Il BLOG pubblico di Verbania: News, Notizie, eventi, curiosità, vco

uccelli

Inserisci quello che vuoi cercare
uccelli - nei post
“Cafè della Memoria” incontro formativo - 4 Dicembre 2016 - 09:16
Il “Cafè della Memoria” di Verbania, promosso e gestito dal Consorzio dei Servizi Sociali del Verbano, con la collaborazione del Servizio di Geriatria dell’ASL VCO, dell’Associazione Familiari Alzheimer, dell’Opera Pia uccelli di Cannobio e con il finanziamento della Fondazione Vita Vitalis, propone l’8° incontro formativo del 2016 rivolto ai Familiari.
VerbaniaBau: Comunicazione e Stati Interni - 8 Novembre 2016 - 08:01
Per la quarta puntata di VerbaniaBau: "Dialoghi: Comunicazione e Stati Interni. Diario di una passeggiata mattutina".
“Stupendo pensiero” - 26 Ottobre 2016 - 19:06
Parlare della Malattia di Alzheimer attraverso il teatro/canzone. Giovedì 27 Ottobre alle ore 21 presso la RSA Massimo Lagostina ad Omegna.
“Stupendo pensiero” - 18 Ottobre 2016 - 13:01
Giovedì 20 Ottobre alle ore 21.00 a Verbania presso l'Auditorium Sant’Anna - Via Belgio 1, la Fondazione Opera Pia Dr. Domenico uccelli Onlus e la Fondazione Massimo Lagostina Onlus, residenze per anziani strutturate per l’accoglienza di persone affette da Malattia di Alzheimer, propongono “Stupendo pensiero”, un evento di sensibilizzazione attraverso il linguaggio teatrale e musicale.
Malattia di Alzheimer attraverso il teatro/canzone - 12 Ottobre 2016 - 11:27
Giovedì 13 Ottobre ore 21.00 Cannobio Palazzo Parasi Via Giovanola 25. La Fondazione Opera Pia Dr. Domenico uccelli Onlus e la Fondazione Massimo Lagostina Onlus, residenze per anziani strutturate per l’accoglienza di persone affette da Malattia di Alzheimer, propongono “Stupendo pensiero”, un evento di sensibilizzazione attraverso il linguaggio teatrale e musicale.
Editoria e Giardindi - week end chiusura - 22 Settembre 2016 - 18:46
Si avvicina il secondo week-end di Editoria e Giardini che coinciderà con la chiusura della 13° edizione della prestigiosa manifestazione dedicata ai libri e ai giardini.
“Presepio di nonna Silvia”: acquistato l’elettrocardiografo - 14 Settembre 2016 - 09:16
Il sapere degli anziani aiuta altri anziani. Le offerte raccolte attraverso la diffusione di “Il Presepio di nonna Silvia” il terzo libro scritto dall’animatore Giorgio Borghini insieme agli anziani ospiti della Fondazione Opera Pia Dr. D. uccelli Onlus, hanno raggiunto i 2.900 euro.
Riparte il “Cafè della Memoria” - 11 Settembre 2016 - 10:24
Il “Cafè della Memoria” di Verbania, promosso e gestito dal Consorzio dei Servizi Sociali del Verbano, dal Servizio di Geriatria dell’ASL VCO, dall’Associazione Familiari Alzheimer, e dall’Opera Pia uccelli di Cannobio con il finanziamento della Fondazione Vita Vitalis riparte con il 5° anno di attività dal 12 settembre.
Cannobio: servizio pasti a domicilio - 11 Luglio 2016 - 16:01
Oltre all’accoglienza di persone anziane in struttura, la Fondazione Opera Pia Dr. D. uccelli è un punto di riferimento per il territorio anche per alcuni servizi esterni, come la preparazione e distribuzione quotidiana dei pasti a domicilio. La qualità della cucina è garantita: l’Ente è certificato Iso 9001 dal 2006.
Lakescapes - teatro diffuso del lago: "Ultimo viene il gatto" - 19 Giugno 2016 - 09:16
Nuovo appuntamento con Lakescapes, il Teatro diffuso del Lago Maggiore lunedì 20 giugno in Piazza Matteotti a Baveno. L’Accademia dei Folli ricorda il 72° anniversario dell'Eccidio dei 42 Martiri di Fondotoce e dei 17 Martiri di Baveno.
Cafè della Memoria quinto incontro - 12 Giugno 2016 - 11:27
Il “Cafè della Memoria” di Verbania, promosso e gestito dal Consorzio dei Servizi Sociali del Verbano, con la collaborazione del Servizio di Geriatria dell’ASL VCO, dell’Associazione Familiari Alzheimer, dell’Opera Pia uccelli di Cannobio e con il finanziamento della Fondazione Vita Vitalis, propone per il periodo Gennaio- Giugno ’16 un nuovo ciclo di incontri formativi per i familiari .
Salviamo il Paesaggio Valdossola lettera aperta al Ministro Delrio - 30 Maggio 2016 - 17:53
Riceviamo e pubblichiamo, in occasione della visita in Ossola del Ministro Delrio, la lettera aperta del Comitato Salviamo il Paesaggio Valdossola in merito al progetto Interconnector Svizzera-Italia 380 kV.
“Musica senza età" con il Cafè della Memoria - 29 Maggio 2016 - 10:23
“Musica senza età: il coro del Cafè della Memoria e i giovani della scuola musicale “La Gatta e la Volpe” a Villa Giulia per un pomeriggio aperto a chi crede che gli anni e la malattia non debbano togliere la gioia di vivere”.
“Muoversi per e con la malattia di Alzheimer “ - 1 Maggio 2016 - 19:06
Il “Cafè della Memoria” di Verbania, promosso e gestito dal Consorzio dei Servizi Sociali del Verbano, con la collaborazione del Servizio di Geriatria dell’ASL VCO, dell’Associazione Familiari Alzheimer, dell’Opera Pia uccelli di Cannobio e con il finanziamento della Fondazione Vita Vitalis, propone per il periodo Gennaio- Giugno ’16 un nuovo ciclo di incontri formativi per i familiari.
Terzo incontro al “Cafè della Memoria” - 10 Aprile 2016 - 14:01
Il “Cafè della Memoria” di Verbania, promosso e gestito dal Consorzio dei Servizi Sociali del Verbano, con la collaborazione del Servizio di Geriatria dell’ASL VCO, dell’Associazione Familiari Alzheimer, dell’Opera Pia uccelli di Cannobio e con il finanziamento della Fondazione Vita Vitalis, propone per il periodo Gennaio- Giugno ’16 un nuovo ciclo di incontri formativi per i familiari .
uccelli - nei commenti
Beata Giovannina: Interpellanza sullo sci nautico - 25 Giugno 2016 - 01:54
giusto per conoscenza
forse Brignone e co,non si ricordano,o hanno una vagaconoscenza,di cio' che era la Beata negli anni 80/90.Piccoli/medi /grandi(Bialettone.....) imprenditori della provincia ,frequentavano stanzialmente la Beata,motoscafi Riva erano perennemente ancorati e nella darsena,ora dismessa.....e ,naturalmente ,facevano sci d'acqua,anche professionale....mai avuto problemi con i canoisti,che oltrtutto non sono a ''pochi metri''.....la sede,intendo--------in quegli anni,la Polisportiva Verbano ha dato il meglio di se,sci d'acqua o no,sfornando campioni Olimpionici...........se ho ben capito,sarebbe un'associazione professionale,ragione di piu' per pensare che staranno alle regole ed all'intelligenza di non intralciarsi.Poi,se vogliamo fare gli uccelli del malauigurio ...allora e' un altro paio di maniche.........se porto paletta e secchiello in spiaggetta,nn e' che mi fate un'interpellanza e mi denunciate al demanio per ''abusivismo di castelli di sabbia''?..........mah.........e' un duro lavoro trovare argomenti su cui interpellare.........e si che ce ne sarebbero di piu' costruttivi...ma probably,qualche lobby,nn va toccata...........salut
Cambiamenti climatici e migrazione degli uccelli - 7 Marzo 2016 - 23:18
migrazione degli uccelli
argomento di pressante attualita',effettivamente ,a causa dei cambiamenti climatici,quest'inverno,che e' stato mite,a differenza di altri inverni molto piu' riogidi,pochi dei miei amici sono migrati verso zone tropicli ,tipo Cuba o Brasile o Thailandia,dove solitamente migrano .....a proposito di migrazione di uccelli...........eh eh eh ..........un passero solitario......
Mamma cigno ammalata: chi la cura? - 25 Agosto 2015 - 13:05
E' la natura
Perché tutto questo allarme? In natura tutti gli animali, gli uccelli ecc. si ammalano e muoiono. E' il crudele ma naturale decorso degli animali in natura e non è una specie in via di estinzione da salvare.
Zacchera: "Da Fiumicino agli Agoni" - 18 Luglio 2015 - 19:30
Non giriamoci intorno
Ho letto con attenzione la replica del dr.Zacchera, che vedo essere d'accordo su molti punti da me evidenziati: gli uccelli ittiofagi, alcune alterazioni chimiche dell'acqua ( per noi uomini della strada : con l'acqua troppo pulita il pesce fa la fame), mentre dissente sulla questione delle reti. Non ho intenzione di annoiare nessuno con un dibattito via internet sull'argomento, ma credo che il punto rimanga uno: ha senso, nel 21mo secolo gettare reti di chilometri in un lago in cui ci sono problemi non da poco? Chi se ne frega che per secoli ci sono stati i pescatori, quello che conta è che adesso tra cormorani, gabbiani, depuratori, temperatura e chi più ne ha più ne metta, la pesca professionale è il classico colpo del ko per il Verbano. Nell'anno dell'Expo, il dr. Zacchera Sembra non aver compreso il messaggio universale che ci arriva dall'evento, cioè che le attività antropiche devono essere in simbiosi con la natura, lo sfruttamento delle risorse deve essere sostenibile. Può, in tutta onestà, il dr. Zacchera, rimanere il paladino dei pescatori professionisti alla luce di questa pressione a cui il lago è soggetto? La mia idea di trasformare, sfruttando le acque del bacino, i pescatori in allevatori, non va proprio in questa direzione? Si salvaguarderebbero i posti di lavoro, si produrrebbero risorse alimentari, si potrebbe ripopolare il lago. A questo vorrei che il dr. Zacchera, dall'alto degli incarichi che ricopre, rispondesse e si attivasse, nell'interesse dell'ambiente e di noi tutti. Grazie. P.s. In tutto questo, ovviamente, la mia identità è veramente poco importante, credo sia meglio disquisire su idee e concetti piuttosto che tirare in ballo la solita tiritera sui nicknames ..
Zacchera: "Da Fiumicino agli Agoni" - 18 Luglio 2015 - 18:08
agoni e dintorni
Come sarebbe bello che se anzichè passare come sempre e immediatamente all'insulto personale e alla polemica si avesse voglia di confrontarsi ( magari CON NOME E COGNOME, non capisco a cosa serva rimanere anonimi ) sulla base di un criterio di serietà e in un dibattito che vada oltre l'insulto. Mi piacerebbe incontrare "Il guardiano del faro" per spiegare a lui e a chiunque fosse interessato i diversi aspetti di queste problematiche che sono interessanti e complesse. Questioni da affrontare non "a pelle" o con i preconcetti, ma per quanto possibile su basi scientifiche. Quest'inverno abbiamo tenuto 4 incontri pubblici alla biblioteca Ceretti proprio su questi temi, evidentemente lui non c'era. Comunque sono assolutamente disponibile al confronto quando lo desidera perchè la questione non si può ridurla a poche battute, ma è legata ad andamenti climatici e limnologici complessi. L'incidenza dei pescatori professionisti in questo quadro è - salvo che in alcuni casi e località specifiche - del tutto secondario (tra l'altro la pressione di pesca è infinitamente minore di un tempo) mentre, per esempio, un abnorme incremento di uccelli ittiofagi sta divendando un problema sempre più complesso. Stanotte comunque le acque del lago in superficie erano a 27.6 gradi, forse un limite storico e anche questo aspetto - ancora poco conosciuto - potrrebbe incidere sulla riproduzione di alcuni pesci primaverili e di superficie, prima di tutto l'alborella. Chi ne vuole parlare più a fondo può contattarmi direttamente: marco.zacchera@libero.it un saluto M.Z.
Zacchera: "Da Fiumicino agli Agoni" - 18 Luglio 2015 - 17:40
Ma poi qual'e' il punto?
Alla fine, dopo aver stabilito che: 1 - l'acqua del lago è molto più pulita adesso che 50 anni anni fa perché i depuratori fanno il loro mestiere. 2- essendoci meno rifiuti organici, c'è anche meno nutrimento per i pesci e quindi ce ne sono meno. 3- ci sono molte specie di uccelli predatori che razziano gli avanotti. 4- l' unico pesce "infestante" che non diminuisce , anzi aumenta, e' l'agone, che all'inizio dell'Estate invade il litorale per la riproduzione per poi sparire nei punti più profondi del lago. Alla luce di questi quattro punti credo di capire il motivo per il quale il nostro ex sindaco si sia risvegliato dal letargo, e cioè per difendere, ancora una volta, gli interessi dei suoi amici pescatori professionisti che si lamentano del fatto che l'agone, entrando in competizione alimentare con pesci più pregiati, leva spazio a bondelle e coregoni, obiettivo primario degli "isolani". Le perplessità vere però, senza seguire i conflitti d'interesse più o meno condivisibili del noto politico locale, sono proprio legate ai quattro punti iniziali: alla luce di una situazione di povertà di nutrimento delle acque lacustri, del fatto che non viene effettuato il ripopolamento di coregoni, persici, lucci, e altre razze che stanno scomparendo, ha ancora senso sostenere il fatto che si possano mettere reti chilometriche che non lasciano scampo ai pochi esemplari rimasti? Personalmente vedo due soluzioni al problema: non fare nulla, e nel giro di pochi anni il lago verrà svuotato, oppure vietare l'uso di reti e riconvertire i pescatori professionisti in allevatori, contribuendo alla creazione di impianti ma obbligando a effettuare immissioni regolari di tutte le specie endemiche del lago. Speriamo che il signor Zacchera, dall'alto della sua esperienza, smetta di fare azioni a sostegno di un mestiere che non ha più senso e provi a ragionare sulle mie proposte, ci guadagnerebbero tutti.
Pista Ciclabile o Salerno - Reggio Calabria? - 4 Aprile 2014 - 07:11
Poca lungimiranza
L'estate scorsa sono stata in vacanza in Trentino: facendo tappa sul lago di Caldonazzo, ho potuto percorrere la pista ciclabile che circonda gran parte delle sue rive, con tratti di percorso paralleli alla strada e altri a sbalzo sul lago: il tutto con piazzole, estrema pulizia e panchine e praticelli curati. Ho potuto affittare le biciclette direttamente nell'albergo dove alloggiavo ( avevano pure le biciclette elettriche...). Non è fantascienza: possibile mai che in Piemonte ci vogliano 10 anni per un tratto così breve mentre in Trentino quasi circondano un lago intero (non ricordo bene, ma la tratta era di almeno 20 km)? Anche là nidificano uccelli e non credo che l'impatto della statale sull'ambiente sia mai stato preso in considerazione... Ma possibile che quando finalmente si vuol fare qualcosa di intelligente per il turismo ci si muova con tempistiche elefantesche? 10 anni... Inutile precisare che la pista ciclabile sul lago di Caldonazzo attiri molti turisti... Ma cosa abbiamo noi meno del Trentino? I soldi ci sono, basta solo la progettazione (3 anni) e 7 dico 7 per realizzarla??!? Povera Verbania... Ricordiamoci di tutto questo quando andremo a votare per il Sindaco: queste sono le azioni tangibili che un candidato sindaco dovrebbe affrontare , non tutta questa fuffa elettorale che si legge nelle varie dichiarazioni.
"Fondotoce Riserva Naturale fra Tutela ed Opportunità" - 13 Marzo 2014 - 13:44
riserva naturale
Tutela.....questa protezione per la proliferazione di alghe (che sicuramente proteggono gli uccelli che nidificano)ma riducono il Lago e limitano la produzione di pesci. Sarebbe meglio tagliare queste 'cannette"
Riserva o campo da golf riparte la polemica - 2 Ottobre 2013 - 16:23
ma ci fanno o ci sono?
La Riserva naturale speciale di Fondotoce è posta nei comuni di Verbania e Baveno sulla sponda occidentale del lago Maggiore presso la foce del fiume Toce e ha un'estensione di circa 365 ettari. L’ambiente è contraddistinto da residui di vegetazione ripariale e da un esteso canneto formato quasi esclusivamente da cannuccia di palude, la più estesa del lago Maggiore. L’area protetta, istituita nel 1990, risulta di vitale importanza per le specie animali e, data la sua collocazione lungo una delle principali vie migratorie, è sosta per un numero elevato di uccelli durante il loro spostamento. Nonostante l’interferenza antropica che agisce ai suoi margini conserva un elevato livello di biodiversità. La realizzazione di un sentiero natura autoguidato, pianeggiante e percorribile durante l’intero arco dell’anno in circa un’ora, conduce alla scoperta di angoli di natura integra e all’osservazione dell'avifauna (oltre 130 le specie censite). Lo sbocco del fiume Toce nel lago Maggiore è ora diventato sede di nidificazione di una colonia di centinaia di cormorani. ma ci sono o ci fanno? .. questo è un dubbio ambletico
Zanotti: golf a Fondotoce. come sbagliare tutto - 29 Gennaio 2013 - 20:18
caro Zanotti
caro Zanotti, ma secondo te 10/12 persone che vanno a vedere gli uccelli e le paperelle vanno di pari passo con le persone,magari disoccupate, che potrebbero avere un reddito da un'attivita che nel VCO è ferma agli anni 80?.....anche per colpa Vostra????????
×
Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti