Il BLOG pubblico di Verbania: News, Notizie, eventi, curiosità, vco : Verbania : LegalNews

LegalNews: Mancato rispetto delle linee guida mediche da parte dell’anestesista

La Sezione IV Penale della Cassazione con la recente sentenza n. 33770/2017 ha preso in esame il tema della rilevanza penale della condotta del medico anestesista che abbia causato colposamente la morte di un paziente a causa del mancato rispetto delle linee guida dettate in materia.
Verbania
LegalNews: Mancato rispetto delle linee guida mediche da parte dell’anestesista
Il caso sottoposto al giudizio della Suprema Corte è il seguente: un paziente decedeva a seguito delle conseguenze di un intervento chirurgico di riduzione chiusa di una frattura nasale conseguente ad un incidente automobilistico.

Emergeva infatti che dopo l'operazione la paziente veniva trasferita nel reparto di rianimazione, dove però decedeva per insufficienza cardiorespiratoria: secondo la ricostruzione operata dai consulenti del PM e accolta dai giudici di merito, al termine dell'intervento chirurgico si era manifestata nella paziente una ischemia cerebrale, causata da una carenza d'ossigeno generalizzata a livello cerebrale, indotta dalla condotta del medico anestesista che aveva cagionato un'insufficienza respiratoria gestendo in modo scorretto le vie respiratorie dell’interessata durante l’intervento.

Sia in primo che in secondo grado il medico veniva condannato per omicidio colposo, oltre che a risarcire il danno. Dalla perizia emergeva infatti che il medico secondo le linee guida avrebbe dovuto assicurare alla paziente una corretta ventilazione polmonare durante l'intervento, per evitare il pericolo di una ostruzione delle vie respiratorie. La cattiva gestione delle vie aeree da parte del medico era peraltro proseguita pur a fronte delle segnalazione della carenza di ossigeno nel sangue durante l'intervento ad opera dei macchinari impiegati: si era verificata perciò una condizione di prolungata ipossia, con conseguente danno cerebrale.

L’imputato ricorreva perciò per cassazione. La Suprema Corte, investita della questione, ha premesso che la condotta dell’anestesista non risultava in ogni caso aderente alle linee guida e/o alle buone pratiche mediche: tale conclusione era desumibile non solo sulla base della perizia posta a base della decisione dei giudici di merito, bensì anche in base alla ricostruzione difensiva veicolata dalla difesa.

L’imputato, perciò, non poteva andare indenne da responsabilità penale, come avviene nel caso di colui che si attiene a linee guida e buone pratiche accreditate dalla comunità scientifica e che, di conseguenza, non risponde penalmente per colpa lieve. Questo in quanto era stato accertato che il medico aveva proprio disatteso tali linee guida. Al contempo, l'inosservanza delle linee guida e, comunque, delle buone pratiche clinico assistenziali, nonché la qualificazione della condotta della medico come caratterizzata da "negligenza" piuttosto che da "imperizia", escludeva altresì la configurabilità dell'ipotesi di non punibilità del fatto prevista dal nuovo art. 590-sexies c.p. (introdotto dalla c.d. Legge Gelli).

La Suprema Corte, perciò, ha confermato la condanna dell’anestesista.

Avv. Mattia Tacchini
www.novastudia.com



0 commenti  Aggiungi il tuo



Aggiungi il tuo commento

Prima di pubblicare un tuo commento assicurati che:

• sia in tema e contribuisca alla discussione
• non abbia contenuto razzista o sessista
• non sia offensivo, calunnioso o diffamante

La redazione si riserva di cancellare qualsiasi contenuto ingiurioso, volgare, illegale o contrario alla policy.

Commenti Se accedi o ti Registri potrai visualizzare il tuo nome e ricevere aggiornamenti quando ci saranno altri commenti



captcha
CAPTCHA: Scrivi il valore visualizzato

Iscriviti con la tua email
Verbania
26/09/2018 - Al via Letteraltura 2018
25/09/2018 - Incontri Eco-Logici: L’intestino secondo cervello
25/09/2018 - Admo, Match it Now 2018: 21 nuovi donatori
25/09/2018 - Nuovi orari Farmacia ASL VCO
25/09/2018 - Forza Italia: Zona Economica Speciale
Verbania - LegalNews
07/05/2018 - LegalNews: Imposta di registro e atti nulli o annullabili
23/04/2018 - LegalNews: Contratto telematico e approvazione delle c.d. clausole vessatorie
16/04/2018 - LegalNews: Cose in custodia e dovere di eliminazione del fattore imprevedibile
26/03/2018 - LegalNews: Assicurazione: aumento del rischio e adeguamento automatico del premio
12/03/2018 - LegalNews: La risarcibilità del danno derivante dallo stress lavorativo
×
Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti