Il BLOG pubblico di Verbania: News, Notizie, eventi, curiosità, vco : Verbania : Cronaca

Provincia, ecco la mia posizione: sì al quadrante

La posizione di Aldo Reschigna sul futuro della provincia di Verbania
Verbania
Provincia, ecco la mia posizione: sì al quadrante
"Nei prossimi giorni verranno assunte le decisioni sul futuro delle province ed il dibattito che si è avviato lo dico molto francamente non mi appare molto serio.
Cerco di spiegare la mia posizione anche se mi rendo conto rischia di apparire minoritaria, ma una cosa ho imparato in tutti questi anni ed è il valore della coerenza dei comportamenti.
Il problema si è posto nell’estate dell’anno scorso quando la manovra di Tremonti prevedeva la cancellazione delle province sotto i 300.000 abitanti.
Il tema con alterne vicende si è riproposto con il governo Monti ed oggi siamo nel momento di decidere il futuro. In questo quadro le Province piemontesi qualche mese addietro hanno detto in sintesi al governo: basta provvedimenti calati dall’alto noi siamo capaci di accogliere la sfida del cambiamento e ti presentiamo la nostra riforma che prevede per il Piemonte il passaggio da 8 a 4 province.
La proposta è stata portata ad esempio come la capacità locale del sistema delle province piemontesi di autoriformarsi. Oggi tutto ciò sembra svanire nel nulla. Si è parlato in queste settimane di fare la provincia di quadrante poi subito di tornare con Novara e quindi di avere in Piemonte non 4 ma 6 province poi qualcuno ha proposto di andare a fare la provincia con Varese,
Como, Sondrio e quant’altro.
Non mi piace quando si fa i riformatori avendo la pistola puntata alla tempia e poi appena la pistola si sposta si vuole conservare il più possibile lo status quo.
Assisteremo ad una situazione assurda che facendo la provincia con Novara quando si faranno le politiche sui rifiuti la provincia di Novara e Verbania dovrà fare una convenzione con la provincia di Vercelli e Biella per gestire tale funzione che sarà una delle poche assieme all’edilizia scolastica ed alla viabilità di cui si occuperanno le province, alla faccia della semplificazione e della riduzione dell’intervento pubblico.
Confesso di avere poca fiducia in questo modo di fare che non tiene conto che questa drammatica crisi che colpisce imprese e famiglie deve imporre un radicale e ragionato cambiamento della organizzazione della pubblica amministrazione per liberare
risorse per lo sviluppo economico e per il sistema dei servizi.
Queste solo le sfide che richiedono una coerenza di comportamenti e la piena consapevolezza della gravità della condizione del nostro paese."
 Fonte di questo post



0 commenti  Aggiungi il tuo



Aggiungi il tuo commento

Prima di pubblicare un tuo commento assicurati che:

• sia in tema e contribuisca alla discussione
• non abbia contenuto razzista o sessista
• non sia offensivo, calunnioso o diffamante

La redazione si riserva di cancellare qualsiasi contenuto ingiurioso, volgare, illegale o contrario alla policy.

Commenti Se accedi o ti Registri potrai visualizzare il tuo nome e ricevere aggiornamenti quando ci saranno altri commenti



captcha
CAPTCHA: Scrivi il valore visualizzato

Iscriviti con la tua email
Verbania
28/05/2017 - Associazione Cori Piemontesi gli appuntamenti nel VCO
28/05/2017 - LetterAltura: nuovo Presidente e novità del Festival 2017
28/05/2017 - FdI AN su votazione CdA Muller
28/05/2017 - L'Italia che non si vede: rassegna di cinema alla Maratonda
28/05/2017 - Spazio Bimbi: Bambini plusdotati: risorse e rischi
Verbania - Cronaca
26/05/2017 - Un drone per il Soccorso
24/05/2017 - Le Salite del VCO 2017
24/05/2017 - Comitato Amici Pendolari: maggio "tragico"
24/05/2017 - Amici dell’Oncologia a Villa Taranto con “Insieme si vola”
×
Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti