Il BLOG pubblico di Verbania: News, Notizie, eventi, curiosità, vco : Verbania : PsicoNews

PsicoNews: Violenza domestica sulle donne

Aspetti psicologici della violenza domestica vissuti dalle donne vittime. In occasione della ricorrenza del 25 Novembre.
Verbania
PsicoNews: Violenza domestica sulle donne
Mercoledì 25 Novembre si è rinnovata la Giornata Internazionale contro la Violenza sulle Donne, data significativa scelta per l’omicidio efferato delle sorelle Mirabal, considerate dotate di una propria capacità di scelta, libere e per questo pericolose.

Possiamo definire violenza verso una donna tutti quei comportamenti che la pongono in condizione di dipendenza da un’altra persona, che ha potere su di lei.

È opinione piuttosto comune considerare violenza quasi esclusivamente una aggressione che avviene senza una conoscenza tra vittima e aggressore, in realtà la violenza che avviene all’interno delle mura domestiche, perpetrata da persone vicine e intime della vittima è molto più comune, svincolata da status economico, anagrafico e sociale, non guarda in faccia a nessuno.

La violenza si manifesta in forme diverse:
violenza fisica: intesa come atto di aggressione volto a far male;
psicologica, fatta di minacce e limitazioni della libertà di scelta;
sessuale, in cui si obbliga la donna a avere/subire rapporti sessuali o scelte sessuali di un’altra persona;
economica, che costringe e concorre a trattenere la donna in condizione di dipendenza.

La violenza domestica è caratterizzata da forte senso di colpa da parte della donna nel provocare il maltrattatore, nell’esserne dipendente.

Il maltrattamento provoca disistima di sé, mina l’integrità della donna, portandola a essere fragile e incapace di mantenere una visione della realtà aderente. Ambiguità e vergogna sono due aspetti imprescindibili della violenza domestica, vergogna per essere in quella situazione, per non riuscire ad uscirne nonostante la consapevolezza che ciò che si vive non sia giusto, ambiguità per provare affetto verso chi è ingiusto con noi.

Essere ripetutamente esposte a maltrattamenti provoca traumi, a causa dei quali è possibile sviluppare disturbi psichici, come il disturbo post traumatico da stress, con la percezione di stanchezza, apatia, disturbi dell’attenzione e dell’umore.

In alcuni casi, la donna, vittima di abusi domestici, arriva a dubitare della propria sanità mentale, tanta è la sensazione di impotenza e di perdita dei confini propri.

C’è quasi un cambiamento nel punto di vista, la donna maltrattata assume come proprio il pensiero della persona maltrattante, ciò crea un distacco dal proprio punto di vista e dai propri sentimenti.

La visione distorta della realtà, con l’allontanamento dal piano di realtà non permette alla donna di percepire la pericolosità della situazione, le conseguenze su chi le è vicino e soffre della situazione in cui lei si trova, le proprie capacità e strategie di problem solving per affrontare la grave condizione. La perdita del proprio punto di vista è cruciale ed è il nodo da cui partire per uscire dalla situazione, ricreando nella donna la rottura del legame di dipendenza, poiché lei è altro dal maltrattante.

Perché è difficile chiedere aiuto? Perché la violenza domestica è ciclica, ci illude di terminare, ma non lo fa mai.

La prima fase è di incertezza e di atteggiamenti attenti a non urtare il maltrattante, si cammina sulle uova;
La seconda fase è quella dello scoppio della violenza, nulla serve più per contenere la minaccia fisica e verbale, le percosse e il pericolo per la propria vita, generalmente le donne chiedono aiuto durante questa fase, consapevoli che non c’è una strategia che faccia evitare la violenza;
Terza fase è quella della luna di miele, il maltrattante cerca di ristabilire il legame affettivo, consapevole solo di avere esagerato nello scoppio di violenza, non di agire un maltrattamento, “è stato più forte di me” è la scusa più classica utilizzata, in questo le donne vedono un cambiamento e la possibilità che il brutto periodo di violenza nella loro vita si concluda. In questa fase è più probabile che le donne rifiutino gli aiuti, poiché speranzose che il problema si sia risolto e il maltrattante torni ad essere la persona che era ( meglio la parte di sé che aveva mostrato alla donna), poiché si mostra attento gentile, premuroso.

Cosa possiamo fare per cambiare le cose? Durante un incontro organizzato dal Consiglio Nazionale degli Psicologi (CNOP) per la celebrazione annuale di questa giornata la Vicepresidentessa, Dott.ssa Anna Ancona: “La violenza va contrastata facendo formazione e prevenzione su quello che è il modo di concepire il ruolo della donna, pieno di stereotipi. Siamo carichi di pregiudizi che fondano la discriminazione. L’impegno contro la violenza deve essere una lotta comune, da condividere”.



1 commento  Aggiungi il tuo

Vedi il profilo di lady oscar grazie di questo argomento
lady oscar
2 Dicembre 2015 - 09:53
 
Ci sarebbe da scrivere per un mese... Io ho insegnato ai miei figli (maschi) il rispetto per chiunque, non solo x le donne. E sicuramente anche gli altri genitori. Mi viene in mente una canzone di Mia Martini che dice "perché gli uomini sono figli delle donne, ma non sono come noi?" Cosa succede, quindi? Perché qualcuno deraglia?



Aggiungi il tuo commento

Prima di pubblicare un tuo commento assicurati che:

• sia in tema e contribuisca alla discussione
• non abbia contenuto razzista o sessista
• non sia offensivo, calunnioso o diffamante

La redazione si riserva di cancellare qualsiasi contenuto ingiurioso, volgare, illegale o contrario alla policy.

Commenti Se accedi o ti Registri potrai visualizzare il tuo nome e ricevere aggiornamenti quando ci saranno altri commenti



captcha
CAPTCHA: Scrivi il valore visualizzato

Iscriviti con la tua email
Verbania
15/12/2017 - Note Romantiche due concerti natalizi
15/12/2017 - Le giovanili Rosaltiora
15/12/2017 - Concerto di Natale a Renco
15/12/2017 - Matera Capitale Europea della Cultura se ne parla a Verbania
15/12/2017 - Omaggio a Vaslav Nijinsky
Verbania - PsicoNews
20/09/2017 - PsicoNews: Giornata mondiale dell’Alzheimer 2017
16/08/2017 - PsicoNews: Giochi da spiaggia (3° parte)
09/08/2017 - PsicoNews: Giochi da spiaggia 2017 (II parte)
02/08/2017 - PsicoNews: “Giochi da Spiaggia” 2017
26/07/2017 - PsicoNews: Una generazione di nonnoni
×
Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti