Il BLOG pubblico di Verbania: News, Notizie, eventi, curiosità, vco : Canton Ticino : Eventi

Simone Cristicchi a Teatro "Magazzino 18"

Dopo più di un anno di repliche trionfali e 50mila biglietti venduti su e giù per l’Italia, sabato 13 (h. .20.30) e domenica 14 (h. 17.30) dicembre, arriva al Teatro di Locarno “Magazzino 18”: lo spettacolo che per la prima volta racconta l’esodo da Istria e Dalmazia di 350 mila persone.
Canton Ticino
Simone Cristicchi a Teatro "Magazzino 18"
Conosciuto come cantante pop (pezzi noti: “Vorrei cantare come Biagio Antoniacci” e “Ti regalerò una rosa” brano con il quale vinse il festival di San Remo nel 2007), Simone Cristicchi è un artista che coniuga con bravura il canto alla sua capacità attorale.

Per esempio mettendo in scena uno show teatrale che punta la luce su una tragedia taciuta sia dai libri di storia che dai giornali e di cui si sa ancora oggi poco, pochissimo: era finita la Seconda Guerra Mondiale, Tito si era preso la Jugoslavia e degli Italiani che vivevano lì non voleva più saperne.

Quasi 400mila che stavano tra Pola, Fiume e Zara decisero di optare per l’Italia e dire addio alla loro giovinezza. Pensavano di tornarsene a “casa”: furono accolti in campi profughi, scapparono con l’essenziale, alcuni si portarono dietro degli oggetti tipo delle sedie, delle foto, delle pentole.

Che poi abbandonarono, appunto, al Magazzino 18 di Trieste, l’edificio da dove prende le mosse l’opera teatrale. Montagne di sedie aggrovigliate, armadi desolatamente vuoti, letti, lettere, fotografie, pagelle, diari, reti da pesca, pianoforti e scaffalature, questo è “Magazzino 18”.

A raccontare la storia all’interno del musical è “Virgilio” un archivista romano, inviato dal Ministero degli Interni a Trieste con il compito di fare un resoconto di quello che si trova all’interno del Magazzino 18. Virgilio al telefono con il “Dottore di Roma” racconta le sensazioni che prova davanti a tutti quegli oggetti marchiati da nomi e numeri.

Cambiando registri vocali, costumi e atmosfere musicali, Simone Cristicchi si trasforma dando vita ad ogni singolo personaggio: l’esule da Pola, il bambino di un campo profughi, la donna “rimasta” che scelse di non partire, il monfalconese che decide di andare in Jugoslavia, il prigioniero del lager comunista di Goli Otok. Le varie scene dello spettacolo danno spazio alla canzone, per l’occasione locarnese Simone Cristicchi sarà accompagnato dalle voci del Coro Calicantus di Locarno.
Immagine 1



0 commenti  Aggiungi il tuo



Aggiungi il tuo commento

Prima di pubblicare un tuo commento assicurati che:

• sia in tema e contribuisca alla discussione
• non abbia contenuto razzista o sessista
• non sia offensivo, calunnioso o diffamante

La redazione si riserva di cancellare qualsiasi contenuto ingiurioso, volgare, illegale o contrario alla policy.

Commenti Se accedi o ti Registri potrai visualizzare il tuo nome e ricevere aggiornamenti quando ci saranno altri commenti



captcha
CAPTCHA: Scrivi il valore visualizzato

Iscriviti con la tua email
Canton Ticino
16/08/2017 - Frana SS34: "mio marito morto inutilmente"
12/07/2017 - Festival Ticino Musica
08/07/2017 - Da Brissago a Gresso per la Salita del Parco in compagnia
07/07/2017 - Scioperanti svizzeri ottengono riassunzione, ma...
02/07/2017 - Scioperanti svizzeri bloccano traghetto con pedalò
Canton Ticino - Eventi
19/06/2017 - Teatro di Locarno presentata la stagione 17/18
23/05/2017 - Ascona Music Festival
04/04/2017 - Teatro Locarno: "Il prezzo"
23/03/2017 - Stefano Accorsi al Teatro di Locarno
×
Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti