Il BLOG pubblico di Verbania: News, Notizie, eventi, curiosità, vco : Verbania : Politica

Frontalieri: Gentiloni risponde a Costa

Riportiamo il testo della lettera del 4 agosto inviata al Ministro Gentiloni dal Presidente della Provincia, Stefano Costa, concernente i frontalieri italiani in Svizzera, e relativa missiva di risposta a firma congiunta del Ministro degli Affari Esteri e del Ministro dell’Economia e Finanze.
Verbania
Frontalieri: Gentiloni risponde a Costa
LETTERA
Signori Ministri

Porto alla Vostra attenzione le preoccupazioni e le istanze del Gruppo di Lavoro
Tecnico sui temi dell’Economia Frontaliera, istituito e coordinanto dalla Provincia che
presiedo, relative ai continui disagi che i lavoratori italiani, impiegati nei vicini Cantoni della Confederazione Elvetica confinanti con il territorio di questo Ente, ossia il Canton Vallese ed il Canton Ticino, si trovano a dover affrontare a causa di una odiosa
campagna denigratoria, pesantemente attiva, paradossalmente, soprattutto nella zona
a lingua italiana.

Sono pertanto a chiedere, a nome dell’intero Gruppo di Lavoro, il blocco delle
trattative che sono in atto tra codesti Ministeri ed il Governo Centrale Elvetico sul
fronte del negoziato fiscale e sull’accordo per l’imposizione fiscale dei lavoratori
“frontalieri”, blocco che costuirebbe importante strumento per contrastare gli
atteggiamenti “razzisti” e far riconoscere il diritto alla dignità del loro lavoro e delle loro professionalità.

Il lavoro frontaliero riveste un ruolo fondamentale nell’economia della nostra
zona, coinvolgendo una quota importante di cittadini di questa provincia, alla quale,
grazie al riconoscimento di provincia interamente montana, sono assegnati “compiti di
cura” delle relazioni istituzionali con enti territoriali degli stati confinanti.

Siamo ben consapevoli che i problemi che sto evidenziando sono già a Vostra
conoscenza e la convocazione a Roma dell’Ambasciatore Giancarlo Kessler ne è una
importante dimostrazione, ma tutto ciò non tranquillizza i nostri lavoratori anche alla
luce delle successive dichiarazioni del governo ticinese.

Sollecito quindi, un intervento forte e autoverovole di messa in mora del Governo
Centrale Elvetico che abbia come risultato una presa di posizione di quest’ultimo sul
Governo Ticinese.

Ringrazio anticipatamente dell’attenzione e porgo i migliori saluti.
Stefano Costa


RISPOSTA
Gentile Presidente,

abbiamo preso atto di quanto comunicato con la Sua cortese lettera del 4 luglio
scorso, con cui ha voluto portare alla nostra attenzione le note problematiche relative alle migliaia di lavoratori frontalieri italiani, nell'interesse dei tanti connazionali provenienti anche dalla Provincia che Ella presiede.

Come saprà, il Ministero dell'Economia e delle Finanze, che conduce il negoziato
fiscale con Berna, ha fortemente ribadito le nostre posizioni a difesa dei diritti dei
lavoratori frontalieri italiani.

Posizioni, queste, ugualmente sostenute dal Ministero degli Esteri, come evidenziato anche in occasione della recente convocazione deir Ambasciatore svizzero da Lei ricordata.

Dall'azione condotta dal Governo italiano è scaturito, come Lei forse saprà, un serrato confronto tra le autorità federali e quelle del Ticino, essendo Berna ben consapevole della natura discriminatoria delle misure adottate dal Cantone e della violazione da parte delle stesse del principio della libera circolazione delle persone, sancito
nell'Accordo sottoscritto dalla Svizzera con l'Unione Europea.

Riteniamo pertanto di poter assicurare - anche con riferimento all'iter del negoziato
fiscale in corso - che il Governo italiano continuerà nell'impegno assunto a tutela dei diritti dei frontalieri, avendo come obiettivi la cessazione degli atti di discriminazione da parte dei Cantoni e la tutela degli interessi dei nostri territori di confine.

Gli impegni assunti con la Svizzera vanno in questa direzione, prevedendo il testo attualmente in discussione che il nuovo Accordo sulla tassazione dei frontalieri cessi immediatamente i suoi effetti (con ritorno alle disposizioni del vecchio accordo), ove la Confederazione adotti in futuro una legislazione più restrittiva, non compatibile con l'Accordo Svizzera-UE sulla libera circolazione delle persone.

Con i nostri più cordiali saluti,

Paolo Gentiloni
Pier Carlo Padoan



5 commenti  Aggiungi il tuo

Vedi il profilo di Grazia Frontalieri
Grazia
19 Settembre 2015 - 08:08
 
I Frontalieri sono una categoria di lavoratori , silenziosa , operosa e non abbastanza difesa dallo Stato italiano ! In Svizzera hanno trovato dove poter guadagnare onestamente e essere apprezzati per le loro capacità e competenze . Da un pò di anni , quello che prima , funzionava perfettamente , si è degradato sempre di più , a causa di ostilità politiche interne alla Svizzera ( che fomentano ostilità e odio ) e atti politici da parte del governo italiano che hanno peggiorato la loro condizione , invece di migliorarla ! La Svizzera vuole tassare al massimo il loro stipendio ( ma dato che tornano a casa la sera , non usufruiscono dei servizi dati ai residenti ) ! I frontalieri per i comuni confinanti sono una enorme risorsa con i loro ristorni . Però l'Italia li stà trattando (con gli ultimi accordi) come fossero degli evasori .
Vedi il profilo di Hans Axel Von Fersen Ostilità politiche interne
Hans Axel Von Fersen
19 Settembre 2015 - 09:18
 
Essendo il 60x100 dei reati in Ticino commessi da stranieri e avendo nelle carceri ospiti per 2/3 straniero, qualche motivo di ostilità con l'italiano straniero direi che l'hanno...
Vedi il profilo di sportiva.mente Accendere il cervello, please
sportiva.mente
19 Settembre 2015 - 10:25
 
Quindi seguendo il suo discorso, i frontalieri son tutti delinquenti ?
Ma come si fà ad accostare la questione frontalieri con la quantità di reati commessi in Ticino?
Ma si rende conto di cosa ha scritto?
Vedi il profilo di Grazia Frontalieri
Grazia
19 Settembre 2015 - 15:27
 
Se in Ticino ci sono dei reati , non sono certo provocati dai frontalieri . Anche perchè , vengono licenziati anche senza motivo , perciò figurarsi se fanno il minimo errore ! Se la polizia dovesse lavorare per i frontalieri sarebbe disoccupata ! Difatti non sono i frontalieri il loro problema . Non per niente sono ben voluti e ricercati dai datori di lavoro , per la loro puntualità e competenza . Se il Ticino é progredito a partire dagli anni 60 è grazie anche a loro !
Vedi il profilo di lupusinfabula Doppia condivisione
lupusinfabula
19 Settembre 2015 - 17:26
 
Condivido tutto ciò che dice Grazia; ma condivido anche i ticinesi che, al contrario di noi in Italia, vogliono almeno preventivamente sapere la posizione giudiziaria di chi entra in casa loro: se uno ha la fedina penale pulita, che problema ha con le autorità ticinesi? certo che chi invece ha qualche passato non proprio limpido allora.......



Aggiungi il tuo commento

Prima di pubblicare un tuo commento assicurati che:

• sia in tema e contribuisca alla discussione
• non abbia contenuto razzista o sessista
• non sia offensivo, calunnioso o diffamante

La redazione si riserva di cancellare qualsiasi contenuto ingiurioso, volgare, illegale o contrario alla policy.

Commenti Se accedi o ti Registri potrai visualizzare il tuo nome e ricevere aggiornamenti quando ci saranno altri commenti



captcha
CAPTCHA: Scrivi il valore visualizzato

Iscriviti con la tua email
Verbania
24/07/2017 - Pagamenti delle Pubbliche Amministrazioni: bene Verbania
24/07/2017 - Lega Nord su Commissione Urbanistica
24/07/2017 - Sicurezza in città: maggiore presenza della Polizia Locale
24/07/2017 - Cinema sotto le stelle: "Forza Maggiore"
24/07/2017 - Luoghi d’arte e di fede concerto a S. Giuseppe
Verbania - Politica
23/07/2017 - FDI AN risponde al PD su Commissione Urbanistica
22/07/2017 - Per lo stadio Pedroli nessun rischio
×
Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti