Il BLOG pubblico di Verbania: News, Notizie, eventi, curiosità, vco : Verbania : Cronaca

Questura, Arpa conferma: “vetri abbaglianti”

Vetrate “abbaglianti” e fuori norma. L’Arpa Piemonte ha confermato con una relazione consegnata in questi giorni al Comune di Verbania che il riverbero dei vetri della nuova questura è oltre il consentito.
Verbania
Questura, Arpa conferma: “vetri abbaglianti”
Questo è, infatti, l’esito delle analisi strumentali chieste nel mese di dicembre dal sindaco di Verbania, Marco Zacchera, al dipartimento locale dell’Arpa anche a seguito dei sopralluoghi da lui effettuati alle abitazioni del quartiere Madonna di Campagna.

Il problema, che si protrae da mesi, è nato con la costruzione della nuova questura, le cui pareti a vetrate riflettono in maniera rilevante i raggi solari, causando bagliori accecanti agli edifici circostanti e alle auto di passaggio sulla statale.

L’intervento dell’Arpa è servito per stabilire l’entità dei bagliori. Le misurazioni
effettuate in febbraio nel salotto di un residente in via Sant’Uberto (a una decina di metri dalla nuova questura) hanno rilevato un “indice di abbagliamento Dgi” pari a 36, ben
superiore alla cifra di 28, soglia oltre cui il bagliore è intollerabile per la norma tecnica Uni 10840.

Nella sua relazione Arpa specifica che 36 è il massimo valore riscontrabile dagli strumenti a disposizione e che, quindi, la luminanza va oltre la taratura del luminanziometro.

"La certificazione dell’Arpa conferma quanto andiamo dicendo da mesi – sottolinea Zacchera – ovvero che, ferma restando l’indubbia utilità della nuova questura, vanno prese iniziative concrete per ridurre l’abbagliamento verso le zone circostanti e che creano fastidio e anche potenziali pericoli per la circolazione. Servono almeno delle pellicole protettive e anti-riflesso per risolvere un problema grave e che non va più minimizzato".

Il sindaco ha trasmesso copia del verbale delle misurazioni di inquinamento da radiazione ottica al prefetto e al questore del Verbano-Cusio-Ossola pregandoli di prendere contatti con il provveditorato alle opere pubbliche di Torino – al quale pure è stata mandata copia dei verbali della relazione tecnica dell’Arpa – affinché lo stesso Provveditorato disponga interventi conseguenti.
 Fonte di questo post



2 commenti  Aggiungi il tuo

Vedi il profilo di fulvio e i responsabili?
fulvio
13 Marzo 2013 - 13:57
 
se i responsabili avessero studiato, invece di comprare le lauree.....afesso dovrebbero pagare gli interventi di tasca loro...ma come al solito pagjeremo NOI! però se sbagliamo qualcosa, noi siamo delinquenti....loro...è il sistema. ....povera Italia!
Vedi il profilo di Anonimo errori clamorosi hanno un prezzo
Anonimo
13 Marzo 2013 - 14:39
 
concordo con fulvio...dovrebbe pagare chi sbaglia e non gli utenti o chi per sua sfortuna vive nelle vicimìnanze...ma mi domando anche se chi produce quei materiali non dovrebbe accertarsi dell'uso che poi ne viene fatto.. la responsabilità è di tutti e di nessuno alla fine..
RI..povera italia !



Aggiungi il tuo commento

Prima di pubblicare un tuo commento assicurati che:

• sia in tema e contribuisca alla discussione
• non abbia contenuto razzista o sessista
• non sia offensivo, calunnioso o diffamante

La redazione si riserva di cancellare qualsiasi contenuto ingiurioso, volgare, illegale o contrario alla policy.

Commenti Se accedi o ti Registri potrai visualizzare il tuo nome e ricevere aggiornamenti quando ci saranno altri commenti



captcha
CAPTCHA: Scrivi il valore visualizzato

Iscriviti con la tua email
Verbania
22/06/2018 - Estate a Villa Olimpia
22/06/2018 - Lumberjack Cup 2018
22/06/2018 - Coro Polifonico San Vittore esegue Rossini
22/06/2018 - Una Verbania Possibile: Interpellanze sul CEM
22/06/2018 - Pesciolata a Trobaso
Verbania - Cronaca
19/06/2018 - Offerte di lavoro del 19/06/2018
18/06/2018 - I Quattrogatti donano 2000€
17/06/2018 - Frana in Val Vigezzo: proseguono i lavori sulla statale
17/06/2018 - Comitato Amici Pendolari puntualità Miano - Domodossola
16/06/2018 - Arcademia: spettacolo per i 18 anni
×
Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti