo la solita tiritera sui nicknames ..
×
Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti