Il BLOG pubblico di Verbania: News, Notizie, eventi, curiosità, vco : Verbania : Cronaca

Comitato Salute Vco: i CAP possibile soluzione

Riportiamo un comunicato del Comitato Salute Vco, che individua nei Centri di Assistenza Primaria (CAP), lo strumento possibile per superare lo stallo.
Verbania
Comitato Salute Vco: i CAP possibile soluzione
Sembra un problema irrisolvibile, il dialogo non c'è e il bene comune viene scambiato per il bene DEL Comune. Siamo in una posizione di pericoloso stallo e anche la recente proposta di legge regionale sulla specificità montana, pare più indirizzata a chiedere altri soldi per mantenere lo "status quo".

Così non va. Non è solo una questione di soldi. Bisogna allora, avere il coraggio di rimettere tutto in discussione. Ripartire da zero. Complice una visione ristretta dei problemi, il dibattito è sempre fermo sugli Ospedali, ignorando la Sanità territoriale, proprio perché questa NON esiste.

Ma è qui che si gioca il futuro sanitario del VCO. Bisogna quindi riformare il sistema partendo, a nostro avviso, dall'unico elemento colpevolmente trascurato da ogni Amministrazione Regionale: la sanità territoriale. In tutti "Piani socio-sanitari" elaborati in passato, vi sono molte pagine dedicate all'argomento e motivazioni condivisibili a sostegno. Poco è stato fatto. Perché? Chi ha remato contro?

Lo sanno tutti che lo strumento principe è quello dei Centri di Assistenza Primaria (CAP) e che per il nostro territorio montano, appaiono non solo utili, ma strategici. Basta fare un giro su "Internet" per scoprire che in Italia, dove sono operanti i CAP, si sono raggiunti due importanti obiettivi:

- sanità più efficace ed efficiente

- riduzione della pressione sugli ospedali con indiscussi vantaggi economici.

Allora la soluzione esiste. C'è però una complicazione che si chiama "Medici di Medicina Generale" (MMG) come oggi vengono chiamati i Medici di Famiglia o di Base del passato. La complicazione, sta nel rapporto fra i Medici di Medicina Generale ed il territorio. A livello locale (ASL) la dipendenza non è gerarchica.

Non si può intervenire a "ordinare" come si fa in qualsiasi azienda di questo mondo. La collaborazione è su base volontaria (??!!): sono dei liberi professionisti. Questo è un macigno posto sulla strada di una qualsiasi riorganizzazione e non è a livello locale che si può rimuovere. Ci vuole una Legge dello Stato. Nonostante ciò, proviamo ad immaginare una rete di CAP per il VCO.

A fronte di un malessere improvviso, la prima preoccupazione è quella di trovare qualche medico a cui rivolgersi. Difficile che ciò coincida con le poche ore di apertura dello studio del proprio medico, quindi non rimane che recarsi in ospedale. Ciò si potrebbe evitare se sul territorio fossero presenti e in posizione strategica dei Centri di Assistenza Primaria (CAP) aperti 24 ore su 24. (Cannobio "docet")

Vediamo come potrebbe strategicamente svilupparsi la copertura del nostro territorio provinciale.

OSSOLA: Santa Maria Maggiore, a presidio della Valle Vigezzo. Baceno, a presidio delle Valli Antigorio e Formazza. Calasca Castiglione, a presidio della valle Anzasca. Villadossola, a presidio della valle Antrona e del sud del territorio ossolano. Domodossola, a presidio dell'area montana circostante.

VERBANO: Cannobio, a presidio della valle Cannobina. Stresa, a presidio della litoranea. Verbania, a presidio dell'area montana circostante.

CUSIO: Omegna, a presidio dell'entroterra lacuale e delle valli. Per il Cusio, per la vicinanza dell'Ospedale di Borgomanero, vanno diversificate le soluzioni.

I Medici avrebbero il vantaggio indotto di uscire dalla gabbia burocratica nella quale la legislazione vigente li ha confinati, mortificando le loro capacità professionali. Ma gli ospedali?

Beh, è innegabile che una rete efficiente di CAP sul territorio toglie molte ragioni a chi oggi fa dell'ospedale una bandiera alla quale restare abbarbicato in modo così acritico. Sono fantasie? No, è solo una proposta sulla quale cominciare a discutere.



1 commento  Aggiungi il tuo

Vedi il profilo di Hilde Muehlbauer CAP possibili soluzionibene atorio
Hilde Muehlbauer
4 Gennaio 2015 - 11:57
 
Una proposta allettante. Mi voglio informare bene come funziona in Germania, dove -da sempre- gli Studi dei medici di base iniziando dalle ore 7:00 - 8:00 am con interruzione pausa pranzo e continuano il pomeriggio fino alle 6:00 pm, esclusi Sabato/Domenica o gg festivi. Un altro vantaggio dei pazienti: ogni Studio Medico è dotato di un laboratori per gli esami sangue normali, ma i prelievi del sangue per esami approfonditi/complicati vengono cmq effettuati dal medico di famiglia che provvede lui stesso ad inoltrarlo a centri diagnostici attrezzati. In questo modo i Pronto Soccorsi degli Ospedali non sono sopra affollati.



Aggiungi il tuo commento

Prima di pubblicare un tuo commento assicurati che:

• sia in tema e contribuisca alla discussione
• non abbia contenuto razzista o sessista
• non sia offensivo, calunnioso o diffamante

La redazione si riserva di cancellare qualsiasi contenuto ingiurioso, volgare, illegale o contrario alla policy.

Commenti Se accedi o ti Registri potrai visualizzare il tuo nome e ricevere aggiornamenti quando ci saranno altri commenti



captcha
CAPTCHA: Scrivi il valore visualizzato

Iscriviti con la tua email
Verbania
28/07/2017 - "I volti e il cuore in jazz"
28/07/2017 - Chet Nuneta in concerto a Verbania
28/07/2017 - Quartiere Intra: botta e risposta
27/07/2017 - Apicoltura protagonista a Villa Olimpia
27/07/2017 - Gala Estivo della Compagnia EgriBiancoDanza
Verbania - Cronaca
26/07/2017 - Guardia Costiera Lago Maggiore: fine settimana intenso
26/07/2017 - Aperto parcheggio pubblico in via Vigne Basse
25/07/2017 - Campo estivo di Manitese
25/07/2017 - Sicurezza: rimozione sassi sul bagnasciuga al lido di Suna?
×
Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti