Il BLOG pubblico di Verbania: News, Notizie, eventi, curiosità, vco : Verbania : Cronaca

Inaugurata Mostra Grande Guerra - FOTO

Inaugurata martedì 14 aprile la Mostra La Grande Guerra, presso Villa Giulia Pallanza, in occasione del centenario della Prima Guerra Mondiale, è aperta sino al 20 aprile.
Verbania
Inaugurata Mostra Grande Guerra - FOTO
La mostra itinerante LA GRANDE GUERRA. FEDE E VALORE, propone 18 pannelli esplicativi dell'evento storico predisposta dallo Stato Maggiore dell'Esercito, a cura della Prefettura del Vco e della Conferenza Permanente per la Commemorazione della Grande Guerra.

La cerimonia inaugurale seguita dal convegno "Il Verbano Cusio Ossola nella Prima Guerra Mondiale", è avvenuta alla presenza del vice prefetto Michele Basilicata, del presidente della Provincia Stefano Costa, del sindaco Silvia Marchionini del comandante della Regione Militare Nord Paolo Bosotti.

Moderatore è Pier Andrea Ferro, gli interventi sono di Paolo Crosa Lenz, Pierantonio Ragozza, Pietro Pisano.

Foto @Elena Veniani
Immagine 1
Immagine 2
Immagine 3
Immagine 4
Immagine 5
Immagine 6
Immagine 7



14 commenti  Aggiungi il tuo

Vedi il profilo di Francesco Saperlo dopo
Francesco
15 Aprile 2015 - 18:10
 
Perché doppiamo sapere tutto a inaugurazione conclusa?
Non è sicuramente certo colpa di Verbania Notizie che certamente avrebbe subito pubblicato una comunicazione dell'organizzazione dell'evento come sempre ha fatto.
Vedi il profilo di Micol Mancata notizia
Micol
15 Aprile 2015 - 18:54
 
Infatti... Anch'io sarei andata volentieri a seguire l'inaugurazione.. Perché non comunicarlo?
Vedi il profilo di Cittadino Le solite autorità
Cittadino
16 Aprile 2015 - 06:52
 
Avranno avuto la briga di invitare solo le autorità e le varie associazioni con i loro gonfaloni.
Lo spettacolo dell'inaugurazione era solo per loro.
Come cittadino non andrò alla mostra.
Vedi il profilo di Giovanni Ricordo Cadorna
Giovanni
16 Aprile 2015 - 08:56
 
Volevo solo ricordare che Pallanza ha il monumento al macellaio Cadorna che portò in auge la decimazione e altre nefandezze,perchè non si fa una raccolta di firme per abbattere quell'odioso monumento innalzato alla barbarie di un uomo malvagio?????? Concordo col precedente commento come cittadino non andrò alla mostra
Vedi il profilo di Maurilio 1Cadorna
Maurilio
16 Aprile 2015 - 10:16
 
Dai Giovanni, come fai a scrivere certe cose?
Cadorna era uomo del suo tempo, come lo erano i generali francesi, inglesi, tedeschi ed austriaci, uomini nati cresciuti e formatesi nell'ottocento, Luigi Cadorna nacque nel 1850, che non erano in grado di capire l'evoluzione dei tempi.
In pochi anni si passò dalla sciabola e cavallo al carro armato, mitragliatrice ed aereo.
Diaz, che sostituì Cadorna alla guida dello Stato Maggiore italiano, capì, per fortuna, che era necessario un cambio di strategia, non solo militare, ma oggi diremmo di gestione.
Non a caso, mentre sul fronte franco-tedesco, di fatto la guerra finì per finimento, sul fronte italiano ci fu un vero e proprio sfondamento ricacciando gli austriaci nei loro territori.
La follia n è nella guerra, e la prima guerra mondiale fu una follia nella follia, solo in Italia ci furono 660mila morti su una popolazione di 35milioni.

Ecco, si potrebbe, proprio per la ricorrenza del centenario della prima guerra mondiale, si potrebbe, invece, rivalutare il mausoleo Cadorna come un monumento alla pace.

Saluti

Maurilio
Vedi il profilo di lady oscar 2non toccate il mausoleo
lady oscar
16 Aprile 2015 - 12:46
 
Generazioni di verbanesi ci sono andate a pomiciare e i ragazzi ancora ci vanno... E' così romantico...
Vedi il profilo di gris 1risposta x Giovanni
gris
16 Aprile 2015 - 13:02
 
Concordo con maurillio al 100% e aggiungo che se dovessimo radere al suolo tutti i monumenti e le opere costruiti da schiavi o da manovalanza a bassissimo prezzo credo non rimarrebbe più nulla sulla terra
Vedi il profilo di Andrè Lady
Andrè
16 Aprile 2015 - 14:13
 
Romantico.. ??? io per quei due libri di storia che ho letto alle scuole medie.. mi ricorda uno che mandò a morire decine di migliaia di persone , mi ricorda l'uso della decimazione, la fucilazione alle spalle da parte dei carabinieri a ragazzi di 20 anni che erano presi dalla giusta paura per assalti inutili.. quel posto odora di sangue, sudore,morte.. abbatterlo? ora non ha senso .. e non lo si è fatto dopo la guerra per via del figlio comandante del CVL
Vedi il profilo di Maurilio Romantico a priori...
Maurilio
16 Aprile 2015 - 15:11
 
Per gli adolescenti, di ogni generazione, è romantico a priori...chi non è andato a limonare al mausoleo?
E mentre limonavi pensavi a chi fosse dedicato il monumento?
Certo che no!

Poi, come ho scritto in precedenza, Cadorna era un uomo del suo tempo, che ha partecipato, o meglio comandato, ad una follia, la Grande Guerra, con gli strumenti che gli uomini della sua generazione avevano a disposizione. Non fu diverso sugli altri fronti, dove si realizzarono tutte le follie che citi, decimanzione in primis!

Il mausoleo, fu costruito dal regime fascista, nel periodi di esaltazione della "vittoria", ora lasciamo dove sta, magari provando a dare un significato diverso, per esempio quello della pace.

Saluti

Maurilio
Vedi il profilo di Giovanni Risposta al sig Maurilio
Giovanni
16 Aprile 2015 - 16:12
 
Buo giorno sig. Maurilio io apprezzo la sua critica garbata al mio pensiero, ma io rimango sulle mie posizioni perchè ad esempio non credo che se molte persone zoppicano facciano il modo giusto di camminare riguardo alle sue parole tutti i generali francesi e tedeschi erano così. La invito in ogni caso a leggere l'ultimo libro di Aldo Cazzullo "La guerra dei nostri nonni"dove si leggono cose che mi hanno fatto impallidire, gli uomini erano cose come pezzi di artiglieria e come tali trattati,lasciati sotto l'acqua e sotto il sole,o sacrificati in base all'umore dell'ufficiale. Quindi io oggi posso esprimere liberamente il mio pensiero e cerco di farlo nella maniera più educata possibile.
Vedi il profilo di Maurilio Vorrei chiarire...
Maurilio
16 Aprile 2015 - 16:37
 
Vorrei essere chiaro, io non sto in nessun modo giustificando o esaltando Cadorna, i suoi metodi o la (grande) guerra! Purtroppo non sempre è facile comunicare nel modo migliore nello spazio di un post.

Dico solo che è molto pericoloso guardare gli eventi di cento anni fa con gli occhi di oggi.

Ciò che fecero i generali e i loro ufficiali durante la Grande Guerra fu qualche cosa di spaventoso, ma deve essere letto (interpretato) con gli occhi di allora, dove certe cose, erano "normali", noti le virgolette, su tutti i fronti. Talmente normale, che questa revisione critica su quello che fu veramente la Grande Guerra ha pochi anni di vita, e questo in tutte le nazioni che vi parteciparono; al punto che uomini della generazione di Cadorna, che ricordiamo, partecipò alla stesura dei trattati di Versailles, vollero punire l'impero Austria e Germania ponendo, di fatto, le basi per la 2.a guerra mondiale.

Proprio per questo, ma è un'idea che mi è venuta leggendo il commento di Giovanni, sarebbe bello reinterpretare il significato del mausoleo, esaltando la pace e non la guerra, come fece chi lo costruì.

Saluti

Maurilio
Vedi il profilo di Giovanni% Cadorna
Giovanni%
16 Aprile 2015 - 18:26
 
Non sarebbe giusto distruggere il Mausoleo in quest'ottica si dovrebbero distruggere pure il Colosseo, teatro di massacri, e i manufatti del Ventennio.
Trasformare il Mausoleo in monumento per la "pace" non avrebbe parimente senso anche per l'estrema genericità del messaggio.
Ha senso invece ricordare Cadorna per quello che era, rappresentava ed ha attuato.
Era un uomo del suo tempo? Chi ha subito le atrocità delle decimazioni, fucilazioni ecc. ha avvertito tutto il MALE prodotto. MALE concreto, reale e palpabile che non era certamente una costruzione intellettuale del tipo "era una persona del suo tempo".
Bisognerebbe magari mettere una lapide che rievochi gli eventi rappresentati anche da perdite di soldati italiani uccisi da mano "amica" spesso senza alcun processo.
Mettere il luce le vere dinamiche di una colossale tragedia di guerra sarebbe ben più costruttivo di una generica esaltazione alla pace.
Vedi il profilo di Maurilio X Giovanni%
Maurilio
16 Aprile 2015 - 22:01
 
Hai espresso bene, meglio di me, il mio pensiero.

Basta poco, una lapide, per ricordare le atrocità della guerra, facendolo così diventare un "monumento alla pace".
Atrocità, che come giustamente avete ricordato, non solo tra parti avverse, ma anche dalla stessa parte, come le decimazioni, i Carabinieri con la mitragliatrice dietro che le linee per colpire chi si ritirava ma anche la vita in trincea.
Un'altra grande colpa italiana, e questa volta tutta italiana, fu, soprattutto dopo Caporetto, dimenticare i propri prigionieri. Per mezzo della Croce Rossa, era possibile far giungere nei campi di prigionia dove erano detenuti i prigionieri italiani, viveri e generi di conforto; non fu fatto, o comunque in modo molto limitato, lasciando morire di fame migliaia di italiani, una guerra, dimenticata, nella guerra. Per un approfondimento su questo tema: "http://cronologia.leonardo.it/storia/a1918y.htm",

Non per questo, tutte le colpe vanno addossate a Cadorna; e molte, di quelle che sono colpe per noi, non lo erano cento anni fa.

Saluti

Maurilio
Vedi il profilo di Maurilio Un libro interessante...
Maurilio
16 Aprile 2015 - 22:10
 
Proprio sul tema dei prigionieri di guerra italiani, ho trovato un interessantissimo libro, scaricabile gratuitamente a questo link "http://www.centoannigrandeguerra.it/wp-content/uploads/2014/10/mauthausen_1918-di-Gian-Paolo-Bertelli.pdf", spero che possa interessare...

Saluti

Maurilio



Aggiungi il tuo commento

Prima di pubblicare un tuo commento assicurati che:

• sia in tema e contribuisca alla discussione
• non abbia contenuto razzista o sessista
• non sia offensivo, calunnioso o diffamante

La redazione si riserva di cancellare qualsiasi contenuto ingiurioso, volgare, illegale o contrario alla policy.

Commenti Se accedi o ti Registri potrai visualizzare il tuo nome e ricevere aggiornamenti quando ci saranno altri commenti



captcha
CAPTCHA: Scrivi il valore visualizzato

Iscriviti con la tua email
Verbania
28/05/2017 - Associazione Cori Piemontesi gli appuntamenti nel VCO
28/05/2017 - LetterAltura: nuovo Presidente e novità del Festival 2017
28/05/2017 - FdI AN su votazione CdA Muller
28/05/2017 - L'Italia che non si vede: rassegna di cinema alla Maratonda
28/05/2017 - Spazio Bimbi: Bambini plusdotati: risorse e rischi
Verbania - Cronaca
26/05/2017 - Un drone per il Soccorso
24/05/2017 - Le Salite del VCO 2017
24/05/2017 - Comitato Amici Pendolari: maggio "tragico"
24/05/2017 - Amici dell’Oncologia a Villa Taranto con “Insieme si vola”
×
Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti