Il BLOG pubblico di Verbania: News, Notizie, eventi, curiosità, vco : Verbania : LegalNews

LegalNews: Pignoramento di pensioni e stipendi: nuovi limiti

La recente riforma della giustizia ha apportato una fondamentale novità in tema di pignoramento presso terzi di pensioni, stipendi e somme ad essi assimilate, introducendo nuovi limiti a tutela del debitore, tesi a garantirgli la somma minima necessaria per un’esistenza dignitosa.
Verbania
LegalNews: Pignoramento di pensioni e stipendi: nuovi limiti
Il D.L. n. 83/2015 (conv. in L. n. 132/2015) ha apportato notevoli modifiche agli artt. 545 e 546 c.p.c., introducendo nuovi limiti alla pignorabilità delle somme percepite dal debitore a titolo di pensione, di stipendio oppure di somme ad essi assimilate. Il D.L. n. 83/2015, dunque, da una parte ha introdotto la effettiva possibilità per il creditore di effettuare una ricerca telematica dei beni pignorabili, quindi agevolando l’attività di recupero del credito; dall’altra, però, ha introdotto i limiti alla pignorabilità di pensioni, stipendi ed altre somme assimilate che di seguito esamineremo.

I limiti si differenziano a seconda che la somma a titolo di pensione o stipendio sia già stata accreditata o meno sul conto corrente del debitore al momento del pignoramento.

Pensione, stipendio o somme assimilate già accreditate: possono essere pignorate solo per la parte che eccede il triplo dell’assegno sociale, ossia per il 2015 € 448,51 x 3 = € 1.345,53. La somma eccedente può essere pignorata per l’intero. In passato, invece, le somme percepite a titolo di pensione, stipendio o assimilate potevano essere pignorate interamente quando già presenti sul conto corrente bancario, senza alcuna eccezione.

Pensione o somme assimilate da accreditare al momento del pignoramento o successivamente: esse possono essere pignorate solo per la parte che eccede l’ammontare dell’assegno sociale maggiorato della metà, ossia € 672,76; la somma eccedente può essere pignorata entro il limite del quinto (salvo eccezioni in casi specifici). Anche in questo caso, dunque, viene introdotto un ulteriore limite, volto a garantire il mantenimento di una somma sufficiente per un’esistenza dignitosa.

Stipendio o somme assimilate da accreditare al momento del pignoramento o successivamente: esse possono essere pignorate entro il limite del quinto (salvo eccezioni); in questo caso il D.L. n. 83/2015 non ha apportato modificazioni alla normativa vigente.

Avv. Mattia Tacchini
www.novastudia.com



0 commenti  Aggiungi il tuo



Aggiungi il tuo commento

Prima di pubblicare un tuo commento assicurati che:

• sia in tema e contribuisca alla discussione
• non abbia contenuto razzista o sessista
• non sia offensivo, calunnioso o diffamante

La redazione si riserva di cancellare qualsiasi contenuto ingiurioso, volgare, illegale o contrario alla policy.

Commenti Se accedi o ti Registri potrai visualizzare il tuo nome e ricevere aggiornamenti quando ci saranno altri commenti



captcha
CAPTCHA: Scrivi il valore visualizzato

Iscriviti con la tua email
Verbania
25/04/2018 - CVCI intensa attività
25/04/2018 - CAI Pallanza: rinnovate le cariche
25/04/2018 - Al via il voto per i progetti del Bilancio Partecipato
25/04/2018 - Forza Italia candida Albertella alle Comunali
24/04/2018 - De Magistris: un ricordi di Cottica
Verbania - LegalNews
23/04/2018 - LegalNews: Contratto telematico e approvazione delle c.d. clausole vessatorie
16/04/2018 - LegalNews: Cose in custodia e dovere di eliminazione del fattore imprevedibile
26/03/2018 - LegalNews: Assicurazione: aumento del rischio e adeguamento automatico del premio
12/03/2018 - LegalNews: La risarcibilità del danno derivante dallo stress lavorativo
05/03/2018 - LegalNews: Invio di e-mail promozionali alle PEC di professionisti raccolte dai pubblici registri
×
Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti