Il BLOG pubblico di Verbania: News, Notizie, eventi, curiosità, vco : Valstrona : Cronaca

Norme sull'accensione del riscaldamento

"Ogni anno si accendono i caloriferi delle case, prima al nord e in montagna, poi via via anche nelle località meno fredde. Lo impongono le norme sul risparmio energetico, che definiscono tre diversi limiti alla libertà di gestione degli impianti di riscaldamento".
Valstrona
Norme sull'accensione del riscaldamento
1) LIMITI MASSIMI DI TEMPERATURA NEI LOCALI
Per abitazioni, uffici e negozi sono di 20 gradi, con una tolleranza di due gradi in più per la non sempre precisa taratura dei termostati delle caldaie.

2) LIMITI DI PERIODO E DI ORARIO DI ACCENSIONE
La legge (n. 10/1991 e del DPR n. 412/1993 e successive modifiche) ha diviso l'Italia in zone climatiche, fissando per quante ore al giorno e per quali mesi dell'anno i riscaldamenti possono restare accesi. Verbania è inserito nella fascia climatica E, con un limite orario giornaliero di 14 ore dal 15 ottobre al 15 aprile. Tranne la zona F, in cui sono inseriti i comuni di montagna e dove non c'è alcun limite, l'impianto va acceso dopo le 5 del mattino e spento dopo le 23.

Al di fuori di tale periodo gli impianti termici possono essere attivati in presenza di situazioni climatiche che ne giustifichino l'esercizio e comunque con una durata giornaliera non superiore alla metà di quella consentita a pieno regime, ovvero in Verbania per non più di 7 ore (Art. 9, commi 2 e 3 DPR 412/93). Questo è possibile senza necessità di ordinanza del Sindaco. Va sottolineato che, anche in caso di attivazione straordinaria, gli impianti termici destinati alla climatizzazione degli ambienti devono essere condotti in modo che, durante il loro funzionamento, non vengano superati i valori massimi di temperatura fissati (20 °C).

3) PROLUNGAMENTO DEL PERIODO DI ACCENSIONE
Quando capitano dei giorni particolarmente freddi, la legge consente di ampliare i periodi annuali di esercizio e la durata giornaliera di attivazione degli impianti termici, su conforme delibera della Giunta Comunale ed ordinanza del Sindaco. In altri termini, l'ordinanza del Sindaco, se il caso lo richiede, può:

Anticipare rispetto al 15 ottobre o posticipare rispetto al 15 aprile l'accensione del riscaldamento per un numero di ore giornaliere superiore alle 7 già consentite dalla vigente normativa (legge 10/91 e DPR 412/93);

Aumentare il tempo di accensione rispetto alle 14 ore giornaliere già ammesse dalla legge nel periodo 15 ottobre - 15 aprile.
 Fonte di questo post



16 commenti  Aggiungi il tuo

Vedi il profilo di Giovanni 1Co quello che costa
Giovanni
5 Ottobre 2015 - 17:51
 
Con quello che costa il metano,una volta lo spot diceva che il metano ci dava una mano,in resltà la mano l'ha messa nel borsellino e non l'ha mai tolta, state certi che le persone lo accenderanno il più tardi possibile,e con la crisi ci sono molte famiglie anche nella nostra zona che non riusciranno a tenere le case abbastanza riscaldate,altro che sorie.
Vedi il profilo di Egidio righetti per impianti
Egidio righetti
6 Ottobre 2015 - 08:53
 
di riscaldamento si intendono anche le stufe a legna o pellets?E la legge fa qualche eccezione per gli ultra ottantenni?
grazie per un vs risposta
Vedi il profilo di Giovanni X SIG. Egidio
Giovanni
7 Ottobre 2015 - 12:16
 
Sig. Egidio mi permetto di darle una mia risposta,con quello che accade sia in Italia che nel Mondo,lei giustamente parla di regole e regolamenti,io credo che una persona che ha superato gli 80 abbia tutto il diritto di scaldarsi come vuole,poi se vi sarà un burocrate che si permetterà di dire che un anziano deve stare al freddo basterà svelare il suo nome su l blog,o scrivere un bel articolo sul giornale locale,cosa gne ne pare???
Vedi il profilo di Egidio righetti riscaldamento
Egidio righetti
8 Ottobre 2015 - 21:25
 
mi scusi il ritardo nella risposta. è vero che a confronto di quello che succede nel mondo è una sciocchezza. non credo che qualcuno ''spenga la stufa''ad un pluriottantenne però non dimentichi cosa è succe§o con il limite dei 30 sulla strada di villa Taranto
Vedi il profilo di Giovanni X Egidio Righetti
Giovanni
10 Ottobre 2015 - 09:25
 
lei ha ragione ma non dimentichi anche quello che è successo all'amministratore delegato di AIR FRANCE a furia di tirare la corda la gente si inc......za. E credo che anche da noi alla fine le persone si stuferanno di essere calpestate nei propri diritti ,da una burocrazia asfissiante e passeranno alle vie di fatto. Quel limite dei 30 orari è una indecenza e lo sanno tutti.Perchè i vigili di verbania così zelanti non vanno a vedere come sono pieni i pulman degli studenti,certo lì non intervengono perchè rischierebbero qualcosa,
Vedi il profilo di lupusinfabula Me ne frego!
lupusinfabula
11 Ottobre 2015 - 21:16
 
Finchè il metano lo pagherò io (il gasolio od altro che dir si voglia) io accenderò quando e quanto mi piace, e se qualcuno vorrà presentarsi sulla porta di casa per contestarmi l'accensione ho già pronto il nervo di bue.
Vedi il profilo di Andrè Re: Me ne frego!
Andrè
12 Ottobre 2015 - 10:23
 
ma guarda.. uno che vuole bastonare chi non rispetta la legge vorrebbe bastonare chi vorrebbe fargli rispettare la legge... ma il me ne frego di fascistica memoria dice tutto di chi è questo personaggio
Vedi il profilo di gris re:me ne frego
gris
12 Ottobre 2015 - 11:22
 
in realtà concordo con lupus...io pago e non vedo perchè devo patire il freddo.
e poi, ogni impianto è diverso...nei condomini le caldaie si accendono sempre agli stessi orari e non c'è termostato che segnala la temperatura, solo quelle fantastiche manopole di "nuova concezione" per redistribuire i costi.
Un appartamento con riscaldamento indipendente consuma molto meno, perchè l'accensione e regolata dal termostato. In sostanza, posso lasciarlo acceso tutto il giorno, ma funzionerà solo nel momento in cui ci sarà realmente bisogno. Come si fà quindi a sapere quante ore funziona l'impianto a regime nel caso di controllo?
Semplice: non si può!
Vedi il profilo di sibilla cumana oh bella Andrè......
sibilla cumana
12 Ottobre 2015 - 11:46
 
Lupus sarebbe fascista perchè rivendica il diritto di scaldarsi quando ha freddo (a spese sue e non della collettività)? .....Lei è un "gran democratico" perchè accetta, bovinamente, Leggi che sono fatte alla "coda di cane" e che creano disagi ai soggetti deboli? ? Posso dire che le Leggi si rispettano fino a che non si cambiano........ed allora i "legiferanti" modifichino, il più presto, con criteri di buon senso, delle norme che di buon senso non hanno nulla!
Già ma i "legiferanti" legiferano secondo buon senso?
Vedi il profilo di lupusinfabula Andrè, sono sempre pronto!
lupusinfabula
12 Ottobre 2015 - 12:37
 
Andrè, sono sempre pronto a bastonare chi delinque, chi danneggia ed impoverisce il prossimo, ma chi si scalda usando soldi suoi non è certo un delinquente nè danneggia il prossimo.In quanto al "fascista", ti ringrazio, è un onore.
Vedi il profilo di Andrè Re: oh bella Andrè......
Andrè
12 Ottobre 2015 - 13:48
 
veramente era il me ne frego di fascistica memoria.. non ho dato del fascio a Lupus che tra le altre cose si vanta di esserlo nel commento successivo.. ,, veniamo alla questione leggi??? vediamo se ho capito.. se una legge mi conviene o penso che sia giusta la rispetto .. se no .. la violo... uhmmm questa si che è democrazia..
Non danneggia nessuno l'uso del riscaldamento .. gasolio , metano o gpl... sul non danneggiamento alla collettività del gasolio da riscaldamento .. io qualche dubbio ce l'ho.. mai sentito parlare di polveri sottili.. inquinamento.. tumori ... effetto serra... protocollo di Kyoto ? evidentemente no... o se si.. il me ne frego è normale... freghiamocene tutti ....tanto che cz il pianeta non è nostro .. se il clima cambia e ci sono sempre più "bombe" d'acqua l'importante è che non capiti nulla a noi ....
Vedi il profilo di Giovanni X Andrè
Giovanni
12 Ottobre 2015 - 14:39
 
Sig. Andrè le assicuro che sono un ambientalista convinto e ho sempre pagato di persona per le mie idee e le mie battaglie mi rendo conto che però come vede una questione così importante sul riscaldamento etc interessa poche persone,come mai ci sono così pochi commenti??? Semplice le persone si sono stufate anche solo di commentare una notizia questo è il vero pericolo,non il "me ne frego di fascista memoria". Che è probabilmente solo uno sfogo.
Vedi il profilo di lupusinfabula Cosa non considera Andrè
lupusinfabula
12 Ottobre 2015 - 17:06
 
Andrè non considera che possono esserci anziani o ammalati che, per le le loro condizioni, avvertono il freddo più di altri, non considera che nelle abitazioni possono esserci neonati che abbisognano di calore più di un adulto, non considera che in certi ambienti di lavoro ove si è costretti a stare sempre seduti allo stesso posto, il freddo lo si avverte ancor più che non con un lavoro che implica movimento, non considera che vi sono ancora tante abitazioni realizzate in anni in cui l' isolamento termico non esisteva e nelle quali il freddo penetra più che altrove, non considera....ma mi fermo qui perchè è inutile cercare di far ragionare chi non vuole. E comunque Andrè mi diverte: abbocca come un baccalone ad ogni provocazione: tipico di certo modo di essere sinistri per i quali basta una parola e subito vedono...rosso.
Vedi il profilo di sibilla cumana Andrè, Lei non ha capito.....
sibilla cumana
12 Ottobre 2015 - 19:25
 
Ho scritto che le Leggi (anche sbagliate) si rispettano sin che ci sono e non che le rispetto o le violo a seconda della mia personale convenienza.
Quanto ai cambiamenti climatici, agli inquinanti dovuti al gasolio, metano ecc. ecc. mi fa molto arrabbiare il fatto che mentre al popolo viene imposta ogni sorta di obbligo (vedasi la sciocchezza degli Euro1,2,2,4 ecc.) per quel che riguarda le automobili; in questo modo si incentiva la sostituzione della vettura (per chi può permetterselo) come se questa fosse la panacea. Che non lo sia lo prova il fatto che nonostante le sostituzioni, l'inquinamento non diminuisce. Nessuno considera quanto si inquina per produrre una vettura nuova? Dall'estrazione delle materie prime, sino al prodotto finito, quanta energia si deve consumare quindi quanto inquinamento provocare? Non mi si venga a dire che inquina di più una vettura di 10 anni, che il ciclo di produzione di una vettura nuova! Inquinerà un po' di meno della vecchia quando circolerà ma quanto ha inquinato il costruirla? Euro1-2-3 ecc. temo siano "suggerimenti" dati dalle Case costruttrici automobilistiche per assicurarsi le vendite, Case che sono le prime a favorire l'inquinamento. Lo scandalo Wolfswagen ( ed altri costruttori) non le dice nulla? Quanto al protocollo di Kyoto, i primi a non firmare sono proprio gli USA e la Cina, nazioni ad alta produzione di inquinamento globale e, specialmente la Cina. Grandi dighe come quella delle "Tre gole" che ha provocato e provoca disastri tipo la sconosciuta siccità. i cinesi, non paghi, hanno pensato alla diga Danjiangkou che ha creato più problemi (al popolo) che vantaggi (ai soliti plutocrati), con cambiamenti climatici che si riflettono su tutto il globo. Ed i pozzi petroliferi? Andrè gli inquinanti non si fermano ai confini dei Paesi saggi e virtuosi....purtroppo per gli inquinanti....tutto il mondo è Paese......
Ci sarebbe ancora molta materia su cui discutere. Andrè, temo che al di là delle buone e sagge intenzioni individuali, i soliti speculatori farabutti, abbiano trovato il modo di usare il clima per "farabuttare" e guadagnare ancora di più. Perchè invece di seguire una buona norma della Ue che raccomanda di riciclare i rifiuti come si fa nell'impianto di Vedelago, in Italia si continua a realizzare e bruciare i rifiuti nei così detti "Termovalorizzatori",? Perchè questi "inquinaincrementatori" sono fonte di guadagno per le solite lobby.
Per ultimo, Lei non ha dato del fascista a Lupus? ....ha solo scritto: "il me ne frego di fascistica memoria dice tutto di chi è questo personaggio"......non mi pare che gli abbia dato del baciapile?.....
Andrè, buona cena, buona sera e buona notte!
Vedi il profilo di Giovanni X Sibilla
Giovanni
14 Ottobre 2015 - 12:58
 
Concordo con lei su tutto tranne il fatto che le leggi sbagliate si debbano rispettare. Hitler ha fatto leggi sbagliate.i generali e sottoposti che le hanno fatte rispettare sono stati impiccati a Norimberga.
Vedi il profilo di sibilla cumana Giovanni, cerco
sibilla cumana
14 Ottobre 2015 - 15:18
 
di spiegarmi meglio: le Leggi in vigore si osservano ma si devono abrogare immediatamente, quando ci si accorge che sono errate. Le Leggi che prevedono crimini contro l'umanità, ovviamente, non si rispettano, a costo della vita!



Aggiungi il tuo commento

Prima di pubblicare un tuo commento assicurati che:

• sia in tema e contribuisca alla discussione
• non abbia contenuto razzista o sessista
• non sia offensivo, calunnioso o diffamante

La redazione si riserva di cancellare qualsiasi contenuto ingiurioso, volgare, illegale o contrario alla policy.

Commenti Se accedi o ti Registri potrai visualizzare il tuo nome e ricevere aggiornamenti quando ci saranno altri commenti



captcha
CAPTCHA: Scrivi il valore visualizzato

Iscriviti con la tua email
Valstrona
28/07/2017 - “Campello e i Walser”
03/07/2017 - Celebrazioni al Capezzone
02/05/2017 - "Alcool, sballo, disordini in zona Carrefour"
05/03/2017 - Nuovo Direttore Sanitario al Muller
03/12/2016 - Santa Barbara 2016 – Inaugurazione monumento
Valstrona - Cronaca
17/05/2016 - Via Vittorio Veneto chiusa al traffico domani
29/12/2015 - Muore escursionista in Valle Strona
×
Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti