Il BLOG pubblico di Verbania: News, Notizie, eventi, curiosità, vco : Verbania : VerbaniaBau

VerbaniaBau: Dialoghiamo: esperienze di comunicazione non verbale in Canile

Claudio ed io arriviamo nei box di Drop e Gilda, ci salutiamo, ci raccontiamo, ci vestiamo per l’uscita: il momento dell’incontro è carico di stati interni inizialmente emotivi (eccitazione, fretta, agitazione, movimenti sconnessi) che impattano su una buona comunicazione e sull’ascolto.
Verbania
VerbaniaBau: Dialoghiamo: esperienze di comunicazione non verbale in Canile
Con la calma, la lentezza, la flessibilità, il silenzio tendiamo a slittare verso stati interni emozionali: diamo spazio e prendiamo distanze, spezziamo portando attenzione su altro, raccogliamo informazioni dai sensi, incuriosiamo e ci lasciamo incuriosire, interrompiamo movimenti, cambiamo posture.

Insieme raggiungiamo il primo pratone: l’erba sta ricrescendo, sollevata dal vento e dal sole. Come per provare quel nuovo abito Gilda scuote la testa, allunga il collo e si rotola sorridente (postura in avanti di curiosità in una cornice dinamica fluida).

Drop si immobilizza, il naso verso il cielo, attende, e quando Gilda si scrolla alzandosi, lui si avvicina, il collo inclinato allo stesso angolo, e si rotola là dove lei si è rotolata (comunicare a distanza lasciando spazio-tempo).

Proseguiamo verso il ruscello, ognuno di noi incuriosito alle comunicazioni dell’altro, in ascolto degli stati interni e del contesto, connessi da una attenzione condivisa (disponibilità all’ascolto).
Mastichiamo foglie ed erbe, raspiamo la terra, ci incuriosiamo dei bianchi piumini volteggianti nell’aria, ci lasciamo ispirare da un silenzio di suoni quasi impercettibili, di foglie calpestate da zampe e scarponi, motori di auto lontane, il rombo di un aereo che riecheggia (silenzio comunicativo).

La luce che attraversa il bosco assume una sfumatura trasparente, al contrario del ruscello che lì, al confine del campo, è torbido, fangoso (esperienze percettive).
Gilda ci sguazza, trasportata da un istinto primitivo, e ne esce a chiazze variopinte, il mantello contaminato da fango nero, marrone, bruno rossastro (comunicazione dinamica di gioco).

Drop l’osserva, oserei dire meditabondo, mentre si costruisce una sua propria mappa cognitiva.
Sceglie di attraversare le acque sulle zolle di terra che affiorano, su quelle zolle dove sta crescendo l’erba nuova: lui non ama essere invaso dal fango (cinetica lenta e funzionale alla scelta).

Gilda ed io giriamo a destra, cerchiamo la sorgente del ruscello: attraversiamo lo stradone, ci infiliamo fra le robinie per trovare l’acqua limpida e, tutte prese dalla nostra esplorazione, ci lasciamo alle spalle, perdendoli di vista, Drop e Claudio (stati interni affiliativi, reciprocità animale).

Un tuffo, una piroetta nell’erba, un tuffo, piroettiamo insieme nell’erba, un gioco, il nostro gioco … poi lo sguardo volto all’indietro di Gilda, lo sguardo a distanza, lo sguardo consapevole diretto a me, un ponte di sguardi: mi fissa guardando lontano, cercando con gli occhi … è una domanda che cerca una risposta, “Dove sono Drop e Claudio?” (comunicazione gestuale e mimica facciale).

Non so fischiare, fischio mentre torniamo indietro sui nostri passi e riattraversiamo lo stradone, fischio stupita di fischiare, Gilda che avanza annusando l’aria verso Drop, in attesa con Claudio, con lui nascosto dagli arbusti: sembra dire “Vi ho perse di vista, non potevo fare altro che aspettarvi qui!”(comunicazione olfattiva, comunicazione vocale).

Ed è così che alla fine ci contaminiamo tutti in quel ruscello, in una esperienza senza tempo, in una coscienza risvegliata, nella curiosità reciproca, strofinandoci fra fango ed erbe, cantando una polverosa filastrocca, nella consapevolezza di essere gioiosamente insieme.

Dott.ssa Francesca Paleari



4 commenti  Aggiungi il tuo

Vedi il profilo di maria grazia reami commento al testo
maria grazia reami
1 Febbraio 2017 - 09:55
 
Straordinario nell'analisi. Bellissimo nella forma.
Adesso mi attendo i commenti sprezzanti, come se il cuore di chi ama, studia, comprende, valorizza gli animali non avesse più spazio per il suo prossimo. Come se l'intelligenza di chi sa fare tutte queste cose non potesse che limitarle alla sfera degli animali e non per esempio volgerle anche ai bambini. A onor del vero ho sempre constatato il contrario. Una volta ho scritto un breve commento inorridito su una bambina che rideva volgarmente, sgangheratamente di un grosso pesce che lentamente soffocava sul fondo barca del papà contorcendosi con le ultime forze. Dicevo che per quella piccolina era un allenamento a un futuro sadismo. Sono stata travolta dagli insulti più biechi, additata come allegoria delI'invidia della felicità altrui, sorella maggiore della strega di Pollicino. Non so che altro, perché dopo un po' smesso di aggiornarmi.
Mi spiace solo che non si possa apprezzare una cosa bella senza scatenare un delirio di disapprovazione. D'altra parte insegnavo ai ragazzi l'importanza di rispettare la libertà altrui di poter dire quello che vuole, anche se quello che dice è scemissimo.
Vedi il profilo di Max Lavecchia Arie fritte
Max Lavecchia
1 Febbraio 2017 - 13:07
 
Certo, un testo da mettere per contenuto di valori sulla mensola assieme a "Se questo è un uomo", "La tregua", "Il sergente nella neve" e magari " Per chi suona la campana", firmato poi con finta modestia da una dottoressa....
Vedi il profilo di robi amore per gli animali?
robi
1 Febbraio 2017 - 15:58
 
Sinceramente non ho commenti sprezzanti da fare. A me non piacciono tutti gli animali e neppure tutte le persone. Dipende. Preferisco i gatti di gran lunga ai cani. Ma onestamente questa umanizzazione degli animali la trovo fuori luogo.
Vedi il profilo di Giovanni% Aria fritta e rifritta
Giovanni%
1 Febbraio 2017 - 16:11
 
Anche chi ama gli animali converrà ancora di più che i contenuti di quest'artcolo è solo aria fritta.

Eppure la scorsa settimana si era invertita positivamente la tendenza inserendo finalmente alcune "contenuti" riguardanti la postura e le ripsote comportamentali del cane.



Per commentare occorre essere un utente iscritto
Iscriviti con la tua email
Verbania
20/11/2017 - Lo stambecco alpino e i cambiamenti climatici
20/11/2017 - Metti una sera al cinema - Paterson
20/11/2017 - Vega Occhiali Rosaltiora sesta vittoria
20/11/2017 - LegalNews: Utenze luce, gas e acqua: l’introduzione della nuova procedura decisoria
19/11/2017 - Una Paffoni Fulgor Basket da record
Verbania - VerbaniaBau
21/03/2017 - VerbaniaBau: Conclusioni
14/03/2017 - VerbaniaBau: Il cane in casa: il cane anziano
07/03/2017 - VerbaniaBau: Apprendimento socio-cognitivo: apprendere dall’Altro#2
28/02/2017 - VerbaniaBau: Apprendimento socio-cognitivo: apprendere dall’Altro
21/02/2017 - VerbaniaBau: Il Canile cognitivo
×
Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti