Il BLOG pubblico di Verbania: News, Notizie, eventi, curiosità, vco : Verbania : LegalNews

LegalNews: La responsabilità civile dei magistrati

E’ stata pubblicata in Gazzetta Ufficiale la Legge n. 18/2015 sulla disciplina della responsabilità civile dei magistrati: quando si può fare causa allo Stato per un errore commesso da un magistrato e quando lo Stato può rivalersi sul giudice che ha causato il danno?
Verbania
LegalNews: La responsabilità civile dei magistrati
Visto che l’argomento odierno è particolarmente sentito e il dibattito politico – nonché la risonanza mediatica relativa – sono stati ampi, voglio premettere che il presente contributo è privo di qualsiasi connotazione politica: esso, infatti, ha il solo scopo di chiarire quali siano i confini dell’istituto preso in esame. Sulla normativa, dunque, ci concentreremo.

La Legge n. 18/2015 ha apportato numerose modifiche alla Legge n. 117/1988 (c.d. “Legge Vassalli”) che disciplina il risarcimento dei danni cagionati nell'esercizio delle funzioni giudiziarie e la responsabilità civile dei magistrati.

Prima di entrare nel merito della nuova normativa, dedichiamo alcuni cenni alla procedura che deve necessariamente essere seguita da chi affermi di essere stato danneggiato dall’operato di un magistrato: costui deve infatti incardinare una causa civile nei confronti dello Stato (in persona del Presidente del Consiglio dei Ministri), avanti al tribunale che viene individuato sulla base di appositi criteri volti ad evitare che la causa relativa ad un presunto errore commesso da un magistrato venga decisa da giudici del medesimo organo giurisdizionale. Nel caso in cui la causa civile incardinata abbia esito positivo e venga corrisposto un risarcimento, in presenza di alcuni presupposti lo Stato può rivalersi sul magistrato che ha commesso l’errore.

Più nel dettaglio, ai sensi dell’art. 2 co. I della L. n. 117/1988 il danno deve essere risarcito dallo Stato quando è stato causato da una comportamento, un atto o un provvedimento del magistrato posto in essere con dolo o colpa grave nell’esercizio delle sue funzioni oppure a causa di un diniego di giustizia. Ecco alcuni cenni sulle singole ipotesi:

1. Dolo: quando il magistrato tenga il comportamento, emetta l’atto oppure formuli il provvedimento dannoso con la volontà di arrecare il danno.
2. Colpa grave: quando, ai sensi dell’art. 2 co. III della L. n. 117/1988, il magistrato vìoli in modo manifesto la legge o il diritto dell'Unione europea, travisi il fatto o le prove, oppure affermi un fatto la cui esistenza è incontrastabilmente esclusa dagli atti del procedimento o neghi un fatto la cui esistenza risulta incontrastabilmente dagli atti del procedimento, ovvero emetta un provvedimento cautelare fuori dai casi consentiti dalla legge oppure senza motivazione.
3. Diniego di giustizia: quando il magistrato rifiuti, ometta o ritardi un atto del suo ufficio se, trascorso il termine di legge per il compimento dell'atto, la parte interessata abbia presentato istanza per ottenere il provvedimento e siano decorsi inutilmente, senza giustificato motivo, trenta giorni dalla data di deposito in cancelleria della detta istanza.

Ai sensi dell’art. 7 co. I della L. n. 117/1988 il Presidente del Consiglio dei Ministri, in rappresentanza dello Stato, entro due anni dal risarcimento ha l'obbligo di esercitare l'azione di rivalsa nei confronti del magistrato nel caso di diniego di giustizia nonché nei casi in cui la violazione manifesta della legge o del diritto dell'Unione europea oppure il travisamento del fatto o delle prove sono stati causati da dolo o negligenza inescusabile del giudice. La rivalsa, salvo il caso di dolo del magistrato, non può superare una somma pari alla metà di una annualità dello stipendio percepito dal magistrato al tempo in cui l'azione di risarcimento è stata proposta.

Avv. Mattia Tacchini



1 commento  Aggiungi il tuo

Vedi il profilo di livio 1 ...e i politici?
livio
10 Marzo 2015 - 09:17
 
se ora pagano i giudici, i politici quando pagano? a quanto ammonta la responsabilità civile della Lega Nord che per anni ha illuso gli allevatori padani di poter fare i loro comodi sulle quote latte,ora costa allo Stato il deferimento europeo per 1.3 miliardi di multe non pagate? paga Salvini?no pantalone..e i 4 miliardi gettati per coprire i debiti della bad company Alitalia? e i 5 miliardi per il non smaltimento della monnezza in Campania' e i danni patiti dai 300mila esodati creati dalla legge Fornero'? solo per citarne alcuni ci vorrebbe una gigantesca class action per far pagare questo chilometrico conto a chi, destra, centro e sinistra,negli ultimi 20 anni ha approvato con dolo o colpa grave le "riforme" che ci hanno rovinati, ma le leggi non lo consentono essendo state scritte e votate da chi dovrebbe pagare.. Il cappone non salta spontaneamente nella pentola alla vigilia di Natale....



Aggiungi il tuo commento

Prima di pubblicare un tuo commento assicurati che:

• sia in tema e contribuisca alla discussione
• non abbia contenuto razzista o sessista
• non sia offensivo, calunnioso o diffamante

La redazione si riserva di cancellare qualsiasi contenuto ingiurioso, volgare, illegale o contrario alla policy.

Commenti Se accedi o ti Registri potrai visualizzare il tuo nome e ricevere aggiornamenti quando ci saranno altri commenti



captcha
CAPTCHA: Scrivi il valore visualizzato

Iscriviti con la tua email
Verbania
24/05/2017 - Comitato Amici Pendolari: maggio "tragico"
24/05/2017 - Amici dell’Oncologia a Villa Taranto con “Insieme si vola”
24/05/2017 - Rubano anello da 1000€
24/05/2017 - PsicoNews: Alzheimer Fest
24/05/2017 - La Paffoni si gioca la finale
Verbania - LegalNews
22/05/2017 - LegalNews: Separazione: assegno di mantenimento parametrato al tenore di vita
15/05/2017 - LegalNews: Assegno divorzile: il nuovo criterio dell’autosufficienza economica
08/05/2017 - LegalNews: Condominio: riparazione del lastrico solare e ripartizione fra tutti i condomini
01/05/2017 - LegalNews: Locazione commerciale di immobile senza agibilità: è valida?
24/04/2017 - LegalNews: Recesso dalla locazione commerciale: mancato preavviso e pagamento dei canoni
×
Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti