Il BLOG pubblico di Verbania: News, Notizie, eventi, curiosità, vco : Fuori Provincia : Politica

Governo: ecco le province tagliate

Si è conclusa da poco la riunione del Consiglio dei Ministri. In discussione la così detta fase tre della spending review, ossia quella destinata al riordino delle amministrazioni periferiche.
Fuori Provincia
Governo: ecco le province tagliate
Sul tagliere del l'Esecutivo sono finite questa volta le Province e le città metropolitane. "In base ai criteri approvati - si legge - i nuovi enti dovranno avere almeno 350mila abitanti ed estendersi su una superficie territoriale non inferiore ai 2500 chilometri quadrati". La soppressione, ha precisato il ministro Filippo Patroni Griffi, potrà portare il numero delle province a 43 e ridurre a 10 le città metropolitane.

Nei prossimi giorni ci sarà l'informativa del Governo al Consiglio delle autonomie locali (Cal), istituito in ogni Regione e composto dai rappresentanti degli enti territoriali. Poi seguirà un nuovo decreto che varerà le decisioni prese in Consiglio dei ministri. Nel frattempo si apriranno sicuramente i tavoli di concertazione con i sindacati. Ai quali lo stesso premier Monti ha già chiesto buon senso: «C'è una tenuta del sistema sociale e mi auguro che quel senso di responsabilità che è finora prevalso anche nell'atteggiamento sociale e sindacale, a differenza di quello che stiamo vedendo in altri Paesi come la Spagna, mi auguro possa continuare per non aggravare una situazione complessa» ha detto il premier a margine del Cdm.

LE PROVINCE SALVE – Ecco l'elenco delle Province che sarebbero salve regione per regione: Piemonte, su 8 Province attuali, quelle salve sarebbero Torino, Cuneo e Alessandria; via le attuali Province di Vercelli, Asti, Biella, VCO e Novara. In Lombardia rimarrebbero Milano Brescia, Bergamo, Pavia mentre dovrebbero essere accorpate le attuali Province di Lecco, Lodi, Como, Monza Brianza, Mantova, Cremona, Sondrio e Varese. Nel Veneto rimarrebbero in vita Venezia Verona e Vicenza. Accorpamento in vista per Rovigo, Belluno, Padova, Treviso. In Liguria su quattro Province attuali ne scompaiono due, Savona e Imperia; salve Genova e La Spezia. In Emilia Romagna sì a Bologna, Parma, Modena e Ferrara; accorpate Reggio Emilia, Ravenna, Forlì-Cesena, Rimini e Piacenza. In Toscana, su 10 Province, si salverebbe solo Firenze (via Grosseto, Siena, Arezzo, Lucca, Massa Carrara, Pistoia, Prato, Pisa e Livorno). In Umbria rimane solo Perugia, 'saltà Terni; nelle Marche sarebbero 'salvè Ancona Pesaro e Urbino, mentre non hanno i requisiti per sussistere Ascoli Piceno, Macerata e Fermo. Nel Lazio rimarrebbero Roma e Frosinone, ma dovrebbero essere accorpate Latina, Rieti e Viterbo. In Abruzzo non subirebbero accorpamenti L'Aquila e Chieti, in Molise rimarrebbe solo la provincia di Campobasso, in Campania salve Napoli, Salerno, Caserta e Avellino, fuori solo Benevento. In Basilicata rimarrebbe in vita la Provincia di Potenza, esclusa invece quella di Matera; in Puglia su 6 Province se ne salvano solo 3: Bari, Foggia e Lecce, da accorpare Taranto, Brindisi e Barletta-Andria. Infine in Calabria, su 5 Province, si salavano Cosenza, Reggio Calabria e Catanzaro; da accorpare Crotone e Vibo Valentia. A queste sono da aggiungere le Province nelle Regioni a statuto speciale: in Sicilia su 9 ne rimarranno in vita solo 4: Palermo, Agrigento, Catania e Messina. La scure si abbatterà su Caltanisetta Enna, Ragusa, Siracusa e Trapani. In Sardegna una debacle: rimarrà solo la Provincia di Cagliari. Verranno 'eliminatè le Province di Olbia Tempio, Medio, Ogliastra, Carbonia, Sassari, Nuoro, Oristano. Infine in Friuli, su 4 Province iniziali, due rimangono in vita, Trieste e Udine, due vengono tagliate o meglio accorpate: Pordenone e Gorizia.

FESTIVITA', NESSUN ACCORPAMENTO – E come negli altri provvedimenti di riordino dei conti pubblici, il Governo ha annunciato per poi annullare alcuni azioni discutibili. Quasi sicuramente non saranno accorpate le festività. "I risparmi di spesa non sono garantiti - si legge nel comunicato del Cdm - non ci sono casi simili in Europa, e si violerebbe il principio dell'autonomia contrattuale.
 Fonte di questo post



0 commenti  Aggiungi il tuo



Aggiungi il tuo commento

Prima di pubblicare un tuo commento assicurati che:

• sia in tema e contribuisca alla discussione
• non abbia contenuto razzista o sessista
• non sia offensivo, calunnioso o diffamante

La redazione si riserva di cancellare qualsiasi contenuto ingiurioso, volgare, illegale o contrario alla policy.

Commenti Se accedi o ti Registri potrai visualizzare il tuo nome e ricevere aggiornamenti quando ci saranno altri commenti



captcha
CAPTCHA: Scrivi il valore visualizzato

Iscriviti con la tua email
Fuori Provincia
25/03/2017 - Zucco ritorno sul quadrato con il “botto”
25/03/2017 - Vega Occhiali Rosaltiora a Torino
24/03/2017 - Altea Altiora va ad Acqui
23/03/2017 - Arrestati truffatori di anziani
22/03/2017 - Cobianchi: “Due titoli italiani alla Romecup 2017”
Fuori Provincia - Politica
22/03/2017 - Piemonte esce dal Piano di rientro debito sanitario
06/03/2017 - Per le vittime di violenza nasce il "Codice Rosa"
06/02/2017 - Banda Ultra Larga: il punto e novità ANCI
04/02/2017 - "Province, emergenza bilanci"
24/01/2017 - Alberto Avetta nuovo Presidente ANCI Piemonte
×
Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti