Il BLOG pubblico di Verbania: News, Notizie, eventi, curiosità, vco

teatro

Inserisci quello che vuoi cercare
teatro - nei commenti
"Sul Teatro Il Maggiore la deroga della deroga" - 16 Ottobre 2017 - 15:26
REI, posti a sedere e parcheggi!
Qualsiasi elemento brucia o si fonde: dipende solo dalle temperature a cui è esposto ed al tempo di esposizione (resistenza al fuoco). Così anche le travi in legno hanno un loro REI che, per cause poco chiare, ha un valore di gran lunga inferiore a quello richiesto per questo tipo di costruzione. Ciò che personalmente ho capito leggendo qua e là, è che qualcuno (impresa costruttrice? Progettista?) ha sottoposto un fascicolo tecnico che, pur contenendo le travi in legno con quelle caratteristiche, non teneva conto dei gusci in metallo che causano, in caso di incendio, temperature più alte che riducono quindi la resistenza del materiale legnoso. E’ sfuggito un dettaglio estremamente significativo: ma a chi? A chi deteneva l’onere del fascicolo sicuro, ma di norma il valutatore è persona esperta e, soprattutto, corresponsabile delle decisioni tecniche assunte in fase di progettazione. Possibile che le parti in causa avessero totalmente rimosso l’esistenza dei gusci? Lo sapevano anche i piccioni! Ormai è fatta: ci si metterà mano e si otterrà questo fatidico CPI che, ricordiamolo, è un documento che dichiara la conformità alla normativa vigente e che previene e minimizza il rischio incendio ma non lo elimina. Alla cittadinanza farebbe piacere (e non solo) vederci meglio e chiarire chi, nella vicenda, ha commesso l’errore tecnico che ha portato alla maggior spesa di oggi. Nel merito della vicenda, come al solito si cavalcano le cronache per la spiccia demagogia: l’organizzatore ufficiale della manifestazione (che tra l'altro si è scusato pubblicamente per la disorganizzazione! Finalmente qualcuno che si prende le responsabilità!) oggi parla di un numero complessivo di 760persone, quindi 200 in più del previsto (e non 400). Da quanto si legge nei vari comunicati, non ci sono state deroghe poiché il limite dei 570posti nel teatro sono stati imposti e rispettati (non solo per emergenza, ma anche per civiltà non si occupano i gradini di una scalinata come posto a sedere!). Le persone potevano ed hanno potuto, con i criteri di sicurezza imposti ad oggi, sostare nel foyer o all'esterno per ascoltare il rimando sonoro della manifestazione. Tra l’altro, ancora una volta, sulla questione posti a sedere si parla senza conoscere: per chi considera i posti a sedere troppo pochi, la risposta arriva dalla capienza della sala grande (sala teatro + foyer) che può arrivare a quasi 1000sedute. Per chi li considera “troppi”, la risposta arriva dalla capienza della sala piccola che arriva a quasi 200 sedute. Non è una mera questione di numeri: 570 sedute sono poche rispetto ad una manifestazione gratuita di Galimberti, ma sono state troppe per l’esibizione di Sokolov che all’inaugurazione della stagione, stando ai posti disponibili in prevendita sino al giorno dell’esibizione, sembra non aver ottenuto il tutto esaurito (riuscito invece il giorno prima al teatro Municipale di Casale Monferrato – 500posti). A coloro che lamentano la capienza va ricordato che, a parte l’ubicazione in sé, siamo sempre a Verbania, ovvero alla periferia del Paese Italia!! A proposito di capienza, persone e di dove queste parcheggiano per arrivare a teatro: ma qualcuno sa che fine ha fatto il “parcheggio che respira”? :) E già che parliamo di mezzi a quattroruote, qualcuno sa se quell’orrendo furgoncino bianco “dimenticato” nei pressi del teatro fa parte dell’arredo urbano del CEM? Non si è mai mosso da quella posizione…sarà la dimora della guardia notturna? (è una battuta, almeno lo spero!). Saluti AleB
"Sul Teatro Il Maggiore la deroga della deroga" - 16 Ottobre 2017 - 10:47
teatro Maggiore
Deroga su deroga.Quanti sono al corrente che tutte la numerose travi in legno non sono trattate in modo ignifugo? Architetti importantissimi non erano al corrente che il legno può bruciare? Adesso per ottenere un permesso definitivo dai vigili del fuoco,si devono spendere altri 250.000 Euro (500.000.000 circa delle vecchie lire). Mario C.
"Sul Teatro Il Maggiore la deroga della deroga" - 16 Ottobre 2017 - 07:08
Si incolpano a vicenda!
Per piacere risparmiateci tutto questo. Vedo persone che hanno voluto e seguito il progetto di questo inutile teatro incolpare chi ne ha seguito la costruzione attivando la struttura e viceversa. Basta!
Forza Italia Berlusconi su Fondazione Il Maggiore - 14 Settembre 2017 - 10:56
Forma e sostanza
Dopo la forma, anche la sostanza della propaganda fa acqua da tutte le parti. I soci dei fan club ForzaSilvioforeveralèoooaloooo fanno notare che in regione si sono dimenticati di sottolineare come, nel nuovo ente che si occuperà della gestione del teatro e ne assorbirà gli extra costi, il comune di VB verserà 250.000€, come a dire che altri soldi verranno spesi per il teatro gravando sui cittadini del ns comune. Giova ricordare a questi signori un commento del lontano agosto 2015 di Zacchera che, sui costi di gestione, dichiarava: <teatro a dispetto dei sinistri profeti di sventura e che non vogliono ammettere che – gestendolo bene e con gli occhi aperti al mondo – il CEM sarebbe e sarà un grande focus di sviluppo per tutta la città. >> Pertanto, dovrebbero cantare "lode al capo" poichè, se i 250k€ sarà la sola uscita del comune per il CEM, la profezia-pianificazione dell'ex sindaco si è avverata. Ad oggi, a quanto sembra, i costi del lancio si aggirano sui 700k€, comunque non lontano dall'intero introito del balzello sui turisti concepito proprio per far fronte al nuovo polo culturale. Saluti AleB
Il Maggiore premiato ad Atene, ma l'architetto è critico - 13 Settembre 2017 - 13:30
i sassolini nella scarpa..
perchè di questo si tratta alla fine...peccato che un Architetto affermato e che ha ricevuto la sua gratificazione professionale (economica dalla comunità e professionale dai suoi pari) debba usare un social per sprecare il suo tempo a fare il rimbrotto al suo cliente. Ma poi, il Comune ha pagato la sua parcella? La gratidudine nel mondo capitalista la si paga con sonanti denari...e pare che il gruppo Stones non ne abbia presi pochi. Tra l'altro, c'era già stata una polemica sul mancato invito dei progettisti un anno fa da parte di Zacchera alla quale la Marchionini aveva risposto che tutto il gruppo di progettazione era stato invitato: possibile che gli screzi quindi fossero antecedenti e riguardano appunto le modifiche della struttura apportate nell'appalto integrato. Detto questo, piacerebbe sapere a tutti i dettagli della sua lamentela e se parla a nome personale o dell'intero gruppo. Arroyo aveva definito la realizzazione aderente al 100% a quanto concepito sulla carta; agli occhi dei profani di differenze nemmeno l'ombra. Eppure qualche modifica, all'alba delle nuove elezioni, ci fu e non solo riguardò la disposizione degil spazi (quanti metri quadrati avranno mai potuto modificare a progettazione ormai ultimata?) ma anche caratteristiche strutturali che gli ingegneri del progetto esecutivo avevano messo in dubbio. Mi si lasci dire inoltre che, se questo progetto non era nelle sue corde rispetto ai suoi standard di qualità e se la giuria ha valutato l'opera in quanto costruita e non solo progettata, l'architetto ha lasciato la coerenza sulla tastiera del suo pc! Ma quello che fa più indispettire è la denuncia di "estremo degrado" che, non contestualizzata, riguarda sia l'area esterna che lo stesso manufatto. Fa specie che un professionista del settore non sappia cosa rappresenti il termine degrado (i detrattori dell'opera diranno che è lo stesso concetto mal applicato alla vecchia Arena): ora, che l'area esterna non sia un giardino fiorito di Villa Taranto ci sta e ci stanno pure le contestazioni sui cavi a vista e/o il patio del bar, ma classificare questo come "degrado" e pure avanzato (mancava giusto "in stato di decomposizione) è un filo eccessivo nonchè falso. Se non sbaglio l'area verde verrà sistemata con nuovi investimenti ma trattasi sempre di erba: se piove tanto, l'orto si disfa! Infine, siamo tutti d'accordo sulla (s)comodità delle poltrone, questo sì errore di progettazione esecutivo, ma la flessibitià del sistema CEM è appena stata dimostrata nell'ultimo spettacolo: ditemi in quale teatro si può montare un ring e giocare un torneo di pugilato davanti a 400persone! L'area spettacoli ha dimostrato di poter funzionare: i numeri parlano di un bilancio in attivo per la prima stagione. Se si portano sul palco nomi di rilievo, il pubblico arriva da solo, anche sulle scomode sedute. Ovvio che non era pensabile di poter andare in pareggio con i costi dell'intera struttura, ma non hanno iniziato con il piede sbagliato. Tutt'altro. E commenti stizziti come quelli dell'architetto, non fanno bene alla crescita di questo polo culturale cittadino. Saluti AleB
Il Maggiore premiato ad Atene, ma l'architetto è critico - 11 Settembre 2017 - 12:47
l'esterno
a mio parere soprattutto l'esterno lascia a desiderare; davanti al teatro zona palco esterno sembra una discarica di periferia e davanti a baretto hanno fatto uno scempio; quel terrazzamento di sabbia contornato da un tubo verde di plastica da cantiere avvolto da uno straccio bianco sbrindellato e lacerato ovunque, proprio non si può vedere
Il Maggiore premiato ad Atene, ma l'architetto è critico - 10 Settembre 2017 - 20:10
Re: Bellezza (?!)
Ciao renato brignone se dovesse diventare sindaco, e spero vivamente che ciò non accada, potrà demolire il teatro e farne un centro sociale. Auguri.
Il Maggiore premiato ad Atene, ma l'architetto è critico - 10 Settembre 2017 - 18:34
Bellezza (?!)
La bellezza esteriore è bellezza vera? Nello specifico, vi siete mai seduti sulle poltroncine ? L'organizzazione degli spazi interni l'avete considerata? Avete mai visto il costosissimo salone polifunzionale (Unione teatro e fuaier) in attività? Massi , piace ugualmente e ce ne faremo una ragione
Forza Italia Berlusconi su Fondazione Il Maggiore - 10 Settembre 2017 - 18:29
Re: ...ma il VIP...
Ciao Maurilio Era di una società privata ma c'era un vincolo a favore del comune il quale rendeva l'immobile vincolato ad essere teatro/cinema. Vincolo che poi è stato cancellato affinché diventasse banca
Il Maggiore premiato ad Atene, ma l'architetto è critico - 10 Settembre 2017 - 08:06
Mah. .
Le critiche ci stanno sempre e l'architetto ne ha il diritto sacrosanto. Non ho capito il degrado da dove deriva. E comunque il progetto è passato ad altri che evidentemente lo hanno rivisto. Non fa piacere a nessuno vedere il proprio lavoro rifatto come non si voleva. Ma ora con questo premio c'è la certezza che è stato fatto un buon lavoro. Le critiche sono tutte lecite. Ma alla fine il teatro c'è e funziona. E questo è un bene per tutti.
In ricordo di Nanni Svampa - 28 Agosto 2017 - 14:34
...per il resto...
Per i resto condivido tutto: Nanni era uno dei miei cantanti peferiti, l'ho seguito molte volte a teatro e nei suoi concerti e di lui conservo molti CD: mi spiace davvero tanto.Ha saputo valorizzare il dialetto rendendolo sempre e comunque accessibile anche a chi non era del nord. Se ne va un altro pezzo della mia giovinezza.
Per lo stadio Pedroli nessun rischio - 30 Luglio 2017 - 21:12
Re: Maurilio e Giovanni
Ciao lucrezia borgia meno male che non ci sarà replica da parte tua, ti mancano tutti i fondamenti per replicare! 1. Non conosco la realtà di Stradella, ma il problema non sono il numero di posti, ma il contesto complessivo. Quando, fino ai primi anni novanta, a Verbania, si tenevano splendide stagioni teatrali e concertuali, bastavano il VIP, il sociale e il palazzetto dello sport e anche da noi non si è mai annullato nessun evento, ma il contesto era diverso! Il maggiore, per sopravvivere e giustificare la sua esistenza, deve fare manifestazioni tutte le settimane, più volte alla settimana, ma a Verbania, e nel VCO, non ci sono le condizioni per farlo! Ripeto, spero che qualcuno, non mi interessa l'appartenenza politica, riesca a fare la magia, ma dubito 2. "Pezze giustificative"?!?! Ma come parli? Basta leggere i giornali per farsi un'idea di massima (qui puoi fartela anche tu http://www.vcoazzurratv.it/eventi/6760-teatro-maggiore-ecco-la-nuova-stagione, "1 milione e 70 mila euro di costi correnti, a fronte di 395 mila euro complessivi di entrate"!!!!!!), per quella che è una provocazione, ben strutturata ma sempre una provocazione è!!! Saluti Maurilio P.S. Qualche libro in vita mia l'ho letto e ne dubbio, so usare bene anch'io wikipedia per sapere chi fossero Alvar Aalto ed Eugenio Montale.
Per lo stadio Pedroli nessun rischio - 30 Luglio 2017 - 06:57
Maurilio e Giovanni
Maurilio le cifre che lei ha esposto meritano accurata verifica. Dove trovo le pezze contabili per leggere le cifre che lei ha menzionato? In mancanza, le considero non attendibili. Sfoggio culturale: Alvar Aalto ed Eugenio Montale sono un architetto finlandese ed un poeta della corrente letteraria detta "ermetismo" che tutti coloro che hanno frequentato almeno il triennio delle scuole superiori, applicandosi minimamente, conoscono. Giovanni %, a Stradella esiste un teatro , capienza 300 posti, che funziona benissimo, proposte culturali con artisti veri e non artistucoli che fanno quello che possono ma sempre artistucoli rimangono,salvo poche e lodevoli eccezioni. Per inciso, mai annullato qualche evento in programma. In quanto al Gabibbo avrebbe già potuto intervenire: canile, porto, Beata Giovannina..... Non ci sarà replica da parte mia. Saluti e buona domenica.
Annullato concerto Emis Killa, spostato lo show di Antonio Ornano - 18 Luglio 2017 - 21:44
Soldi pubblici sperperati
Lo pensavamo quasi tutti, il teatro sarebbe stato una zavorra per le casse comunali. Il problema è un altro a mio avviso, perché siamo arrivati a questo punto? Bisogna cambiare la cattiva abitudine di pensare... ci sono finanziamenti pubblici evviva !!! ... Regionali, Statali, Europei non importa, sembra ci piovano dal cielo, e quindi dobbiamo per forza spenderli. Quando non si è progettato il futuro con la giusta lungimiranza, bisogna usare cautela nello spendere. Un esempio ? Il bando periferie... bene i soldi spesi per la ciclabile (avete notato il primo tratto da fondotoce ? Spigoli vivi dei cordoli attorno alle piante, quanti ci sbatteranno contro?) Bene anche per Il movicentro, altra cattedrale incompiuta ed assurda, và finito. Ma poi si è deciso d'inserire laqualunque pur di accaparrarsi i fondi, a me non sembra normale, è così che si sperperano miliardi in tutta italia, perché tutti vogliono far vedere di saper reperire fondi. I soldi vanno spesi solo se esiste una visione di città, diversamente si continua a fare e disfare e tartassare i contribuenti, tutto per vanità e superficialità.
Annullato concerto Emis Killa, spostato lo show di Antonio Ornano - 17 Luglio 2017 - 21:32
Facciamo ridere....
Siamo noi il vero spettacolo dell'estate in Piemonte. Non ne azzecchiamo una...spiegatemi la logica di un cartellone simile, Ornano (??!!!), Emis Killa (piace proprio a tutti...) e Ermal Meta che non avrà mai cantato di fronte a 600 spettatori. Meglio di sicuro nel nostro mega teatro il prestigioso Festival dell'Himalaya. Se qualcuno volesse organizzare qualcosa, si faccia avanti...ma non bancarelle o orchestrine vi prego....
Sicurezza de Il Maggiore: la commissione dice OK - 5 Luglio 2017 - 08:18
Re: Re: Re: Al di la dei tifi e delle fazioni...
Ciao Maurilio Concordo solo sulla cessione ad Intesa del teatro 😉😃
Sicurezza de Il Maggiore: la commissione dice OK - 3 Luglio 2017 - 16:06
la mente sportiva ha verità più vere?
Per chi ha letto le carte è assodato che il guscio collassa in 15 min. ma capisco le tifoserie (soprattutto capisco che vogliano rimanere anonime) , sta di fatto che se uno si sente insultato perchè metto rimandi ai miei post con i link che servono anche per documentarsi (o per denunciarmi se mento) , va benissimo... significherà che ho insultato "un intelligenza" e me ne farò una ragione . vediamo se questo link piace di più (...Questione “calda” quella del CPI. A luglio, infatti, scadrà la deroga concessa di Vigili del Fuoco per la messa in sicurezza del guscio esterno dei “sassi” (l’interno della struttura è in perfetta sicurezza) e l’Amministrazione, che intanto ha bandito la gara per l’aggiudicazione dei lavori, è chiamata a interventi che ne innalzino la soglia di resistenza dagli attuali 15 minuti (15 minuti, in caso d’incendio sono il tempo di resistenza del guscio esterno prima del collasso). Con i lavori previsti si arriverà a 45 minuti, ma la legge ne richiede almeno 60...) http://www.verbanonews.it/prima-pagina/il-cem-torna-in-consiglio-comunale-al-via-il-bando-per-la-sicurezza-antincendi-e-immovilli-vuole-chiudere-il-teatro-1656.html
Zacchera su Veneto Banca - 2 Luglio 2017 - 18:16
Incredibile!!
Personalmente credo che Lei dopo i suoi trascorsi di parlamentare e di primo cittadino, che abbandona la sua città, ad una gestione commissariata, dovrebbe rileggersi e meditare su quanto ha appena scritto "Ma in questo paese nessuno è mai responsabile di quello che fa? Da cinque anni ci sono gli stessi banchieri e politici ai vertici della finanza nazionale e del governo e questi sono i risultati" Le sue buone occasioni per cambiare il Paese a cominciare da Verbania le ha avute, le ha fallite e quindi a mio avviso non ha più alcuna credibilità. Nei suoi panni, starei a debita distanza dai media o social, a commentare o criticare le disfunzioni di un sistema finanziario fraudolento, legittimato da leggi disegnate da parlamentari incapaci o collusi, le sue azioni nella migliore delle ipotesi sono state ininfluenti, se non terribilmente costose, vedi nuovo teatro P.s. Per il piacere di chi piace dare etichette, le confesso che una volta le ho anche dato il mio voto
Lega Nord su certificazioni sicurezza de Il Maggiore - 4 Giugno 2017 - 12:12
maurilio
continui a perdere l'occasione per stare zitto........i due progetti avevano una bella differenza quello di Zanotti era interamente a carico dei contribuenti verbanesi ed in caso di mancata realizzazione c'era una penale salatissima sempre a carico dei contribuenti quello Zacchera è stato possibile grazie ai fondi pisu soldi che arrivavano dall'europa (sempre nostri però) e riguardavano progetti in ordine in quel periodo. L'unico era il cem non è difficile da capire come non è difficile capire che grazie a quel progetto è stato possibile fare altri interventi tra cui il parcheggio dell'ospedale Castelli che era una priorità.Adesso il problema è un altro cioè la sicurezza del teatro che è quello che interessa a noi per quello chiediamo di spostare i soldi di quell'inutile asfaltatura a Unchio 400.000 mila euro alla messa in sicurezza del teatro
Lega Nord su certificazioni sicurezza de Il Maggiore - 3 Giugno 2017 - 19:13
Siamo alle solite....
Siamo alle solite, quando sul teatro non si sa più cosa dire, si tirano fuori sempre le due vecchie litanie: 1. il teatro l'ha voluto il PD, o meglio la giunta Zanotti 2. il teatro non è costato di più, ogni tanto qualcuno azzarda un "non è costato nulla", e si è potuto fare "tanti" altri lavori. Come al solito, rimango sbigottito, dalla memoria corta, nel migliore dei casi, o dalla disonestà intellettuale mista ad una incapacità di fare di conto, nel peggiore. 1. E' vero le il progetto del teatro è partito dalla giunta Zanotti, così come è vero che la mossa di approvare il progetto poco prima di elezioni è stata una mossa legale, ma deprecabile! E' altrettanto vero, che il progetto nasceva su altre basi, in null'altro contesto, la grande crisi non era ancora iniziata quando si è dato via all'iter. Penso che il progetto Zanotti fosse già al limite dell'eccessivo, ma aveva alcuni altri pregi, riqualificava un'area su cui si dovrà comunque mettere le mani (al portafoglio), era in una posizione centrale e se non ricordo male prevedeva dei parcheggi interrati, avrebbe reso appetibile la gestione del bar e ristorante ad esso connesso. Spostare il CEM dove si trova ora, ha trasfarmato un progetti eccessiso (la versione Zanotti) in una cosa al limite dell'assurdità (la versione attuale) 2. E' vero che una quota, non ricordo quanto e non ho voglia di andare a cercare, che una quota parte di quanto necessario sia arrivata attraverso il finanziamenti europei destinati alla riqualificazione (PISU se non ricordo male), ma è bene anche ricordare che l'area ex arena era tutt'altro che da riqualificare, se mettiamo insieme soldi spesi (la costruzione della versione attuale), soldi da spendere (il necessario parcheggio, la riqualificazione della piazza mercato, tutti i lavori da ultimare e sistemare che non sono ancora stati fatti...) e soldi buttati dalla finestra (la distruzione dell'arena,...), al netto di svalutazione e quant'altro, usciranno due cifre molto simili! Quindi, basta con queste solite "tiritere" Saluti Maurilio P.S. Io sono il prima che si augura, per il bene della città, che l'attuale CEM, indipendentemente dal colore delle giunte possa funzionare e diventare una risorsa per la città, faccio solo fatica a capire come!
×
Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti