Il BLOG pubblico di Verbania: News, Notizie, eventi, curiosità, vco : Verbania : Politica

Nobili: "Da Poste Italiane ci si aspetta uno sforzo in più"

Razionalizzazione del personale e degli sportelli postali. Nobili: “Da Poste Italiane ci si aspetta un sforzo in più. Non possono sempre procedere con tagli orizzontali. Vanno individuati nuovi servizi che amplino l’offerta dei loro uffici, soprattutto nei paesi di montagna”.
Verbania
Nobili: "Da Poste Italiane ci si aspetta uno sforzo in più"
Il Presidente Massimo Nobili ha scritto ai vertici regionali – interessando altresì i parlamentari locali – sulla preoccupante situazione che potrebbe crearsi nei numeri del personale e sportelli postali stando alle segnalazioni sindacali. Il Piemonte di fatto rientrerebbe in una sperimentazione che comporterebbe su base regionale tagli per centinaia di addetti. Il piano di razionalizzazione di Poste Italiane proseguirebbe inoltre con un’ulteriore riduzione degli uffici su tutto il territorio nazionale, non risparmiando le zone più marginali e meno densamente abitate come quelle di montagna.

“Per il VCO si parla di una ventina di esuberi. Se questo fosse confermato – dice il Presidente Massimo Nobili – sarebbe un ulteriore indebolimento sul piano occupazionale e del servizio di Poste nella nostra Provincia, che già è stata sacrificata con la sperimentazione aziendale del 2007 quando si sono persi una quarantina di posti di lavoro e il Centro Postale Operativo di Domodossola, a cui si è aggiunto il taglio di 15 portalettere nel 2010. Tutto questo in un momento di particolare debolezza dell’assetto occupazionale ed economico locale, con tutti i riflessi che ciò comporta sul piano dell’erogazione dei servizi al cittadino”.

“Apprendo con favore che il Presidente del Consiglio Regionale Cattaneo si sia immediatamente fatto firmatario di un ordine del giorno per porre freno a questa continua spogliazione del servizio postale in un territorio quale il VCO che non è assolutamente assimilabile a quello urbano. Nei nostri paesi di montagna l’ufficio postale è un punto di riferimento essenziale per tante necessità. Come più volte rimarcato è sull’offerta dei servizi erogati che Poste Italiane dovrebbe lavorare e non sulla chiusura degli sportelli” afferma Nobili.

“Oggi Poste Italiane punta moltissimo sull’attività bancaria e gestione del risparmio. Dovrebbero invece – quale società pubblica – compiere uno sforzo nell’ampliamento dei servizi a favore dei cittadini, soprattutto degli anziani e coloro che con disagio continuano ad abitare in luoghi decentrati come le nostre valli. Dovrebbero mettere in campo – continua il Presidente della Provincia – sinergie con altri enti e consentire, ad esempio, il disbrigo di pratiche burocratiche, il ricevimento di certificati, la prenotazione di esami sanitari o di referti medici”.
 Fonte di questo post



0 commenti  Aggiungi il tuo



Aggiungi il tuo commento

Prima di pubblicare un tuo commento assicurati che:

• sia in tema e contribuisca alla discussione
• non abbia contenuto razzista o sessista
• non sia offensivo, calunnioso o diffamante

La redazione si riserva di cancellare qualsiasi contenuto ingiurioso, volgare, illegale o contrario alla policy.

Commenti Se accedi o ti Registri potrai visualizzare il tuo nome e ricevere aggiornamenti quando ci saranno altri commenti



captcha
CAPTCHA: Scrivi il valore visualizzato

Iscriviti con la tua email
Verbania
20/10/2017 - La poesia di Ranaudo da Milano a Venezia
20/10/2017 - La Settimana del Pianeta Terra
20/10/2017 - 8° Concorso Nazionale Corale Polifonico del Lago Maggiore
19/10/2017 - Ritrovamento dispersi al Devero grazie all'APP
19/10/2017 - "Come vivere 100 anni"
Verbania - Politica
16/10/2017 - Bando Periferie: Il Governo firma il Cipe
15/10/2017 - "Sul Teatro Il Maggiore la deroga della deroga"
11/10/2017 - Casa della Salute a Verbania
11/10/2017 - Lega Nord: De Magistris confermato segretario
07/10/2017 - Impianti Devero - San Domenico: una nota del Presidente Costa
×
Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti