Il BLOG pubblico di Verbania: News, Notizie, eventi, curiosità, vco : Verbania : Politica

Parachini: il Museo resti una fondazione

Riceviamo e pubblichiamo, una lettera aperta di marco Parachini, inviata al Commissario Straordinario Michele Mazza, dove chiede, che il Museo resti una Fondazione e non diventi un'Associazione; che il Comune di Verbania continui a esserne protagonista.
Verbania
Parachini: il Museo resti una fondazione
Apprendo in queste ore che il Consiglio del Museo del Paesaggio ha approvato, all'unanimità, il nuovo Statuto dell'Ente.

Se per un verso non posso che compiacermi della ritrovata concordia all'interno di un ente che si è caratterizzato negli ultimi anni per un alto livello di conflittualità interna, dall'altro non riesco a gioire per il testo statutario licenziato dal Consiglio.

Come avrà potuto notare, la natura giuridica del Museo era assolutamente incerta: un Ente morale, cui partecipavano tre categorie di soci, ma dove, alla fine, l'ultima parola spettava al Comune di Verbania.

D'ora innanzi, sulla base del nuovo Statuto, non sarà più così: il Museo sarà una semplice associazione, amministrata da cinque consiglieri, dei quali solo due indicati dal Comune.

Converrà anche Lei che l'associazione privata sia la forma giuridica meno idonea alla gestione di un patrimonio artistico che è bene comune dell'intera collettività verbanese, senza peraltro apportare alcun vantaggio gestionale.

Da tempo vado sostenendo - ma con me altri, anche di diversa parte politica - che la naturale evoluzione dell'idea che Antonio Massara aveva del suo, e nostro, Museo sia quella di una sua trasformazione in una Fondazione di Partecipazione.

Per la verità non si sarebbe trattato neppure di una trasformazione: il Museo di Massara era già una Fondazione di Partecipazione ante litteram. L'aver previsto degli Enti fondatori ed aver loro affiancato gli "Amici del Museo", in una sorta di "azionariato diffuso", non era già un preconizzare la Fondazione di Partecipazione?

Ho avuto modo di esprimere ad alcuni componenti il Consiglio del Museo queste mie idee. Mi è stato risposto che era una "bella suggestione" da rimandare ad un futuro prossimo, quando si rimetterà mano allo Statuto.

Certo: per molti Consiglieri questo è solo uno statuto-ponte.

Ma non sarà così!

Senza scomodare la facile battuta sulla provvisorietà all'italiana, non credo che il Comune di Verbania possa domani, stante la normativa sul contenimento della spesa pubblica, partecipare ad una nuova Fondazione di Partecipazione.

Il passaggio ad Associazione non sarà un semplice iato, ma una irriducibile cesura: ciò che oggi sarebbe ancora possibile, dopo non lo sarà più.

Il fatto che il Museo diventi in questo modo "terzo" rispetto al Comune di Verbania farà inevitabilmente emergere alcune criticità, ora latenti, che da sempre hanno caratterizzato i rapporti tra i due Enti.

A più riprese il Comune di Verbania, e prima di esso i Comuni di Intra e Pallaza, ha apportato al Museo beni del proprio patrimonio (solo a titolo di esempio: il recente deposito di lastre fotografiche, lo scorporo della Sala Storica Intrese ecc..). Finché il Museo era una sorta di appendice del Comune, non sussistevano problemi, ma adesso?

Il Comune di Verbania concede in comodato al Museo del Paesaggio palazzo Viani Dugnani e palazzo Biumi Innocenti (quest'ultimo anche riscaldato). Vale lo stesso ragionamento per i conferimenti artistici; aggravato dal fatto che il Comune di Verbania richiede la corresponsione di un canone locativo a tutte le associazioni, comprese quelle di pubblica assistenza, che utilizzano immobili comunali. Come farà con il Museo?

Mi voglia perdonare, signor Commissario Straordinario, se mi sono dilungato oltremodo, ma Lei detiene l'unica possibilità che questa Città ha per salvare il suo Museo: non ratifichi lo svilimento di un Ente in un'Associazione.



2 commenti  Aggiungi il tuo

Vedi il profilo di renato brignone D'accordissimo
renato brignone
10 Dicembre 2013 - 10:02
 
Caro Marco hai totalmente ragione, peccato che di questo commissario , dopo un iniziale vana speranza, nutro la stessa stima che potrei avere per Don Abbondio, e con lui per chi ha creato le condizione affinché si insediasse questo burocrate costoso e sostanzialmente disinteressato al bene collettivo. Spero almeno abbia la decenza (se é possibile) , di lasciare una decisione così importante e delicata alla prossima amministrazione.
Vedi il profilo di Francioli Giovanni Museo
Francioli Giovanni
20 Gennaio 2014 - 23:38
 
Sono d'accordo con Marco e Renato speriamo non succeda.



Aggiungi il tuo commento

Prima di pubblicare un tuo commento assicurati che:

• sia in tema e contribuisca alla discussione
• non abbia contenuto razzista o sessista
• non sia offensivo, calunnioso o diffamante

La redazione si riserva di cancellare qualsiasi contenuto ingiurioso, volgare, illegale o contrario alla policy.

Commenti Se accedi o ti Registri potrai visualizzare il tuo nome e ricevere aggiornamenti quando ci saranno altri commenti



captcha
CAPTCHA: Scrivi il valore visualizzato

Iscriviti con la tua email
Verbania
22/01/2017 - Spazio Bimbi: Scuola: Aperte le iscrizioni per l' A.S. 2017/2018
21/01/2017 - Vega Occhiali Rosaltiora ospita Romentino
21/01/2017 - Emergenza Abruzzo: soccorsi da Piemonte e Canton Ticino
21/01/2017 - Laboratori artistici per famiglie - Museo del Paesaggio
21/01/2017 - “Avviso Pubblico": PD pro, Lega contro
Verbania - Politica
21/01/2017 - Con Silvia per Verbania su Beata Giovannina e dintorni
20/01/2017 - Verbania sostiene il portale europeo casarinnovabile.it
18/01/2017 - Costa su revoca finanziamenti Fondazione Cariplo
18/01/2017 - "Cittadini con Voi" e "Sinistra & Ambiente" fanno il punto
×
Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti