Il BLOG pubblico di Verbania: News, Notizie, eventi, curiosità, vco : Verbania : Spazio Bimbi

Spazio Bimbi: Che cos'è il metodo Montessori?

Sempre più spesso sentiamo parlare di metodo Montessori, con la creazione di classi e scuole che seguono questo metodo educativo. Ma cosa comporta questo metodo e quali sono le differenze dalla solita didattica?
Verbania
Spazio Bimbi: Che cos'è il metodo Montessori?
Tutti coloro che hanno bambini alla scuola dell'infanzia o alla scuola primaria avranno sicuramente sentito parlare del metodo montessoriano: moltissimi sono infatti corsi,libri, classi e materiali di apprendimento che si rifanno a questo stile educativo.

Il punto cardine che ha rivoluzionato il modo di vedere l'educazione, è lasciare il bambino libero di esplorare, perchè la curiosità naturale dell'alunno è considerata la base per un migliore apprendimento.

La frase che storicamente riassume la filosofia del metodo montessoriano è “aiutami a fare da solo”: la richiesta del bambino è quella di essere supportato mentre va alla scoperta del mondo,facendo esperienze pratiche e significative.

Il ruolo fondamentale dell'adulto è quello di predisporre l'ambiente e il materiale, che sono elementi fondamentali nel processo di apprendimento. L'ambiente infatti deve riuscire ad attrarre il bambino e guidarlo nella realizzazione di esperienze significative: vengono allestiti armadi, tavoli e scaffali in modo che l'alunno abbia la possibilità di raggiungere in modo autonomo tutto il materiale da cui è maggiormente attratto, senza dover richiedere l'assistenza di un adulto.

Il materiale inoltre ha la peculiarità di essere fragile: sono banditi bicchieri e piatti di plastica, a favore di stoviglie di ceramica e di vetro. I bambini in questo modo può capire che un uso scorretto porta la rottura degli oggetti, ed impara a controllarsi e ad essere cauto nella manipolazione.

Lo studente è invitato a rispettare sia materiali e i compagni e il loro lavoro: non sono tollerati episodi di violenza o tentativo di sopraffazione; al contrario impara dove sono i limiti della propria libertà a favore di un interesse di tipo più collettivo.

Il rispetto per l'ambiente passa anche attraverso tutte quelle attività quotidiane come spolverare, piegare, lavare, svuotare contenitori. Il bambino sa che potrà accedere a tutto il materiale che è a sua disposizione, ma successivamente dovrà poi riordinare e mettere tutto a posto.

Dott.ssa Francesca Calzaretta
La Girandola – Spazio Psicoeducativo
lagirandola.spe@outlook.it



1 commento  Aggiungi il tuo

Vedi il profilo di Ugo Lupo e la Didattica?
Ugo Lupo
14 Maggio 2017 - 10:11
 
La Dott.sa Calzaretta ha descritto la parte " estetica " del sistema educativo , manca la parte più
importante che e il sistema "didattico" ovvero come viengono fatte apprendere le varie materie agli alunni.
Penso che ad un gentitore interessi pìù questo, che riporre le cose usate a termine lezione cosa che generalmente fà fare qualsiasi Insegnante "generica" nella propria classe.
Ugo Lupo



Aggiungi il tuo commento

Prima di pubblicare un tuo commento assicurati che:

• sia in tema e contribuisca alla discussione
• non abbia contenuto razzista o sessista
• non sia offensivo, calunnioso o diffamante

La redazione si riserva di cancellare qualsiasi contenuto ingiurioso, volgare, illegale o contrario alla policy.

Commenti Se accedi o ti Registri potrai visualizzare il tuo nome e ricevere aggiornamenti quando ci saranno altri commenti



captcha
CAPTCHA: Scrivi il valore visualizzato

Iscriviti con la tua email
Verbania
20/07/2017 - Forza Italia: Distretto turistico, ultima chiamata
20/07/2017 - I Concerti Ciani: quinto appuntamento
20/07/2017 - "La febbre del sabato sera"
20/07/2017 - "Banche in liquidazione …e ora?"
19/07/2017 - Verbania Street ART: aggiunta una data
Verbania - Spazio Bimbi
09/07/2017 - Spazio Bimbi: Videogiochi violenti e comportamenti aggressivi: esiste un legame?
25/06/2017 - Spazio Bimbi: Bambini e social network
11/06/2017 - Spazio Bimbi: Sviluppo dell’autostima nei bambini
28/05/2017 - Spazio Bimbi: Bambini plusdotati: risorse e rischi
×
Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti