Il BLOG pubblico di Verbania: News, Notizie, eventi, curiosità, vco : Verbania : Politica

DEA: Marchionini ha incontrato Saitta

Il sindaco Silvia Marchionini ha incontarto oggi a Torio l'Assessore Saitta, consegnando il documento uscito dal Consiglio Comunale Aperto di sabato e firmato dai 25 sindaci del Verbano. Questa sera al Consiglio Comunale di Verbania, i Sindaci del Distretto Verbano, relazioneranno sull’incontro odierno a Torino.
Verbania
DEA: Marchionini ha incontrato Saitta
VERBANIA, 17 NOVEMBRE 2014
AL DOTTOR ANTONIO SAITTA
ASSESSORE REGIONALE ALLA SANITA’
T O R I N O


INCONTRO CON ASSESSORE REGIONALE SANITA’ - ANTONIO SAITTA -
17 NOVEMBRE 2014

PREMESSA
NEL DOCUMENTO PRESENTATO DAL SINDACO DI VERBANIA NEL CONSIGLIO COMUNALE APERTO di VERBANIA AI SINDACI DEL DISTRETTO VERBANO ED AI CITTADINI, DUE SONO STATI I CARDINI CHE HANNO PORTATO A CHIEDERE ALLA REGIONE PIEMONTE CHE MANTENESSE I 2 D.E.A. A DOMODOSSOLA E VERBANIA, PER I SEGUENTI MOTIVI:

1) TENUTO CONTO DEL TERRITORIO MONTANO, I NOSTRI CITTADINI DEVONO AVERE LE STESSE POSSIBILITA’ DELLE CURE URGENTI (QUELLE CHE UN RITARDO PUO’ PROVOCARE ANCHE LA MORTE DEL PAZIENTE)

2) LA DIFESA DEL SISTEMA SANITARIO PUBBLICO, L’UNICO IN GRADO DI DARE RISPOSTE ADEGUATE AL “BISOGNO DI SALUTE”.
QUINDI IL DOCUMENTO, AL TERMINE DI UN APPROFONDITO E PROPOSITIVO DIBATTITO, E’ STATO APPROVATO ALL’UNANIMITA’ DAI SINDACI DEL VERBANO.

SI FA PRESENTE CHE IL NOSTRO ATTEGGIAMENTO E’ STATO QUELLO DI RICERCARE E TROVARE UNA SOLUZIONE COINVOLGENDO TUTTI I SINDACI DEL DISTRETTO, MENTRE INVECE A DOMODOSSOLA TUTTI I SINDACI AVEVANO DECISO IN UNA SPECIFICA RIUNIONE, DI CHIEDERE NUOVAMENTE “L’OSPEDALE UNICO”, E DOPO IL DINIEGO DELL’ASSESSORE SAITTA, HANNO POI DICHIARATO DI ESSERE D’ACCORDO SUL DOCUMENTO PRESENTATO DAL SINDACO DI DOMODOSSOLA, CHE CHIEDEVA DI MANTENERE 1 SOLO D.E.A. A DOMODOSSOLA.

IL CONSIGLIO COMUNALE APERTO SVOLTOSI A VERBANIA IL 15 NOVEMBRE CON UNA PRESENZA, NONOSTANTE LE PESSIME CONDIZIONI ATMOSFERICHE, DI OLTRE 300 CITTADINI, DENOTA QUALE IMPORTANZA GLI STESSI HANNO VOLUTO TESTIMONIARE QUANDO HANNO APPRESO CHE ERA INTENDIMENTO DELLA REGIONE PIEMONTE PRIVARE LA NOSTRA PROVINCIA DI UN DEA DI 1° LIVELLO.

NEL CORSO DELLA RIUNIONE E’ ANCHE EMERSO CON CHIAREZZA ED E’ STATO RESPINTO, NON SOLO DAL SINDACO DI VERBANIA MA ANCHE DAI SINDACI DEL DISTRETTO VERBANO, CHE QUANTO AVVENUTO NELLA CONFERENZA DELLA RAPPRESENTANZA DI VENERDI’ 14 NOVEMBRE NON AVEVA ALCUN SENSO, PERCHE’ NON SI DOVEVA VOTARE IN QUANTO I DOCUMENTI CHE ERANO PERVENUTI CONTENEVANO POSIZIONI OPPOSTE.

ERA INVECE QUELLO DI INVIARE I DUE DOCUMENTI ALL’ASSESSORE REGIONALE, IN QUANTO NON AVENDO RAGGIUNTO UNA “POSIZIONE UNANIME” DA PARTE DI TUTTI I COMUNI, LA REGIONE AVREBBE DECISO, COSI’ COME E’ SUO COMPITO ISTITUZIONALE IN MATERIA SANITARIA.

SE LA REGIONE PIEMONTE ASSUMERA’ LA DECISIONE BASANDOSI SU QUESTA INDICAZIONE, IL COMUNE DI VERBANIA ED I COMUNI DEL DISTRETTO VERBANO VALUTERANNO QUALI ATTI ASSUMERE PER INVALIDARE TALE PRONUNCIA.

INFATTI SI RAPPRESENTA CHE L’ASSESSORE SAITTA, NELLA RIUNIONE DI LUNEDI’ 10 NOVEMBRE AD OMEGNA AVEVA DICHIARATO CHE AVREBBE SEGUITO LE INDICAZIONE DEL TERRITORIO, SOLO IN PRESENZA DI UNA DECISIONE UNANIME CONDIVISA DA TUTTI I 77 COMUNI DELLA PROVINCIA: SITUAAZIONE CHE NON SI E’ VERIFICATA CON IL VOTO DELLA RAPPRESENTANZA, ANCHE PERCHE’ IL SINDACO DI VERBANIA AVEVA PREVENTIVAMENTE FATTO PROTOCOLLARE LA DIVERSA DECISIONE ASSUNTA DAI 25 SINDACI DEL DISTRETTO VERBANO.

I 25 SINDACI DEL DISTRETTO VERBANO E TUTTA LA POPOLAZIONE PRESENTE ALL’INCONTRO HA DETTO CHIARAMENTE CHE TUTTI I CITTADINI DEL V.C.O. DEBBONO AVERE, IN MATERIA DI EMERGENZA SANITARIA, LE STESSE GARANZIE DI POTER ESSERE ADEGUATAMENTE CURATI, IN UNA SITUAZIONE CHE IN ALCUNI CASI, UN RITARDO DI POCHI MINUTI, PUO’ ESSERE FATALE.

NEL CORSO DELL’INCONTRO È EMERSO CHE LA REGIONE PIEMONTE POTEVA PROCEDERE DA TEMPO ALLA PREDISPOSIZIONE DEL PIANO DI RIORDINO PER POTER OTTENERE IL SALVATAGGIO DA PARTE DEL MINISTERO E NON RISCHIARE IL COMMISSARIAMENTO: PERCHE’ LA REGIONE IN 5 GIORNI VUOLE UNA RISPOSTA CHE NON E’ TECNICAMENTE POSSIBILE, SOPRATTUTTO PERCHE’ QUESTA SCELTA DEVE BASARSI, SE NON SI MANTENGONO I 2 D.E.A., SU PRECISI DATI SCIENTIFICI DI ATTIVITA’, CHE SONO STATI CONSEGNATI AL SINDACO DI VERBANIA DALLA DIREZIONE GENERALE DELL’ASL VCO, SOLO NEL CORSO DELLA RIUNIONE DELLA RAPPRESENZA DELLA CONFERENZA DEI SINDACI DEL 14 NOVEMBRE 2014?


SITUAZIONE CHE SI VERREBBE A CREARE

CON LA CHIUSURA DI UN D.E.A. ED IL MANTENIMENTO A DOMODOSSOLA


TENUTO CONTO CHE L’OSPEDALE DI BORGOMANERO E QUELLO DI DOMODOSSOLA DISTANO DA VERBANIA LA STESSA DISTANZA, SI VUOLE CONOSCERE, PER EVITARE DISAGI ALLA POPOLAZIONE E QUINDI CORRETTAMENTE INFORMARLA, QUALE DISPOSIZIONI DARANNO I RESPONSABILI DEL 118, TENUTO CONTO CHE BORGOMANERO E’ MOLTO VICINO AL DEA DI 2° LIVELLO DI NOVARA.

SI VUOLE ALTRESI’ RAPPRESENTARE CHE SI POTREBBE VERIFICARE CON UNA CERTA PERIODICITA’ CHE PER PAZIENTI MOLTO GRAVI, CHE SI POTREBBE POI AVERE UN RICOVERO A NOVARA (DEA 2° LIVELLO) NON SARA’ PIU’ FUNZIONALE DIROTTARE SUBITO IL PAZIENTE A BORGOMANERO, PER POI IN CASO DI AGGRAVAMENTO ANDARE A NOVARA, INVECE CHE INVIARLO A DOMODOSSOLA, E POI TRASFERIRLO A NOVARA?


QUALE COMPORTAMENTO SARÀ ATTUATO?

SE POI IL PAZIENTE MUORE PER IL RITARDO DEL PASSAGGIO A DOMODOSSOLA, COSA POTRA’ SUCCEDERE SUL TERRITORIO?

IL SINDACO DI VERBANIA, I SINDACI DEL DISTRETTO VERBANO E LE POPOLAZIONI AVEVANO RAPPRESENTATO TALE RISCHIO CONCRETO, MA LA REGIONE FINORA HA SCELTO DIVERSAMENTE.

PREOCCUPA MOLTO ANCHE L’ATTUALE SITUAZIONE FINANZIARIA MOLTO PESANTE PER LA “MOBILITA’ PASSIVA”, CHE SICURAMENTE ANDRA’ SENZ’ALTRO CRESCENDO, IN QUANTO L’OSPEDALE DI VERBANIA PERDERA’ ALCUNE SPECIALITA’ COLLEGATE AL DEA DI 1° LIVELLO, E MOLTI UTENTI SCEGLIERANNO I VICINI OSPEDALI LOMBARDI (VARESE – LUINO – GALLARATE – BUSTO ARSIZIO).

QUINDI, IN UN MOMENTO DI GRAVI RISTRETTEZZE ECONOMICHE, LA SCELTA DI PASSARE DA 2 D.E.A. A 1 D.E.A. DI 1° LIVELLO E’ UNA SCELTA DIFFICILMENTE COMPRENSIBILE , ANCHE DAL PUNTO DI VISTA FINANZIARIO, PER QUANTO SOPRA INDICATO.


PROSPETTIVE FUTURE CON UN SOLO D.E.A. DI 1°LIVELLO
“RISCHIO PROSSIMO DECLASSAMENTO”

LA MOTIVAZIONE DI INDICARE PER IL MINISTERO DELL’ECONOMIA UN SOLO DEA DI 1° LIVELLO, PER COSI’ SI DICE RISPETTARE I PARAMETRI DEL PATTO DELLA SALUTE, PRESENTA DA SUBITO UN ASPETTO ORGANIZZATIVO MOLTO COMPLESSO, E CHE SARA’ DIFFICILE DA MANTENERE, PER I SEGUENTI MOTIVI:

PER INDICARE UN SOLO DEA SI PRENDE LA SOGLIA PREVISTA DA 150.000 A 300.000, MA POI CORRETTAMENTE SI AGGIUNGE CHE PER IL SUO MANTENIMENTO IL D.E.A. DI 1° LIVELLO DEVE AVERE UNA ATTIVITA’ ANNUALE PARI A 45.000 PASSAGGI (PARAMETRO PREVISTO NEL PATTO PER LA SALUTE.)

GIA’ CON I DATI FORNITI DALLA ASL VCO NON SONO SICURAMENTE CONFERMATI I 45.000 PASSAGGI, IN QUANTO ATTUALMENTE SI RAGGIUNGE UNA PUNTA DI 50/52.000 PASSAGGI, MA MOLTISSIMI PASSAGGI AL DEA DI VERBANIA UN DOMANI, STANTE LA DISTANZA DA DOMODOSSOLA FAREBBERO DIMINUIRE SENSIBILMENTE L’ATTIVITA’ E QUINDI SI CORRE IL RISCHIO CONCRETO CHE QUANTO CONCESSO ORA, POI SU DATI DI ATTIVITA’ NEL PROSSIMO O PROSSIMI ANNI VERRA’ VANIFICATO, FORNENDO ALLA REGIONE LA MOTIVAZIONE PER DECLASSARE ANCHE L’OSPEDALE DI DOMODOSSOLA A SEMPLICE “PRONTO SOCCORSO H. 24”.

COLLABORAZIONE CON LA REGIONE PIEMONTE
PER UNA SANITA’ PIU’ EFFICIENTE

IL SINDACO DI VERBANIA CON IL DOCUMENTO 15 NOVEMBRE 2014, APPROVATO ALL’UNANIMITA’ DAI SINDACI DEL DISTRETTO VERBANO HA PROPOSTO LA COSTITUZIONE A LIVELLO TERRITORIALE DI UNA COMMISSIONE TECNICO/SCIENTIFICA/AMMINISTRATORI, CHE SUPPORTINO LA DIREZIONE GENERALE DELL’ASL VCO NELLA PRESENTAZIONE DI UN PIANO ORGANICO, CON UNA DEFINITIVA COLLOCAZIONE DEI REPARTI E SERVIZI OSPEDALIERI, DEGLI OSPEDALI DI DOMODOSSOLA E VERBANIA, CHE PRODUCANO UN RISPARMIO RISPETTO AI COSTI ATTUALI.

TALE PIANO ORGANICO POTRA’ ESSERE PRESENTATO ALLA REGIONE PIEMONTE IN UN TEMPO DI 3 – 4 MESI DA OGGI.

NEL CASO LA REGIONE PIEMONTE INVECE VORRA’ PROSEGUIRE SUL RIDIMENSIONATO DELLA SANITA’ PUBBLICA SUL NOSTRO TERRITORIO, IL SINDACO DI VERBANIA CON I SUOI


COLLEGHI SINDACI E CON TUTTA LA POPOLAZIONE CONTESTERA’ CHE LA DECISIONE ASSUNTA DALLA GIUNTA REGIONALE E’ STATA FRETTOLOSA, NON CONOSCENDO SU QUALI DATI/ STUDI

NON SOLO ECONOMICI, NE’ SCIENTIFICI, MA PROVOCHERA’ PURTROPPO PESANTI RICADUTE NEGATIVE SUL SOCIALE.


PROPOSTA ALLA REGIONE PIEMONTE

IL SINDACO DEL COMUNE DI VERBANIA, D’INTESA CON TUTTI I 25 SINDACI DEL DISTRETTO DEL VERBANO, RESPONSABILMENTE,

TENUTO CONTO CHE LA REGIONE PIEMONTE NON HA FORNITO ALCUN SUPPORTO FINANZIARIO A CONFERMA DEI NOTEVOLI RISPARMI CHE SI CONSEGUONO CON TALE OPERAZIONE, DICHIARA CHE LA SCELTA PROVOCHERA’ LE GIUSTE PROTESTE DELLA POPOLAZIONE (CHE POTREBBERO PROSEGUIRE PER UN LUNGO PERIODO)

CHIEDE DI INSERIRE
NELLA PROPOSTA REGIONALE DA PRESENTARE AL MINISTERO DELL’ECONOMIA

“IL MANTENIMENTO DEI D.E.A. DI 1° LIVELLO A DOMODOSSOLA E VERBANIA”.

LA MOTIVAZIONE DELLA DEROGA VA INDICATA SOPRATTUTTO NELLA PUNTUAL E APPLICAZIONE DELL’ART. 8 DELLO STATUTO DELLA REGIONE PIEMONTE, CHE PREVEDE PER LA NOSTRA PROVINCIA IL RICONOSCIMENTO “ DELLA SPECIFICITA’ MONTANA,” CHE E’ STATA OTTENUTA DOPO ANNI DI IMPEGNO POLITICO E PRESSIONI DELLE POPOLAZIONI.

SE NON CONSENTE IL MANTENIMENTO DEI 2 D.E.A., SI RITIENE CHE SIA SOLO UNA ENUNCIAZIONE VUOTA DI SIGNIFICATO CONCRETO, CHE SARA’ ALLORA ASCRIVIBILE A CHI POI NON E’ RIUSCITO POLITICAMENTE A DARE SPESSORE POLITICO/AMMINISTRATIVO.

LA SPECIFICITA’ MONTANA E’ STATA APPROVATA NELLO STATUTO REGIONALE IN QUANTO SI E’ RICONOSCIUTO CHE 75 SU 77 COMUNI SONO CONSIDERATI MONTANI.

E’ L’UNICA PROVINCIA CHE HA AVUTO TALE RICONOSCIMENTO IN UN TERRITORIO CHE E’ UGUALE A QUELLO DELLA ASL.

SI RILEVA CHE MOLTI PAESI MONTANI SONO DISTANTI SIA DAL COMUNE IN FONDO ALLA VALLE, CHE MAGGIORMENTE DAGLI OSPEDALI.

IN QUESTI GIORNI DI MALTEMPO PROLUNGATO, CHE PURTROPPO SI REGISTRA ORMAI CON UNA CERTA FREQUENZA DURANTE TUTTO L’ANNO, LE FRANE, GLI SMOTTAMENTI SULLE

STRADE, L’ESONDAZIONE DEI TORRENTI RENDONO ANCORA PIU’ PROBLEMATICA LA CIRCOLAZIONE E DI CONSEGUENZA ANCHE LE “OPERAZIONI URGENTI DI SOCCORSO”.

QUINDI IL PREVEDERE NEL NOSTRO TERRITORIO UN SOLO D.E.A. , PURTROPPO PENALIZZERA’ MAGGIORMENTE LE NOSTRE POPOLAZIONI, IN UN SETTORE QUALE LA SALUTE, CHE NON SEMPRE AMMETTE IL RECUPERO, MENTRE INVECE CON I 2 DEA E CON UNA RIORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI OSPEDALIERI, ANCHE I NOSTRI CITTADINI, CHE VIVONO AI MARGINI DEL PIEMONTE E MOLTO DISTANTI DA TORINO, SI SENTIREBBERO MEGLIO TUTELATI.

LA PROPOSTA SOPRA INDICATA PUO’ ESSERE ACCOLTA, ANCHE PERCHE’ SE LA REGIONE OTTERRA’ L’APPROVAZIONE DEL PIANO COMPLESSIVO DI RIORDINO DELLA SANITA’, DOVRA’ POI PREDISPORRE IN MODO ANALITICO UN CRONOPROGRAMMA PER LA CONCRETA ATTUAZIONE DEL PIANO, PREVEDENDO TRA L’ALTRO, ELEMENTO NON DI POCO CONTO, CHE L’ASSESSORE SAITTA AD OMEGNA LUNEDI’ 10 NOVEMBRE AVEVA GARANTITO LA “CONTEMPORANEITA DEI PROVVEDIMENTI”, OVVERO LA CREAZIONE SUL TERRITORIO DI STRUTTURE E SERVIZI PER ATTIVARE FINALMENTE L’ASSISTENZA TERRITORIALE (E’ ALMENO 10 ANNI CHE LE PROMESSE SI SUSSEGUONO COME ENUNCIAZIONE E ZERO COME REALIZZAZIONE.

QUINDI SICURAMENTE IL MANTENIMENTO DI 1 D.E.A. DI 1° LIVELLO E LA CHIUSURA DELL’ALTRO NON VEDRA’ NEI TEMPI PREVISTI LA SUA ATTUAZIONE, PER LA PREDISPOSIZIONE DEL PIANO RIORGANIZZATIVO A LIVELLO LOCALE.

CONCLUSIONE FINALE

IL SINDACO DI VERBANIA ED I 25 SINDACI DEL DISTRETTO VERBANO RITENGONO CHE CON IL MANTENIMENTO DEI 2 D.E.A. NON SARA’ QUESTO IL MOTIVO DELLA “NON APPROVAZIONE DEL PIANO”, DA PARTE DEL MINISTERO DELL’ECONOMIA, DATA LA MODESTA/NON RILEVANTE ENTITÀ FINANZIARIA DEL RISPARMIO CHE SI OTTERREBBE (DATO NON CONOSCIUTO) , PERCHÉ SE BEN RAPPRESENTATA LA “DEROGA PER LA SPECIFICITÀ MONTANA”, COLLEGATA ALLE DIFFICOLTÀ DEI COLLEGAMENTI DEL TERRITORIO (OLTRE A RICORDARE TUTTI I DISASTRI PROVOCATI IN QUESTI TEMPI DALLA PIOGGIA) POTRA’ CONSENTIRE DI OTTENERE L’APPROVAZIONE COMPLESSIVA DEL PIANO DI RIORDINO REGIONALE.


IL SINDACO DI VERBANIA PER I 25 SINDACI DISTRETTO VERBANO
IL SINDACO DI CANNOBIO
SILVIA MARCHIONINI GIANDOMENICO ALBERTELLA



8 commenti  Aggiungi il tuo

Vedi il profilo di lady oscar tutti i sindaci dell ossola..
lady oscar
17 Novembre 2014 - 19:39
 
Si stanno dando un gran daffare x salvare solo il loro dea. Poi i campanilisti siamo noi che siam qua a chiedere di salvarli entrambi rischiando di perdere il nostro. Ma mandiamoceli.
Vedi il profilo di cesare Andiamo tutti a Torino a manifestare
cesare
17 Novembre 2014 - 21:10
 
Ovviamente se tenteranno il BLIZ di chiudere il DEA di Verbania dobbiamo veramente mobilitarci ,pacificamente ma con determinazione . ! Cosa prima, chiedere le dimissioni di Reschigna che non ci rappresenta più rappresenta solo
l'ipocrisia del PD . Debito della sanità 200 Milioni .costo del nuovo palazzo della regione 300.milioni .
E' Reschigna ,come assessore al bilancio, che dichiara che i costi sono lievitati per giusti miglioramenti da 200 a 300
milioni . Inoiltre la parcella dell'arch. del PD Fukas di 20 milioni . Ora stanno mettendo in vendita lo storico palazzo della regione in Piazza Castello . Ed hanno il coraggio di raccontarci che bisogna chiudere un DEA (reschigna)
Mandiamoli a casa .
Vedi il profilo di Hilde Muehlbauer DEA
Hilde Muehlbauer
18 Novembre 2014 - 03:50
 
Ho letto attentamente tutti i commenti sul e contro il mantenimento del DEA a Verbania, ma a tutti sfugge un elemento molto semplice: COME DOVREBBE SVOLGERSI L'ACCESSO AL DEA DI DOMODOSSOLA IN CASO DI URGENTE NECESSITA? 1) Il DEA di Verbania potrebbe essere raggiunto anche da un automobile di un parente o amico portando il paziente al Pronto Soccorso 2) In casi più gravi il paziente, previa breve visita in casa, potrà raggiungere il Pronto Soccorso con l'Autoambulanza. 3) Come dovrebbe comportarsi una persona che si sente improvvisamente male (disturbi cardio-circolatori, gastro-intestinali, ustioni, incidenti in casa o fuori casa etc.), abitando nella Valle Cannobina, ed in tutto il territorio Verbanese, chiamare in ogni caso un Autoambulanza per farsi trasportare a Domodossola e dopo chi porta il paziente nuovamente a Verbania? Quante Autoambulanze dovrebbero fare notte e giorno il tragitto tra Cannobio, Verbania e tutti i Paesi limitrofi, andata e ritorno? E durante la stagione estiva con tutti i turisti che hanno il diritto alle strutture sanitarie in casi di bisogno? Basta recarsi al Triage dell'Ospedale Castelli, per constatare l'affollamento di persone con bollini verdi e blu, non citando le autoambulanze che trasportano pazienti con bollino rosso. E tutto questo con Un DEA solo a Domodossola? A prescindere dal fatto che per gravissimi casi il trasporto a Domodossola tramite l'Autoambulanza sarebbe cmq un serio rischio, data la distanza e la statale scomodissima per un malato con problemi cardiaci o traumi cranici. Ci vorrebbero tantissimi Autoambulanze ad alta definizione tecnica a bordo e personale paramedico di altissimo livello. Ogni cittadino ha il diritto di essere soccorso ...
Vedi il profilo di Skins Tutti in piazza per i DEA
Skins
18 Novembre 2014 - 09:11
 
Sono d'accordissimo con quanto scritto nel documento ufficiale e quanto ha rimarcato sopra Cesare: è una vergogna che i soldi vengano tolti da un territorio con specificità montana (altrimenti a cosa servirebbe questa dicitura?) già disagiato per i trasporti (non c'è un collegamento diretto con Novara e Torino, rendiamoci conto!). Sarebbe fin meglio fare un referendum per entrare in Lombardia: almeno i treni per Milano ci sono e traghettando in meno di un'ora si è a Varese. Ed è altrettanto vergognoso non solo l'atteggiamento della Regione Piemonte, che non si è MAI interessata al nostro territorio, e del "nostro" assessore, che men che meno pare interessarsi ma fa solo i SUOI interessi, ma anche i sindaci dell'Ossola che tirano acqua al loro maledetto mulino invece di unirsi nella battaglia...senza contare il Cusio, che pensa di avere il COC e di aver risolto i suoi problemi! Chiudere il DEA di Verbania vuol dire far morire la CITTÀ CAPOLUOGO, vuol dire più spostamenti verso Novara, Milano e Varese (di certo non vado a farmi mettere le mani addosso in Ossola se posso scegliere un centro migliore e magari più comodo da raggiungere in condizioni meteorologiche difficili), a maggior ragione che, come ricordava Marcovicchio, non ci sono soldi per la pulizia e la messa in sicurezza di quel colabrodo che è la superstrada...come pensano di trasportare un'urgenza a Domo? E poi, soprattutto, DOVE SONO LE CIFRE??? Quali i veri risparmi? E quanti posti letto ci sono al DEA di Domo e a quello di Verbania? Ci sono molte cose che non sono state dette, e se proprio si deve parlare di bilancio ci vogliono i fatti, le cifre, il bacino d'utenza (e VB potrebbe richiamare anche parte del Varesotto e del Novarese) e la capienza dell'ospedale e delle strutture ricettive ad esso collegate.
Vedi il profilo di cesare ok skiris
cesare
18 Novembre 2014 - 09:36
 
D'accordo con Skiris , il VERBANO e non il VCO dovrebbe chiedere di entrare nella regione lombardia ,inoltre i sindaci del verbano dovrebbero consegnare ,tutti, le fascetricolori alla regione e dimettersi.
Vedi il profilo di renato brignone Passo avanti
renato brignone
18 Novembre 2014 - 11:22
 
Ieri si è condiviso un documento unitario in consiglio comunale. Un bel passo avanti contro le divisioni che le prime uscite dei vari sindaci hanno suscitato... speriamo che sia di stimolo all'unità.
Vedi il profilo di Skins Esattamente Cesare!
Skins
18 Novembre 2014 - 11:25
 
Proprio quello che pensavo io, il VERBANO! Poi che gli altri a questo punto si arrangino, visto che pensano già ai fatti loro senza pensare come una provincia ma come 3 territori che non hanno nulla in comune a quanto pare. Verbano con Varese per la provincia dei laghi, Cusio con Novara e l'Ossola con il suo DEA! (provocazione)
Vedi il profilo di lady oscar lombardia?
lady oscar
18 Novembre 2014 - 11:48
 
No. Svizzera.



Aggiungi il tuo commento

Prima di pubblicare un tuo commento assicurati che:

• sia in tema e contribuisca alla discussione
• non abbia contenuto razzista o sessista
• non sia offensivo, calunnioso o diffamante

La redazione si riserva di cancellare qualsiasi contenuto ingiurioso, volgare, illegale o contrario alla policy.

Commenti Se accedi o ti Registri potrai visualizzare il tuo nome e ricevere aggiornamenti quando ci saranno altri commenti



captcha
CAPTCHA: Scrivi il valore visualizzato

Iscriviti con la tua email
Verbania
20/01/2017 - Minivolley Cup 2017 torna a Verbania
20/01/2017 - Verbania sostiene il portale europeo casarinnovabile.it
20/01/2017 - Eletto nuovo CdA del CSSV
20/01/2017 - Raccolta rifiuti per i non residenti: isola ecologica dedicata
19/01/2017 - Fabbricati rurali, online l’elenco degli immobili da regolarizzare
Verbania - Politica
18/01/2017 - Costa su revoca finanziamenti Fondazione Cariplo
18/01/2017 - "Cittadini con Voi" e "Sinistra & Ambiente" fanno il punto
17/01/2017 - Nessuna vessazione per lo sfratto dalle case popolari
16/01/2017 - M5S su revoca fondi Fondazione Cariplo
×
Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti