Il BLOG pubblico di Verbania: News, Notizie, eventi, curiosità, vco : Canton Ticino : VerbaniaArte

VerbaniaArte: “Colore, forma, vuoto…”

Dopo accurati lavori di restauro conservativo è stato riaperto al pubblico il 23 giugno scorso, nel cuore di Ascona (CH), il Museo Comunale di Arte Moderna della romantica città ticinese affacciata sul Verbano, con una interessante mostra curata dalla Direttrice, Mara Folini.
Canton Ticino
VerbaniaArte: “Colore, forma, vuoto…”
Focus dell’esposizione - nei bellissimi spazi rinnovati del Museo, ripensati ad hoc per la mostra - l'arte europea del secondo dopoguerra.

"Colore, forma, vuoto. Contemplazione e meditazione nell’arte contemporanea”, questo il titolo dell mostra, consente al pubblico di apprezzare, fino al 13 ottobre prossimo, grazie alla collaborazione avviata con la Fondazione Hackerodt per l’arte e la cultura di Hannover, opere provenienti in gran parte dalla collezione realizzata dalla sua fondatrice, Christiane Hackerodt.
“Tra la fine degli anni Cinquanta e i primi anni Sessanta, in opposizione a espressionismo astratto, informale e realismo socialista - spiegano gli organizzatori - , si assiste alla nascita di tutto un insieme di gruppi di artisti impegnati che, radicalizzando i risultati delle prime avanguardie storiche (Bauhaus, Dada, futurismo, costruttivismo…), concorrono alla ridefinizione del ruolo dell’arte e dell’artista…”.

Si assiste così in quel periodo alla nascita di “un nuovo linguaggio artistico autonomo, non più espressione di un “Io” soggettivo, basato su scoperte scientifiche e tecnologiche più attuali e rigorose, che esplorassero i meccanismi della percezione visiva”.
“Il risultato è la creazione di ‘quadri-oggetti’ dinamici, opere d’arte ‘aperte’, che per la prima volta rivoluzionano anche il ruolo dello spettatore”, il quale da passivo fruitore si trasforma in un collaboratore attivo e creativo…”.

E’ stata così raccolta, negli anni, una collezione che si è costituita e ha preso forma intorno ai temi della contemplazione e della meditazione, che la Fondazione stessa ha come obiettivo di esplorare, analizzando inoltre i parallelismi e le differenze tra le opere di artisti occidentali e orientali: comprende quindi opere degli artisti tedeschi del Gruppo Zero di Düsseldorf (Heinz Mack, Otto Piene, Bernard Aubertin, Hermann Bartels e Raimund Girke); ma anche lavori di artisti orientali (Morio Nishimura, Kazuo Shiraga, Kwang Young Chun e Yuko Nasaka). Lo sguardo è dunque diretto su due mondi, così da permetterne una visione d’insieme in una prospettiva storica ma soprattutto, e qui sta l’originalità della mostra, proponendosi quale concreta alternativa al nostro stile di vita contemporaneo frenetico, condizionato da una società globalizzata in cui il Web è protagonista.

L’esposizione risponde proprio a questo disagio dei tempi, offrendo al visitatore l’occasione di immergersi in un’atmosfera di calma, di forme, colori e silenzi, prendendosi una pausa dalla quotidianità, per meditare su di sé contemplando le opere esposte, assorbendo le loro forme e i loro colori, e facendosi così trasportare in un’altra dimensione, più autentica.

Per valorizzare l’importante collezione esposta, si è voluto integrarla con opere di artisti che hanno avuto un’importanza e un ruolo fondamentali nell’ambito del Gruppo Zero e le sue costellazioni, grazie alla generosità e alla disponibilità della Galleria d’arte Beck & Eggeling e di alcuni prestatori privati che hanno preferito mantenere l’anonimato: è possibile così ammirare anche opere di Yves Klein, Piero Manzoni, Enrico Castellani e Lucio Fontana.

Dove?
Museo Comunale d'Arte Moderna, Ascona (CH)
Orari d’apertura mostra
Dal martedì al sabato, 10.00 - 12.00 e 14.00 - 17.00 
Domenica, 10.30 - 12.30
 
Apertura festiva il 15 agosto 2019
Chiusura il lunedì e il 1 agosto 2019, Festa Nazionale Svizzera 

Info:
Museo Comunale d'Arte Moderna
via Borgo 34, 6612 Ascona CH 
tel.: +41 (0)91 759 81 40 
fax: +41 (0)91 759 81 49 
museo@ascona.ch
www.museoascona.ch

Immagine 1Mara Folini, a sinistra, con Christiane Hackerodt

Immagine 2Tre opere di Hermann Bartels: da sinistra, Senza titolo (1962); Senza titolo (1961); Composizione nera (1960)

Immagine 3Ida Barbarigo, Passeggiata severa, 1962

Immagine 4Federica Marangoni, Il libro d’oro, 2017

Immagine 5Lore Bert, Profondità in oro e turchese, 2017



0 commenti  Aggiungi il tuo



Aggiungi il tuo commento

Prima di pubblicare un tuo commento assicurati che:

• sia in tema e contribuisca alla discussione
• non abbia contenuto razzista o sessista
• non sia offensivo, calunnioso o diffamante

La redazione si riserva di cancellare qualsiasi contenuto ingiurioso, volgare, illegale o contrario alla policy.

Commenti Se accedi o ti Registri potrai visualizzare il tuo nome e ricevere aggiornamenti quando ci saranno altri commenti



captcha
CAPTCHA: Scrivi il valore visualizzato

×
Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti