Il BLOG pubblico di Verbania: News, Notizie, eventi, curiosità, vco

immobile

Inserisci quello che vuoi cercare
immobile - nei commenti
Comunità.vb : Turbati - 27 Gennaio 2016 - 21:31
turbativa d'asta?????
Solo dicendo che la consegna dell immobile di pregio avverrà dopo quattro mesi dall'acquisto e' turbativa d'asta? Io non me ne intendo....ma mi sembra un po' pochino come motivazione.. Se invece si parla di come si e' gestita la questione e' un'altra cosa.
M5S: Ex Casa della Gomma venduta si o no? - 27 Gennaio 2016 - 15:48
parole volano, carta canta
Determina 106 del 25.1.2016 dove stanno i dubbi? Più chiaro di così ,l'immobile è venduto , carta canta e quello che verbalmente afferma il Sindaco (ci prende per fessi?) vale solo per quelli del PD che vogliono crederci. Bella presa in giro
Ex Casa della Gomma Si/No - 22 Gennaio 2016 - 12:41
Qui i casi sono 2
1) hanno già l'accordo con il Ministero dei beni culturali per l'esercizio da parte dello stesso della prelazione, in modo che bene o male l'immobile "esca dalla porta ma rientri dalla finestra" nella disponibilità del pubblica. E allora tanto di cappello perchè hanno recuperato 200k euro nel bilancio comunale 2) hanno fatto una figuraccia, sconfessando nei fatti quanto dichiarato 15 giorni prima. Tra 60 giorni si scopre l'arcano.
Sondaggio Sole 24 Ore: sindaco di Verbania al 14 posto - 21 Gennaio 2016 - 17:59
Rientrerà nei primi 10 ?
Riuscirà a rientrare nei primi 10 ? Dopo aver preso in giro tutti , PD compreso, sulla vendita del locale ex Pretorio l'impresa diventa difficilmente arriverà a Natale. Tante " pubbliche" promesse e oggi si viene a sapere che l'immobile è stato venduto x 210.000 euro. Attendiamo un " trasparente" comunicato .
Villa Simonetta: si affronta il tema del recupero dello stabile - 21 Dicembre 2015 - 10:04
meglio Palazzo Pretorio
il comune ha appena messo in vendita tutta una serie di immobili, tra cui Palazzo Pretorio nel cuore di Intra, e adesso prevede di "recuperare e valorizzare" Villa Simonetta? Solo per la parte di "recupero" ci vorranno interventi nell'ordine delle centinaia di migliaia di euro. Non è meglio tenersi l'immobile più storico di Intra, ovviamente situato nel cuore della città, che investire in una villa decentrata e totalmente da ristrutturare? Sono curioso di leggere i risultati dello "studio" sulle "potenzialità" di questo immobile.
Consiglio di Quartiere Verbania Nord - 13 Ottobre 2015 - 12:00
voluti da un cavallo da traino
I posteggi lì sono stati voluti da uno dei cavalli da traino e ,se non sbaglio, l'immobile acquistato e parzialmente demolito per allargare via cuboni , comprende anche i locali per la sede del comitato di quartiere . La sua sistemazione è una delle promesse della sindachessa , campa cavallo......
Forza Italia su asta appartamenti via Casa Nuove - 8 Ottobre 2015 - 19:47
vendita o affitto?
Se il comune propone in vendita delle case anche a buon prezzo,ma nelle clausole impone che gli acquirenti devono avere un basso livello di ISEE e un reddito limitato i casi sono due . o non li vende perché chi ha basse possibilità economiche non può permetterselo oppure vende a chi figura povero, ma nasconde rendite in nero. La soluzione è vendere,senza, simili clausole contrattuali, a chiunque (e quindi anche a chi ha buone possibilità economiche) e poi far fare ai privati contratti di affitto a prezzo concordato con il comune ed enti pubblici con drastico abbattimento di Imu, tasse, fornire garanzie ecc Così facendo il privato ha il vantaggio di una giusta rendita anche se affitta a prezzo contenuto,e l'ente pubblico (in questo caso il comune) non si sobbarca pesanti oneri come la manutenzione degli alloggi la riscossione degli affitti ecc ecc Naturalmente l'abbattimento del carico fiscale e altri vantaggi devono essere di sostanza come ad esempio fatto a Milano qualche mese fa e non a Verbania dove i vantaggi per chi dà in affitto un immobile per abitazione con canone concordato sono limitati e tali che ben pochi proprietari di case pensano di applicarlo
Comunità.vb su acquisto di Casa Ceretti - 4 Ottobre 2015 - 12:59
X Paolino
Giustissimo, le leggi vanno rispettate ma anche applicate, non come fa qualcuno che le tiene in mano e, a seconda di chi si trova davanti, le interpreta. Detto questo, in riferimento alla casa/galleria Ceretti, penso che si più logico utilizzarla (cambiandone destinazione d'uso per motivi economici), per scopi necessari alla collettività anzichè continuare ad investire denaro dei cittadini per mantenerla e lasciarla inutilizzata. A questo che intendevo quando mi sono riferito al buon senso. Penso anche che chi ha donato questa proprietà non avrebbe certo voluto vedere questo immobile sottoutilizzato, o utilizzato male, ma sopratutto essere un peso economico sulle spalle dell'intera collettività.
Fronte Nazionale su Casa Ceretti e variazione bilancio - 3 Ottobre 2015 - 10:22
condivido
Condivido in pieno.Come ho già commentato in un altro post esistono in città altri luoghi già dedicati ad attività culturali simili, meglio concentrarsi sul valorizzare e rendere operativi al 100% questi. Il mio non è un giudizio negativo sulle attività di villa Ceretti e sulle persone che si adoperano in questo, semplicemente trovo esagerato l'ammontare dell'investimento a carico della collettività per acquistare un immobile a mio parere non necessario.
Non approvata la variazione di bilancio - 2 Ottobre 2015 - 12:32
preciso
Secondo me il fatto che vengano organizzate mostre e altre simili iniziative non vuol dire che per il Comune sia necessario investire in quell'immobile una così grande somma che tra l'altro come dice Brignone non ha. E comunque anche se li avesse, da buon amministratore secondo me sarebbe più logico investirli nella sede principale del museo a Pallanza, magari dedicando qualche stanza a attività e mostre che si rinnovano, insomma concentrare tutte le energie su un unico luogo che diventi il punto di riferimento per questo tipo di iniziative culturali. Inutile avere più dislocazioni che non possono essere attive al 100%, meglio concentrarsi su una cosa sola e farla bene.E secondo me il museo stesso ora proprietario dell immobile dovrebbe liberarsene e capitalizzare.
Non approvata la variazione di bilancio - 1 Ottobre 2015 - 18:57
Non tutti i mali vengono per nuocere
Almeno non è stato approvato anche l acquisto di casa ceretti. ....anche perché che cosa se ne farebbe il comune di un altro immobile inutile ma che deve pur essere mantenuto. Ci si troverebbe a doversi inventare qualche finalità pseudo culturale per giustificare la presenza
Sacchetti per la indifferenziata troppo cari? - 24 Settembre 2015 - 09:09
conti non tornano mai..
ricordo che quando è stato adottato il sistema di distribuzione dei sacchetti bianchi si era detto che con la differenziata si potevano avere tariffe su smaltimento rsu più basse e soprattutto il sistema di calcolo teneva in considerazione l' effettivo numero di occupanti e non più la metratura delll' immobile.. il passo avanti era questo peccato che poi si è tenuta come tariffa base il calcolo sulle superfici e in più l'aggiunta del numero occupanti.. poi il sistema di riscossione è passato al Coub che emetteva fattura, quindi caricando iva che prima non c'era.. e si diceva che avrebbero dato un rimborso in tal senso.. non è vero che la tassa sui rifiuti comprende anche altri servizi o almeno era forse vero prima dell' introduzione della TASI.. ma la tassa rifiuti TARI non è mai diminuita... per quanto mi riguarda faccio la differenziata dagli anni novanta quando si doveva portare nelle fatidiche ma intelligenti " Campane per la raccolta " e non come qualcuno che la solo se ha come promessa un bonus sulla bolletta ! certo avrei sperato che almeno non aumentasse !!! ...I sacchetti bastano eccome se la fai bene !!!
Quartiere Ovest su via Madonna di Campagna - 15 Luglio 2015 - 14:25
André
Faceva meglio a tacere andré , che non ha ancora capito l'oggetto della discussione: altra possibilità ! Appena insediata il Sindaco ha incontrato un operatore che voleva rilevare l'immobile per farne una attività commerciale. Quindi avrebbe ristrutturato, pagato oneri e dato lavoro , oltre ovviamente riqualificare la zona. Di questa cosa sono venuto a conoscenza dal diretto interessato solo dopo che l'amministrazione aveva fatto ciò che preferiva senza considerare la questione dell'alternativa. Il caso vuole che i lavori se li aggiudica la solita Castellitti, che la procedura sia in odore di illegittimità ( qui mi appoggio a quanto detto dal consigliere Di Gregorio) e che nessuno ha mai (purtroppo ) potuto esaminare alcuna alternativa perché il privato ancora attenderebbe che l'amministrazione gli dica come procedere... Non c'è attacco a nessuno, ma la narrazione di fatti, ognuno si faccia la sua idea.
Vigili del fuoco piazza don Minzoni ieri mattina - 3 Aprile 2015 - 15:15
incolumità pubblica
Pensare che la polizia amministrativa non faccia nulla per un immobile come quello di Piazza Don Minzoni, a reale rischio di crollo di tegole e di pezzi di tetto ed esposto direttamente sulla pubblica via per 3 lati mi sembra pazzesco. Poi sono in giro a fare le multe per le idiozie. Come sempre si deve aspettare che si faccia male qualcuno per quantomeno obbligare a mettere in sicurezza lo stabile (tipo intervento in via Restellini).
Vigili del fuoco piazza don Minzoni ieri mattina - 3 Aprile 2015 - 10:17
mi ripeto
Non mi sembra che l immobile di piazza don minzoni sia un pericolo x la sicurezza pubblica...per quanto riguarda l estetica, se proprio vi da fastidio fate una colletta per dipingerlo e se avanzano due soldi fate anche la mia casetta. Grazie
Minore: alienazione via case nuove "scelta scellerata" - 10 Marzo 2015 - 09:39
pescatore
Non entro nel merito sulla opportunità o meno di vendere questo immobile e sulla lungimiranza o meno della decisione ma non riesco a non pensare che questa situazione mi ricorda la storiella del pescatore, che per "far cassa", aveva venduto la canna e poi era costretto a comprare il pesce.
Immobile fatiscente sulla ciclabile - 9 Febbraio 2015 - 14:05
x Teo
Per pregiudizio all'ambiente s'intende pericolo per l'equilibrio ecosistema ambientale circostante, non è certo questo il caso. Suppongo che se le varie amministrazioni comunali che si sono succedute negli anni da quando questo immobile è stato costruito non hanno fatto nulla in merito al completamento dell'immobile (e qui il problema è il completamento, non certo la sua manutenzione), significa che il regolamento edilizio non sia applicabile in tal senso, a differenza di molti altri immobili privati di Verbania, soprattutto d'interesse storico o localizzati in aree di pregio, ai quali sono stati imposti manutenzione e riparazione. Ricordiamoci, infatti, che sono molti di più gli immobili recuperati, che quelli in stato d'abbandono. Detto questo è fuori di dubbio che permane un problema di decoro, ma questo non credo possa essere regolato, tanto meno imposto, da alcun regolamento. Come ho già avuto modo di dire in tal senso, sarebbe più logico intervenire presso i privati con una politica propositiva (e non impositiva), magari incentrata su possibili aiuti di natura fiscale e/o d'incentivazione.
Immobile fatiscente sulla ciclabile - 9 Febbraio 2015 - 07:02
Non credo
Il comma 3 dell'art. 33 parla di immobili e non aggiunge nulla sulla circostanza che devono essere ultimati o accatastati. Il comma 7 invece tratta di immobili che possono arrecare pregiudizio all'ambiente. Io ritengo che in certe zone tali ruderi e scheletri deturpino il paesaggio e questo può essere considerato un pregiudizio per l'ambiente. Se la proprietà non può permettersi di gestire un immobile e bene che allora vendere la proprietà a chi sappia farla fruttare.
Immobile fatiscente sulla ciclabile - 8 Febbraio 2015 - 21:30
Considerazioni
Vorrei fare alcune personali considerazioni sull'art. 33 del regolamento edilizio comunale per immobili privati. Il comma 3 recita: " Il proprietario ha l'obbligo di eseguire i lavori di manutenzione, di riparazione e di ripristino necessari, nonché quelli di intonacatura e ritinteggiatura delle costruzioni deterioratesi". Credo, mi si corregga diversamente, che detto comma si applichi ad immobili la cui edificazione sia conclusa e risultino regolarmente accatastati e che necessitino, per svariati motivi, di lavori di manutenzione, ripristino e riparazione, si presuppone dopo diversi anni dalla loro ultimazione. Quindi non all'immobile in oggetto, sicuramente a tutti gli altri immobili. Il comma 7 recita: " Ove le condizioni delle costruzioni e delle singole parti delle stesse o lo stato delle aree siano degradati tanto da arrecare pregiudizio all'ambiente o alla sicurezza ed alla salute delle persone, l'Autorità comunale ha facoltà di ingiungere, entro un termine prestabilito, al proprietario o al possessore dell'immobile l'esecuzione dei lavori necessari per rimuovere ogni inconveniente; in caso di inottemperanza........" Anche in tal caso, mi si corregga nuovamente qualora così non sia, credo che le condizioni dell'immobile in oggetto non siano tali da arrecare pregiudizio all'ambiente o alla sicurezza ed alla salute delle persone. Non credo nemmeno per gli altri immobili citati in questo blog. Penso, quindi, che per questi immobili il comma non si applichi. In altri casi l'Autorità comunale ha imposto l'intervento su immobili fatiscenti, come ad esempio nel caso della fabbrica ex Restellini di Intra divenuta pericolante e quindi pericolosa: in tal caso la proprietà optò per l'abbattimento. O nel caso dell'ex Camera del Lavoro, edificio anch'esso fatiscente e pericolante, abbattuto proprio perché divenuto pericoloso per l'incolumità delle persone. Rimane quindi la questione del decoro: se il problema non dovesse essere quello della sicurezza e incolumità delle persone, e nemmeno della sicurezza ambientale, ma unicamente il decoro, credo che un'Amministrazione Comunale attenta abbia comunque il dovere di intervenire cercando di sensibilizzare le proprietà al recupero e alla manutenzione dei propri immobili, senza però trascurare il fatto che ciò sia nelle loro disponibilità: obbligare tout court le proprietà ad intervenire, obbligandole così a contrarre debiti anche pesanti, non credo sia cosa saggia. Penso, invece, si debbano trovare soluzioni percorribili, come ad esempio proporre sgravi fiscali e/o forme d'incentivazione.
Immobile fatiscente sulla ciclabile - 5 Febbraio 2015 - 21:30
fattispecie
Nel caso indicato dalla lettrice mi piacerebbe sapere se il comune ha mai mandato una qualche richiesta di intervento. Sarebbe bello sapere quali sono i motivi del degrado. Sembra il classico cantiere bloccato da problemi burocratici. Ci sarà anche la crisi ma un immobile in quella posizione è senz'altro vendibile.
×
Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti