Il BLOG pubblico di Verbania: News, Notizie, eventi, curiosità, vco

tecnologie

Inserisci quello che vuoi cercare
tecnologie - nei post
Sul Forno Crematorio - 24 Novembre 2016 - 10:23
Riceviamo e pubblichiamo, una nota del Comitato Referendum sul Forno Crematorio, in vista della conclusione dell'iter sull privatizzazione del forno crematorio di Verbania.
Spazio Bimbi: DSA: cosa dice la legge - 13 Novembre 2016 - 08:00
La legge 170 del 2010 riconosce le norme in materia di Disturbi Specifici dell’Apprendimento in ambito scolastico. Cosa ci dice nello specifico questa legge?
Salviamo il Paesaggio Valdossola: Interconnector opzione zero - 7 Novembre 2016 - 18:50
Riceviamo e pubblichiamo, un comunicato del Comitato Salviamo il Paesaggio Valdossola, riguardante i recenti sviluppi sul progetto Interconnector Svizzera Italia 380 kV.
MilanoInside: Bookcity Milano 2016 - 3 Novembre 2016 - 08:01
Sarà inaugurata giovedì 17 novembre, presso il Teatro del Verme, la quinta edizione di Bookcity, l'evento dedicato al mondo dei libri.
Al C.A.I. si parla di GPS e Smartphone - 20 Ottobre 2016 - 13:01
Due moduli previsti per trattare l'ormai fondamentale utilizzo delle tecnologie per la navigazione, si inizia venerdì 21 ottobre 2016 alle ore 21.00 nella sede del CAI Intra vicolo del Moretto 7.
ASL VCO nuovi direttori amministrativi e tecnici - 10 Ottobre 2016 - 09:16
L'ASL VCO in un comunicato informa che sono stati nominati i nuovi Direttori Strutture Organizzative Complesse area amministrativa e tecnico-professionale.
"Il Falso Testamento" - 8 Ottobre 2016 - 16:01
Domenica 9 ottobre, dalle 16:00 alle 19:00, presso "Il Maggiore", il saggista Mauro Biglino terrá una conferenza in cui presenterà il suo ultimo libro.
"Paesaggio e identità visiva" - 30 Settembre 2016 - 15:13
Il Museo del Paesaggio organizza una giornata dedicata al Paesaggio e al suo modo di essere comunicato oggi - attraverso due appuntamenti consecutivi, il 1 ottobre 2016 a partire dalle ore 16.00, a Villa Giulia.
M5S su emendamenti, forno crematorio e streaming - 28 Settembre 2016 - 15:03
Riceviamo e pubblichiamo, un comunicato del Movimento Cinque Stelle Verbania, riguardante l'ultimo Consiglio Comunale, la diffusione dello stesso in streaming e e gli emendamenti bocciati al documento sull'esternalizzazione del forno crematorio.
I Disturbi del Comportamento: riconoscerli ed affrontarli - 16 Settembre 2016 - 12:44
L’Ufficio Scolastico Territoriale del VCO, l’A.I.F.A Piemonte , il Centro Territoriale di Supporto Nuove tecnologie e Disabilità del VCO, e l’ASL VCO in collaborazione con la Società Italiana di Neuropsichiatria Infantile del Piemonte , organizzano un Convegno rivolto agli insegnanti, ai sanitari, agli educatori e ai familiari, sui disturbi del comportamento in età evolutiva.
Personale di Piero Gilardi  – “Natura lacustre” - 9 Settembre 2016 - 10:23
Inaugurazione sabato 10 settembre 2016, ore 17,00 Palazzo Parasi
PsicoNews: Differenze sessuali in psicologia - 7 Settembre 2016 - 08:00
Io me lo sono chiesta spesso, nella mia vita, uomini e donne sono diversi anche dal punto di vista psicologico?
Spazio Bimbi: “Bambini Digitali”: Consigli per i genitori - 17 Luglio 2016 - 08:00
Le tecnologie pervadono sempre di più la vita dei bambini fin dai primissimi anni di vita, ormai gran parte di loro prima ancora che tolgano il pannolino o che imparino ad allacciarsi le scarpe da soli sono abilissimi a navigare su internet e utilizzano alla perfezione tablet e smartphone. E’ fondamentale il ruolo dei genitori e degli adulti di riferimento che devono educare il bambino ad un uso consapevole delle nuove tecnologie
“Viva Vigezzo Viva” - 8 Luglio 2016 - 20:03
Prenderà il via sabato 9 luglio “Viva Vigezzo Viva” il grande cartellone estivo di eventi promosso da Fondazione UniversiCà che animerà la Valle Vigezzo con produzioni culturali, incontri, spettacoli, videoinstallazioni, performing arts, mostre multimediali, visite, workshop e web-surveys.
Goletta dei Laghi torna sul lago Maggiore - 5 Luglio 2016 - 15:03
Dopo le tappe sul lago d’Iseo e sul Lario, la Goletta dei laghi, la campagna di Legambiente di monitoraggio e informazione sullo stato di salute dei principali laghi italiani, è sbarcata ieri sul Ceresio e proseguirà sul Verbano oggi.
tecnologie - nei commenti
M5S su emendamenti, forno crematorio e streaming - 30 Settembre 2016 - 13:45
Re: Re: Quali sarebbero le tecnologie alternative
Ciao Rocco Pier Luigi La tua risposta sarcastica mi ricorda molto la vicenda stampanti 3D, dove Grillo fu deriso da molti, salvo poi ricredersi in quanto la tecnologia cominciava ad essere diffusa ed usata in ogni campo, un politico dovrebbe sempre avere una mentalità aperta ad ogni possibilità che può migliorare la vita di tutti, ed avere una visione lungimirante nelle sue scelte, diversamente sarebbe un semplice contabile
M5S su emendamenti, forno crematorio e streaming - 29 Settembre 2016 - 19:46
Re: Quali sarebbero le tecnologie alternative ?
Jon Snow: Pensavo che con tecnologie alternative pensassero ad altri metodi di cremazione (ed appunto la cosa mi perplimeva). Se veramente non si tratta di tecnologie di cremazione alternative allora stanno proprio facendo aria della bocca per sport
M5S su emendamenti, forno crematorio e streaming - 29 Settembre 2016 - 17:20
Re: Quali sarebbero le tecnologie alternative ?
Ciao Rocco Pier Luigi in teoria le alternative sono moltissime, e vanno dalla mera sepoltura, al compostaggio (giuro!!!! http://www.lifeonoranzefunebri.com/news/life-onoranze-funebri-torino), etc. (tralasciando le più macabre quali cannibalismo, mummificazione etc.). Qui probabilmente si riferiscono ad un trattamento con azoto che porta la salma a congelarsi a temperature bassissime. A quel punto è facile frantumarla riducendola in frammenti minuscoli, che possono essere "stoccati" in contenitori anche piccoli. quello che forse sfugge è che anche in questo caso si hanno comunque emissioni inquinanti su suolo e nell'aria, e che si tratta di una tecnologia ancora non affermata in italia. ma soprattutto: il mio desiderio è di essere cremato, perchè mai dovrei cambiare idea e farmi congelare?
M5S su emendamenti, forno crematorio e streaming - 29 Settembre 2016 - 05:39
Quali sarebbero le tecnologie alternative ?
Tutto l'intervento parla vagamente di alternative alla cremazione, ma non dice quali sarebbero. A margine noto come i cinquestelle siano dei fans dello streaming solo fintantoche sono all'opposizione.
Interpellanza su ConSer VCO - 9 Settembre 2016 - 22:37
Parere
Personalmente sono contro le società misto pubblico-privato perché concentrano in un unico soggetto, i difetti dell'uno e i difetti dell'altro e quasi mai i singoli pregi. Gli interessi di uno sono l'opposto degli interessi dell'altro. Quello che non si capisce è il motivo alla base di questa futura scelta. Perché servono soldi per effettuare investimenti o semplicemente per far cassetto? Perché serve un socio industriale che apporti competenze e tecnologie che al momento conservco non ha? E in quest'ultimo caso, quali sarebbero queste competenze?
Forno crematorio: "perchè non andremo a votare" - 13 Aprile 2016 - 01:50
Per chiarezza
Alcune domande mi rendo perfettamente conto essere banali, era importante che fosse una persona autorevole citata dall'altro comitato a rispondere. Il punto è che il nostro impianto non è obsoleto e al momento non ci sono nuove tecnologie ( il processo di combustione e post combustione è uguale e anche i filtri utilizzati per abbattere le emissioni che sono filtri a maniche se non erro, come già ho detto non sono un tecnico, mi trovo ad analizzare questi dati poiché qualcuno chiedendo di astenersi li ha citati), per questo ho voluto chiedere anche quale fosse la vita utile di un forno crematorio. Per quanto concerne la fonte, beh credo che se ci si lancia in paragoni facendo passare per vere proprie asserzioni riportando il nome di chi ha redatto uno studio che nulla ha a che fare con Verbania quantomeno sarebbe corretto interpellarlo ( ma può essere che in questo mi sbagli). Credo sia importante ora, una volta appurato che il nostro impianto tecnologicamente è all'avanguardia, sentite le persone che nel quartiere abitano ( ho già detto che un conto è che le emissioni siano a norma, altra cosa è che non inquinino, non emanino odori ecc), aver appurato che effettivamente un aumento delle cremazioni aumenterà anche le emissioni. Tengo a precisare che l'amministrazione si stava muovendo su un progetto ( poi ritirato dal pd ma vi dà un'idea della gestione della faccenda) che avrebbe portato il numero di cremazioni a triplicare ( ovviamente potenzialmente), che avrebbe aumentato le tariffe anche per i residenti ( 381€ più iva che crescevano ogni anno, se veramente la dirigente sosteneva qualcos'altro non so il perché) e che avrebbe dato al comune 25000€ fissi ( manutenzione dei cimiteri) e il 14% del fatturato ( quindi, per capirci, se l'impianto è fermo non ci perde solo il privato ma anche il comune). Ora io credo che la questione potesse essere affrontata con più serenità ma se per far apparire valido ciò che dico mi trovo costretto a contattare esperti in giro per l'italia state pur certi che non ho problemi a farlo.
Forno crematorio: "perchè non andremo a votare" - 7 Aprile 2016 - 14:25
Re: sig marconi
Ha ragione, solitamente cerco di essere pacato, ma mi aspetto che i temi vengano affrontati con serietà e non vengano distorti - omessi dati. La sala del commiato è a pagamento, da quel che mi risulta nei crematori di questa azienda ma comunque i forni crematori privati la fanno pagare. Anche se per i residenti la tariffa rimanesse invariata a questa viene applicata l'iva. Noi abbiamo richiesto tutti i dati inerenti il forno crematorio e non ci è stato fornito alcunché concernente le emissioni, figuriamoci i dati riguardanti le emissioni del forno crematorio di domo, mi chiedo loro come facciano ad averli e la risposta più semplice è che siano inventati. Non dicono che nel 2015 gli utili, è vero che sono diminuiti ma la gestione delle "prenotazioni" è cambiata ( ora passano dal dirigente con orari ben precisi prima venivano contattati direttamente gli addetti in qualsiasi momento) e che ci sono 33000€ di gas di cui una parte probabilmente è un conguaglio ( la dirigente interrogata non sapeva bene per quale motivo ci fosse una cifra più alta di anni in cui ha lavorato maggiormente). Fanno del populismo dicendo "o si investe nel forno o negli asili" ma non è vero poiché i 150000€ ( bisogna vedere se saranno davvero così tanti, non c'è certezza) cominceranno ad essere corrisposti dopo qualche anno per favorire l'investimento del privato, ciò vuol dire che non investiremo nel forno ma non potremo farlo nemmeno in altri servizi. Nel loro primo articolo avevano già tirato fuori delle tecnologie che sarebbero state utilizzate, ricordo che l'unica, fino a prova contraria, ad aver visionato il progetto è la dirigente che smentisce quanto affermato da loro. Tutte le loro argomentazioni sono inventate oppure distorte, gli viene concesso di passare in televisione e parlare anche per ultimi, se in più ci aggiunge il fatto che ho sempre chiesto un confronto pubblico ( in modo da poter smontare le loro tesi) e loro si sono sempre rifiutati beh, mi sento in diritto di essere quantomeno arrabbiato
Forno crematorio: "perchè non andremo a votare" - 6 Aprile 2016 - 22:22
La situazione è grave
Qui sta accadendo qualcosa di grave e solo il comitato lo urla, la politica tace. Gli astensionisti si presentano con numeri falsi, abbiamo già ripetuto che quando dovrà essere cambiato il forno non sarà necessario spendere tutti quei soldi; Parlano di nuove tecnologie quando non sono cambiate le tecnologie dei forni crematori dal nostro a quelli attuali; Fanno il gioco delle tre carte con gli utili facendo passare il messaggio che se rimane pubblico non potremo fare investimenti ma se il privato comincerà a darci un canone dopo qualche anno ( non si sa quando) quei soldi comunque non li avremo per investire; Ci dicono che il privato potrà gestire anche i cimiteri ma vorrei capire come fa un privato a d'effetto are 1800 cremazioni, a non modificare i prezzi, ad accollarsi la gestione dei cimiteri, a garantirsi 150000€ a finire l'anno in attivo, questa è pura fantasia; Non ci dicono che la sala del commiato, attualmente gratuita, sarà a pagamento, non ci dicono che verrà applicata l'Iva al 22%, che non potremo decidere il numero di cremazioni massime, che le emissioni ci sono e ci saranno...semplicemente aumenteranno. si sottraggono al dibattito poiché consapevoli che verrebbero sbugiardati. Spero che i verbanesi alpino la testa e il 17 aprile vadano a votare si.
Forno crematorio: "perchè non andremo a votare" - 6 Aprile 2016 - 12:11
Re: commenti, dubbi, domande e considerazioni
Ciao Hans Axel Von Fersen Nm3/h sono i "normal metri cubi ora", ovvero la portata a condizioni di pressione e temperatura standard @campana: ciao, ti chiedo un favore, da cittadino a consigliere comunale: riusciresti ad informarti su quali sarebbero queste nuove tecnologie che renderebbero il forno di pallanza "obsoleto"? che io sappia un forno è sempre un forno, e i depuratori non è che abbiano avuto chissà quale innovazione tecnologica nell'ultimo decennio. OT @brignone: come mai sono stati chiusi i commenti al post sulle tompoma / emergency e cancellati quelli già pubblicati? ti piace vincere facile?
Forno Crematorio: nasce il comitato per il SI all’esternalizzazione - 18 Febbraio 2016 - 11:31
Re: dati certi
Ciao renato brignone accusi il consigliere Marinoni di essere analfabeta (in capigruppo) , ma vedo che anche tu pecchi in qualcosa..per le risposte alle tue domande .. basta leggere il documento sopra... Il nuovo forno crematorio gestito da una società privata subentrerà con la stessa attuale autorizzazione provinciale per compiere al massimo 1872 cremazioni all'anno come oggi. Un impianto tecnologicamente avanzato che sostituisce quello vecchio è EVIDENTE a tutti che è in grado di emettere un minor quantitativo di emissioni nocive. I filtri di questi forni sono dotati delle migliori tecnologie oggi sul mercato che andranno a sostituire una tecnologia vecchia e obsoleta come quella attuale, e quindi si avranno per ogni cremazione meno emissioni di CO2 (anidride carbonica) e Nox (composti gassosi che si formano con l’azoto ogni volta che l'aria è riscaldata sopra i 1.400° C. ). l Comune, che non farà più l'imprenditore che controlla se stesso, potrà: -- decidere le tariffe preferenziali per i residenti; - incassare un canone annuo dalla società che gestirà il forno crematorio.
Il PAES di Verbania approvato dalla Commissione Europea - 3 Febbraio 2016 - 11:41
Re: Re: Re: Re: Ok privatamail...
Ciao Aurelio Tedesco Beh Aurelio preferirei dati non forniti da chi vende forni. Audi Volkswagen insegnano... Anche il forno di mia madre, quando viene infornata la seconda pizza, recupera l'energia della prima infornata. Semplicemente perché è già caldo... Ribadisco. Recuperiamo le bollette del cimitero di Pallanza, togliamo Anche un 15% per le nuove tecnologie e poi ci ragioniamo
Zanotti, Brignoli e Grieco: pro e contro privatizzazione crematorio - 20 Gennaio 2016 - 17:27
in più...
se lo gestisce il pubblico il numero di cremazioni è limitato (oggi solo il 20% delle cremazioni è di verbanesi), e ciò è un indubbio vantaggio per i residenti. Detto ciò la scelta politica può essere vista così: non è un servizio essenziale (anche se fa risparmiare i cittadini con tariffe calmierate e in assenza di IVA)? prendo quattro soldi e lo privatizzo o penso a ciò che respirano i residenti? Perchè potete dirmi quello che volete sui filtri e le nuove tecnologie (volkswagen dixit :-) ) ma se brucio 100 ho residui per 100, se brucio 1000 ho residui per 1000.
Multe e buon senso - 21 Agosto 2015 - 13:02
Dura l'ex, sed lex
Purtroppo, anche con il paradosso esposto dall'utente, i limiti di velocità vengono posti con una certa logica. In un posto dove abbondano pedoni, biciclette, bambini come la pista ciclabile un limite moto basso di velocità sembra corretto. Sicuramente i 30kmh sono inadeguati pensando alle tecnologie che migliorano, agli spazi di frenata che sono molto ridotti rispetto a quando certe norme del codice della strada vennero scritte e mai più adeguate al progresso tecnologico, ma occorre anche tenere presente che le norme, per quanto sembrino assurde, devono tener conto della media qualità dei conducenti, vale a dire, che se per un giovane autista, nel pieno delle facoltà psicofisiche, i riflessi sono prontissimi e potrebbe agevolmente compiere manovre di emergenza, anche complesse, a velocità ben superiori ai famigerati 30 km/h, vi è un numero molto elevato di persone che guidano in maniera anche efficiente, ma per limiti di età o fisici non sono in grado di evitare ostacoli improvvisi se vanno troppo forte. Ecco perché a volte abbiamo limiti apparentemente assurdi ma che, purtroppo, vanno rispettati e che i vigili, spesso loro malgrado, devono far osservare. Nel caso specifico di via V.Veneto, magari, si potrebbero piazzare dei dissuasori (spessori di gomma sull'asfalto) o creare dossi artificiali per obbligare gli autisti a procedere a bassa velocità ma in questo modo....a chi si farebbero le multe?
Verbanese ricattato dopo sesso online - 22 Luglio 2015 - 14:02
Internet ecc
La conoscenza, la possibilità di entrare in possesso di informazioni di tutto ciò che ci circonda, possono diventare un'arma a doppio taglio, soprattutto se chi se la gestisce non si pone dei limiti. Non è facile controllare i ragazzi con tutte queste tecnologie e si vede da certi video che circolano anche sul web ma la loro è l'età della 'ribellione' anche se oggi come oggi vorrei capire da cosa si ribellano. Il ragazzo è stato sprovveduto? Può essere.... È da giustificare per aver voluto assaporare il brivido di una cosa 'illecita'? Mah io non lo giudico, e' maggiorenne e libero di fare ciò che gli pare con se stesso. Quell'altra se n'è semplicemente approfittata come tante altre persone a sto mondo. Servirà da lezione, e non solo a lui, anche perché queste cose non succedono solo con chi non conosci. Però che triste non potersi proprio più fidare di nessuno.
Zacchera: "Da Fiumicino agli Agoni" - 18 Luglio 2015 - 22:31
agoni
Ma perchè si scrivono le cose senza saperle,i non ci si vuol far riconoscere e non si accetta un dibattito diretto, limpido, pubblico e/o personale? Come commissario alla pesca tutti i giorni cerco di calibrare senza preconcetti i diritti (e i doveri) dei pescatori - dilettanti e professionali che siano - in un equilibrio di opposte esigenze che da secoli è evidentemente non facile da tenere, basta leggersi le "grida" medioevali (ne abbiamo in archivio alcune storicamente interessantissime, i problemi in fondo sono sempre i soliti). Evidentemente il lettore "Sportivamente" per esempio non sa - non gliene faccio colpa - che esistono gli obblighi ittiogenici regolamente stabiliti e depositati in provincia per i pescatori professionisti che perakltro catturano di solito coregoni, pesci che sono solo minimamente pescabili con la canna. Il vero problema sono piuttosto gli abusi (potenzialmente da parte di tutti) e il controllo che non è capillare e sufficiente, anche perchè non riescono più ad operare i guardiapesca provinciali finiti anche loro nel limbo del futuro di questo Ente. La questione allevamenti è più complessa:e ho a disposizione documentazione, progetti, tecnologie, normative sanitarie (molto severe, infenzioni ed epidemie sono un bel problema). Apro volentieri sempre il dibattitio con tutte le persone che mi contattano e se ci segnalano abusi si cerca sempre di intervenire immediatamente con i pochi mezzi che ci sono. Per favore, però, stiamo ai fatti ed evitiamo la genericità delle polemiche, anche perchè troppe volte si corre dietro a "voci" sono sovente infondate, ingigantite perchè riportate di bocca in bocca e non risolvono i problemi. Circa il proprio nome Io non ho e non ho mai avuto nulla da nascondere e quindi mi sembra normale presentarsi sempre in prima persona sostenendo le proprie opinioni. mz
×
Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti