Il BLOG pubblico di Verbania: News, Notizie, eventi, curiosità, vco : Verbania : FiscoNews

Fisconews: La documentazione da conservare per usufruire del bonus mobili

Il bonus mobili rappresenta un importante incetivo fiscale per coloro che stanno ristruttrando le proprie abitazioni. E' quindi molto importante sapere quali sono i documenti da conservare in caso di verifiche successive da parte dell'Agenzia delle Entrate.
Verbania
Fisconews: La documentazione da conservare per usufruire del bonus mobili
L’art. 16 del D.L. 63/2013, convertito nella L. 90/2013, ha previsto l’ulteriore beneficio della detrazione d’imposta del 50% per l’acquisto di mobili e grandi elettrodomestici finalizzati all’arredo dell’immobile oggetto di ristrutturazione.

Focalizziamo l’attenzione su quest’ultimo incentivo, dando per scontato che i principali aspetti riguardanti gli interventi di ristrutturazione siano ormai
cosa nota, dal momento che l’agevolazione trova le sue radici nel passato. Il presupposto per poter usufruire del c.d. “bonus mobili” è l’aver sostenuto, nel periodo dal 6.06.2013 al 31.12.2014 , spese per interventi di manutenzione straordinaria, restauro, risanamento conservativo, ristrutturazione edilizia su singole unità immobiliari residenziali.

Le spese per interventi di manutenzione ordinaria danno diritto alla detrazione solo se si tratta di interventi su parti condominiali.
Un aspetto essenziale è quello della data di inizio lavori che deve essere antecedente alla data di acquisto dei mobili , che, non dimentichiamo, devono essere nuovi . Altra condizione essenziale riguarda il pagamento che deve essere fatto con bonifico bancario o postale ” parlante ” oppure con bancomat o carta di credito.

Non sono ammessi pagamenti in contanti o con assegno.

Gli acquisti agevolabili riguardano i mobili, i grandi elettrodomestici di classe energetica non inferiore ad A+ (A per i forni) e le apparecchiature per le quali è prevista l’etichetta energetica. Tali beni non devono necessariamente essere destinati all’arredo dell’ambiente oggetto di ristrutturazione, ma il collegamento riguarda solo l’immobile oggetto nel suo complesso. Tuttavia, nel caso di interventi su parti condominiali, i beni acquistati devono essere destinati all’arredo di parti comuni. La detrazione d’imposta del 50%, ripartita in 10 anni, è ammessa su un importo massimo di spesa di Euro 10.000, riferito ad ogni singola unità immobiliare. Possono essere considerate anche le spese di trasporto e montaggio.

Tuttavia l’aspetto più delicato è quello della documentazione da conservare ed esibire in caso di verifica. Oltre a conservare la fattura, la ricevuta del bonifico o della transazione, in caso di pagamento con bancomat o carta di credito, è indispensabile la prova della sussistenza del presupposto per la fruizione del beneficio e quindi poter dimostrare che l’intervento rientra tra quelli agevolabili secondo i criteri previsti dal testo unico dell’edilizia (D.P.R. 380/2001). Tale verifica non è sempre agevole, dal momento che talvolta i Comuni non richiedono alcuna pratica edilizia per interventi di minore rilevanza, pur rientranti nell’agevolazione e quindi sarà opportuno precostituirsi delle prove documentali con l’ausilio di un geometra o altro tecnico di fiducia per evitare spiacevoli sorprese.

Studio Tarabella Luca
Dottore Commercialista e Revisore dei Conti

(fonte: ratio)



3 commenti  Aggiungi il tuo

Vedi il profilo di Ramoni Ci vuole una SCIA
Ramoni
24 Luglio 2014 - 14:06
 
Per le manutenzioni ecc., escludendo quella ordinaria, ci vuole una SCIA, o una Super DIA che viene vistata da un professionista, Geometra, Architetto ecc, altrimenti non mi risulta che si possano fare manutenzioni/ristrutturazioni senza pratica Comunale.
Vedi il profilo di Dott. Tarabella Luca Precisazione
Dott. Tarabella Luca
27 Luglio 2014 - 23:24
 
Buonasera Sig. Ramoni, chiedo scusa ma dove è riportato nell'articolo che non è necessaria la SCIA per questo tipo di interventi? Quello che lei scrive è assolutamente corretto, tuttavia, rileggendo l'articolo, potrà notare che quest'ultimo spiega e dettaglia in maniera specifica le modalità di conservazione della documentazione dando per assodate le modalità operative da porre in essere per poter usufruire dei bonus fiscali (tra cui appunto rientrano le varie comunicazioni o la SCIA per taluni interventi).
Cordiali saluti



Aggiungi il tuo commento

Prima di pubblicare un tuo commento assicurati che:

• sia in tema e contribuisca alla discussione
• non abbia contenuto razzista o sessista
• non sia offensivo, calunnioso o diffamante

La redazione si riserva di cancellare qualsiasi contenuto ingiurioso, volgare, illegale o contrario alla policy.

Commenti Se accedi o ti Registri potrai visualizzare il tuo nome e ricevere aggiornamenti quando ci saranno altri commenti



captcha
CAPTCHA: Scrivi il valore visualizzato

Iscriviti con la tua email
Verbania
14/12/2017 - Lettera del Comitato difesa torrente San Bernardino
14/12/2017 - "70 anni di Costituzione Repubblicana"
14/12/2017 - Santa Marta, concerto di Natale
14/12/2017 - “Silent night” alla chiesa Maria Ausiliatrice
14/12/2017 - Marchionini da Gentiloni per i fondi bando Periferie
Verbania - FiscoNews
15/09/2015 - Fisconews: Credito di imposta per investimenti in ricerca e sviluppo
08/09/2015 - Fisconews: addio alla protezione del fondo patrimoniale?
01/09/2015 - Fisconews: Nuovo APE da ottobre 2015.
28/08/2015 - Fisconews: la Voluntary Disclosure ultima opportunità per rientro capitali dalla Svizzera
06/05/2015 - Fisconews: la e-fattura dal 01 gennaio 2017
×
Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti