Il BLOG pubblico di Verbania: News, Notizie, eventi, curiosità, vco : Verbania : Eventi

“La valigetta blu” l'esodo ossolano

Sabato 20 febbraio alle ore 18.00, presso la Libreria Alberti a Verbania Intra, si terrà la presentazione del libro: “La valigetta blu”, di Cleide Bartolotti.
Verbania
“La valigetta blu” l'esodo ossolano
Cleide Bartolotti è nata a Domodossola e vive a Modena, ma mantiene un rapporto costante con la propria terra. Al suo attivo ha numerose pubblicazioni tra romanzi e racconti.

Relatrice: Francesca Zani, giornalista de La stampa
Letture di Maurizio Ferrin

Alla caduta della Repubblica dell'Ossola, nell'ottobre 1944, circa quindicimila persone, spaventate dal ritorno dei nazifascisti e dalle possibili rappresaglie sulla popolazione, abbandonarono la città di Domodossola; migliaia di donne, anziani, adolescenti e bambini che lasciavano le loro case dopo avere raccolto pochi averi in una valigia, con l'ansia di prendere un treno della speranza che li conducesse in un Paese ospitale – ma straniero – come la Svizzera.
Ad attenderli, i campi profughi allestiti dall'esercito svizzero e dalla Croce Rossa: baracche, letti a castello, pagliericci, recinti di filo spinato e torrette di sorveglianza con guardie armate. Tecnicamente, 'Sammellager' (campi di raccolta) e 'Quarantänelager' (campi di quarantena). Mentre parte dei bambini trovò subito rifugio presso alcune famiglie volontarie, altri rimasero con genitori e nonni nei campi, internati come gli adulti. Docce collettive, trattamenti contro i parassiti, file per il rancio, passi cadenzati di soldati dall'aspetto severo: fu questa la vita dei profughi ossolani (e di tanti altri) in Svizzera per diversi mesi. Dopo la prima accoglienza, adulti e adolescenti furono trasferiti in campi di lavoro (Arbeitslager) o di studio, mentre i più fortunati trovarono ospitalità presso famiglie di parenti o altri volontari.
Sul set di un esodo accantonato dalla storiografia e di un esilio umiliato dal silenzio del dopoguerra, "La valigetta blu" di Cleide (Guaraldi Editore, collana "I Nazirei", 112 pagine a 12,90 euro) narra le vicende vissute in prima persona da una bambina di quattro anni; una piccola profuga in fuga dalla guerra di ieri come dalla guerra di ogni tempo. Un romanzo dedicato alla Repubblica dell'Ossola, ma soprattutto alla memoria di chi patì tante sofferenze per la sua caduta.
Immagine 1



1 commento  Aggiungi il tuo

Vedi il profilo di lupusinfabula Mi sia concesso
lupusinfabula
19 Febbraio 2016 - 15:40
 
Mi sia concesso ricordare sul medesimo tema tanti scritti del grande scrittore laghista (...con la "a" come seconda lettera, lo sottolineo) Piero Chiara.



Aggiungi il tuo commento

Prima di pubblicare un tuo commento assicurati che:

• sia in tema e contribuisca alla discussione
• non abbia contenuto razzista o sessista
• non sia offensivo, calunnioso o diffamante

La redazione si riserva di cancellare qualsiasi contenuto ingiurioso, volgare, illegale o contrario alla policy.

Commenti Se accedi o ti Registri potrai visualizzare il tuo nome e ricevere aggiornamenti quando ci saranno altri commenti



captcha
CAPTCHA: Scrivi il valore visualizzato

Iscriviti con la tua email
Verbania
16/12/2017 - Vega Occhiali Rosaltiora ultima 2017 in casa
16/12/2017 - Festa di Natale 2017 a Mergozzo
16/12/2017 - BellaZia: Sbriciolata di Ricotta e Nocciole
15/12/2017 - Note Romantiche due concerti natalizi
15/12/2017 - Le giovanili Rosaltiora
Verbania - Eventi
15/12/2017 - Concerto di Natale a Renco
15/12/2017 - Matera Capitale Europea della Cultura se ne parla a Verbania
15/12/2017 - Omaggio a Vaslav Nijinsky
×
Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti