Il BLOG pubblico di Verbania: News, Notizie, eventi, curiosità, vco : Fuori Provincia : Politica

Soccorso Alpino a pagamento se non attrezzati?

La Regione Piemonte ha allo studio una nuova norma sull'esempio di quanto già deciso da Lombardia e Valle d'Aosta. La legge sarà presentata entro poche settimane, in tempo per la stagione invernale. Gratis gli interventi "sanitari".
Fuori Provincia
Soccorso Alpino a pagamento se non attrezzati?
Dal sito torino.repubblica.it
Sul ghiacciaio con le scarpe da tennis, in alta quota sotto il temporale, oppure in parete con una spalla rotta. Sono molte le ragioni per cui si chiama l'elisoccorso. Forse troppe. E così da tempo si discute se far pagare un servizio che costa alla collettività migliaia di euro e non sempre viene utilizzato in maniera opportuna. La Lombardia ha presentato lunedì una bozza di tariffario che prevede una compartecipazione alla spesa fino a 780 euro in caso di uso ingiustificato dell'elicottero di soccorso, con uno sconto del 30 per cento per i lombardi, mentre i "forestieri" dovranno pagare la cifra piena.

Anche il Piemonte sta lavorando a un provvedimento, sulla scorta di quanto fatto da altre regioni. Tra i primi ad affrontare la questione è stato il Veneto che ha approvato una norma rigida, che prevede, oltre allo sconto per i residenti, il pagamento di un ticket anche da parte dei feriti (25 euro al minuto fino a un massimo di 500 euro) nel caso in cui l'incidente per cui viene allertato il soccorso avvenga durante un'attività ricreativa rischiosa, come l'arrampicata, lo scialpinismo o il parapendio.

L'assessore Antonio Saitta presenterà la legge entro qualche settimana e sicuramente in tempo per la stagione invernale. Non ci saranno sconti per i piemontesi e gli interventi di tipo "sanitario" resteranno gratuiti. Per gli altri il servizio sarà in parte, o del tutto, a carico dell'escursionista. In Piemonte le chiamate per il soccorso in montagna sono circa 500 all'anno, un quinto di quelle complessive. Dai verbali del 2014 risultano, in base al codice di gravità, 49 bianchi, 235 verdi, 178 gialli, 9 rossi, 23 recuperi salme, 27 ricerche di dispersi.


Tutto l'articolo QUI



9 commenti  Aggiungi il tuo

Vedi il profilo di lady oscar giustissimo
lady oscar
4 Ottobre 2015 - 12:35
 
Perfettamente d accordo.
Vedi il profilo di cesare Finalmente
cesare
4 Ottobre 2015 - 13:46
 
Giustissimo , la stupidità e l'incoscienza vanno colpite anche economicamente .
Vi allego una foto scattata sui sentieri delle montagne ossolane , 2000 metri. Il tizio , ricercatore farmaceutico , saliva con le infradito , bastava una distorsione alla caviglia e ..vai con l'elicottero .
Vedi il profilo di Simona76 Infatti
Simona76
5 Ottobre 2015 - 06:17
 
Se uno si arrischia a fare certe attività deve avere un minimo di esperienza e coscienza e sapere che, anche se gli incidenti possono capitare, non devono essere causati dalla poca oculatezza. Un minimo di idea voglio dire...,
Vedi il profilo di Giovanni Con questo passo!!!!
Giovanni
5 Ottobre 2015 - 17:37
 
Ho letto cose giuste e sacrosante ma è anche vero che se non ci fossero i volontari in tutti i campi lo stato per il quale paghiamo fior di tasse se ne fregherebbe. Per esempio autoambulanze,o sbaglio??'
Vedi il profilo di Giovanni% Se per voi...
Giovanni%
6 Ottobre 2015 - 07:23
 
Se per voi questa è una bella notizia?
Poi c'è un'insieme di norme regionali in fieri o già vigenti molto diverse tra di loro che prevedono situazioni diverse tra l'andare sul ghiacciao con le infradito.
La previsione piemontese se e solo se indirizzata alle attività di per sè pericolose (non la semplice scursione in montagna o sciata) può andare bene e magari sarebbe opportuno obbligare ll parapendista o sciatore estremo al pagamento di un'assicurazione (non so se tale obbligo già c'è).
Vedi il profilo di Simona76 Ok ma...
Simona76
6 Ottobre 2015 - 10:06
 
si ma dipende anche dalla motivazione per cui si chiama l'elisoccorso.... Se tu vai in montagna a certe quote e non ti attrezzi nel modo giusto rischiando la tua vita e quella degli altri la responsabilità è pure tua.... Se quando vai a sciare e sai benissimo che in determinati punti e' sconsigliato di andarci perché pericoloso, ma ci vai lo stesso per il brivido della sensazione estrema, il p i r l a scusami tanto sei tu che ti arrischi.... Credo sia anche necessario soppesare le varie situazioni ovvio
Vedi il profilo di Grisu Italianata
Grisu
6 Ottobre 2015 - 11:09
 
Premesso che sono d'accordissimo sul fatto di pagare gli interventi in alcuni casi, spero che il tutto venga ben definito ed in modo chiaro evitando di fare la solita italianata. Esempio: vado a fare freeride, ho tutta l'attrezzatura necessaria (pala, arva, sonda e magari pure zaino airbag), cade una valanga e rimango sotto ma non sono ferito..pago?
Non si potrebbe fare una "convenzione" come già avviene in Svizzera con la Rega per cui pago una quota annuale?
Vedi il profilo di cesare Italianità è non ...
cesare
6 Ottobre 2015 - 15:50
 
Italianità è non assicurarsi . Ci sono polizze che coprono i danni da infortunio che comprende anche il rimborso per spese di trasporto in elicottero e/o altri mezzi e spese ospedaliere. Se vai in Svizzera devi assicurarti altrimenti, in caso di intervento ti legnano .
Vedi il profilo di Grisu Re: Italianità è non ...
Grisu
6 Ottobre 2015 - 16:28
 
Sicuramente è Italianità non assicurarsi, anche se dubito che chi frequenta abitualmente la montagna non sia preparato anche su questo aspetto (ad esempio si hanno coperture assicurative già con il CAI).
Facendo parte della categoria Frontaliers l'assicurazione sul lavoro mi copre anche infortuni al di fuori, non copre pero' il trasporto in elicottero, per questo motivo ogni anno rinnovo la tessera della Rega..40 franchi all'anno mi sembra una spesa piu' che sostenibile rapportato al (toccando ferro) costo anche di un singolo trasporto in elicottero.



Per commentare occorre essere un utente iscritto
Iscriviti con la tua email
Fuori Provincia
21/01/2017 - Brucia appartamento due le vittime
20/01/2017 - Altea Altiora a Cuorgnè
19/01/2017 - MilanoInside: Winter Village, il campo base della salute!
18/01/2017 - Il CONI premia gli atleti del CVCI
16/01/2017 - Vega Occhiali Rosaltiora torna la vittoria
Fuori Provincia - Politica
03/01/2017 - Torna il Bonus Pendolari
29/12/2016 - 2milioni per ciclabilità e turismo montano
29/12/2016 - Banda Ultra Larga: incontri ANCI-UNCEM-Regione
27/12/2016 - Ex Prefetto del VCO Commissario antiracket
20/12/2016 - Legge di bilancio 2017: le novità per le aree montane
×
Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti