Il BLOG pubblico di Verbania: News, Notizie, eventi, curiosità, vco : Verbania : Politica

Marchionini su Fusione Acque Nord

Riceviamo e pubblichiamo, un comunicato di Silvia Marchionini sulla fusione di Acque Nord in Acqua Novara Vco.
Verbania
Marchionini su Fusione Acque Nord
Acque Nord: meno poltrone e più investimenti per i cittadini del Verbano

La fusione di Acque Nord in Acqua Novara Vco è prevista nell’Accordo di Programma del 22/12/2006, sottoscritto da 137 Comuni delle province di Novara e del Vco, al fine di costituire il “Gestore Unico d’Ambito”, ovvero una società pubblica per gestire in modo efficiente il servizio idrico integrato nei comuni aderenti.
La fusione è stata definita dal CdA di Acqua NovaraVco il 30/04/2010 e quindi approvato dall’Assemblea dei soci il 04/05/2010. Il programma aziendale risponde ai dubbi avanzati dalle organizzazioni sindacali nella scorsa settimana prevedendo:

1. La salvaguardia di tutti i posti di lavoro;
2. L’ottimizzazione della gestione tramite l’eliminazione di doppioni e l’internalizzazione di attività attualmente affidate in esterno (consulenze, manutenzioni, ecc.);
3. Il mantenimento delle sedi operative di Verbania, Gravellona Toce e Pieve Vergonte
I bilanci 2010-2012 e pre-consuntivi 2013 dimostrano che il processo di concentrazione societario avvenuto nell’ATO n.1 ha prodotto realmente le “economie di scala”: i costi di gestione si sono ridotti di oltre 2 milioni di euro. Per contro, Acque Nord ha registrato, nello stesso periodo, un incremento dei costi di gestione di oltre 1 milione di euro.

Con le tariffe attuali Acque Nord potrebbe effettuare, in proprio, lavori per circa 500.000€/anno. Acqua NovaraVco, dal 2008 ad oggi, ha investito nel Verbano il quintuplo: oltre 15 milioni di euro.

SENZA LA FUSIONE CHE COSA ACCADREBBE?

Acqua Novara-Vco dovrebbe cedere ad Acque Nord le opere sin qui realizzate, per pagare le quali e per poter realizzare gli investimenti che servono al territorio, dovrebbe richiedere incrementi tariffari, ovvero, costi insostenibili per i Comuni, Verbania in testa, e i cittadini.

La maggioranza dei sindaci soci di Acque Nord è favorevole alla fusione (la votazione del 24/10/2013, è stata ratificata il 5 dicembre dall'assemblea novarese) in quanto finalizzata alla nascita di un attore forte nel settore idrico regionale che consentirà di traghettare Acque Nord da una gestione di tipo politico ad una prettamente industriale. L’attuale presidente di Acque Nord, nel dichiararsi contrario adducendo una “fumosa” tutela del territorio, intende in realtà difendere molto concreti interessi personali. Sotto la sua direzione, nella doppia veste di presidente sia di Acque Novara Vco e Acque Nord, i costi della società sono inspiegabilmente aumentati dal 2010 ad oggi di oltre un milione di euro, che i cittadini hanno pagato attraverso un ingiustificato aumento delle tariffe.

Con la fusione, si può avviare un percorso virtuoso che non solo permetterà di consolidare, come già avvenuto in altre realtà, le economie di scala fin qui raggiunte, ma si potranno anche eliminare gli sprechi. Questo significa creare le condizioni affinché Verbania possa riconquistare la sua, legittima e necessaria, funzione sovracomunale che le compete, nella definizione delle linee strategiche e degli investimenti per il futuro.

Le notizie diffuse nei giorni scorsi sulla chiusura delle sedi operative del Vco ed il trasferimento del personale a Novara e Borgomanero, sono quindi prive di fondamento. Appaiono invece, come un meschino tentativo di fare del terrorismo psicologico, per coinvolgere i dipendenti della Società, nella sua lotta personale. Va detto chiaramente, invece, che questa fusione consentirà di potenziare le attuali sedi e di promuovere, come la storia dei servizi pubblici verbanesi (Spv) dimostra, la politica del merito, liberando il campo da personaggi di scarso spessore professionale nominati solo in virtù di un'appartenenza politica.

Silvia Marchionini
Per Verbania protagonista



2 commenti  Aggiungi il tuo

Vedi il profilo di Roberto vantaggi per il cittadino
Roberto
31 Dicembre 2013 - 10:46
 
Finalmente una prospettiva nella direzione di diminuire i costi di gestione a vantaggio dei cittadini e nel contempo una minor spesa per mantenere gli amici della partitocrazia che pretendono posti di lavoro inutili,ma ben pagati.
Vedi il profilo di lupusinfabula aumento costi acqua
lupusinfabula
2 Gennaio 2014 - 16:00
 
Di grazia, si può sapere:
1) Chi è il bi-presidente delle 2 società d'acqua quasi omonime?
2) Qual'è la sua appartenenza politica?
3) Quali sono le sue specifiche competenze in materia di acque per essere stato collocato su entrambe le sedie?
4) a quanto ammontava (ammonta? ) il suo bi-compenso annuale?
5) Per quanti anni gli è stato corrisposto il compenso?
6) In questi medesimi anni ha occupato in contemporanea altre cadreghe?
Grazie a chi vorrà illustrarmi quanto sopra.



Aggiungi il tuo commento

Prima di pubblicare un tuo commento assicurati che:

• sia in tema e contribuisca alla discussione
• non abbia contenuto razzista o sessista
• non sia offensivo, calunnioso o diffamante

La redazione si riserva di cancellare qualsiasi contenuto ingiurioso, volgare, illegale o contrario alla policy.

Commenti Se accedi o ti Registri potrai visualizzare il tuo nome e ricevere aggiornamenti quando ci saranno altri commenti



captcha
CAPTCHA: Scrivi il valore visualizzato

Iscriviti con la tua email
Verbania
20/09/2017 - Consiglio di Quartiere Verbania - Intra
20/09/2017 - PsicoNews: Giornata mondiale dell’Alzheimer 2017
19/09/2017 - Riprende l'Attività Università del Ben Essere
19/09/2017 - Consiglio Provinciale
19/09/2017 - Offerte di lavoro del 19/09/2017
Verbania - Politica
18/09/2017 - La Provincia per il Territorio: Province, si alle dimissioni
18/09/2017 - Albertella e Porini: Province, dimissioni di massa
18/09/2017 - Minoranze: il Presidente difenda il Consiglio Comunale
×
Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti