Il BLOG pubblico di Verbania: News, Notizie, eventi, curiosità, vco : Verbania : Eventi

Teatro: "Non ti pago"

Venerdì 18 e sabato 19 novembre 2016 alle ore 21,00, a Verbania, presso il Centro d'Incontro S.'Anna, approda la commedia di De Filippo "Non ti pago" con la Regia di Silva Cristofari.
Verbania
Teatro: "Non ti pago"
Una commedia brillante e comica che sfiora il surreale, basata sulla credulità, sulla superstizione e sulle credenze popolari. Quando la follia diventà realtà.

L' associazione culturale "Vento di teatro", di cui fa parte la compagnia teatrale che va in scena, devolverà l' incasso di una delle due serate alla Caritas di Pallanza.

Prezzo del biglietto: 10 euro.
Immagine 1



3 commenti  Aggiungi il tuo

Vedi il profilo di silva cristofari non ti pago
silva cristofari
15 Novembre 2016 - 17:02
 
NOTE DI REGIA

PREMESSA
I "giochi di sorte" hanno origini antichissime; per correttezza di informazione, occorre dire che l'origine del gioco del lotto si può individuare a Genova, nella prima metà del Cinquecento e consisteva nello scommettere sui nomi dei cittadini candidati a cariche pubbliche. Era un gioco che prevedeva l'estrazione di cinque nomi di candidati che, su un totale di 120 possibili, sarebbero diventati Membri del Maggiore Consiglio della Repubblica. Si chiamava "giuoco del Seminario", presto ai nomi si sostituirono i numeri ed erano previsti estratti, ambi e terni. L'estrazione, con la possibilità per i vincitori di avere benefici economici significativi, avveniva due sole volte all'anno.

Verso la fine del Seicento il gioco del Lotto si diffuse a Napoli, che però del gioco è, nell'immaginario collettivo, la capitale indiscussa. Indubbiamente, tutte le derivazioni relative alle indicazioni che nel sogno arrivano a chi gioca, sono di origine partenopea.
Tutto ciò avvenne non senza danni.
“Il lotto è il largo sogno, che consola la fantasia napoletana: è l’idea fissa di quei cervelli infuocati; è la grande visione felice che appaga la gente oppressa; è la vasta allucinazione che si prende le anime. […] Il popolo napoletano non si corrompe per l’acquavite, non muore di delirium tremens; esso si corrompe e muore pel lotto. Il lotto è l’acquavite di Napoli.” (da Il ventre di Napoli, di Matilde Serao 1884). Nel 1891, ne "il paese della cuccagna", la Serao prese in esame i danni morali, sociali, economici e psicologici che il gioco del lotto aveva apportato alla società napoletana: un gioco che, con la chimera di fare arricchire in beni materiali, finisce col fare perdere tutto ciò che il poveretto di turno possiede poiché egli,sfidando la propria sorte e sperando di essere sostenuto dalla Dea Bendata, punta tutti i suoi beni in assurde scommesse.

LO SPETTACOLO
Oggi, che il gioco d'azzardo patologico rovina un numero impressionante di esistenze, con continue sollecitazioni che entrano nelle case turbando e distruggendo la vita di moltissime famiglie, il "Non ti pago" di Eduardo riporta ad un mondo nel quale l'estrazione dei numeri vincenti avveniva una sola volta la settimana... un mondo quasi idilliaco, se rapportato al nostro... un mondo in cui il banco lotto di Ferdinando Quagliolo appare come un'artigianale "fabbrica dei sogni", che ingloba la vita del protagonista,che ha ricevuto in eredità dal padre la proprietà di un banco Lotto a Napoli. Ferdinando si ostina ad inseguire la fortuna interpretando nottetempo le forme delle nuvole, appollaiato sul tetto di casa insieme al fedele e squinternato Agliatiello. Ferdinando è un insieme di testardaggine, fatalismo, ottimismo, rabbia e speranza.
Straordinariamente sfortunato, non ne azzecca una, ma ci riprova sempre. La moglie Concetta lo rimprovera di continuo e lui si accanisce sempre di più. La figlia Stella frequenta un giovane sfacciatamente fortunato, che appena chiude gli occhi viene visitato da defunti che gli consegnano numeri che puntualmente escono e per questo Ferdinando soffre di un'invidia che definisce "sete di giustizia".
Quando il giovane Mario vince una cifra esorbitante grazie a quattro numeri che gli sono stati portati in sogno dal padre di Ferdinando, tutto si complica.
"Non ti pago", dichiara il proprietario del Banco Lotto... e da lì, ricerca di giustizia umana (con l'avvocato Strummillo) e divina (con don Raffaele), tensione familiare, figlia piangente, domestica sull'orlo di una crisi di nervi, moglie alla perenne ricerca di una possibile pace, vicine di casa accusatrici, una stiratrice sognatrice a sostegno della tesi del protagonista, aiutante di casa e bottega, che cerca nel vino la soluzione a tutto o quasi, maledizioni che raggiungono il bersaglio e affliggono una desolata zia; il tutto in un crescendo paradossale che arriva a rasentare la tragedia.
Vedi il profilo di lucrezia borgia magistrale commedia
lucrezia borgia
15 Novembre 2016 - 18:15
 
interpretata magistralmente da Eduardo, Peppino, Titina DeFilippo, Paolo Stoppa, Vanna Vanni, e Giorgio DeRege (nel film del 1942) Artisti "immensi" dei quali l'Italia potrà vantarsi per sempre.
Vedi il profilo di silva cristofari venerdì e sabato al S. Anna
silva cristofari
15 Novembre 2016 - 19:02
 
Infatti. E' comunque un testo valido anche per il nostro tempo



Aggiungi il tuo commento

Prima di pubblicare un tuo commento assicurati che:

• sia in tema e contribuisca alla discussione
• non abbia contenuto razzista o sessista
• non sia offensivo, calunnioso o diffamante

La redazione si riserva di cancellare qualsiasi contenuto ingiurioso, volgare, illegale o contrario alla policy.

Commenti Se accedi o ti Registri potrai visualizzare il tuo nome e ricevere aggiornamenti quando ci saranno altri commenti



captcha
CAPTCHA: Scrivi il valore visualizzato

Iscriviti con la tua email
Verbania
04/12/2016 - Spazio Bimbi: Il Circle-time: che cos’è e perché è utile a scuola
03/12/2016 - Vega Occhiali Rosaltiora arriva Volley Parella
03/12/2016 - Sconfitta per il Verbania
03/12/2016 - Minivolley Cup 2017
03/12/2016 - Ferrari contro variazione del Piano Regolatore
Verbania - Eventi
03/12/2016 - Uno spettacolo per Omar
02/12/2016 - Concerto a Madonna di Campagna
02/12/2016 - Laboratori natalizi
02/12/2016 - Pasqualotto suona Beethoven
×
Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti