Il BLOG pubblico di Verbania: News, Notizie, eventi, curiosità, vco : Fuori Provincia : Cronaca

Poste riduce i servizi di consegna, UNCEM dice NO

In una riunione convocata a Roma al Ministero delle Autonomie e degli Affari regionali, Poste Italiane ha comunicato alle Associazioni degli Enti locali di voler procedere con il piano di riduzione della consegna della corrispondenza, rendendola a giorni alterni in ulteriori 2.632 Comuni italiani che si sommano così 2.632 che hanno già subito la razionalizzazione nel corso del 2015 e del 2016. Di seguito il comunicato di UNCEM Piemonte.
Fuori Provincia
Poste riduce i servizi di consegna, UNCEM dice NO
Uncem ritiene "inaccettabile e molto dannosa" la decisione di Poste, sollecitando il Ministero, con il Ministro Enrico Costa, a far rispettare la risoluzione del Parlamento europeo che impone la consegna per cinque giorni settimanali. Uncem ha anche evidenziato come, visti gli utili di Poste di 565 milioni di euro nel primo semestre 2016, non siano giustificati i tagli ulteriori di servizi.

"Poste con la distribuzione a giorni alterni riduce i servizi, taglia un diritto di cittadinanza, va in contrasto con quanto chiede l'Europa ai gestori del servizio universale - commentano Marco Bussone e Paola Vercellotti, vicepresidenti Uncem Piemonte - Altri 2.632 sindaci si troveranno a dover spiegare ai cittadini che lo Stato sta riducendo la presenza sui territori. Non possiamo accettarlo. Bene hanno fatto molti Parlamentari piemontesi, dopo le molte sollecitazioni di Uncem, a chiedere chiarimenti al Governo, visto che l'azienda è ancora controllata dallo Stato".

Uncem, al tavolo nazionale, ha chiesto che venga data immediata concretezza al protocollo di intesa già esaminato dalla Regione Piemonte che prevede, tra le altre cose, l'attivazione di Postamat per prelievi e versamenti, nuovi servizi negli sportelli, la tesoreria per Comuni e Unioni. "È però sconcertante - proseguono i vicepresidenti Uncem - che Poste non si stia preoccupando della consegna dei quotidiani e dei settimanali nei piccoli Comuni e nelle aree interne.

Rispetto ai nuovi servizi, è almeno dieci anni che Uncem sollecita l'azienda a individuare aree e Comuni pilota. Agli impegni verbali, non sono seguite azioni formali e niente si è concretizzato. Il dialogo e il confronto non sono sufficienti. Serve un'operatività diversa e soprattutto un maggiore rispetto degli Enti locali che non devono essere costretti a subire piani di riordino e ristrutturazioni dei servizi che compromettono i servizi nelle crisi aree interne e nei piccoli Comuni".



0 commenti  Aggiungi il tuo



Per commentare occorre essere un utente iscritto
Iscriviti con la tua email
Fuori Provincia
23/01/2017 - Paffoni ottava vittoria consecutiva
23/01/2017 - Abruzzo: prosegue il lavoro dei ticinesi - VIDEO
23/01/2017 - Altea Altiora sconfitta a Cuorgnè
22/01/2017 - Verbania pareggia a Casale
22/01/2017 - Abruzzo: i soccorsi in azione dal Canton Ticino - VIDEO
Fuori Provincia - Cronaca
21/01/2017 - Brucia appartamento due le vittime
07/01/2017 - Lago d'Orta: sperimentazione servizio pubblico invernale
04/01/2017 - Premio per le migliori tesi di laurea sulla montagna
×
Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti