Il BLOG pubblico di Verbania: News, Notizie, eventi, curiosità, vco : Verbania : Politica

VCO: Costa soddisfatto dei fondi regionali

Riceviamo e pubblichiamo una nota del Presidente della provincia Stefano Costa in cui "esprime soddisfazione per gli interventi previsti nel VCO dal varo dell'assestamento di bilancio approvato ieri dalla giunta regionale su proposta del vicepresidente Reschigna".
Verbania
VCO: Costa soddisfatto dei fondi regionali
Due, in particolare, gli interventi concordati con l'amministrazione provinciale: sicuramente il più importante riguarda l'edilizia scolastica e precisamente la destinazione della dotazione finanziaria di 1,5 ml di euro alla costruzione del nuovo istituto alberghiero Maggia di Stresa. La somma messa a disposizione dalla regione consentirà finalmente di coprire l'intera spesa prevista dall'ultimo progetto approvato e iniziare così lavori già appaltati, comprendenti anche la realizzazione del nuovo campo da calcio di Stresa.

Il budget previsto era insufficiente a coprire cucine arredi e laboratori a causa dei molteplici cambiamenti di programma attuati dal 2008 in poi dalle amministrazioni provinciali che si sono susseguite prima dell'attuale. Il secondo intervento importante riguarda invece la viabilità provinciale ed in particolare uno stanziamento sulla viabilità di accesso al parco valgrande da Genestredo nel comune di Vogogna, Colloro nel comune di Premosello Chiovenda e Cicogna nel comune di San Bernardino Verbano per 193.700 euro e un altro stanziamento di 150.000 euro per risolvere il problema di accesso all'abitato di Falmenta causato dalla frana della scorsa primavera.

Il presidente Costa dichiara: "grazie ad Aldo Reschigna per questo impegno volto a risolvere alcune criticità sul territorio provinciale. Occorre ora fare un ulteriore e decisivo sforzo per dare concretezza alla specificità montana della provincia del VCO a partire dall'approvazione del bilancio ad oggi ancora incerta. Sono sicuro - continua Costa - che il vicepresidente Reschigna si unirà agli sforzi in corso che il sottoscritto sta compendo in queste ore in sede romana condividi dall'on.le Borghi e dal prof. Marattin, consigliere economico del Premier Renzi".



18 commenti  Aggiungi il tuo

Vedi il profilo di Giovanni "Province"
Giovanni
10 Settembre 2016 - 17:02
 
Vorrei solo ricordare al sig. Costa che le province sono state eliminate proprio dal suo partito , e lui non dovrebbe più esistere come presidente ,o sbaglio?
Vedi il profilo di lupusinfabula 1Giovanni e le province
lupusinfabula
10 Settembre 2016 - 20:48
 
Caro Giovanni, l'abolizione delle province è l'ennesima bufala renziana: sono, rimaste, più vegete che mai, divenute enti di secondo livello. Ciò significa che mentre prima noi poveri sudditi votavamo per eleggere il consiglio provinciale, ora lo fanno solo gli amministratori comunali al nostro posto, che. diligentemente votano non le persone ma gli "indicati" dal partito di appartenenza: insomma la solita boutade del toscano, anzi del mezzo toscano, Se poi vuoi sapere il mio parere, che altre volte ho già avuto modo di esprimere su VBN, per un risparimo vero si dovevano abolire le regioni, centri in cui il malaffaree dilaga come hanno dimostarto decine di indagini in lungo ed in largo per tutta Italia, mentre le province sono enti molto più a contatto diretto con le realtà locali (..e molto meno costose) delle regioni; un motivo in più per un bel NO al prossimo referendum.
Vedi il profilo di Kiryienka Re: "Province"
Kiryienka
10 Settembre 2016 - 23:14
 
Ciao Giovanni,che noia......loro,intendo..non tu......e la cantano e se la suonano...che barba che noia,Mondaini docet...........N.B. vedo che il post e' sottoposto a controllo...io lo lascerei libero..Costa quel che Costa.......eh eh eh !!!!
Vedi il profilo di Giovanni X lupus
Giovanni
11 Settembre 2016 - 00:50
 
Mi sembra più che evidente che voterò no al referendum, speriamo di dare un colpetto al dittatore. Non dico il nome altrimenti mi censurano.
Vedi il profilo di Giovanni% Re: "Province"
Giovanni%
11 Settembre 2016 - 02:24
 
Giovanni,
lo scrivo per l'ennesima volta.
Le province devono essere abolite con revisione costituzionale e non con legge ordonaria. In attesa del referendum sono stare ridimensionate diventando Enti di Area Vasta.
Ogni volta che parliamo di provincia dobbiamo precisare sempre la stessa cosa!
Vedi il profilo di marco dittatori?
marco
11 Settembre 2016 - 11:11
 
ancora con sta storia del dittatore, prima era Berlusconi, prima ancora craxi, ora renzi: ma dove sono questi dittatori, io non li vedo, magari ci fosse davvero!!!
Vedi il profilo di lupusinfabula per Giovanni%
lupusinfabula
11 Settembre 2016 - 12:15
 
.....allora tanto valeva lasciare le cose come stavano, almeno funzionavano! O forse è perchè in parlamento il PD non ha una maggioranza bastevole?
Vedi il profilo di Giovanni% Re: per Giovanni%
Giovanni%
11 Settembre 2016 - 16:59
 
Ciao caro lupusinfabula,
non è questione di maggioranza. Entra di mezzo l'iter aggravato previsto dall'art. 138 per la modifica della Costituzione.
Il PD è riuscito a racimolare una maggioranza per le varie modifiche. Lo stesso art. 138 però prevede che un quinto degli appartenenti di una camera può chiedere un "referendum confermativo". Tra novembre e dicembre di quest'anno si voterà appunto per questo referendum confermativo.
Vedi il profilo di Giovanni% Re: X lupus
Giovanni%
11 Settembre 2016 - 17:04
 
Ciao Giovanni,
è proprio uno strano dittatore quello che ti consente di votare a un referendum che molto probabilmente avrà anche u risultato per lui molto doloroso.
Molti credono che per imbastire un'argomentazione basta lamentarsi a vanvera.
Vedi il profilo di Giovanni% Re: Giovanni e le province
Giovanni%
11 Settembre 2016 - 17:15
 
Ciao lupusinfabula,
esprimi concetti molto interessanti che meritano approfondimenti.
L'Ente Provincia attuale, insieme a quello subentrato in questo momento di transizione, non ha ragione di esistere. Ha alcune competenze residuali che possono benissimo essere date ai comuni, alle regioni ecc. Quindi ci sono due strade da seguire: 1) abolizione. 2) rideterminazione della competenze a scapito e riduzione di altri Enti come propone il caro Lupus.
Io sto pensando a una terza via...
Vedi il profilo di lupusinfabula Smania di cambiare
lupusinfabula
11 Settembre 2016 - 21:09
 
Tutta questa smania di cambiamento io proprio non la capisco, quasi che chi è venuto prima di noi e fatto certe scelte sia stato uno sprovveduto, uno che voleva sprecare, uno che non aveva a cuore sta povera Italia. Molte altre nazioni europee sono organizzate come noi: stato centrale, regioni e province, chiamte ovviamente con altri termini. Ma in Italia con la scua del tutto effimera di un risparmio si decide di stravolgere anche la costituzione, quando anche i sassi sanno benissimo dove e come si dovrebbe tagliare effettuando davvero grossi risprami e nello steso tempo rilanciando l'economia ed il lavoro, ma non lo si vuol fare perchè ciò anndrebbe ad intaccare gl interessi degli amici degli amici e si scontenterebbe frau Merkel, perchè ci si ostina a voler difendere un' Europa che è solo un colossale bluff, un fallimento, una palla al piede per il rilancio dell'economia nostra e di altri stati. Sarà ma sta combriccola di toscani e soci, più il tempo passa e più mi sembrano dei dilettanti allo sbaraglio. Una vecchia storiella racconta di uno che disprezzò un sacco di fichi secchi perchè secondo lui c'era di meglio e per disprezzo pisciò pure sopra al sacco: peccato che poco dopo dovette ricorrere a quei fichi per non morire di fame.
Vedi il profilo di Giovanni x Giovanni %
Giovanni
11 Settembre 2016 - 22:48
 
Caro Giovanni % non è che renzi ci ha consentito di votare un referendum, il referendum ci spettava perché lui non ha avuto i voti necessari in parlamento.
Per quanto riguarda le province è sotto gli occhi di tutti come vengono tenute le strade e le scuole, per grossi tratti di strade provinciali non vi è segnaletica orizzontale , e verticale vedi strada Fondotoce Mergozzo.
All'istituto Cobianchi di Intra vi sono molte aule senza più tapparelle, e hanno incollato carta da pacchi alle finestre per non essere abbagliati dal sole, se tutto questo è avere migliorato le cose a livello provinciale continuate così.
Ma tanto secondo me i nodi vengono sempre al pettine e noi cittadini pagheremo il conto come al solito.
Vedi il profilo di Giovanni% Re: Smania di cambiare
Giovanni%
12 Settembre 2016 - 12:23
 
lupusinfabula,
i cambiamenti posti nella riforma costituzionale, anche se non perfetti, li considero comunque migliorativi.
Renzi peò agisce a macchia di leopardo. Accanto a poche proposte migliotive comme quella costituzione mette in atto schifezze assurde come l'ultima proposta di prepensionamenti pagata con gli INTERESSI da chi andrebbe in questo modo in pensione.
Vedi il profilo di Giovanni% Re: x Giovanni %
Giovanni%
12 Settembre 2016 - 12:26
 
Un dittatore costretto ad adeguarsi alle regole! Alla faccia del dittaore prepotente. Il parlar a vanvera....
Vedi il profilo di lupusinfabula 1Personalmente
lupusinfabula
12 Settembre 2016 - 13:35
 
Personalmente non considero Renzi un dittatore vero: per esserlo dovrebbe avere ben altri attributi! Mi ricorda tanto il film sul dittatore dello stato libero di Bananas. Per quanto attiene la riforma pensionistica posta in essere dal suo fido amico e sodale Nannicini, concordo in pieno con te: pura e semplice demagogia e presa per i fondelli dei lavoratori. Se sarà attuata così come è stata presentata oggi quasi nessuno aderirà ad una proposta così fantozziana e tafazziana. Ma loro si salveranno la faccia dicendo che comunque una proposta l'avevano fatta. In altri tempi avrei sperato in una presa di posizione dei sindacati, ma oggi come oggi sono solo finti difensori degli iteressi dei lavoratori ( almeno quelli confederali, degli autonomi ho più considerazione). Dicono che i soldi non ci sono: e più loro lo dicono e più io mi convinco che NON VOGLIONO andare a prenderli dove potrebbero. In questo sembra che anche Boeri abbia capito qualcosa, ma come si è visto, subito la cricca ha prontamente alzato gli scudi a difesa dei loro indifendibili interessi ed ha tacitato Boeri seppur con motivazioni che definire risibili è un tanto per non offenderli.
Vedi il profilo di Giovanni X Giovanni %
Giovanni
12 Settembre 2016 - 17:15
 
Lei non rispondi mai nel merito delle questioni. mi parli delle strade provinciali e delle scuole per favore. Sono curioso di leggere sino a che punto difendi l'attuale andazzo. Io il bollo auto lo pago regolarmente ,ma le strade fanno schifo, provi lei a non pagare una cartella esattoriale arriva subito equitalia , siamo solo sudditi e non cittadini.
Vedi il profilo di Giovanni% Re: X Giovanni %
Giovanni%
12 Settembre 2016 - 18:12
 
Ciao Giovanni,
nel merito a risposto benissimo Lupus. Le province erano organismi eletti e più a diretto contatto con i cittadini mentre ora sono espressioni partitiche per collocare qualche loro esponente. Da qui deve partire una riflessione. Abolirle o potenziarle?
Tu ti sei invece solo lamentate che non le hanno ancora abolite, anzi hanno fatto finta di eliminarle ed è evidente che non hai seguito o capito tutto il meccanismo di riforme che ruota intorno a tale ente locale.
Il discorso è ben più complesso.
Vedi il profilo di Giovanni Grazie
Giovanni
14 Settembre 2016 - 18:13
 
Grazie Giovanni % ho capito che tu hai capito tutto complimenti. Io guarda caso sono invece contrario all'eliminazione delle provincie, sono più propenso all'eliminazione delle regioni , ma naturalmente tu l'avevi capito al volo bravo. Dimenticavo che il discorso è più complesso e lo possono capire solo gli scienziati.



Per commentare occorre essere un utente iscritto
Iscriviti con la tua email
Verbania
25/09/2017 - Pallavolo Altiora prossimi appuntamenti
25/09/2017 - Corsi gratuiti alla Fondazione Casa di carità arti e mestieri
25/09/2017 - Ripristinare il Nonno Vigile
25/09/2017 - Miele, anno nero
25/09/2017 - Formazione gratuita per giovani in obbligo scolastico
Verbania - Politica
22/09/2017 - Lega Nord su SS34
20/09/2017 - Consiglio di Quartiere Verbania - Intra
19/09/2017 - Consiglio Provinciale
18/09/2017 - La Provincia per il Territorio: Province, si alle dimissioni
×
Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti