Il BLOG pubblico di Verbania: News, Notizie, eventi, curiosità, vco : Verbania : Politica

Comunità.vb sul Porto Turistico

Riceviamo e pubblichiamo, un comunicato di Comunità.vb, riguardante la situazione del porto turistico e il suo futuro, anche alla luce della visita odierna dell'Assessore regionale ai Trasporti Francesco Balocco.
Verbania
Comunità.vb sul Porto Turistico
L’odierna visita a Verbania del neo assessore regionale ai Trasporti Francesco Balocco e quella – annunciata come imminente – del governatore Chiamparino offrono l’occasione per alcune considerazioni sul porto turistico e sul suo futuro.

Nel nostro programma elettorale avevamo scritto, e lo ribadiamo, che il futuro di questa infrastruttura non è pubblico.

Il Comune, proprietario di ciò che rimane del porto affondato, ha a malapena le risorse economiche per la manutenzione e i lavori più urgenti.

La Regione, che lo finanziò a inizio anni Duemila, non naviga in buone acque e preannuncia ulteriori tagli per coprire il suo pesantissimo debito di 9,7 miliardi di euro.

Fatta questa premessa, occorre ragionare su quanto ha stabilito, nella perizia commissionata dal Comune, il prof. Lamberti dell’Università di Bologna.

In estrema sintesi gli esperti hanno valutato che l’affondamento è stata una concausa di diversi elementi:

- Il tornado dell’anno prima e i danni mai del tutto riparati,

- Ripetute criticità iniziali che hanno imposto non previsti e continui lavori straordinari e strutturali (il molo sopraflutto allungato nel 2010),

- Il rimpallo tra Comune e gestore sulle competenze della manutenzione ordinaria e straordinaria, mai definita con precisione.

È stato rilevato che l’evento atmosferico che ha determinato l’inabissamento non era eccezionale e rientrava nei parametri strutturali del porto, che avrebbe teoricamente dovuto reggerlo se non fosse già “provato” da altri eventi, dalla riparazione non tempestiva e da quelle criticità di cui sopra non del tutto superate, tanto che la relazione termina con l’invito a modificare del tutto la tecnologia dei giunti di collegamento tra le piattaforme galleggianti, che possibilmente vanno allargate.

Prescindendo dal passato e lasciando da parte il balletto delle responsabilità, a noi interessa parlare del futuro del porto.

Alla luce di questi dati vogliamo capire, in termini concreti e in euro, quanto incassa il Comune dalla convenzione pluriennale stipulata col gestore e quanto spende per le manutenzioni a suo carico e per tutto il resto, ammortamenti compresi. Se la differenza fosse negativa, il porto sarebbe un completo fallimento politico e amministrativo della città.

Detto ciò, nell’ipotesi ventilata dal sindaco Marchionini di approntare – a questo punto, forse, per la prossima stagione turistica – un porto d’emergenza recuperando i pontili integri e proseguendo nell’attuale gestione, ogni giudizio sarebbe rimandato allo studio di fattibilità da lei commissionato.

Le soluzioni provvisorie non sono utili a Verbania, che ha bisogno di certezze. Il porto turistico è un’opera centrale e fondamentale nel disegno di città turistica che abbiamo immaginato nel nostro programma elettorale.

È impensabile ormai dislocarlo altrove, anche perché l’area è stata interamente infrastrutturata.

È pensabile ricostruirlo in project financing (magari con un contributo regionale), con l’impegno dei privati e la possibilità che per lunghi anni ne ricavino un profitto restituendo in cambio alla comunità l’indotto del turismo da diporto.

Noi tendiamo a questo obiettivo, che vorremmo definire subito, entro l’autunno, per non perdere un’altra stagione turistica.

E se per farlo servirà ripartire da capo, magari revocando – se tecnicamente possibile – la convenzione con il gestore perché, di fatto, il porto non esiste più, allora che lo si faccia.

In tal senso indirizziamo le nostre considerazioni all’assessore regionale (e al governatore del Piemonte) e soprattutto al Sindaco, alla quale chiediamo che il primo argomento della nascente Commissione Lavori pubblici sia, già quest’estate, il futuro del porto turistico.



7 commenti  Aggiungi il tuo

Vedi il profilo di Emanuele Pedretti incassi e spese
Emanuele Pedretti
7 Luglio 2014 - 14:17
 
Incassi: su questo blog, se non ricordo male, si parlava di circa 10.000 euro l'anno. Di spese invece alcune centinaia di migliaia nei 10 anni di vita
Vedi il profilo di paolino spiccioli
paolino
7 Luglio 2014 - 18:17
 
la cifra,mai smentita,che il gestore paga/pagava? per il porto è pari a 18mila euro l'anno. una vergogna. la prima di una discretamente lunga lista di "criticità",chiamiamole così,di quella struttura. fare tabula rasa di quel che resta,struttura,concessione e gestore,sarebbe già un buon punto da cui ripartire
Vedi il profilo di Lochness Chi???
Lochness
7 Luglio 2014 - 18:25
 
Chi affidò la gestione del porto per quella cifra ridicola?? Incredibile ......
Vedi il profilo di von Ludendorff gestione penosa
von Ludendorff
8 Luglio 2014 - 10:01
 
scandaloso il canone, visto che ogni barca paga(va) dal centinaio alle molte migliaia di euro all'anno!! Il tutto aggravato dalla totale mancanza di un'adeguata (ancorchè minima) manutenzione. La gestione del porto è stata scandalosa. Un piccolo esempio: due ani fa si era rotto un tirante tra due piattaforme della murata principale; è stata rappezzata alla bell'e meglio con una gomena per mesi e poi è ad inizio stagione è stata ripristinata la connessione elettrica e il cavo di raccordo. I lavori naturalmente sono stati eseguiti da un personaggio a dir poco pittoresco oltretutto in spregio delle più elementari norme sulla sicurezza. E il tutto in una struttura che, per definizione, dovrebbe essere curata e accogliente. Penoso !!!!
Vedi il profilo di masi lino Strutture Pubbliche......
masi lino
8 Luglio 2014 - 11:00
 
Sono d'accordo con voi, ma oltretutto chissà perché quando una struttura è privata i controlli sono continui e meticolosi mentre una pubblica lascia il tempo che trova..... (avrei voluto vedere se era un porto privato, dopo la prima volta che si era danneggiato ti davano il permesso di ormeggiare tutte quelle imbarcazioni..) Ma adesso chi è che paga i danni alle imbarcazioni Il gestore o il Comune?
Vedi il profilo di paolino zero controlli
paolino
8 Luglio 2014 - 15:12
 
si fidi Lino,i controlli stanno a zero. nessuno controlla i porti,nè i pontili,nè le boe. il controllo è affidato al buonsenso e alla responsabilità dei titolari delle concessioni. è una giungla!
Vedi il profilo di fulvio porto.......
fulvio
8 Luglio 2014 - 22:37
 
Affondatelo!
Solo un idiota poteva pensare di farlo in quel posto!
i porti galleggianti si fanno dietro ai frangiflutti esattamente come li fanno al mare!
Ma gli "esperti" pensano che il lago non ha le onde.
quelle del lago sono più corte ma più dannose, a volte.
comunque che lo affondino! Come stanno affondando l'italia.
oppure che lo ricostruiscano i turisti tedeschi!
Visto che la germania è la causa del prolungarsi dei problemi!



Aggiungi il tuo commento

Prima di pubblicare un tuo commento assicurati che:

• sia in tema e contribuisca alla discussione
• non abbia contenuto razzista o sessista
• non sia offensivo, calunnioso o diffamante

La redazione si riserva di cancellare qualsiasi contenuto ingiurioso, volgare, illegale o contrario alla policy.

Commenti Se accedi o ti Registri potrai visualizzare il tuo nome e ricevere aggiornamenti quando ci saranno altri commenti



captcha
CAPTCHA: Scrivi il valore visualizzato

Iscriviti con la tua email
Verbania
27/03/2017 - LibriNews: "Riccardin dal ciuffo"
27/03/2017 - Proseguono i lavori per la bonifica della discarica a Cavandone
27/03/2017 - Interruzione dell'energia elettrica via Restellini
27/03/2017 - Metti una sera al cinema - Les Souvenirs
27/03/2017 - LegalNews: Locazioni commerciali e indennità di avviamento
Verbania - Politica
26/03/2017 - Una Verbania Possibile: segnalazioni e determine
25/03/2017 - Forza Italia Vco: rivalutare le gallerie sulla SS34
25/03/2017 - Ferrari aderisce ad Articolo 1
23/03/2017 - "La politica sia unita sulla SS34"
23/03/2017 - Forza Italia su ex Tam Tam
×
Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti