Il BLOG pubblico di Verbania: News, Notizie, eventi, curiosità, vco

raccomandata

Inserisci quello che vuoi cercare
raccomandata - nei post
Pubblicata graduatoria provvisoria per alloggi a canone agevolato - 21 Giugno 2016 - 11:27
Pubblicata la graduatoria provvisoria per gli alloggi a canone agevolato. Venerdì 1 luglio la data ultima per eventuali contestazioni.
LegalNews: Notifica degli atti di riscossione a mezzo PEC - 30 Maggio 2016 - 08:00
Dal 01 giugno 2016 entrano in vigore fondamentali novità in tema di notificazione degli atti della riscossione a mezzo PEC.
Candidature per Consigliera e Consigliere di parità provinciale - 18 Novembre 2015 - 11:28
Sono aperte le candidature per la nomina di una Consigliera o un Consigliere di parità provinciale effettiva/o e di una Consigliera o Consigliere di parità provinciale supplente per la Provincia del Verbano Cusio Ossola.
Bando contributi canone d'affitto - 16 Settembre 2015 - 16:01
A partire dal 14 settembre fino al 14 ottobre 2015, presso l' ufficio casa del Comune di Verbania - Pallanza, sarà possibile partecipare al bando per l'attribuzione di contributi per il pagamento del canone di affitto.
Hangar Point: call per Associazioni Culturali - 26 Luglio 2015 - 11:19
E' online la prima call per accedere all’Hangar Point, il servizio di affiancamento personalizzato messo a disposizione delle organizzazioni culturali piemontesi dall’Assessorato alla Cultura e Turismo della Regione Piemonte.
In vendita 4 alloggi di via Case Nuove - 2 Luglio 2015 - 16:04
Al via la vendita di quattro alloggi a prezzo convenzionato di via Case Nuove. Scadenza massima della presentazione delle domande il 30 luglio. Riportiamo il comunicato dell'Amministrazione.
LegalNews: Mancata ricezione di una notifica a mezzo del servizio postale: le conseguenze? - 29 Giugno 2015 - 08:00
Spesso si sente di persone che non ricevono gli atti notificati a mezzo del servizio postale, per assenza oppure intenzionalmente, con la convinzione di impedire il perfezionamento dei loro effetti: cosa accade in realtà?
LegalNews: La forma del licenziamento - 8 Giugno 2015 - 08:00
Una recentissima sentenza della Cassazione (n. 11479/2015, del 03 giugno 2015) ha esaminato il fondamentale tema della forma del licenziamento, affrontando il caso di un’azienda che aveva licenziato un proprio lavoratore mediante la lettura di un verbale di licenziamento che non era stato da esso sottoscritto per ricevuta.
L'avvocato risponde: Registro delle Opposizioni - 19 Maggio 2015 - 10:23
Nuovo quesito per la rubrica "L'avvocato risponde", che riscontra molto interesse nei lettori, l'avv. Mattia Tacchini questa volta risponde sui problemi legati al Registro delle Opposizioni.
LegalNews: Avviso di accertamento dell’Agenzia delle Entrate? Autotutela, istruzioni per l’uso. - 16 Febbraio 2015 - 08:00
In questo contributo ci concentriamo sull’autotutela, uno strumento utile e privo di costi che in alcuni casi può permettere di ottenere la rettifica o l’annullamento di un avviso di accertamento dell’Agenzia delle Entrare che risulta errato o illegittimo.
Giornata del Risparmio Energetico - 12 Febbraio 2015 - 21:00
13 febbraio 2015 11a GIORNATA DEL RISPARMIO ENERGETICO Il Comune di Gravellona Toce quest'anno aderirà all'iniziativa M'illumino di meno, la più grande campagna radiofonica di sensibilizzazione sulla razionalizzazione dei consumi energetici, ideata da Caterpillar, storico programma di Radio 2 RAI
LegalNews: Controversia con compagnia telefonica: come risolverla senza costi? - 26 Gennaio 2015 - 08:00
Dopo aver trattato di una delle problematiche più diffuse nei rapporti con una compagnia telefonica, in questo contributo tratteremo di un metodo di gestione della controversia gratuito e abbastanza rapido, che permette di evitare il tribunale ed i costi dell’assistenza legale.
LegalNews: Attivazione di servizi a pagamento non richiesti da parte della compagnia telefonica - 19 Gennaio 2015 - 08:00
In questo contributo ci concentreremo sul caso di una compagnia telefonica che attivi all’abbonato un servizio aggiuntivo a pagamento che l’utente non ha richiesto. Qual è la disciplina applicabile e l'utente come può tutelarsi?
LegalNews: La tutela per i vizi del bene acquistato (o ricevuto in regalo!) - 29 Dicembre 2014 - 08:00
Il Natale è appena passato e può capitare che uno degli oggetti regalati o ricevuti presenti un difetto: quali garanzie sono previste dalla Legge a tutela dell’acquirente?
Work4You: Concorso pubblico per ingegnere a gallarate. - 23 Dicembre 2014 - 08:04
L’Azienda Ospedaliera “S. Antonio Abate” di Gallarate ha indetto un concorso pubblico per la copertura a tempo indeterminato di un collaboratore tecnico da assegnare al Servizio di Ingegneria Clinica.
raccomandata - nei commenti
LegalNews: Definizione agevolata delle cartelle Equitalia - 11 Novembre 2016 - 02:01
Re: Re: Re: Re: Re: Re: Bene
Ciao Hans Axel Von Fersen Come promesso, provo a farti un quadro più preciso della situazione. Prima, però, due doverose premesse: 1. Le tasse vanno pagate, tutte e sempre 2. Non sono ne un commercialista ne un fiscalista, ma lavorando a fianco di aziende e professionisti da più di 20 anni, ho un quadro ben chiaro. Mi spiego con un esempio. - Prendiamo un artigiano, o piccola imprese in genere. - Prendo un lavoro dove fatturerò 100, con 50 di costi. - Emetterò una fattura attiva (verso il cliente) di 122 (100+22% di iva), riceverò da uno o più fornitori fatture per 66 (50+22% di iva) - Per questa fattura, io dovrò versare allo stato 11 di iva e 25 (per semplicità ipotizzo tutto al 50%) di tasse e contributi vari - Se il mio cliente non mi paga, io non avrò i soldi per pagare i miei fornitori e lo stato (ovvio che questa è una semplificazione, ma meno distante dalla realtà di quello che si possa credere). - Avendo fatturato, dovrò presentare un bilancio dove risulterà che ho avuto un margine di 25 e avrei dovuto pagare 11 di iva - Dopo un anno, circa, riceverò dall’Agenzia delle Entrate una raccomandata dove mi diranno che non ho pagato quanto dichiarato, devo provvedere pagando il dovuto (cioè 36), una multa (altri 36, in linea di massima le multe equivalgono a quanto non pagato) e gli interessi (in questo momento molto bassi, ipotizzo di non considerarli). Però, se non faccio ricorso e se pago entro 60 giorni, la multa si ridurra ad 1/8 cioè 4,13, con la possibilità di rateizzare. - Se nel frattempo il mio cliente non mi ha pagato, io continuerò ad non avere soldi, quindi non pagherò ancora. - Dopo un altro anno, riceverò una raccomandata da Equitalia dove mi dicono che devo pagare i 36 non versati, tutta la multa (altri 36), l’aggio di Equitalia (a memoria ca il 2% se pago subito, 4% se pago dopo i 60 gg), e gli interessi (continuo a non considerarli per semplicità, in totale 72.36 se pago, o faccio istanza di rateizzazione, entro 60 o 72,72 se pago, o faccio istanza di rateizzazione, dopo i 60 giorni. Posso rateizzare fino a 10 anni - Tutto questo senza considerare che nel frattempo i miei fornitori mi avranno fatto causa, ma questa è un’altra storia! Ipotizziamo ora, che invece di fatturare, lavoro in nero - Incasserò 100, sempre con 50 di costi (di solito in nero anche questo, ma facciamo finta di niente). - Non dichiaro nulla, non pago nulla. - Se, e quando, l’agenzia delle entrate capisce che c’è qualche cosa che non va, mi manda la stessa raccomandata, ipotizziamo, ma è difficile, che azzecchino esattamente l’importo. Mi chiederanno sempre 25+11, ma non avendo nulla che dimostri cosa ho guadagnato veramente posso accordarmi (esiste una legge specifica per questo, andate a cercare…indovinate chi l’ha promulgata?) fino a pagare il 20% di quanto richiesto, se non faccio ricorso e pago subito. - Quindi, potrei pagare una cifra variabile tra 7,2 (il 20% di 36) e 18 (il 50% di 36), ovviamente dipende da quanto è bravo chi mi assisteste e da altri fattori. Difficile che avendo queste possibilità pagherò quanto dovuto, cioè i 40,13 del caso precedente - In questo caso, Equitalia non interviene! Interverrà solo se non mi accordo, e quindi non pago. In questi esempi, potrei avere sbagliato qualche calcolo, aver ipotizzato & non corrette e saltato qualche passaggio, ma il film è questo! Chi è il furbo, o meglio il delinquente in questo caso? Sicuramente chi lavora in nero, piccolo o tanto non fa differenza, poi chi accetta lavori in nero (si è corresponsabili a tutti gli effetti) ma anche lo stato, perché è palesemente non è equo, anzi, per comodità, favorisce proprio chi dovrebbe colpire, cioè chi NON HA DICHIARATO e NON HA PAGATO! Questo non significa che questa “rottamazione” mi entusiasmi, per quello che ho letto, non è una decisione strutturale, è una decisione che favorirà, ancora una volta, pochi che hanno le disponibilità per aderire. Saluti Maurilio
Verbania Documenti: "Soli e male accompagnati" - 11 Novembre 2015 - 11:26
Domanda
Perché per VBDoc è cosi importante tenere aperto un ufficio postale tutti giorni? Perché è così importante per nonna Maria poter pagare la bolletta e spedire tutti i giorni una raccomandata?
Verbania Documenti: "Soli e male accompagnati" - 11 Novembre 2015 - 01:08
Continuo a non capire
Non capisco perché non riescono a essere un po' intellettualmente onesti con loro stessi e non riconoscano la totale sull'inutilità della battaglia di mantenere aperti tutti i giorni i poco utilizzati uffici postali di montagna. In montagna hanno bisogno di ben altre cose. Riescono ad aspettar eun giorno per spedire quella raccomandata all'anno e per pagare le bollette ogni due mesi.
VB/doc: poste montane, politica e critiche - 1 Novembre 2015 - 10:07
Battaglia sbagliata
Non riesco proprio a capire le argomentazioni di VB/Doc nella assurda difesa degli uffici postali in montagna. Considerazioni spesso seguita dai lettori di questo sito che non riescono a sviluppare compitamente un ragionamenti inserendo frasi fatte e luoghi comuni come quello " se cominciamo a togliere un servizio ne seguiranno altri". Ragioniamo con ordine; 1) IL SERVIZIO POSTALE NON VIENE ELIMINATO ma gli uffici postali saranno aperti a giorni alterni. Questa mi sembra una giusta razionalizzazione. La vecchietta può anche spettare un giorno per entrare in quell'ufficio semi-vuoto per pagare la bolletta o spedire la raccomandata. 3) SE VOGLIONO VERAMENTE DIFENDERE I COMUNI MONTANO DEVONO CAVALCARE BEN ALTRE BATTAGLIE che elenco: - favorire punti vendita per l'approvvigionamento di beni di prima necessità; - sviluppare il turismo montano; - sviluppare l'attività economica in loco; - sviluppare una rete di assistenza e soccorso sociosanitario per la popolazione anziana. MANTENERE UN UFFICIO POSTALE APERTO TUTTI I GIORNI E' L'ULTIMO DEI PROBLEMI ma per VB/DOC la gente di montagna è tutta protesa verso questa sorta di tempio del dio Posta, le vecchiette non fanno altro che pagare tutti i giorni bollette e spedire raccomandate. ASSURDO
Lettera aperta alla Sig.ra Antonella Trapani, Segretaria provinciale PD VCO - 25 Settembre 2015 - 08:36
calma calma
Con l'eliminazione di questi uffici non cambierà nulla. Si tornerà alla situazione pre provincia dove se avevamo la casa in fiamme, bastava una telefonata e vigili del fuoco intervenivano. Se avevamo bisogno della forza pubblica, sempre con una telefonata si poteva ottenere assistenza. Non mi risulta che, prima dell'istituzione di questi uffici con nomi roboanti, nessuno interveniva per spegnere gli incendi e che nessuno interveniva in caso di richiesta di intervento dei CC. Per quanto riguarda poi l'efficienza di alcuni uffici della prefettura stendo un velo pietoso. Per la riconsegna della patente ahimè sospesa (sì lo confesso sono un peccatore da codice della strada), prima m'han mandato alla prefettura di Varese che m'ha rispedito alla prefettura di Verbania, poi m'han mandato alla stradale e anche loro m'hanno rimandato al mittente e poi finalmente m'hanno indirizzato allo questura. Più tempo per riaverla che di sospensione. Le audizioni con i dirigenti per i ricorso sono cosa totalmente inutile e mal organizzate (m'avevano convocato per una data precedente alla consegna della raccomandata!) e quindi sconsiglio di richiederle. I passaporti si posso richiedere presso gli uffici postali. Nessun catastrofismo, si vivrà benissimo anche senza.
Chiusura uffici postali montani: Assemblea Pubblica - 2 Settembre 2015 - 17:05
Il servizio c'è comunque...
Lupus, Il servizio è reso ma a giorni alterni. La simpatica vecchietta di consogno può pure aspettare (o anticipare) un giorno per pagare la sua bolletta o spedire la sua raccomandata (quante ne potrà spedire all'anno?). Non è mica un presidio di Pronto Soccorso o medico di guardia. Come ho già scritto è fuorviante parlare di chiusura. Qui c'è solo opportuna razionalizzazione.
Chiusura uffici postali montani: Assemblea Pubblica - 2 Settembre 2015 - 15:05
Ma chisse...
Tenere aperto un ufficio postale 6 giorni du 7 per vendere 4 francobolli, accettare 1 raccomandata, 2 bollettini e pagare 1 pensione al giorno è anacronistico. Giusta la scelta di chiudere a giorni alterni in modo da sfruttare pienamente le risorse e destinarle dove servono realmente
Cossogno: no alla riduzione aperture dell'ufficio postale - 14 Febbraio 2015 - 16:31
André...
...se non vedi la differenza tra stipendiare una persona per accettare 3 bollettini e 1 raccomandata (servizi tranquillamente deferibili) e lo stipendiare medici che assistono malati in emergenza, io ci rinuncio. Magari Lady Oscar è più capace e paziente a spiegare...
Fisconews: Cosa accade in caso di canoni di affitto non pagati da parte dell'inquilino? - 19 Dicembre 2014 - 12:29
risoluzione contratto di locazione
Non riesco a capire...sembra che la sentenza della corte costituzionale non venga applicata chiaramente.non ho capito se dopo l.avvenuto inadempimento da parte del conduttore moroso basti una raccomandata da parte del locatore che si avvale della clausola risolutiva espressa contestualmente al pagamento dell.imposta e della presentazione del modello Rli per evitare la tassazione irpef.come sempre in italia non e chiaro il concetto di diritto.
"Porto Turistico di Verbania: realizziamolo velocemente!" - 15 Dicembre 2014 - 23:14
Per Cesare
Gentile utente, leggo con sorpresa le tue considerazioni sulle responsabilità del disastro del porto. Ma come può una persona attenta e obiettiva solo pensare che i proprietari delle barche siano una delle concause della distruzione del porto? La famosa ordinanza dell'8/3/2013 non è mai stata resa nota al pubblico, salvo essere tirata fuori dal cassetto dopo l'evento. L'ordinanza che vieta " approdo e transito da lago e da terra " fu inviata con raccomandata a/r alla ENS, ma non fu mai consegnata ai vigili urbani perché la facessero rispettare. Insomma, fu un gioco di fioretto tra il responsabile del demanio/patrimonio del Comune e il concessionario, per mettere le mani avanti in caso di futuri problemi. Gli ignari diportisti che hanno pagato l'ormeggio alla ENS, oltre ad essere stati, a mio avviso, truffati dal concessionario, hanno anche avuto la beffa di vedersi negare i rimborsi dalle compagnie di assicurazione che, ovviamente, hanno citato l'ordinanza dell'8/3/2013 per evitare di risarcire i danni. Per questo sono in rampa di lancio ( con i tempi lunghi della giustizia) le cause contro ENS e Comune di Verbania, che hanno palesemente combinato un pasticcio dietro l'altro, da parte dei proprietari delle imbarcazioni distrutte. Spero che ora le cose ti siano più chiare.
Canile: Laura Sau parla di cifre - 4 Ottobre 2014 - 18:44
appunto, il niente
L'avviso di garanzia, per chi non lo sapesse, è è disciplinato dall’art. 369 c.p.p., consiste in una comunicazione scritta inviata con lettera raccomandata dal Pubblico Ministero sia alla persona sottoposta alle indagini, sia alla persona offesa, e mira a garantire il diritto di difesa costituzionalmente garantito. Quindi non è una condanna, quindi per ora è niente. Somme e moltiplicazioni? Quali? Riguardo a cosa? Le avete fatte con la calcolatrice o a mano? Altro niente. Uno di destra (Io) che fa il dipendente pubblico in Lombardia (orgogliosamente non raccomandato) e sostiene un sindaco che dimostra di saper lavorare bene? Che c'è di strano? In un mondo normale nulla, nel mondo di (bip), tutto. Altro niente. Ah, dimenticavo. Un "megaloman" verbanese di cui non ricordo il nome che ha girato tutte le parrocchie fino a trovarne una che finalmente gli ha permesso di raccattare qualche voto e qualche gettone di presenza per ehm.......lanciarsi nell'olimpo dei politici, dicendo pure di non essere di sinistra pur facendo parte di un gruppo consiliare denominato....... Sinistra & Ambiente. Appunto, altro niente.
Poste: tagli e disservizi - 3 Febbraio 2014 - 21:17
Parole al vento.
Vedo che è inutile la denuncia dei cattivi servizi offerti da enti ancora pubblici come le poste italiane. Ognuno la pensa come la vuole, sempre e senza ripensamenti. Ma è realtà la constatazione che ogni volta che ognuno di noi si reca in un ufficio postale, la lentezza burocratica e la solitudine alla quale sono condannati i suoi impegati agli sportelli, sono impensabili+inaccettabili in altri paesi europei certamente civilmente più evoluti del nostro. Faccio notare a Livio, Andrea e Giordano che i servizi postali sono molto costosi, ed in quasi tutti i casi sproporzionati al compito che viene loro richiesto. Una semplice raccomandata costa quasi 5 Euro, non si trovano più moduli per effettuare spedizione con Pacco Ordinario, perchè, come ha ventilato qualche stesso impiegato postale, le stesse poste italiane cercano di costringere l'utente ad utilizzare il Pacco Celere 3 o 1, che sono più costosi e quindi rendono di più alle medesime poste. E non sto a raccontarvi altre peripezie in cui sono incorso in questi ultimi anni. Quindi non difendiamo l'indifendibile. Altrimenti chi lo facesse, si porrebbe sullo stesso piano del peccatore.
Poste: tagli e disservizi - 2 Febbraio 2014 - 08:43
il dito e la luna
Al solito si indica la luna e qualcuno guarda il dito: signor Emanuele si stava parlando della poca efficienza, anzi, dell'inefficienza di poste italiane e Lei sposta il discorso colpevolizzando chi espone giuste lamentele: lavora forse alle poste per difenderle così acriticamente? Perchè, forse non se ne è accorto o forse non legge giornali altrimenti si renderebbe conto che le lamentele sono corali in tutto il paese. Personalmente giovedì pomeriggio in un ufficio postale dell'alto verbano ho impiegato oltre 40 minuti per poter fare una raccomandata; sportelli ce ne erano diversi ma personale poco e questo perchè si continua a tagliare sui posti di lavoro, perchè quello postale non è più un "servizio" ma un qualcosa che fare utili e dividendi.
Poste di Suna: SPI CGIL scrive al Prefetto - 23 Dicembre 2013 - 11:59
NO COMMENT
All'ufficio postale di Suna alcuni mesi fa ho reclamato anch'io per lo stesso motivo, e l'ho fatto con il direttore locale che voleva farmi desistere dal mio reclamo. Me ne sono andato, sbattendo la porta e dicendo ad alta voce che avrebbero dovuto vergognarsi. Perciò condivido pienamente tutto. Spesso mi reco agli sportelli di Cambiasca e di S.Bernardino Verbano, ed ogni volta è sempre peggio. Un solo impiegato che deve sobbarcarsi l'onere di una fila di utenti, con un impegno burocratico spaventoso, e per spedire una semplice raccomandata, con il modulo precompilato, se ci sono davanti tre-quattro persone, si deve attendere sempre almeno mezz'ora prima di riuscire a spedirla. L'ultima volta, una mattina verso le ore 11,30, pochi giorni fa, ad un uffico postale locale che non cito, l'impiegato postale era talmente stressato che ha pregato il pubblico di uscire due minuti perchè lui doveva urgentemente recarsi ai servizi igienici, non essendosi potuto mai assentare dal suo posto di lavoro dal momento di apertura dell'ufficio postale. E' un fatto disumano, inaccettabile e vergognoso. Come tutto il servizio postale, compresa la sua rete informatica, con i computer che molto frequentemente si bloccano e fanno fare lunghissime attese al pubblico per ottenere il servizio postale.
Poste italiane, un progetto misura lo stress dei postini - 18 Giugno 2013 - 20:22
postini
chi parla così è perchè non ha mai fatto il postino.Portiamo la posta sotto l'acqua , sotto il sole cocente e tante volte quando citofoniamo per farci aprire ci prendono a parolacce. Inoltre per noi ci vuole meno tempo a recapitare una raccomandata piuttosto che lasciare l'avviso, perchè poi il lavoro di scarico in ufficio è più lungo. Quindi provare per credere
×
Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti