Il BLOG pubblico di Verbania: News, Notizie, eventi, curiosità, vco : Canton Ticino : Eventi

Teatro Locarno: Michele Placido con il ReLear

Michele Placido porta in scena, le sere di martedì 2 e mercoledì 3 dicembre al Teatro di Locarno, “Re Lear” una delle tragedie più intense di Shakespeare.
Canton Ticino
Teatro Locarno: Michele Placido con il ReLear
L’opera mette alla prova il talento di un attore come Michele Placido, che ha raggiunto, dopo i successi in teatro e sul grande e piccolo schermo, la piena affermazione artistica. Il 3 dicembre Michele Placido e gli interpreti dello spettacolo incontreranno il pubblico alle 18 alla Biblioteca Cantonale di Palazzo Morettini.

“Re Lear” è una tragedia in cinque atti scritta nel 1605-1606 da William Shakespeare. Comincia con la decisione di re Lear di abdicare e dividere il suo regno fra le tre figlie Goneril, Regan e Cordelia.

Le prime due già sposate, Cordelia con molti pretendenti, in parte perché la preferita dal padre. Re Lear propone una gara: ogni figlia riceverà una parte del regno proporzionale all'amore che a parole avrà saputo dimostrare a lui.

Delle tre, solo Cordelia rifiuta l'adulazione, convinta che i veri sentimenti siano immiseriti da una prosternazione a proprio vantaggio. Sdegnato, re Lear, divide i suoi territori fra Goneril e Regan, mettendo al bando Cordelia.

Dopo aver abdicato Re Lear scopre che l’unica persona sincera era Cordelia, che le sue sorelle hanno agito per interesse e lo cacciano. Da qui un susseguirsi di tragiche battaglie, parricide e fratricide, le cui ultime parole sono: “Diciamo quello che sentiamo, non quello che conviene” Il capolavoro di Shakespeare è stato adattato e personalizzato da Michele Placido che, insieme a Francesco Manetti ne è regista, offrendoci una versione peculiare del personaggio conosciuto sul palcoscenico o sullo schermo.

Placido è un re Lear in ciabatte, pigiama rosso che gli cade lasciandolo in mutande, un re stralunato e asciutto, elegante, con una chioma bianca bellissima, giovane nella sua ricerca di sopravvivenza e nel suo assordante dolore di padre di una prole ingrata. Quasi a dire che chi ha fede nella procreazione, lo faccia gratuitamente, generosamente, senza attendere riscontro alcuno.

Gli attori, tutti molto bravi, si muovono su una scenografia impressionista ed efficace, pennellate di colori cupi, accenni di rovine, Bella la colonna sonora, con alcuni passaggi nello stile dei rapper. Un Re Lear elisabettiano condito con elementi pop. Contaminazione di antico e moderno che, nella lunga tournée nei principali teatri italiani, ha conquistato il gusto degli spettatori più giovani.
Immagine 1



0 commenti  Aggiungi il tuo



Aggiungi il tuo commento

Prima di pubblicare un tuo commento assicurati che:

• sia in tema e contribuisca alla discussione
• non abbia contenuto razzista o sessista
• non sia offensivo, calunnioso o diffamante

La redazione si riserva di cancellare qualsiasi contenuto ingiurioso, volgare, illegale o contrario alla policy.

Commenti Se accedi o ti Registri potrai visualizzare il tuo nome e ricevere aggiornamenti quando ci saranno altri commenti



captcha
CAPTCHA: Scrivi il valore visualizzato

Iscriviti con la tua email
Canton Ticino
06/01/2017 - Svizzera: addio al segreto bancario
29/11/2016 - VerbaniaArte: “Riflessi sull’acqua” di Paul Signac
18/11/2016 - Simone Cristicchi al Teatro di Locarno
16/11/2016 - VerbaniaArte: Marianne Werefkin la "nonna" di Ascona
10/11/2016 - "Sì" al casellario d'obbligo per lavorare in Svizzera
Canton Ticino - Eventi
13/10/2016 - Settimane Musicali di Ascona: Ensemble Zefiro
10/10/2016 - Settimane Musicali di Ascona: Pavel Haas Quartet
07/10/2016 - Star’s voices 2016
06/10/2016 - Settimane Musicali di Ascona: Orchestra della Svizzera italiana
×
Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti