Il BLOG pubblico di Verbania: News, Notizie, eventi, curiosità, vco : Verbania : Politica

"Antenne telefoniche: un accordo obbligato"

Riceviamo e pubblichiamo, una nota dell'Amministrazione Comunale che inizia: "Antenne telefoniche: un accordo obbligato. Il rischio era di non incassare nessun canone ed avere antenne su edifici/terreni privati. Nessuna scelta tesa a favorire le compagnie telefoniche".
Verbania
"Antenne telefoniche: un accordo obbligato"
In merito al comunicato stampa del Movimento 5 Stelle di Verbania sui minori canoni ricevuti dal Comune per l'affitto di spazi comunali per le antenne di telefonia mobile, si fa presente che da anni le compagnie telefoniche hanno intrapreso a livello nazionale strategie comuni di diminuzione dei costi di rete, in seguito alla possibilità di condivisione dei siti nei quali installare le apparecchiature e alla possibilità di avere aree private a costi, per loro, più convenienti (il caso dell'antenna su uno stabile privato nel rione di Santo Stefano a Pallanza è sintomatico).

Tra l'altro questi nuovi canoni sono già stati concordati anche negli scorsi prima che questa Amministrazione entrasse in carica.

L'alternativa a non accettare la riduzione dei canoni (derivata da una lunga trattativa tra le parti e non cedendo ad una semplice imposizione) avrebbe potuto portare ad una disdetta completa da parte dei gestori di telefonia mobile di tali affitti vista la possibilità, per loro, di accedere eventualmente ad altre aree private a costi minori di quelli della parte pubblica (come appunto successo con l'antenna di Pallanza).

Il tutto ovviamente nei parametri di una legge che impedisce ai Comuni di negare autorizzazioni per gli impianti di telefonia mobile su aree private se rispettano i limiti di emissione previsti (essendo definite dalla legislazione vigente urbanizzazioni primarie e quindi non negabili).

E' evidente che questa trattativa, se pur meno vantaggiosa per le casse comunali, è stata una scelta obbligata per mantenere comunque un'entrata cospicua ed evitare, nel limite del possibile, lo spostamento delle antenne su aree private con la nascita delle polemiche conseguenti (come per l'antenna a Pallanza).

Quindi nessuna scelta tesa a favorire le compagnie di telefonia mobile ma una trattativa necessaria e "imposta" dalle leggi del mercato. Avremmo potuto dire di no a queste diminuzioni: molto probabilmente avremmo avuto altre antenne su case di privati e zero canoni d'affitto per il Comune.

L'Amministrazione Comunale



0 commenti  Aggiungi il tuo



Per commentare occorre essere un utente iscritto
Iscriviti con la tua email
Verbania
23/01/2017 - Latte: arriva ettichettatura obligatoria d'origine
23/01/2017 - M5S: "Il futuro è 100 mt Sotto Verbania? "
23/01/2017 - "Una Verbania Possibile" su Beata Giovannina
23/01/2017 - M5S: bene adesione ad "Avviso Pubblico"
23/01/2017 - Forza Italia: neve e ghiaccio al cimitero di Intra
Verbania - Politica
21/01/2017 - “Avviso Pubblico": PD pro, Lega contro
×
Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti