Il BLOG pubblico di Verbania: News, Notizie, eventi, curiosità, vco : Fuori Provincia : Cronaca

Autostrade: aumenti in Piemonte

Il nord-ovest dei transiti, della mobilità e dei trasporti è ancora una volta l'area più penalizzata d'Italia. Inizia così la nota di Uncem che definisce gravissima la decisione.
Fuori Provincia
Autostrade: aumenti in Piemonte
Non solo la grave situazione, registrata ormai da anni, sempre più acuta, al Tenda. Non solo le eterne incancrenite battaglie tra chi è contro e chi a favore dell'alta velocità. Non solo il Maddalena troppo spesso chiuso a causa della neve e del rischio valanghe. Non solo la Cuneo-Asti resta incompleta! Oggi scopriamo che tra le pochissime autostrade che aumentano in Italia vi sono quelle piemontesi: Torino-Savona, Torino-Aosta, Torino-Bardonecchia. "Aumenti scellerati, gravissimi", secondo Lido Riba e Marco Bussone, Presidenti Uncem regionale e nazionale.

Una situazione scandalosa che dovrà vedere il mondo produttivo, le associazioni dei consumatori, i sindacati mobilitarsi. Subito. "È inaccettabile - affermano Riba e Bussone - Tutti gli anni denunciamo questo scandalo. Tutti gli anni chiediamo che a fronte degli aumenti vi siano investimenti e soprattutto benefici per i territori. Le autostrade piemontesi, come in pochi altri pezzi di Paese, sono autostrade di connessione con l'Europa. Attraversano Alpi e Appennini, verso la Francia e la Svizzera. Uniscono il Paese all'UE. Eppure nessuno considera che quei tratti alpini e appenninici sono fondamentali per l'Italia.

Ai territori però torna niente. Neanche quale misero euro per un po' di porfido o di asfalto per mettere in sicurezza la rete secondaria. Da tre anni, chiediamo che nelle leggi di bilancio statali sia inserita una norma che permetta di usare una percentuale dei canoni per le concessioni autostradali incassati dallo Stato per la manutenzione della rete di strade secondarie locali e per alimentare il fondo montagna.

Qualche milione di euro l'anno potrebbe essere utile per reti locali di mobilità elettrica, per la manutenzione ambientale, per la valorizzazione delle zone forestali vicine alle autostrade. Nessuno ascolta Uncem. La logica del pagamento dei servizi ecosistemici-ambientali non interessa, disturba pesantemente molte lobby. Le società autostradali si guardano bene dall'aprire tavoli di dialogo, come avevamo fortemente auspicato dopo la tragedia del Ponte Morandi. Il ritorno ai territori per quelle lingue di asfalto che solcano le valli è pari a zero. Solo impatto acustico e ambientale. Così questi aumenti sono ancora più gravi. Scellerati".

Altro che inflazione. Le tariffe crescono di molti, troppi, punti percentuali. "Chiediamo ai Parlamentari piemontesi, al Consiglio e alla Giunta regionale - spiegano ancora i Presidenti regionale e nazionale Uncem - di mobilitarsi con noi verso il Governo e le società. I Concessionari piemontesi, il Concessionario, sta facendo quel che vuole. La tangenziale non aumenta?

Lì andrebbero tolti tutti i pedaggi dalle barriere in entrata e in uscita. È doppiamente scandaloso vi sia da pagare per chi entra ed esce dalla circonvallazione della città. Gravissimo. Vanno tolti tutti i balzelli. Sarà decisiva la gara per la riassegnazione della tratta. I territori devono contare. E se gli aumenti di ieri non verranno rivisti entro un paio di settimane, potremmo portare i Sindaci sotto le Prefetture. In piazza. Racconteremo ai Prefetti la gravità di situazioni che fanno male al Piemonte, il danno dell'aumento delle tariffe autostradali, oltre alla beffa di non avere alcun ristorno per i territori. Gravissimo. La montagna guiderà la mobilitazione".



6 commenti  Aggiungi il tuo

Vedi il profilo di SINISTRO 1ECCO....
SINISTRO
3 Gennaio 2019 - 18:16
 
come volevasi dimostrare.
Vedi il profilo di robi E prima?
robi
4 Gennaio 2019 - 07:27
 
Sì sono svegliati adesso i signori piemontesi? E quando avevano il governo loro amico che hanno fatto? E i nostri parlamentari e politici regionali del vco invece di starnazzare sul referendum che hanno fatto fallire ora cosa dicono? Ma perché "nun ve ne annate...?"
Vedi il profilo di SINISTRO 1Re: E prima?
SINISTRO
4 Gennaio 2019 - 10:39
 
Ciao robi sarebbe cosa buona e giusta rivolgere le stesse domande anche all'attuale responsabile del Dicastero dei Trasporti, a proposito delle sue promesse sul non aumento dei pedaggi.....
Vedi il profilo di SINISTRO 1Re: E prima?
SINISTRO
4 Gennaio 2019 - 10:49
 
Ciao robi ad ogni modo credo che, anche in caso di vittoria del Sì al referendum, ora i pedaggi sarebbero aumentati ugualmente..... Una cosa è certa: è stata un'inutile perdita di tempo e soldi di fine anno, che ha deviato l'attenzione dai problemi reali.
Vedi il profilo di Hans Axel Von Fersen 1Re: Re: E prima?
Hans Axel Von Fersen
4 Gennaio 2019 - 19:30
 
Ciao SINISTRO La differenza è che i governi precedenti dichiarava che i pedaggi sarebbero aumentati del 2% un anno, quello successivo del 3%, quello dopo ancora dell'1,5% e così via. Poi nella realtà i pedaggi venivano aumentati 10% - 15% ogni anno. Prova ne è che coi pedaggi in lire alcune tratte costavano LIRE 9.000 e oggi siamo arrivati a EURO 18. Ecco han dichiarato che non sarebbero aumentati e oggi scopriamo che solamente il 10% delle tratte subirà un aumento. Prima se ne fregavano e gli aumenti erano scontati e quelli dichiarati erano 10 volte superiori all'inflazione (poi nella realtà erano 100 volte superiori), oggi invece si sono preoccupati e nonostante i contratti vessatori ai danni dello stato in essere, sono riusciti a non aumentare i pedaggi sul 90% delle tratte. Ecco, io un po' di differenza la vedo o meglio la vede il mio portafoglio
Vedi il profilo di SINISTRO 1Re: Re: Re: E prima?
SINISTRO
7 Gennaio 2019 - 09:29
 
Ciao Hans Axel Von Fersen anche in conseguenza del cambio di fatto lira/euro 1/1.... Per il resto, contento te.



Per commentare occorre essere un utente iscritto
×
Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti