Il BLOG pubblico di Verbania: News, Notizie, eventi, curiosità, vco : Verbania : Politica

Province e sindacato insieme per una riforma

Proprio nei giorni in cui i dipendenti pubblici sono chiamati al rinnovo delle loro Rappresentanze Sindacali Unitarie, l’Unione delle Province Italiane, CGIL, CISL e UIL hanno siglato un documento congiunto che condensa i termini di una proposta di riforma dell’architettura istituzionale.
Verbania
Province e sindacato insieme per una riforma
Proposta da condividere ulteriormente con Regioni e Comuni e da portare con urgenza e determinazione all’attenzione dell’agenda governativa e parlamentare.

“Gli obiettivi risaputi sono quelli della semplificazione ed efficientamento della macchina amministrativa che non possono non passare attraverso la valorizzazione professionale dei lavori. Una posizione che a livello piemontese portiamo avanti da mesi e che con le principali organizzazioni sindacali regionali vogliamo ribadire al Governo Monti, mentre con la Regione l’intendimento è quello di aprire un tavolo di confronto ad hoc sulle problematiche che di riflesso si riversano sui dipendenti provinciali” fa sapere il Presidente dell’UPP Massimo Nobili che nei giorni scorsi ha incontrato i segretari regionali della Funzione Pubblica Luca Quagliotti (CGIL), Francescantonio Guidotti (CISL) e Antonio Di Capua (UIL).

“E’ comprensibile come il futuro incerto delle Province, che il disegno di legge del Consiglio dei Ministri punta a ridurre a enti di secondo grado con funzioni e deleghe che al momento non sono date a sapere, mette in apprensione le decine di migliaia di dipendenti delle Province italiane. Le segreterie nazionali delle organizzazioni sindacali, che in un primo tempo hanno spinto per una revisione istituazionale del Paese che partisse proprio dalla soppressione delle Province, hanno trascurato questo aspetto percepito fin da subito dagli amministratori che quotidianamente lavorano con gli uffici provinciali e le loro risorse umane” ricorda Nobili.

“Bisogna intervenire sulla spesa pubblica ma non con soluzioni destinate a creare più danno di vantaggio. La riforma deve essere globale, riguradare tutti i livelli di governo operando una ridefinizione delle competenze di ciascuno, a questo punto privilengiando le autonomie locali riconosciute dalla Costituzione e non agenzie e consorzi venuti in un secondo tempo, che hanno sovraccaricato un sistema che ora inderogabilmente va snellito. Da parte nostra si è disponibili a rivedere le Province nei numeri e ambiti territoriali per ottenere risparmi e più efficienza raggiungendo nuove economie di scala” rimarca il Presidente UPP.

“Una riforma che si muove in questo senso consentirebbe di non disperdere l’esperienza di coloro che da anni sono impiegati in servizi resi dalla Provincia – quali la formazione, i centri per l’impiego, la viabilità. Un patrimonio professionale che si traduce nella qualità delle risposte date ai cittadini e la cui tutela è elemento di battaglia comune con le organizzazioni sindacali” conclude Nobili.
 Fonte di questo post



0 commenti  Aggiungi il tuo



Aggiungi il tuo commento

Prima di pubblicare un tuo commento assicurati che:

• sia in tema e contribuisca alla discussione
• non abbia contenuto razzista o sessista
• non sia offensivo, calunnioso o diffamante

La redazione si riserva di cancellare qualsiasi contenuto ingiurioso, volgare, illegale o contrario alla policy.

Commenti Se accedi o ti Registri potrai visualizzare il tuo nome e ricevere aggiornamenti quando ci saranno altri commenti



captcha
CAPTCHA: Scrivi il valore visualizzato

Iscriviti con la tua email
Verbania
20/09/2017 - Consiglio di Quartiere Verbania - Intra
20/09/2017 - PsicoNews: Giornata mondiale dell’Alzheimer 2017
19/09/2017 - Riprende l'Attività Università del Ben Essere
19/09/2017 - Consiglio Provinciale
19/09/2017 - Offerte di lavoro del 19/09/2017
Verbania - Politica
18/09/2017 - La Provincia per il Territorio: Province, si alle dimissioni
18/09/2017 - Albertella e Porini: Province, dimissioni di massa
18/09/2017 - Minoranze: il Presidente difenda il Consiglio Comunale
×
Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti