Il BLOG pubblico di Verbania: News, Notizie, eventi, curiosità, vco : Verbania : Politica

Minore e Immovilli: "Rifiuti, tariffe e lavoratori"

Riceviamo e pubblichiamo, un comunicato congiunto dei consiglieri Stefania Minore e Michael Immovilli, dal titolo "Rifiuti, tariffe e lavoratori".
Verbania
Minore e Immovilli: "Rifiuti, tariffe e lavoratori"
Noi ancora una volta stiamo dalla parte dei lavoratori e in questo caso di quelli di Conser VCO ribadendo che il premio di produzione per gli operatori è un diritto acquisito e previsto dal Piano Industriale e votato dall'assemblea dei sindaci ( Coub).

Si parla di sacrifici, quando questi però ricadono solo sui lavoratori, infatti la dirigenza Coub si è comunque gratificata con un premio di produzione di circa € 38.000. Riteniamo che le rinunce da parte dei lavoratori siano già state fatte e a tal proposito ricordiamo come i dipendenti del forno inceneritore di Mergozzo, a seguito della sua chiusura, hanno dovuto accettare una pesante riqualificazione con un notevole taglio degli stipendi.

Le ultime scelte sollecitate dall'Amministrazione, di eliminare il servizio della raccolta ingombrante nelle colline, nel tempo produrrà due risultati: le persone meno abbienti ma oneste saranno costrette ad un notevole spesa in aggiunta alle già care tariffe di smaltimento, mentre i più furbi, scaricheranno nella prima buca utile, con un notevole esborso per il suo recupero da parte dell'amministrazione, quindi ancora una volta i sacrifici li faranno i lavoratori del Conser VCO e di rimbalzo la cittadinanza.

Con riferimento alla speciosa polemica del 1 maggio da parte del Sindaco ,per la mancata raccolta dei rifiuti, ricordiamo che da contratto con il comune di Verbania al art.14 non è prevista la raccolta nei giorni: 25 dicembre, 1 gennaio e per l'appunto il 1 maggio, quindi il Sindaco Marchionini eviti inutili accuse. Infine la riduzione delle tariffe proclamata a vive voce dal Sindaco Marchionini si tramuterà in realtà in minori servizi alla cittadinanza, maggiori spese per i cittadini e una notevole perdita economica per i lavoratori.

I consiglieri comunali
Stefania Minore e Michael Immovilli



20 commenti  Aggiungi il tuo

Vedi il profilo di Pensatore 1Reddito di cittadinanza e non ci pensi più !
Pensatore
7 Maggio 2015 - 10:18
 
Le imprese smetteranno di fare il bello e il cattivo tempo solo quando i cittadini lavoratori non saranno più al guinzaglio degli imprenditori e cioè quando saranno liberi, avendo le spalle coperte da un reddito alternativo, di abbandonare l'impresa al suo destino stracciando essi stessi il contratto e andandosene sbattendo la porta.
Un lavoratore, in presenza di un reddito di cittadinanza, acquista una forza contrattuale inedita in Italia ma esistente in tutta Europa tranne che, guarda un po', solo in Grecia ed in Italia.
In presenza di un "Reddito di cittadinanza" gli imprenditori sono costretti a garantire un minimo salariale altrimenti non troveranno mai collaboratori disposti a lavorare per loro !

Meditate gente, meditate.

http://www.beppegrillo.it/la_cosa/2015/05/07/come-funziona-il-reddito-di-cittadinanza-nei-paesi-ue
Vedi il profilo di Hans Axel Von Fersen Pensatore ho meditato....
Hans Axel Von Fersen
7 Maggio 2015 - 10:37
 
... e ho sto dubbio:
butto cifre a caso...
Premessa: impresa da bello e cattivo tempo, lavoro come un negro e mi dà 1.000 euro. Reddito di cittadinanza 800 euro.
L'imprenditore allora mi fa questo discorso: "Allora 800 te li dà lo stato, io ti do 500 e tu guadagni 1.300 e ne becchi 300 più di prima".
Caso a) Io accetto.
Caso b) Non accetto, imprenditore: "allora faccio venire un pakistano e gli do 600 euro e tu fai a fare .. .."
Vedi il profilo di Pensatore Re: Pensatore ho meditato....
Pensatore
7 Maggio 2015 - 15:21
 
Ciao Hans Axel Von Fersen

se ho capito bene parli di lavoro nero, di illegalità, ma per quanto tempo pensi che potrà andare avanti quell'imprenditore o quel cittadino del caso a), prima di essere scoperto ?
Vedi il profilo di tiziana non hai meditato a sufficienza Hanz Axel Von Ferse
tiziana
7 Maggio 2015 - 15:27
 
Non ha meditato a sufficienza, Hans Axel Von Fersen, oppure le manca una informazione fondamentale, che è questa: il reddito di cittadinanza viene dato a chi è senza lavoro, disoccupato! Nel momento in cui si viene assunti, decade il diritto al reddito di cittadinanza. Ma forse lei si riferisce a pseudo assunzioni in nero? Con i controlli che ci sono oggi è meglio non rischiare.. le multe sono salatissime! E' così in tutta Europa
Vedi il profilo di Hans Axel Von Fersen dimenticavo....
Hans Axel Von Fersen
7 Maggio 2015 - 16:18
 
Il titolare dell'impresa da bello e cattivo tempo mi licenzia per poi farmi la proposta. Più che lavoro in nero diciamo lavoro in grigio. Controlli? Impossibili. Multe? Improbabili e anche se ne prendesse chiude tutto e riparte intestando la baracca a un prestanome.
Tiziana: "E' così in tutta Europa" Ti invito a fare un giro nel centro (inteso come Abruzzo, Molise e Lazio) e sud Italia e poi un bel volo per Bucarest.
I controlli esistono solo nel Nord Italia.
Vedi il profilo di Hans Axel Von Fersen dimenticavo... 2
Hans Axel Von Fersen
7 Maggio 2015 - 16:22
 
anche un bel giro a Prato
Vedi il profilo di paolino deciditi però
paolino
7 Maggio 2015 - 16:43
 
prima dipingi un quadro secondo il quale solo gli stranieri commettono reati (palla colossale,peraltro. la popolazione carceraria è per 2/3 italiana ,come può essere?) e poi invece descrivi gli italiani come popolo di evasori e sfruttatori (che a casa mia sono reati). basta che ti decidi,Hans.
Vedi il profilo di gris x tiziana
gris
7 Maggio 2015 - 17:13
 
Con i controlli che ci sono oggi è meglio non rischiare.. le multe sono salatissime! E' così in tutta Europa.

Non avete la minima idea del lavoro nero e grigio che c'è a verbania. Dei datori che ti assumono part-time mentre lavori a full, dei soldi che risparmiano sulle tasse allo stato e sulla pelle dei lavoratori. Dei controlli fatti tanto x fare...ti intervistano e si bevono tutto quello che gli racconti, preparato ad hoc dai titolari in caso di controllo....d'altra parte se vuoi tenerti il lavoro, sei quasi obbligato.

Io ad un certo punto ho detto basta per cercare un lavoro tutto in regola.

risultato: disoccupato da un anno
Vedi il profilo di Hans Axel Von Fersen Paolino
Hans Axel Von Fersen
7 Maggio 2015 - 17:14
 
Paolino sei una delusione, rileggi meglio....
Dove ho fatto distinzione fra imprenditore straniero e imprenditore italiano?
E comunque, l'imprenditore straniero assume solamente suoi connazionali.
E infine rileggi meglio anche il mio post, io parlo di reati e non popolazione carceraria. La discrepanza penso si possa spiegare dal fatto che dopo averne commesse di tutti i colori, decidono di rimpatriare prima di finire al gabbio.
Basta seguire un po' la cronaca sui giornali o parlare per 5 minuti con un carabiniere, un poliziotto per rendersi conto che quello che dico è vero. E non parlo della cronaca della padania. Ma se preferisci credere che ho torto, che diffamo gli stranieri, no problem.
Vedi il profilo di paolino l'autorevole Hans
paolino
7 Maggio 2015 - 18:22
 
mettiamola così: se proprio devo scegliere,ritengo più attendibili i dati del ministero di grazia e giustizia e del ministero dell'interno piuttosto che quelli "a pelle" di Hans. riguardo alla storia che gli imprenditori stranieri assumono solo dipendenti stranieri,basta uscire di casa e spingersi a Intra in un paio di negozi,o a Ghiffa in un ristorante,per citare i primi che mi vengono in mente,per trovare dipendenti italiani di imprenditori cinesi. Hans,ne azzeccassi una..
Vedi il profilo di Hans Axel Von Fersen urca!
Hans Axel Von Fersen
7 Maggio 2015 - 21:08
 
Ben 2 casi!
Vedi il profilo di Pensatore Reddito di cittadinanza e assistenza
Pensatore
7 Maggio 2015 - 21:21
 
La proposta di legge per il Reddito di cittadinanza, di cui le coperture, non mi stancherò mai di dirlo, sono state già approvate dalla Corte dei Conti, non è semplicemente un assegno che viene distribuito ai cittadini maggiorenni che non hanno reddito da lavoro o che non studiano. E' un complesso sistema in cui chi riceve l'assegno è tenuto costantemente in attività dallo Stato che si occupa di riqualificarlo secondo le esigenze del mercato del lavoro e che, a seconda delle esigenze della comunità in cui vive e delle qualifiche professionali acquisite, viene chiamato a prestare la propria opera professionale al servizio appunto della comunità.
Sia chiaro però, lo Stato garantisce un reddito e non un'elemosina e il cittadino, proprio nell'atto di mettersi a disposizione dello Stato, non potrà mai sentire di essere un peso per la comunità ma se ne sentirà addirittura una risorsa.
Ci si potrebbe chiedere allora come funzionerebbero i versamenti INPS per questi eventuali "lavoretti" saltuari che la pubblica amministrazione potrebbe chiedere e la risposta è semplice, le amministrazioni acquisterebbero dei Voucher INPS, quelli già in uso per pagare ad esempio le donne di pulizia, e con quelli pagherebbe i contributi delle giornate lavorative richieste a chi riceve un Reddito di cittadinanza.
A tutti gli scettici di buona volontà consiglio vivamente la lettura dell'intero testo della proposta di legge, troverà tutte le risposte alle sue curiosità.

Buona lettura.

http://www.beppegrillo.it/movimento/parlamento/PROPOSTA%20LEGGE%20REDDITO%20DI%20CITTADINANZA.pdf
Vedi il profilo di lupusinfabula Informazione
lupusinfabula
7 Maggio 2015 - 22:04
 
Ma il reddito di cittadinanza sarebbe erogato solo agli italiani ( cioè a coloro che hanno la cittadinanza italiana, anche se ormai la regalano a cani e porci) o a tutti indistintamente? Nella prima ipotesi potrei essere d'accordo nella seconda manco per niente!
Vedi il profilo di Pensatore Re: Informazione
Pensatore
7 Maggio 2015 - 22:56
 
Ciao lupusinfabula,

questo è solo uno stralcio della legge, come vedi il requisito principale non è l'essere cittadini italiani ma essere residenti sul territorio nazionale essendo però cittadini di Stati in cui le garanzie sociali sarebbero garantite ai nostri concittadini all'estero:



Art. 4.
(Beneficiari e requisiti soggettivi e oggettivi
per l’accesso al reddito di cittadinanza)
1. Hanno diritto al reddito di cittadinanza
tutti i soggetti che hanno compiuto il diciottesimo
anno di età, risiedono nel territorio
nazionale, percepiscono un reddito annuo
calcolato ai sensi dell’articolo 3, comma 1,
e che sono compresi in una delle seguenti
categorie:
a) soggetti in possesso della cittadinanza
italiana o di Paesi facenti parte dell’Unione
europea;
b) soggetti provenienti da Paesi che
hanno sottoscritto convenzioni bilaterali di
sicurezza sociale.
2. Non hanno diritto al percepimento del
reddito di cittadinanza tutti i soggetti che
si trovano in stato detentivo per tutta la durata
della pena.

Ti consiglio però di "spulciare" la legge stessa perché, com'è nello spirito del M5S, chiunque può contribuire al suo miglioramento dando il proprio contributo. Questa legge, pur sembrando impossibile, è stata scritta on-line dalle centinaia di idee proposte da persone comuni come me e te :-)
Vedi il profilo di Hans Axel Von Fersen scusa pensatore...
Hans Axel Von Fersen
8 Maggio 2015 - 07:58
 
Non ti offendere ma non ho voglia di leggere la proposta, ho già un amico del M5S che fa proselitismo che mi sommerge di file e filmati che devo guardare perché poi "pretende" la mia opinione.
Ma a quanto ammonterebbe questo reddito di cittadinanza?
Dallo stralcio che hai pubblicato, mi sembra un invito all'invasione straniera...
Vedi il profilo di Giovanni% Riflessioni
Giovanni%
8 Maggio 2015 - 09:10
 
Innanzi tutto devo dare ragione allo svedese verbanese al di là del discorso straniero-italiano messo di traverso e che ha sviato il un po' il discorso. Non so dove vivete ma in Italia le norme a tutela del lavoro sono massivamente e fantasiosamente non applicate. Avviene spesso al nord ed è la norma nel meridione (dove i lavoratori lavorano molto di più e a paghe molto minori giusto per smentire certi luoghi comuni). Tanto che molti economisti italiani inseriscono queste pratiche come caratteristiche sistemiche del nostro modello economico.
Hans Fersen questa ci ha visto giusto. E' molto probabile che si attui quel giochetto. Già molti lo fanno con 'idennità di disoccupazione e perfino con gli assegni familiari.

Dopo le mie iniziali profonde perplessità sto riconsiderando e meditando parecchio sulla proposta del reddito di cittadinanza. Può essere considerato un virtuoso strumento di ridistribuzione dei redditi, innalzamento delle paghe. Alcuni studiosi intravedono un futuro, neanche troppo lontano, con uno scenario inquietante con un sistema tecnologico che sostituisca massimamente l'apporto dei lavoratori e in questo un reddito di cittadinanza potrebbe rappresentare anche uno strumento "epocale".
Vedi il profilo di Pensatore Re: Riflessioni
Pensatore
8 Maggio 2015 - 21:48
 
Ciao Giovanni%

leggo con piacere che la tua mente comincia ad aprirsi al futuro. Il destino dell'uomo è quello di lavorare, in senso fisico, sempre meno e questo fu ben chiaro già negli anni 50 del secolo scorso. Oggi sono necessari pochi minuti per produrre ciò che a quel tempo necessitava di giornate intere di lavoro da parte della "lenta ed imprecisa" mano dell'uomo e bisogna tener conto anche che le macchine non dormono mai. Il cambiamento epocale che ci ha investiti ci ha sorpassati e noi, tenuti in catene da una classe politica corrotta e succube di lobbie finanziarie assetate di ricchezza, abbiamo continuato a brancolare nel buio cercando un lavoro, un lavoro, un lavoro, lavoro che ormai non esiste più perché ormai lo fanno le macchine !!!

Tornando ai tuoi dubbi ti indico l'articolo 19 della proposta di legge al punto m) che recita esattamente:

m) previsione di sanzioni amministrative
da euro 5.000 ad euro 15.000 a carico
del datore di lavoro che, in violazione delle
disposizioni di cui alle lettere da a) a i), corrisponda
al lavoratore compensi inferiori a
quelli legali;

Ma ti invito a non essere pigro, capire i perché di tanta passione nella politica da parte dei "grillini" dovrebbe farti nascere la curiosità e non farti chiudere a riccio sparando a zero sulle loro idee innovative.

Ciao.
Vedi il profilo di Pensatore Fuori dalla schiavitù del lavoro
Pensatore
9 Maggio 2015 - 18:56
 
Ma come si fa a non condividere:


https://www.youtube.com/watch?v=i_dCEn1rQrw
Vedi il profilo di lupusinfabula Ho riflettuto
lupusinfabula
10 Maggio 2015 - 16:25
 
Ho riflettuto e l'idea che il reddito di cittadinanza non sia riservato unicamente a chi ha la "cittadinanza" italiana (concetto già troppo largo per i miei gusti visto che la si elargisce a piene mani) proprio non mi trova d'accordo: noi Italiani già stiamo mantenendo troppi di altre nazioni: istituire un "reddito di cittadinanza" aperto a tutti sarebbe come un invito a nozze per un sacco di fannulloni extra Italia.
Vedi il profilo di Pensatore Re: Ho riflettuto
Pensatore
10 Maggio 2015 - 18:37
 
Ciao lupusinfabula,

allora ti auguro di non doverne mai avere bisogno e, non da meno, che nessuno dei tuoi figli decida di trasferirsi in un altro paese UE per lavoro e poi lo perda.



Per commentare occorre essere un utente iscritto
Iscriviti con la tua email
Verbania
28/03/2017 - La Fenice dei laghi e Team Insubrika al Criteria 2017
28/03/2017 - Uova di Pasqua Solidali
28/03/2017 - Messa delle Forza dell'Ordine
28/03/2017 - Offerte di lavoro del 27/03/2017
28/03/2017 - PD su situazione Provincia del VCO
Verbania - Politica
28/03/2017 - Cristina sul verde in città
26/03/2017 - Una Verbania Possibile: segnalazioni e determine
25/03/2017 - Forza Italia Vco: rivalutare le gallerie sulla SS34
25/03/2017 - Ferrari aderisce ad Articolo 1
×
Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti