Il BLOG pubblico di Verbania: News, Notizie, eventi, curiosità, vco : Verbania : PsicoNews

PsicoNews: Cioccolato e neuropsicologia

Che il cioccolato faccia bene è risaputo, ma quanto una dieta ricca di ben due tazze di cioccolato al giorno può fare?
Verbania
PsicoNews: Cioccolato e neuropsicologia
Ormai il freddo è arrivato, il Natale si avvicina, la città si riempe di luci e io, seduta sul divano di casa, tazza fumante in mano, computer in grembo, scopro con grande piacere che due mie grandi passioni: cioccolato e contrasto al decadimento cognitivo, potrebbero essere collegate…

Armata della mia tazza di cioccolata calda fumante scopro uno studio di qualche anno fa, il 2013 per la precisione, in cui il Prof. Farzaned A. Soron provò che il consumo di cioccolata calda, per 30 giorni, due volte al giorno, ad un gruppo di ultrasessantacinquenni (sui 73 anni per la precisione), migliorerebbe quello che in neurologia si chiama accoppiamento neurovascolare (ossia il flusso sanguigno cerebrale collegato alla prestazione cognitiva).

I 60 soggetti dell’esperimento, la maggior parte ipertesi, alcuni affetti anche da diabete mellito, sono stati sottoposti a prove cognitive e di attenzione visiva, alcuni di essi anche a Risonanza magnetica funzionale.

Dopo la fase di sperimentazione, ossia il duro sacrificio di consumare cioccolata calda due volte al giorno per 30 giorni (solo la cioccolata fornita per l’esperimento però, per evitare effetti differenti), i soggetti patologici hanno ottenuto migliori prestazioni cognitive e velocità di esecuzione, nei soggetti già sani il risultato restava identico.

I ricercatori hanno comunque sottolineato che questi risultati sono stati ottenuti su un ristretto campione di riferimento, affetto da patologie, potrebbero non rilevare gli stessi risultati su un campione di soggetti non patologici.
Non so a voi, ma a me è venuta voglia di altra cioccolata.
Buona settimana

Mara Rongo
Fonte:
“Neurovascular coupling, cerebral white matter integrity, and response to cocoa in older people”, Farzaneh A. Sorond, Shelley Hurwitz, David H. Salat, et al.Neurology 2013;81;904-909



0 commenti  Aggiungi il tuo



Aggiungi il tuo commento

Prima di pubblicare un tuo commento assicurati che:

• sia in tema e contribuisca alla discussione
• non abbia contenuto razzista o sessista
• non sia offensivo, calunnioso o diffamante

La redazione si riserva di cancellare qualsiasi contenuto ingiurioso, volgare, illegale o contrario alla policy.

Commenti Se accedi o ti Registri potrai visualizzare il tuo nome e ricevere aggiornamenti quando ci saranno altri commenti



captcha
CAPTCHA: Scrivi il valore visualizzato

Iscriviti con la tua email
Verbania
22/08/2017 - Denuncia per rissa
22/08/2017 - Cambia il calendario raccolta rifiuti
22/08/2017 - "L'azzardo del giocoliere"
22/08/2017 - Il Muller a Cena con gli Alpini di Suna
22/08/2017 - Offerte di lavoro del 22/08/2017
Verbania - PsicoNews
16/08/2017 - PsicoNews: Giochi da spiaggia (3° parte)
09/08/2017 - PsicoNews: Giochi da spiaggia 2017 (II parte)
02/08/2017 - PsicoNews: “Giochi da Spiaggia” 2017
26/07/2017 - PsicoNews: Una generazione di nonnoni
19/07/2017 - PsicoNews: Psicologia dell’anziano malato
×
Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti