Il BLOG pubblico di Verbania: News, Notizie, eventi, curiosità, vco : Verbania : PsicoNews

PsicoNews: Disturbi d’ansia e pregiudizi

Per collegarci al post di settimana scorsa, oggi ho pensato di trattare il tema del disturbo d’ansia, in particolare, nella terza età.
Verbania
PsicoNews: Disturbi d’ansia e pregiudizi
Mentre la depressione, come accennato nello scorso post, è una difficoltà che, fortunatamente, non mi è capitato spesso di sperimentare direttamente, l’ansia è invece un aspetto con cui nella mia vita mi sono trovata a fare i conti.

Siccome anche stanotte mi è capitato di svegliarmi con una sgradevole sensazione di preoccupazione, diciamo ansia per intenderci, che si ripresenta quando devo affrontare periodi un po’ complessi, ho deciso che, per seguire il filone del post della scorsa settimana, il tema di oggi potrebbe essere i disturbi d’ansia nella terza età.

La prima volta che ho scoperto che il tema dell’ansia nelle persone anziane fosse stato affrontato negli Stati Uniti solo nel 1998 ne sono rimasta molto colpita; per chi conosce l’ansia e ha sperimentato personalmente quali siano i suoi sintomi, credo che questa si possa considerare una grande sconfitta, dimostra quanto, a volte, certi disturbi siano sottostimati, con gravi conseguenze per chi ne soffre. Quanto meno se n’è parlato…

Come accennato per la depressione, i disturbi d’ansia nell’anziano hanno uno stretto legame con l’età d’insorgenza, e delle caratteristiche proprie, che li diversificano rispetto a quelli che si possono manifestare nell’adulto; esistono aspetti dei disturbi d’ansia nella terza età correlati con l’invecchiamento, quali paure riguardanti la salute fisica, l’autonomia, la capacità di esercitare un controllo.

Quando un disturbo d’ansia è considerato sottosoglia, ossia inferiore nelle sue manifestazioni per essere considerato “disturbante”, in realtà è necessario considerarlo un importante fattore di rischio per lo sviluppo futuro, in particolare quando si manifesta insieme a sintomi depressivi lievi, a scarsa salute percepita e a livelli di scolarità bassi.

È frequente, nella pratica clinica, imbattersi in disturbi con sintomatologia ansiosa e depressiva, insieme. Negli adulti le percentuali di disturbi d’ansia con associati disturbi dell’umore si aggirano intorno al 20%, poco più elevata la percentuale per la relazione inversa (disturbi dell’umore con associati disturbi d’ansia); nella terza età la percentuale si eleva di molto, tra il 50 e l’80%. Alla luce di questo “legame” tra disturbi, sarebbe utile iniziare a considerare un possibile rapporto di rischio tra le due sintomatologie e porre adeguato trattamento prima che il quadro si possa complicare.

Un accenno specifico va posto poi sul disturbo post traumatico da stress; si è osservato che, in soggetti sopravvissuti a eventi traumatici, vi sia una riattivazione, durante la vecchiaia, della sintomatologia rimasta silente in età adulta, questo parrebbe essere causato da una maggiore vulnerabilità nell’anziano; la terza e quarta età di oggi, per intenderci, sono persone che hanno vissuto l’infanzia e la prima giovinezza durante la seconda guerra mondiale, quindi paghiamo ancora oggi tutti quanti (loro per primi pagano questo prezzo per la seconda volta) i danni causati dalla nostra storia.
Nella clinica è spesso molto difficile poter porre una corretta diagnosi negli anziani, poiché loro per primi tendono a riportare solo alcuni sintomi dei molteplici di cui soffrono, sono soliti mascherarne o sottovalutarne altri, in particolare quelli per i quali temono un giudizio sociale.

E voi? Cosa pensate dell’influenza della paura del giudizio sociale nei disturbi psicologici? Come si possono modificare questi pregiudizi?

Buona settimana
Mara Rongo

Fonte:
“Psicologia dell’Invecchiamento”, a cura di R. De Beni, ed. Il Mulino, 2009



4 commenti  Aggiungi il tuo

Vedi il profilo di adriana rossi ansia
adriana rossi
17 Marzo 2016 - 10:13
 
cara dottoressa la settima scorsa ho scritto n commento sula depressione e pori scrivere sull'ansia , ma se a questo poi on c'è nessun riscontro da parte sua a che serve commentare qui?. Grazie
Vedi il profilo di lady oscar ansia come modo di vivere:
lady oscar
17 Marzo 2016 - 13:30
 
Mia mamma. Se non ha un pensiero che la strugge come compagnia, probabilmente si sente sola. Risolto un cruccio se ne trova (o inventa) uno nuovo. Ma con si può vivere così? Ma perché?
Vedi il profilo di Mara Rongo Re: ansia
Mara Rongo
17 Marzo 2016 - 15:54
 
Gent.ma Sig.ra Rossi, prima di tutto la ringrazio per l’attenzione dimostrata alla rubrica e alle tematiche trattate. All’interno di uno spazio come quello di un blog, considerabile come pubblico, dal mio punto di vista, le risposte vanno gestite tenendo conto sia dell’aspetto sociale ( risposte fruibili da più persone), dell’aspetto prettamente divulgativo della rubrica in questione e, in ultimo, non certo per importanza, dell’aspetto personale. Ritenendo che una risposta approssimativa non fosse accettabile nei confronti di chi si è esposto, con partecipazione sentita, a questo genere di tematiche e ha condiviso pubblicamente una parte tanto importante e difficile della propria vita, ma volendo anche rimandare una tutela dell’aspetto personale/privato, temporeggiavo nel trovare la risposta più adeguata al suo commento di settimana scorsa . Proprio perché con mio piacere è ritornata spontaneamente sull’argomento, La invito pertanto a prendere contatto con la Redazione per avere il mio riferimento email. Grazie ancora Mara Rongo
Vedi il profilo di Mara Rongo 1Re: ansia come modo di vivere:
Mara Rongo
22 Marzo 2016 - 15:06
 
Cara lady oscar, come già lei ha colto, alle volte utilizziamo delle strategie per soddisfare alcuni bisogni ( a volte, ad esempio, l'ansia può essere utilizzata come forza propulsiva che ci permette di compiere azioni, che altrimenti non faremmo). Tali strategie non sono perfette, nel caso poi in cui diventino l'unica modalità di declinazione delle azioni, è necessario prendere consapevolezza e provare anche altri modi ;) Mara Rongo



Aggiungi il tuo commento

Prima di pubblicare un tuo commento assicurati che:

• sia in tema e contribuisca alla discussione
• non abbia contenuto razzista o sessista
• non sia offensivo, calunnioso o diffamante

La redazione si riserva di cancellare qualsiasi contenuto ingiurioso, volgare, illegale o contrario alla policy.

Commenti Se accedi o ti Registri potrai visualizzare il tuo nome e ricevere aggiornamenti quando ci saranno altri commenti



captcha
CAPTCHA: Scrivi il valore visualizzato

Iscriviti con la tua email
Verbania
26/03/2017 - Una Verbania Possibile: segnalazioni e determine
26/03/2017 - Spazio Bimbi: Quando è il corpo a parlare
25/03/2017 - Forza Italia Vco: rivalutare le gallerie sulla SS34
25/03/2017 - “Fondo di solidarietà per la casa”
25/03/2017 - Carabinieri: controlli, viabilità e stupefacenti
Verbania - PsicoNews
15/03/2017 - PsicoNews: Il sogno è femminile
08/03/2017 - PsicoNews: Supereroi tanto super?!
01/03/2017 - PsicoNews: I lavori domestici e le differenze di genere
22/02/2017 - PsicoNews: La fragilità della speranza
15/02/2017 - PsicoNews: Le terapie non farmacologiche nella demenza
×
Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti