Il BLOG pubblico di Verbania: News, Notizie, eventi, curiosità, vco : Verbania : Eventi

Metti una sera al Cinema: "L'infinita fabbrica del Duomo"

Il Cinecircolo Giovanile Socio Culturale "DON BOSCO" propone venerdì 23 settembre 2016, alle ore 20.30. presso il Centro Eventi "Il Maggiore" a Verbania, un evento speciale dedicato al film documentario "L'infinita fabbrica del Duomo". Ingresso Gratuito.
Verbania
Metti una sera al Cinema: "L'infinita fabbrica del Duomo"
Un'opera preziosa non solo dal punto di vista della memoria e della documentazione, ma anche per comprendere il senso della Storia e della presenza dell'uomo. Di Massimo D’Anolfi e Martina Parenti.

Presentato in anteprima al 68° Festival del Film di Locarno, L’Infinita Fabbrica del Duomo è un documentario, un racconto poetico dedicato ai secoli di attività occorsi all'uomo per realizzare, tutelare e conservare il Duomo di Milano: un omaggio al lavoro infinito di marmisti, carpentieri, muratori, fabbri, restauratori e orafi, che ogni giorno dal 1387 dedicano energia, impegno e abilità tecnica, appresa da antichi saperi tramandati di generazione in generazione.

Per più di un anno, i registi del film hanno vissuto spalla a spalla con gli operai ed il personale della Veneranda Fabbrica, cogliendone emozioni, gesti e visioni, cercando di entrare nella profondità del loro lavoro, percorrendo i luoghi dove quotidianamente si incide nel marmo l’infinita storia del Monumento, dalle Cave di Candoglia al Cantiere Marmisti, dal campo base di Cantiere presente sulle Terrazze della Cattedrale all’Archivio, diario giorno per giorno della città da quasi sette secoli.

Il film documentario coglie anche la bellissima emozione del Duomo di notte, trasmettendo al pubblico suggestioni e sentimenti dell’esperienza unica ed inedita della Cattedrale notturna, dove si avverte un’energia particolare, quasi che preghiere e parole continuino a risuonare tra le alte navate del Monumento.

Il film di D’Anolfi e Parenti, prodotto da Montmorency Film e Rai Cinema e distribuito da Lab 80 film, mostra un Duomo poco conosciuto, in cui l’eterna grandiosità del monumento vive grazie all’impegno di donne e di uomini il cui lavoro arriva a toccare le soglie dell’infinito.

“L’infinita Fabbrica del Duomo”
Italia, 2015 - Durata: 74' - Lingua: Italiano con sottotitoli in Inglese
Soggetto, Regia, Montaggio: Massimo D’Anolfi e Martina Parenti
Fotografia: Massimo D’Anolfi
Suono: Martina Parenti
Musiche e montaggio suono: Massimo Mariani
Assistente montaggio suono: Tommaso Barbaro
Post-produzione fotografica: Iggy Post
Produzione: Montmorency Film, Rai Cinema
Distribuzione: Lab 80 film

Giancarlo Zappoli

Il film racconta la storia della nascita e del continuo mantenimento del Duomo di Milano attraverso i secoli e costituisce il primo atto di una quadrilogia dal titolo "Spira Mirabilis" che affronta il concetto di immortalità attraverso gli elementi della natura. In questo caso l'elemento è la terra.

A chi vive a Milano o comunque ci lavora può capitare di trovarsi in piazza del Duomo all'ingresso della Galleria Vittorio Emanuele ed assistere all'arrivo di turisti stranieri i quali, provenendo da piazza della Scala, si trovano di fronte alla cattedrale. Sul loro volto nella maggior parte dei casi si può leggere un misto di stupore e di ammirazione. Molto probabilmente avranno già visto immagini in proposito sulle loro guide super illustrate ma l'impatto con l'aspetto e le dimensioni reali dell'edificio resta comunque ineguagliabile. Molti di loro (e anche, purtroppo, molti milanesi) non hanno però la consapevolezza dell'incessante lavoro che sta dietro alla Fabbrica del Duomo. Colmano questa lacuna D'Anolfi e Parenti con un'opera che, nonostante qualche tempo morto (vedi insistite riprese della raccolta di erbacce nel deposito delle statue) si rivela preziosa non solo dal punto di vista della memoria e della documentazione. Perché quello che emerge dalla visione è il senso non solo della Storia (a cui si fa riferimento con interessanti didascalie) ma della continuità della presenza dell'opera dell'uomo e della indispensabile operatività artigianale in un tempo in cui tutto sembra dover essere delegato alle macchine. La quasi totale assenza di parole offre poi l'occasione per una riflessione profonda sul senso e sul mistero dell'arte con una sensibilità di sguardo che si rivela in grado di parlare sia a credenti che a non credenti.

Vengono in mente i versi del musical "Il gobbo di Note Dame": 'È questo il tempo delle cattedrali. La pietra si fa statua, musica e poesia'. Vedendo questo film si potrebbe aggiungere "... grazie al continuo lavoro delle generazioni di uomini i cui gesti si fanno arte e, forse inconsapevolmente, anche preghiera laica."



0 commenti  Aggiungi il tuo



Per commentare occorre essere un utente iscritto
Iscriviti con la tua email
Verbania
24/03/2017 - "La figura femminile da Ranzoni a Tozzi e Sironi"
24/03/2017 - The Art Of Clarinet a Il Maggiore
24/03/2017 - 51ª Mostra della Camelia di Verbania
24/03/2017 - "Spring Festival"
23/03/2017 - "La politica sia unita sulla SS34"
Verbania - Eventi
24/03/2017 - “Una Linea chiamata Cadorna”
×
Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti