Il BLOG pubblico di Verbania: News, Notizie, eventi, curiosità, vco : Fuori Provincia : Cronaca

Rimborsopoli in Piemonte: chiesti 40 rinvii a giudizio

La procura di Torino ha chiesto il rinvio a giudizio per il presidente della Regione Piemonte Roberto Cota per peculato, nell'ambito dell'inchiesta sui rimborsi ai gruppi consiliari. Con Cota, e' stato chiesto il rinvio a giudizio anche altro 40 consiglieri.
Fuori Provincia
Rimborsopoli in Piemonte: chiesti 40 rinvii a giudizio
Dal sito: agi.it

Chiesta invece l'archiviazione per Mercedes Bresso, che era indagata per finanziamento illecito si partiti. Oltre a Mercades Bresso, e' stata chiesta anche l'archiviazione per Monica Cerutti, consigliera di Sel che era indagata per peculato e finanziamento illecito ai partiti. E' stata invece stralciata la posizione di Andrea Stara, del gruppo "Insieme per Bresso", indagato per peculato, per il quale i pm intendono svolgere ulteriori accertamenti.

Oltre ai 40 consiglieri regionali (compreso il presidente Cota) e' stato chiesto il rinvio a giudizio anche per altri due indagati esterni al Consiglio: si tratta di Sara Lupi (figlia del consigliere regionale dei Verdi Verdi, Maurizio Lupi) e di Gabriele Moretti, ex consigliere comunale di Torino dei moderati, indagato in concorso per peculato per alcuni sondaggi commissionati alla societa' di cui e' titolare. Pm, "spese di Bresso giustificate" "Non si ritiene di poter raggiungere la prova della mancanza di un interesse in capo al Gruppo dell'acquisto di tale materiale, attesi che lo stesso non consta di meri spot elettorali, ma illustra, senza specifici riferimenti alla scadenza elettorale, le prese di posizione di Mercedes Bresso su diversi versanti dell'attualita' politica".

Cosi' i pm torinesi, che indagano su 'rimborsopoli' hanno motivato la richiesta di archiviazione per l'ex presidente della regione Mercedes Bresso, in ordine all'accusa di finanziamento illecito ai partiti. Al centro delle contestazioni c'erano foto e video che erano stati commissionati in campagna elettorale (per un importo complessivo di circa 9 mila euro) e che vennero pagati solo successivamente alle elezioni non dal comitato elettorale bensi' con i soldi dei rimborsi al Gruppo "Uniti per Bresso".

Bresso ha sostenuto davanti ai pm che la spesa era giustificata dal fatto che il materiale era stato utilizzato per il sito web del Gruppo e per questo poteva rientrare nelle spese rimborsabili. "Alcuni di questi video - proseguono i magistrati - sono ancora accessibili dal sito del consigliere e questo ne conferma l'effettivo utilizzo da parte del Gruppo". "Sono contenta di essere riuscita a chiarire la mia posizione". E' questo il commento di Mercedes Bresso (Pd) appena saputo dell'archiviazione. "Nel secondo interrogatorio con i pm - spiega Bresso - ho chiarito nei minimi particolari il mio operato, dimostrando la correttezza del mio comportamento.

Stiamo vivendo la pagina piu' brutta per l'istituzione regionale - prosegue l'ex presidente - , una Regione umiliata da un presidente eletto illecitamente e ora rinviato a giudizio per spese personali a carico della collettivita'. Mi domando - conclude Bresso - cos'altro deve succedere per costringere Cota a staccarsi dalla poltrona".

Salvini, in Regione governano i pm, non ci arrendiamo "Rinvio a giudizio per Cota, elezioni annullate. Ormai in Piemonte governa la magistratura. Ma la Lega, unica opposizione, non si arrende". Cosi' il segretario federale della Lega Nord, Matteo Salvini, commenta la richiesta di rinvio a giudizio per il governatore del Piemonte nell'ambito dell'inchiesta sui rimborsi ai gruppi consiliari.
 Fonte di questo post



15 commenti  Aggiungi il tuo

Vedi il profilo di renato delle carte Paese
renato delle carte
17 Gennaio 2014 - 10:19
 
Bella pubblicitá anche all'estero,c'è tutto ció che spaventa un possibile investitore.Da una parte la cialtronaggine e dall'altra l'incertezza del diritto.
Aggiungi la corruzione e il quadro è bel che fatto.
Vedi il profilo di lupusinfabula rinvio a giudizio
lupusinfabula
17 Gennaio 2014 - 11:37
 
Posso capire che in sede di indagini nessuno si senta in obbligo di dimettersi, ma dopo una richiesta di rinvio a giudizio, correttezza, signorilità, senso delle istituzioni e di responsabilità, vorrebbero che gli indagati si facessero da parte; poi, in caso di assoluzione sarei il primo a riconsiderare i fatti.
Vedi il profilo di Todesco Maria Grazia Spero solo...
Todesco Maria Grazia
18 Gennaio 2014 - 10:37
 
Spero solo che i politici che saranno effettivamente giudicati colpevoli, abbiano la saggezza di non ricandidarsi più in nessuna lista di partito. Sono letteralmente nauseata e amareggiata. Se penso che per ben più di due anni ho chiesto " l'assegno di cura " per una mia cara zia anziana affetta da Alzheimer e bisognosa di cure, sentendomi sempre rispondere dall'USL di Arona: " - Ci spiace signora, ma la vostra pratica è ancora ferma, purtroppo la Regione Piemonte non ha soldi. " Adesso so dove andavano i finanziamenti che invece avrebbero dovuto essere convogliati per le reali e necessarie necessità dei cittadini più deboli ed indifesi! Che vergogna! Nel frattempo lo scorso dicembre mia zia è venuta a mancare. A chi mai potrò dare la mia fiducia alle prossime votazioni? La fiducia è una cosa seria.
Vedi il profilo di Alberto Ricandidatura
Alberto
18 Gennaio 2014 - 11:25
 
Signora Maria Grazia, lei è troppo ottimista, ma purtroppo per noi queste persone fanno parte di quella categoria di soggetti legati alla dipendenza, non di sicuro da lavoro ma da cadrega.
Scendono da una cadrega per sedersi su un altra, a loro non interessa n'è il colore, n'è il credo politico, basta che questi passaggi facciano entrare nelle loro tasche tanti denari facili e, grazie a quella posizione privilegiata, con delle aggiunte supplementari sottobanco, per non parlare dei rimborsi farlocchi. Questo vale per tutti e a tutti i livelli. Senon nascono con il pelo sullo stomaco, frequentando quegli ambienti, se lo fanno venire.
Ha capito cara contribuente perché quello che lei si auspica non accadrà mai!
Buona salute.
Vedi il profilo di lupusinfabula ritratto perfetto
lupusinfabula
18 Gennaio 2014 - 11:46
 
Alberto, un ritratto perfetto,a tutto tondo, di tutti i politici di ogni schieramento ad ogni livello. Complimento per la chiarezza della sintesi.
Vedi il profilo di antonio spese illecite ?
antonio
18 Gennaio 2014 - 11:58
 
Anche a me disgusta la cosa , con tutti i soldi che prendono , non avevano certamente bisogno di spendere soldi aggirando la legalità , però attenti a NON generalizzare , in tutti i partiti ci sono persone degne e in piccola misura persone che con il loro comportamento screditano il loro partito , quindi non criminalizziamo tutto , mi ricordo una cosa successa all'On.le Donat Catten ,persone stimabilissima , ho fatto quest'esempio per rafforzare il concetto NON FACCIAMO DI UN'ERBA UN FASCIO , GRAZIE .
Vedi il profilo di lupusinfabula persone per bene
lupusinfabula
18 Gennaio 2014 - 13:43
 
Se, come dice Antonio, nei partiti, le persone "per bene" sono la maggioranza, allora perchè non sono essi stessi a denunciare i soci,fare tabula rasa? Ladro è chi ruba e chi fa il palo e chi tiene il sacco, così mi hanno insegnato i vecchi.
Vedi il profilo di lupusinfabula aggiunta
lupusinfabula
18 Gennaio 2014 - 13:56
 
Si è mai visto che il sig. X del Partito Y sia uscito allo scoperto denunciando pubblicamente: -I miei sodali Z,H.K ed L tengono comportamenti indecorosi, spendono indebitamente soldi pubblici e rubano- ?? Se ne conoscete uno ditemelo che lo voto, indipendentemente dal partito di appartenenza. E non uscite con la storia dei panni sporchi che si lavano in casa : i soldi, caro Antonio, sono i nostri.! E se qualche "pentito" c'è stato, tale è diventato solo dopo che la Magistratura l'ha incastrato: questi son fatti, non frittelle.
Vedi il profilo di Alberto Non fare di Un erba un fascio
Alberto
18 Gennaio 2014 - 13:59
 
Ha ragione signor Antonio, non bisogna fare di un erba un fascio, peccato però che a queste mosche bianche (gli onesti), il sistema malato della "politica" non gli permetterà mai di lavorare bene per gli interessi del popolo.
La dimostrazione l'hanno data i new entry dei 5 stelle che, tenendo fede a quanto dichiarato in campagna hanno denunciato le porcate che hanno visto.
Lo sapete cosa serve oggi per salvare ancora qualcosa in Italia? Il popolo deve parlare meno e farne più fatti.
L'ho già detto in altri commenti, dobbiamo seguire l'esempio degli egiziani, degli iracheni e dei libici.
E parlando di persone extracomunitarie e scelte politiche fatte da questa marmaglia a doc per loro, tra poco saremo ospiti a casa nostra.
Su questo dobbiamo fare attente riflessioni e prendere sane decisioni.
Vedi il profilo di Anonimo Dimissioni
Anonimo
18 Gennaio 2014 - 14:19
 
Ma cosa aspettano questi imbecilli ad andarsene dimettendosi come chiederebbe il comune senso del pudore.
Consiglieri regionali verbanesi quanto dobbiamo aspettare per vedervi recedere dalle schifezze che avete combinato.
Vergognateviiiii !!!!
Vedi il profilo di antonio risposte ?
antonio
18 Gennaio 2014 - 15:42
 
Sintetizzo cercando di rispondere alle vostre ,1°quando un amico o presunto tale commette un'illecito scopri che non potrà più essere tuo amico e non puoi prima ( non sono un veggente ) ,2° le dimissioni sono soggettive , io le avrei date , 3° i 5 stelle avevano detto che avrebbero rimborsato tutto il di più , peccato che gonfiano la nota spese per tenersi il massimo 4° sono quasi certo che le persone che sono indagate , alle prossime elezioni non si candideranno , almeno quelle che sono del mio partito . questo è il mio pensiero , se non vi va bene , non so cosa fare , buona serata .
Vedi il profilo di Paolo Andrea Bacchi Mellini Ma quante belle spese!
Paolo Andrea Bacchi Mellini
18 Gennaio 2014 - 15:56
 
Chi ha tempo e voglia (e non soffre di mal di stomaco) provi a leggere l'elenco dei rimborsi che vengono contestati al commendatore al merito (degli scontrini?) della Repubblica Italiana. Link:
http://www.facebook.com/download/463901977047911/cattaneo-01.pdf
La Regione Piemonte tagliava le spese sanitarie e costui beveva e mangiava alla faccia nostra. Gente simile non soltanto dovrebbe dimettersi immediatamente da ogni incarico pubblico, ma anche avere la decenza di non mostrarsi più in pubblico. Per la vergogna!
Vedi il profilo di Carlo Repossi Fosse solo questo !
Carlo Repossi
18 Gennaio 2014 - 16:43
 
Stanno per approvare una legge che stanzia 158 Milioni di Euro RIPETO 158 MILIONI DI EURO
per un fondo rivolto ai politici se dopo 3 anni dall'aver lasciato le istituzioni, i poverini non hanno rubato abbastanza - tanto da essere sovvenzionati dai nostri soldi attraverso quel fondo.
Cosa abbiamo pagato l'imu, tares e così via per cosa.
Poi Cota dice che con 7.500 euro al mese fa la fame, come quei poveretti da oltre 10.000 euro al mese di pensione fino ai 90.000 rispetto ai poveri cristi da 400 euro mese.
Ma non si rendono conto che tra poco la gente va oltre ai forconi......

Io, per trovare lavoro ho cercato all'estero pronto a lasciare casa, famiglia, amici cose, per trovarmi in una truffa che fortunatamente ho capito prima del troppo tardi. Dettagli:
http://digilander.libero.it//carlomanuel/GBita.htm


Vedi il profilo di Todesco Maria Grazia le agende servono anche a questo
Todesco Maria Grazia
18 Gennaio 2014 - 16:57
 
Gentile signor Antonio, alle prossime elezioni non farò di tutta l'erba un fascio, riguardo ai nostri politici, ma di sicuro sto annotandomi nella mia agenda i nomi di chi viene giustamente e sicuramente trovato colpevole. Noi italiani abbiamo il difetto di avere troppo spesso la memoria corta riguardo aila politica, e così per non sbagliare ancora e dare il nostro voto a chi non lo merita, è meglio imprimersi bene nella mente ( e nell'agenda ) nomi e cognomi, e poi al momento opportuno negare loro la nostra fiducia di cittadini. Mi sembra la cosa più ovvia da fare, se non vogliamo che questa nostra bella Italia cada ancora più in basso.
Vedi il profilo di Giordano Andrea FERRARI Rilevanza penale e rilevanza morale
Giordano Andrea FERRARI
18 Gennaio 2014 - 18:50
 
Ma porca miseria, mica le cose sono gravi solo se sfociano in una condanna penale ! In tutto il mondo ci sono due livelli, quello etico e morale e quello penale. In tutto il mondo se uno compie una porcheria ( giudizio etico e morale ) si vergogna e si ritira a vita privata, questo anche se la porcheria non ha rilevanza penale. In Italia sembra che se uno ha compiuto una porcata, ma questa non ha rilevanza penale - di più - sino a quando non arriva la condanna penale, sia buona cosa che resti al suo posto ! ................ andatevene !!!!!!!!!!



Aggiungi il tuo commento

Prima di pubblicare un tuo commento assicurati che:

• sia in tema e contribuisca alla discussione
• non abbia contenuto razzista o sessista
• non sia offensivo, calunnioso o diffamante

La redazione si riserva di cancellare qualsiasi contenuto ingiurioso, volgare, illegale o contrario alla policy.

Commenti Se accedi o ti Registri potrai visualizzare il tuo nome e ricevere aggiornamenti quando ci saranno altri commenti



captcha
CAPTCHA: Scrivi il valore visualizzato

Iscriviti con la tua email
Fuori Provincia
20/09/2017 - Gioielli di alto artigianato e solidarietà
20/09/2017 - Rosaltiora: turné in Svizzera
19/09/2017 - Piano regionale contro il gioco d'azzardo patologico
18/09/2017 - Borghi alpini consegnati cartelli
15/09/2017 - Sessant'anni della Navigazione Laghi
Fuori Provincia - Cronaca
12/09/2017 - ANCI Piemonte: scuole, province, fondi e VCO
11/09/2017 - A Misano vince il VCO
06/09/2017 - Soms Trobaso nelle zone terremotate
×
Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti