Il BLOG pubblico di Verbania: News, Notizie, eventi, curiosità, vco : Verbania : Cronaca

Prevenzione del tumore del collo dell’utero

Il test HPV meglio del Pap test. La Regione Piemonte lo adotta subito nello screening
Verbania
Prevenzione del tumore del collo dell’utero
Lo screening con test HPV permette di ridurre del 60%-70% l’incidenza dei tumori invasivi del collo dell’utero rispetto allo screening con Pap test. Lo ha dimostrato uno studio appena pubblicato sulla prestigiosa rivista scientifica mondiale The Lancet, con il titolo Efficacy of HPV-based Screening for Preventing invasive Cervical Cancer: follow-up of European randomised controlled trials. Lo studio è opera di un’équipe internazionale di ricercatori, coordinata dal torinese Guglielmo Ronco, del Centro di Riferimento per l’Epidemiologia e la Prevenzione Oncologica in Piemonte (CPO Piemonte dell'Azienda Ospedaliera Città della Salute e della Scienza di Torino), e composta da italiani, svedesi (Karolinska Institutet, Stoccolma), inglesi (London School of Hygene ed Università di Manchester) ed olandesi (Vrje Universitet, Amsterdam), .
Lo screening del tumore del collo dell’utero (screening cervicale) mira a prevenire il tumore individuando lesioni che non sono ancora cancro ma potrebbero diventarlo, provocate dal virus HPV – un’infezione peraltro comune e che generalmente non porta conseguenze. Nello screening con il Pap test (citologia), alcune cellule prelevate dal collo dell’utero vengono esaminate al microscopio. Nello screening con test HPV il materiale prelevato viene sottoposto ad analisi molecolare per rilevare l’eventuale presenza del DNA dei ceppi di HPV ad alto rischio per lo sviluppo del tumore del collo dell’utero.
Questo è il primo studio che ha valutato su larga scala l’effetto dello screening basato sul test HPV rispetto a quello basato sul Pap test nel prevenire tumori invasivi. I ricercatori hanno seguito negli anni più di 175.000 donne reclutate in quattro studi di grandi dimensioni, condotti in Italia, Paesi Bassi, Regno Unito e Svezia, che confrontavano lo screening con test HPV con lo screening con Pap test. In questo modo hanno scoperto che le invitate a fare il test HPV si sono ammalate meno di questo tumore rispetto alle invitate a fare il Pap test.
Questo studio è un tassello fondamentale che prova la superiorità dello screening con test HPV sullo screening con Pap test. “Già era stata dimostrata la maggiore capacità del test HPV, rispetto al Pap test, di individuare quelle lesioni che non sono ancora un tumore ma che potrebbero diventarlo. Oggi si è potuto verificare direttamente che questo si traduce in una riduzione dei casi di tumore” ha commentato il dottor Ronco.
Lo studio ha anche permesso di definire i metodi ottimali di screening con il test HPV (intervalli, età di utilizzo, approfondimenti per le donne positive al test) così da poter adottare strategie che evitino esami e trattamenti inutili – con il conseguente disturbo per le donne e possibili effetti indesiderati - senza ridurre i livelli di protezione. In particolare i risultati mostrano che l'aumento della protezione interessa soprattutto le donne di età compresa tra i 30 ed i 35 anni e che lo screening con test HPV ogni 5 anni mè più protettivo dello screning con Pap test ogni 3 anni.
Nel Commento all’articolo pubblicato, Sandra Isidean ed Eduardo Franco della McGill University di Montreal (Canada) hanno scritto che “È estremamente probabile che il futuro dello screening cervicale, nei Paesi sviluppati, preveda il test HPV come test primario di screening (…). Con le economie di scala che derivano dall’utilizzo del test HPV (…) e l’allungamento degli intervalli tra un test ed il successivo, lo screening risulterà essere meno costoso per il sistema sanitario, procurando al contempo una maggiore sicurezza e protezione rispetto alla citologia convenzionale”.

Dalla ricerca alla pratica

Lo studio è stato condotto all’interno dei programmi di screening organizzati tra cui, in Piemonte, quello di Torino. Ora la Regione Piemonte ha stabilito il passaggio al test HPV come test primario per il programma regionale di screening “Prevenzione Serena”. La Delibera della Giunta Regionale 21-5705 del 23/4/2013 prevede tale passaggio nell’arco dei prossimi cinque anni, per consentire al sistema di riorganizzarsi. Questo cambiamento riguarda tutte le donne residenti in Piemonte e di età compresa tra i 30 e i 64 anni. Il programma è coordinato dal CPO Piemonte della Città della Salute e della Scienza di Torino, che ha coordinato la ricerca, ed adotta le strategie di screening che lo studio ha dimostrato essere le migliori. Il programma di screening inviterà sempre meno donne a fare il Pap test e sempre più donne a fare il test HPV, fino a che tutte saranno passate al test HPV. Per ragioni di equità, si utilizzerà un criterio casuale di invito per suddividere le donne tra chi farà il test HPV subito e chi lo farà successivamente.
Il Pap test non perde completamente la sua validità. Il Pap test è uno dei test di screening che hanno avuto più successo nella storia: in molte parti del mondo, grazie al Pap test, l’incidenza e la mortalità per tumore del collo dell’utero sono crollate.
Nelle donne più giovani in età da screening (25-29 anni) il test HPV rileva molte lesioni destinate a regredire spontaneamente, con un elevato rischio di esami e trattamenti inutili. Pertanto le donne con meno di 30 anni devono continuare a fare il Pap test. Peraltro lo studio ha mostrato che già nelle donne di età tra 30 e 35 anni il test HPV è più protettivo del Pap-test.

Ufficio stampa Ao Città della Salute e della Scienza
 Fonte di questo post

Post correlati
02/12/2014 - Nuovo test HPV nel VCO



0 commenti  Aggiungi il tuo



Aggiungi il tuo commento

Prima di pubblicare un tuo commento assicurati che:

• sia in tema e contribuisca alla discussione
• non abbia contenuto razzista o sessista
• non sia offensivo, calunnioso o diffamante

La redazione si riserva di cancellare qualsiasi contenuto ingiurioso, volgare, illegale o contrario alla policy.

Commenti Se accedi o ti Registri potrai visualizzare il tuo nome e ricevere aggiornamenti quando ci saranno altri commenti



captcha
CAPTCHA: Scrivi il valore visualizzato

Iscriviti con la tua email
Verbania
23/03/2017 - "La politica sia unita sulla SS34"
23/03/2017 - Incontri eco-logici 2017
23/03/2017 - Evento BNI al Teatro Maggiore
23/03/2017 - Forza Italia su ex Tam Tam
23/03/2017 - La Via Francigena
Verbania - Cronaca
23/03/2017 - Veneto Banca: prorogata adesione Offerta di Transazione
22/03/2017 - Utenti strada statale 34 del lago Maggiore: "Non accetteremo soluzioni provvisorie"
21/03/2017 - Fondazione Tonolli borse di studio per medicina
21/03/2017 - Più di 8mila alla giornata del ricordo vittime della mafia
×
Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti