Il BLOG pubblico di Verbania: News, Notizie, eventi, curiosità, vco : Verbania : LegalNews

LegalNews: Auto usata venduta come “praticamente nuova”: responsabilità anche se ben riparata

La Suprema Corte con la sentenza n. 16886/2017 ha esaminato la questione della messa in vendita di un’auto usata come “praticamente nuova” anche se, in realtà, incidentata in prcedenza, pur se successivamente sottoposta a riparazione a regola d’arte.
Verbania
LegalNews: Auto usata venduta come “praticamente nuova”: responsabilità anche se ben riparata
Il caso esaminato dalla Cassazione è il seguente: un soggetto vendeva un’automobile usata presentandola all’acquirente come “praticamente nuova” anche se, in realtà, il veicolo in precedenza era stato danneggiato a seguito di un incidente e successivamente riparato, pur se a regola d’arte.

L’acquirente agiva in giudizio azionando la garanzia per i vizi della cosa venduta ai sensi dell’art. 1490 c.c.: il venditore, infatti, gli aveva garantito che il veicolo venduto era in perfette condizioni, pari al nuovo, e che lo stesso non aveva mai subito sinistri né riparazioni.

Il giudice di pace competente rigettava l’azione dell’acquirente, ritenendo che il fondamento dell’azione di garanzia non fosse stato sufficientemente provato. Il tribunale, in funzione di giudice di appello, riformava la sentenza di primo grado, condannando il venditore a pagare all'acquirente una somma a titolo di risarcimento, oltre alla rifusione delle spese di lite di entrambi i gradi di giudizio e delle spese di CTU.

A sostegno di questa decisione il Tribunale, concordando con la sentenza impugnata, rilevava da un lato l'effettiva sussistenza delle riparazioni lamentate e dall'altro che esse erano state operate a regola d'arte e, quindi, il veicolo non presentava difetti in ordine alla sua funzionalità. Tuttavia, il tribunale affermava che l'autovettura al momento dell'acquisto si poteva considerare "incidentata", mentre era stata presentata come "praticamente nuova" all’atto della vendita. Tale comportamento scorretto da parte del venditore era quindi fonte di responsabilità, ai sensi degli art. 1366 e 1175 c.c., dato che l'acquirente non avrebbe certamente acquistato l’automobile alle condizioni pattuite in caso di conoscenza dell'avvenuto sinistro. Il venditore ricorreva perciò per cassazione.

La Suprema Corte ha rigettato il ricorso sulla scorta di una questione di natura procedurale: ad oggi, perciò, si può ritenere che il principio enunciato dal tribunale competente sia attuale; esso, d’altra parte, pare perfettamente in linea con i più recenti orientamenti veicolati dalla Cassazione in tema di buona fede nell’ambito delle trattative, nonché di correttezza delle informazioni rese in sede di trattativa finalizzata alla stipulazione di un contratto.

Avv. Mattia Tacchini
www.novastudia.com



0 commenti  Aggiungi il tuo



Aggiungi il tuo commento

Prima di pubblicare un tuo commento assicurati che:

• sia in tema e contribuisca alla discussione
• non abbia contenuto razzista o sessista
• non sia offensivo, calunnioso o diffamante

La redazione si riserva di cancellare qualsiasi contenuto ingiurioso, volgare, illegale o contrario alla policy.

Commenti Se accedi o ti Registri potrai visualizzare il tuo nome e ricevere aggiornamenti quando ci saranno altri commenti



captcha
CAPTCHA: Scrivi il valore visualizzato

Iscriviti con la tua email
Verbania
23/11/2017 - Val Vigezzo domani sull'inserto del Corriere della Sera
23/11/2017 - Forza Italia: "Zona economica speciale"
23/11/2017 - Libri natalizi per raccontare l’anzianità
23/11/2017 - “Adotta un Gatto Randagio”
23/11/2017 - Torna la Pista di Pattinaggio
Verbania - LegalNews
20/11/2017 - LegalNews: Utenze luce, gas e acqua: l’introduzione della nuova procedura decisoria
13/11/2017 - LegalNews: Responsabilità del sanitario: imperizia e colpa grave
06/11/2017 - LegalNews: La rottamazione di avvisi e cartelle esattoriali 2017
30/10/2017 - LegalNews: Cortile condominiale e sosta temporanea dei veicoli
23/10/2017 - LegalNews: Bollette luce e gas: tentativo obbligatorio di conciliazione
×
Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti